TAORMINA. CONTROLLI DEL TERRITORIO: 4 ARRESTI DA PARTE DEI CARABINIERI.

TAORMINA. CONTROLLI DEL TERRITORIO: 4 ARRESTI DA PARTE DEI CARABINIERI. In evidenza

Nel mattina del 24 Febbraio, i militari della Stazione di Francavilla di Sicilia, durante un servizio di controllo del territorio, hanno notato un uomo  di 54 anni, gravato da precedenti per reati in materia di stupefacenti e ricettazione, che stava scontando la sua pena ai domiciliari ben lontano dalla sua abitazione in orari non autorizzati. Alla vista dei militari l’uomo ha tentato di allontanarsi, ma è stato prontamente bloccato e, compiuti brevi accertamenti, è stato arrestato per evasione. Concluse le formalità di rito presso la Stazione Carabinieri di Francavilla di Sicilia, l’arrestato,  su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato tradotto presso il Tribunale di Messina e dopo la convalida dell’arresto sottoposto nuovamente al regime degli arresti domiciliari.

La notte scorsa, militari della Stazione di Letojanni, hanno notato tre giovanissimi intenti a spingere un motociclo vicino ad un’area di servizio di Giardini Naxos. I tre probabilmente avevano intenzione di tornare a casa in sella al bottino, ma il piano è naufragato quando si sono imbattuti nei carabinieri che, insospettiti dal loro comportamento, procedevano al controllo identificandoli e verificando che nessuno dei tre aveva le chiavi dello scooter, che era  privo di targa. I carabinieri accertavano che il mezzo non apparteneva a nessuno dei tre e presentava segni di manomissione al quadro di avviamento e che era stato da poco asportato al proprietario mentre era parcheggiato in una via ad alcune centinaio di metri dal luogo del controllo. I tre minori sono stati, pertanto, accompagnati presso il Comando Stazione Carabinieri di Letojanni dove, al termine dei necessari adempimenti, sono stati dichiarati in di arresto per concorso in furto aggravato e tradotti al Centro di Prima Accoglienza di Messina a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa della convalida dell’arresto mentre il motociclo è stato subito restituito al legittimo proprietario.

000
Letto 1057 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. UN ARRESTO PER EVASIONE

    La scorsa settimana, a Santa Teresa di Riva, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Taormina hanno tratto in arresto per evasione dal regime degli arresti domiciliari il cinquantaseienne M.S., poiché, al momento del controllo di polizia, veniva trovato al di fuori del proprio domicilio. Dopo il rito direttissimo l’uomo veniva ricollocato in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, a seguito delle mancato rispetto degli obblighi, hanno, peraltro, richiesto ed ottenuto dalla competente Autorità Giudiziaria il ripristino della custodia cautelare in carcere. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Messina, è stato eseguita questa mattinata dai militari del nucleo Radiomobile di Taormina che hanno arrestato l’uomo, trasferendolo presso la Casa Circondariale di Messina “Gazzi”.

  • TAORMINA. ARRESTATA IN UN HOTEL DI TAORMINA PER BANCAROTTA

    È stato eseguito ieri, dai poliziotti del Commissariato di P.S. di Taormina, il provvedimento di esecuzione per la carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano – Ufficio Esecuzioni Penali, nei confronti di Zavrelova Lenka, cittadina ceca di 42 anni.

    La donna,  ritenuta responsabile del reato di bancarotta fraudolenta, è stata rintracciata presso una struttura alberghiera della costa ionica dove alloggiava insieme alla figlia, ed è stata condotta presso la Casa Circondariale di Messina. Dovrà scontare la pena residua della reclusione ad anni 3.

  • TAORMINA. LOTTA AMBULANTATO. AGGREDITO AGENTE POLIZIA LOCALE.

    Forte e rinnovato impulso è stato dato nella giornata di ieri all’azione di prevenzione e contrasto alla contraffazione e all’abusivismo commerciale.

    Un’iniziativa messa in atto in sinergia tra la Polizia di Stato e la Polizia Locale.

    Sul campo due operatori di Polizia locale coordinati dal Vice Comandante Daniele Lo Presti e due operatori di polizia di stato coordinati dall'Ispettore Felice.

    Quella che però doveva essere un’ordinaria attività di controllo del centro Taorminese ha portato gli agenti all’arresto di un senegalese  Abass Seye di anni 41 per resistenza a Pubblico Ufficiale.

    Lo avevano colto sul corso principale della perla jonica intento a vendere la propria merce, presumibilmente contraffatta, approfittando dei numerosi turisti presenti sul posto soprattutto in questo periodo.

    Alla vista dei poliziotti lo straniero ha tentato di darsi alla fuga ma è stato prontamente bloccato dagli operatori, che gli stavano dietro senza mai perderlo di vista, dopo circa 80 metri.

    Alla richiesta di esibire un valido documento l’uomo ha però reagito con violenza, scagliando calci e pugni contro il Vice Comandante Daniele Lo Presti cagionandogli una lesione giudicata guaribile in 5 giorni.

    L’uomo a quel punto è stato arrestato e condotto presso gli uffici di Polizia per i relativi approfondimenti.

    Già destinatario di decreto di allontanamento dal territorio nazionale, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa di giudizio per direttissima secondo quanto disposto all’A.G competente, prontamente avvisata dell’accaduto, e denunciato altresì per la detenzione ai fini della vendita di materiale contraffatto.

    In generale durante il servizio di ieri sul Corso Umberto di Taormina sono stati contestati n. 2 verbali per commercio senza licenza e relativo sequestro di circa 700 pezzi tra occhiali da sole e oggettistica in legno.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI