LAVORATORI STAGIONALI. NASPI, FISASCAT: “RENDERE STRUTTURALE  L’INTERVENTO DI SOSTEGNO AL REDDITO PER I 300 MILA LAVORATORI STAGIONALI DEL COMPARTO TURISTICO E TERMALE”.

LAVORATORI STAGIONALI. NASPI, FISASCAT: “RENDERE STRUTTURALE L’INTERVENTO DI SOSTEGNO AL REDDITO PER I 300 MILA LAVORATORI STAGIONALI DEL COMPARTO TURISTICO E TERMALE”. In evidenza

Nel giorno dell’entrata in vigore del Dlgs.148 riguardante le “Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n° 183”, la Fisascat, la federazione del terziario, turismo e servizi della Cisl, rilancia sulla necessità di rendere strutturale l’intervento Naspi per i 300 mila lavoratori stagionali dei comparti produttivi e degli stabilimenti termali, così come indicato nel comma 4 dell’art. 43 della normativa che di fatto salvaguarda la durata ed il valore del trattamento di integrazione salariale limitatamente all’anno 2015.

La categoria del terziario turismo e servizi della Cisl aveva sollecitato a più riprese - anche in occasione dello sciopero a sostegno del completamento dei rinnovi contrattuali nel comparto turistico e della grande mobilitazione organizzata a Taormina il 15 aprile scorso - il correttivo della normativa sulla Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego in vigore dal 1° maggio 2015 e che nella versione originale presentata dal Governo, avrebbe penalizzato i lavoratori stagionali del comparto turistico e degli stabilimenti termali, dimezzando la durata ed il valore del sussidio.

“A giugno scorso abbiamo accolto positivamente la rivisitazione della normativa per l’anno in corso, il Governo ha preso coscienza di una contraddizione legislativa che avrebbe penalizzato i lavoratori stagionali di interi settori della nostra economia, primo fra tutti il turismo  - ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Pierangelo Raineri – Ora però al Governo chiediamo di fare uno sforzo in più  per rendere strutturale l’intervento di sostegno al reddito anche per gli anni futuri”.  “Il lavoro stagionale nel turismo, comparto pilastro del nostro Pil – ha sottolineato Raineri -  è un fenomeno strutturale e pertanto necessita di una soluzione strutturale anche negli anni a venire, non solo per l’anno in corso”.

L’auspicio della Fisascat è dunque quello del superamento definitivo della riduzione del 50% della durata e del valore sussidio Naspi con l'effettiva corrispondenza, ai fini del calcolo della prestazione, delle settimane di lavoro prestato. La categoria cislina evidenzia infine anche le criticità previdenziali connesse all'applicazione della Naspi. “Proprio mentre è aperta la discussione sulla riforma previdenziale - ha suggerito Raineri – sarebbe utile che il Governo contempli nuove misure finalizzate a garantire la copertura pensionistica a quei lavoratori che, in mancanza di un intervento, verrebbero automaticamente esclusi dall’accesso al trattamento, pur contribuendo al sistema previdenziale nei periodi di lavoro”.  “Ed è per questo che la Fisascat chiede che ad ogni settimana di lavoro corrisponda il riconoscimento di una settimana di integrazione salariale e di contribuzione previdenziale  – ha concluso Raineri – altrimenti il rischio reale è che i lavoratori stagionali di un comparto strategico della nostra economia, non raggiungeranno mai i requisiti per l’accesso alla pensione”.

Pancrazio Di Leo, segretario regionale della Fisascat Cisl Sicilia  afferma: “Una boccata di ossigeno per tutti i lavoratori stagionali del settore del turismo in una battaglia partita da Messina e Taormina. Ma non basta, è necessaria una giusta rivisitazione normativa complessiva per gli addetti del settore coinvolti più volte richiesta dalla Fisascat e dalla Cisl a tutti i livelli. Questa – continua Pancrazio Di Leo – è solo una sospensione, abbiamo guadagnato un paio di mesi ma il problema permane per gli anni avvenire adesso il Governo dovrebbe intervenire nei confronti delle aziende alberghiere per proporre soluzioni e incentivi che possano allungare la stagionalità delle aperture e garantire maggiore lavoro per tutti. Come Fisascat siamo sempre convinti che una stagionalità lunga di almeno otto mesi sia possibile in alcuni territori. Agli imprenditori – afferma – chiediamo di avere coraggio nell’investire sulla stagionalità lunga. In mancanza di lavoro è giusto consentire ai lavoratori di percepire un indennità equa per poter sopravvivere con le proprie famiglie e avere almeno diritto ad un misero pasto giornaliero per non morire di fame nel periodo non lavorativo, e quindi opportuno, conclude,  ripristinare per gli anni avvenire l’indennità Naspi prevista dalla riforma Fornero se non si trovano altre soluzioni.”

000
Letto 5034 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA, ISOLE EOLIE E COMPRENSORIO IONICO E TIRRENICO. FISASCAT CISL PROCLAMA LO STATO DI AGITAZIONE DEI LAVORATORI DEL TURISMO COMMERCIO E SERVIZI

    Per i lavoratori stagionali a Taormina, nel comprensorio ionico e tirrenico comprese le isole Eolie si prospetta un inverno da incubo. Sino ad oggi non c’è stata nessuna apertura da parte del Governo nazionale sul ripristino dell’indennità di disoccupazione ASPI (Legge Fornero) per i lavoratori del Turismo, Terziario e Servizi in sostituzione della Naspi.

    La Fisascat Cisl Messina chiede un intervento strutturale per aumentare la stagione e dare continuità al lavoro. «Non possiamo accettare riforme che mortificano la dignità dei lavoratori e li privano persino dell’indennità di disoccupazione nei mesi invernali, riducendola ai minimi storici».

    In vista dell’imminente iter parlamentare del “Decreto Dignità”, il sindacato chiede il reinserimento della copertura finanziaria per i lavoratori stagionali, volte a coprire i periodi di inattività involontaria in assenza di lavoro. A preoccupare anche il possibile ripristino dei voucher, strumento abusato in passato da molte aziende per coprire lavoro precario o sommerso.

    «La stagionalità nel turismo – evidenziano i rappresentanti della Fisascat – non può essere gestita con i voucher ma deve fare riferimento agli istituti dedicati già presenti nella contrattazione nazionale del settore che disciplina, tra gli altri, anche il trattamento economico del lavoro extra e di surroga. Si ragioni, piuttosto, su come favorire l’allungamento dei rapporti di lavoro nel settore del turismo, tra quelli esclusi dai trattamenti ordinari di sostegno al reddito, e su un eventuale riforma della Naspi più favorevole alla stagionalità».

    In provincia di Messina, si deve costruire un turismo su 12 mesi. A Taormina, per esempio, con la disponibilità del Palazzo dei Congressi si possono pianificare iniziative nei mesi di bassa stagione. «La volontà della proprietà del San Domenico di voler trasformare l’attività ricettiva come stagionale – aggiunge Pancrazio Di Leo, segretario generale aggiunto Fisascat Cisl Sicilia –, richiama una questione molto seria che è quella della Naspi. Nel comprensorio di Taormina, della zona ionica e tirrenica e delle Isole Eolie sono oltre 20 mila le persone che lavorano in attività alberghiere, commerciali e dei servizi e che devono da fare i conti con l’attuale normativa della Naspi, penalizzati perché hanno diritto ad una indennità solo del 50% del periodo lavorato. A quel punto i lavoratori stessi, da gennaio in poi, rischiano di ritrovarsi senza un impiego, senza un euro e col rischio di non trovare una immediata ricollocazione”.

    «Come come immaginato oggi il decreto dignità – aggiunge il segretario generale della Fisascat Cisl Messina Salvatore D’Agostino – non prevede, per i dipendenti stagionali, l’inserimento dell’aliquota aggiuntiva Naspi dell’1,40% finalizzata a coprire l’indennità di disoccupazione a carico delle aziende e, in assenza di fondi, la renderebbe a rischio».

  • TAORMINA. AL VIA L’ OPERAZIONE DECORO DEL CENTRO STORICO DELLA CITTÀ. MAI PIU’ SPETTACOLI IN PIAZZA IX APRILE

    Con una nota inviata ai responsabili di area,  al Comandante della Polizia Municipale e per conoscenza alla Segretaria Generale, il primo cittadino Mario Bolognari da ufficialmente il via all’  operazione decoro del centro storico.

    “Il Centro Storico della Città di Taormina, evidenzia Bolognari,  è tra le fonti principali dell’economia locale, punto di attrazione dei turisti, luogo simbolico della storia antica e moderna del nostro comune. Per questo motivo l’Amministrazione che rappresento intende dare una fisionomia ordinata e un aspetto decoroso a questa porzione del territorio. Il principio ispiratore di questa scelta riguarda sia la bellezza e il pregio delle architetture e dei segni storici in essa contenuti, sia la tutela degli interessi di chi investe economicamente su di essa per realizzare occupazione e reddito. Con questo principio ispiratore, però, prosegue il primo cittadino, entrano in conflitto alcune presenze che non possono più essere tollerate.”

    Il riferimento è ai venditori ambulanti, cantanti, suonatori e ballerini, questuanti ed altre forme di attività non compatibili con i luoghi. Presenze tra l’altro, che non sempre si conciliano con le esigenze della sicurezza, in un contesto caotico e sovrappopolato di per sé.

    “Ogni impedimento, barriera, ostacolo, prosegue Bolognari, costituisce un pericolo che va preventivamente evitato. Altrettanto da vietare è la organizzazione di eventi di spettacolo, come sfilate di auto e motocicli, danza, moda e canto in piazza IX Aprile e lungo il Corso Umberto, così come abbiamo concordato con la Polizia locale. L’ultimo evento autorizzato del prossimo 8 luglio deve intendersi, appunto, come l’ultimo. L’indirizzo che con questa nota intendo dare a tutte le strutture comunali è chiaro e inderogabile. Il rilascio di ulteriori autorizzazioni, comunque motivate, non sarà tollerato.”

    Una presa di posizione forte che rappresenta un punto di svolta senza precedenti.

    Come se non bastasse Bolognari ha deciso di  avviare, nelle forme previste dalla legge, la procedura per la revoca delle autorizzazioni già rilasciate per questa stagione estiva.

    “Confido, ha concluso Bolognari, nella piena e incondizionata collaborazione per il raggiungimento di un ambizioso obiettivo, quello di rendere elegante e vivibile il Centro Storico di Taormina.”

    L’amministrazione comunale si dice comunque pronta ad accogliere eventuali suggerimenti che perverranno per una migliore interpretazione dell’attuale momento di riordino della vita cittadina.

  • TAORMINA, CISL E FISASCAT CISL SI CONGRATULANO COL NUOVO SINDACO MARIO BOLOGNARI: «RISPETTI GLI IMPEGNI PRESI IN CAMPAGNA ELETTORALE RILANCIANDO UN TURISMO SOSTENIBILE CHE CREI NUOVO E STABILE LAVORO»

    Congratulazioni e auguri di proficuo lavoro al neo sindaco di Taormina, Mario Bolognari, arrivano dal segretario generale della Cisl Messina Tonino Genovese, dal segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl Pancrazio Di Leo e dal segretario provinciale della Fisascat Cisl, Salvatore D’Agostino.

    In una nota inviata al sindaco Bolognari, i rappresentanti della Cisl hanno auspicato il rispetto degli impegni presi durante la campagna elettorale quando in risposta alla lettera aperta di Cisl e Fisascat il neo primo cittadino ha messo tra le priorità «un turismo sostenibile che costruisce benessere per le imprese e per i lavoratori dipendenti».

    Tonino Genovese, Pancrazio Di Leo e Salvatore D’Agostino si faranno promotori delle istanze dei lavoratori e delle classi più deboli della popolazione nel corso del primo incontro con le organizzazioni sindacali che il sindaco Bolognari si è impegnato a convocare per analizzare le crisi aperte sul territorio taorminese e trovare le corrette soluzioni anche per creare nuovo lavoro.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI