L’IMPEGNO DELL’ARMA A TUTELA DELLE DONNE

L’IMPEGNO DELL’ARMA A TUTELA DELLE DONNE In evidenza

La tutela delle donne costituisce un impegno quotidiano per i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina. In città ed in provincia, l’Arma opera unitamente ad un apposito pool di Magistrati della Procura della Repubblica di Messina, che ha coordinato una importante azione di sensibilizzazione di tutti gli attori, a vario titolo, impegnati nella rete “interistituzionale” di intervento e assistenza in favore delle vittime vulnerabili, ed in particolare, attraverso la capillare presenza sul territorio, dell’Arma dei Carabinieri del capoluogo peloritano, avviando numerose iniziative volte ad accrescere la fiducia delle donne vittime di violenza, affinché non abbiano più paura a denunciare.

Di seguito si riporta un prospetto riepilogativo con i dati essenziali, nell’intera provincia di Messina, dell’attività di contrasto ai reati relativi alla “violenza di genere”, negli anni 2016 e 2017 riferito ai casi in cui ha proceduto l’Arma:

 

 

 

 

 

2016

Arresti flagranza

Arresti su provv.to A.G.

Denunce a p.l.

Allontanamento casa familiare e divieto avvicinamento

Capoluogo

7

10

9

6

Fascia tirrenica

7

19

10

6

Fascia ionica

2

2

4

2

Tot:

16

31

23

14

 

 

 

 

 

2017

Arresti flagranza

Arresti su provv.to A.G.

Denunce a p.l.

Allontanamento casa familiare e divieto avvicinamento

Capoluogo

6

19

32

6

Fascia tirrenica

6

23

46

17

Fascia ionica

5

15

28

10

Tot:

17

57

106

33

 

+ 6,25%

+83.8 %

+ 307%

+ 135%

Il principale dato che emerge dall’analisi dei casi di violenza di genere trattati, nell’ultimo biennio,  dall’Arma dei Carabinieri della provincia di Messina è rappresentato dai tempi la risposta delle F.p. alle vittime, che è andata mutando gradualmente nel corso del tempo. Rispetto all’anno precedente (2016), sono nettamente aumentate le denunce a piede libero, si è registrato un ulteriore  aumento di oltre il 80% delle persone tratte in arresto poiché colpiti da provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria ed un altrettanto significativo aumento dei provvedimenti  di allontanamento dalla casa familiare o di divieto di avvicinamento alla vittima. Queste variazioni rappresentano il frutto di quella sopracitata costante azione di sensibilizzazione e formazione dei Carabinieri e dell’Autorità Giudiziaria con l’unico scopo di offrire, da un lato, maggiori tutele alle vittime di violenza di genere e, dall’altro, risposte sempre più rapide.

L’impegno dell’Arma a tutela delle donne passa attraverso una rete che, grazie alla capillare distribuzione sul territorio delle Stazioni Carabinieri, permette di essere pronti a recepire i segnali di disagio delle vittime.

In tale quadro, sono state promosse attività di formazione finalizzate ad sviluppare, nei Carabinieri che operano sul territorio, le capacità di identificazione della “violenza di genere” e di valutazione degli elementi di rischio e di pericolo nei singoli interventi per “lite domestica”. Non è inusuale che una donna si presenti in una Stazione dei Carabinieri apparentemente solo per sfogarsi e raccontare fatti che potrebbero essere inquadrati in un “normale conflitto di coppia”;  nascondendo in realtà, una situazione ben più grave caratterizzata da umiliazioni, soprusi di ogni genere e violenze fisiche e psicologiche. Lo scopo della continua opera di formazione è proprio quello di addestrare i militari a riconoscere queste silenziose richieste d’aiuto anche grazie ad una attenta valutazione dei cosiddetti “reati sentinella”, in modo da poter applicare le giuste procedure nel minor tempo possibile a vantaggio della vittima,  garantendole la massima tutela ed una risposta più immediata e risolutiva possibile.

La scelta di denunciare è un momento molto critico e doloroso, in particolare per quelle forme di violenza che avvengono all’interno delle mura domestiche, alla presenza dei figli, in un contesto che da ideale luogo di protezione diventa invece fonte di sofferenze indicibili. La capacità degli operatori di polizia di relazionarsi in maniera positiva con la vittima è fondamentale  e per ciò a livello provinciale è istituita un’apposita task-force di carabinieri, con personale specializzato che svolge corsi di formazione in materia di “violenza di genere” in grado di condurre in maniera adeguata le necessarie indagini, anche attraverso l’adozione di iniziative organizzative tese a creare all’interno dei Comandi Arma sale per le “audizioni protette”, realizzate con arredamenti e dotazioni tecnologiche tali da renderle idonee a garantire una accoglienza adeguata in un momento cosi cruciale come quello della querela.

Infine è fondamentale diffondere il messaggio che la tutela delle vittime e dei loro bambini costituisce una priorità assoluta. Proprio in tale ambito è importante far sapere alle donne vittime di reati di genere che non saranno abbandonate mai neanche sotto il profilo economico potendo accedere alle risorse del fondo per le vittime della violenza di genere ed i loro familiari.

000
Letto 149 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. UN ARRESTO PER EVASIONE

    La scorsa settimana, a Santa Teresa di Riva, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Taormina hanno tratto in arresto per evasione dal regime degli arresti domiciliari il cinquantaseienne M.S., poiché, al momento del controllo di polizia, veniva trovato al di fuori del proprio domicilio. Dopo il rito direttissimo l’uomo veniva ricollocato in regime di arresti domiciliari presso la sua abitazione. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, a seguito delle mancato rispetto degli obblighi, hanno, peraltro, richiesto ed ottenuto dalla competente Autorità Giudiziaria il ripristino della custodia cautelare in carcere. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Messina, è stato eseguita questa mattinata dai militari del nucleo Radiomobile di Taormina che hanno arrestato l’uomo, trasferendolo presso la Casa Circondariale di Messina “Gazzi”.

  • FORZA D’AGRO’. DIVIETO D’INGRESSO NEL PAESE PER 2 CATANESI

    Il Questore di Messina Mario Finocchiaro ha adottato 9 misure di prevenzione personali.

    2 divieti di ritorno, nei confronti di due catanesi di 46 e 44 anni, responsabili in concorso tra loro del reato di furto aggravato commesso all’interno di una chiesa del comune di Forza d’Agrò (ME). I due non potranno ritornare senza preventiva autorizzazione nel territorio di quel comune per un periodo di 2 anni.

    5 avvisi orali, con cui 5 persone sono state invitate a tenere una condotta conforme alla legge, con l’avvertenza che in caso contrario potranno essere proposti per l’applicazione di più gravi misure di prevenzione.

    2 ammonimenti, nei confronti di un messinese di 37 anni ed un catanese di 48 anni per violenza domestica.

     

  • TAORMINA. MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA, DANNEGGIAMENTO, FURTO, VIOLENZA PRIVATA, LESIONI E MINACCIA NEI CONFRONTI DELLE PROPRIE COMPAGNE ED EX COMPAGNE: QUATTRO ARRESTI DEI CARABINIERI DI TAORMINA.

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina, in Graniti, Taormina, Giardini Naxos e Calatabiano, nell’ultima settimana, hanno tratto in arresto 4 soggetti di cui 3 italiani ed un cittadino straniero poiché resisi responsabili a vario titolo di maltrattamenti in famiglia, danneggiamento, violenza privata, Stalking.
    Nel primo dei quattro casi a finire in manette un cittadino calatabianese, classe’ 85 poiché i militari dell’Arma in seguito a complessa attività investigativa hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Messina poichè l’uomo si era reso responsabile nei confronti dell’ex fidanzata, di cui non accettava il suo allontanamento, di atti persecutori, percosse, violenza privata e furto. Nel caso di specie le attività d’indagine condotte nelle immediatezze dei fatti e coordinate dalla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Messina hanno consentito di raccogliere, in pochi giorni, un quadro indiziario molto grave sfociato poi nella misura cautelare anzidetta.
    In Giardini Naxos i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto un cittadino italiano, giardinese, classe’ 58 accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali commessi in danno dell’anziana madre.
    I militari infatti dopo essere intervenuti presso l’abitazione dell’uomo, su indicazione della vittima, trovavano la donna in forte stato di agitazione e con evidenti segni di percosse. La donna riferiva ai Carabinieri di essere stata colpita per l’ennesima volta dal proprio figlio per futili motivi. La stessa traportata presso l’Ospedale di Taormina veniva riscontrata affetta da diverse ferite lacero contuse per cui otteneva una prognosi di giorni 15. L’arrestato al termine delle formalità di rito veniva tradotto presso il proprio domicilio in attesa di essere giudicato con rito direttissimo innanzi alla competente Autorità Giudiziaria di Messina.
    Solo qualche giorno dopo sempre in Giardini Naxos militari dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti in quel comune poiché un cittadino tunisino classe ’88 si era reso responsabile di maltrattamenti in famiglia e danneggiamento nei confronti della propria compagna, anch’ella straniera, classe’ 76. I carabinieri dopo la segnalazione della donna, prontamente intervenuti sul posto, sorprendevano l’uomo allorquando, sotto l’effetto di sostanze alcoliche, dopo aver sfondato la porta d’ingresso di casa picchiava selvaggiamente la vittima che, trasportata presso l’ospedale di Taormina veniva giudicata guaribile in giorni 15 a causa delle percosse ricevute.
    Anche in questo caso l’aggressore è stato trattenuto presso il proprio domicilio per poi essere giudicato con rito direttissimo.
    In Graniti i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto un sorvegliato speciale classe ‘89 poiché accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della propria compagna e violazione degli obblighi imposti dall’Autorità Giudiziaria.
    I militari di Graniti infatti intervenuti su disposizione della dipendente centrale operativa sorprendevano l’aggressore al di fuori del proprio domicili in orario non consentito ed assistendo peraltro alle continue minacce proferite all’indirizzo della stessa donna e dei familiari di questa.
    Anche in questo caso la donna visitata presso il locale nosocomio di Taormina otteneva 15 giorni di prognosi a causa delle botte ricevute.
    Le denunzie da parte delle vittime di maltrattamenti in famiglia, stalking, violenze di genere e nei confronti di minori sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela.
    L'immediatezza della risposta della Polizia Giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell'affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Messina, che ha stabilito precise modalità operative per giungere quanto più rapidamente possibile a tutelare tutte le vittime vulnerabili.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI