L’IMPEGNO DELL’ARMA A TUTELA DELLE DONNE

L’IMPEGNO DELL’ARMA A TUTELA DELLE DONNE In evidenza

La tutela delle donne costituisce un impegno quotidiano per i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina. In città ed in provincia, l’Arma opera unitamente ad un apposito pool di Magistrati della Procura della Repubblica di Messina, che ha coordinato una importante azione di sensibilizzazione di tutti gli attori, a vario titolo, impegnati nella rete “interistituzionale” di intervento e assistenza in favore delle vittime vulnerabili, ed in particolare, attraverso la capillare presenza sul territorio, dell’Arma dei Carabinieri del capoluogo peloritano, avviando numerose iniziative volte ad accrescere la fiducia delle donne vittime di violenza, affinché non abbiano più paura a denunciare.

Di seguito si riporta un prospetto riepilogativo con i dati essenziali, nell’intera provincia di Messina, dell’attività di contrasto ai reati relativi alla “violenza di genere”, negli anni 2016 e 2017 riferito ai casi in cui ha proceduto l’Arma:

 

 

 

 

 

2016

Arresti flagranza

Arresti su provv.to A.G.

Denunce a p.l.

Allontanamento casa familiare e divieto avvicinamento

Capoluogo

7

10

9

6

Fascia tirrenica

7

19

10

6

Fascia ionica

2

2

4

2

Tot:

16

31

23

14

 

 

 

 

 

2017

Arresti flagranza

Arresti su provv.to A.G.

Denunce a p.l.

Allontanamento casa familiare e divieto avvicinamento

Capoluogo

6

19

32

6

Fascia tirrenica

6

23

46

17

Fascia ionica

5

15

28

10

Tot:

17

57

106

33

 

+ 6,25%

+83.8 %

+ 307%

+ 135%

Il principale dato che emerge dall’analisi dei casi di violenza di genere trattati, nell’ultimo biennio,  dall’Arma dei Carabinieri della provincia di Messina è rappresentato dai tempi la risposta delle F.p. alle vittime, che è andata mutando gradualmente nel corso del tempo. Rispetto all’anno precedente (2016), sono nettamente aumentate le denunce a piede libero, si è registrato un ulteriore  aumento di oltre il 80% delle persone tratte in arresto poiché colpiti da provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria ed un altrettanto significativo aumento dei provvedimenti  di allontanamento dalla casa familiare o di divieto di avvicinamento alla vittima. Queste variazioni rappresentano il frutto di quella sopracitata costante azione di sensibilizzazione e formazione dei Carabinieri e dell’Autorità Giudiziaria con l’unico scopo di offrire, da un lato, maggiori tutele alle vittime di violenza di genere e, dall’altro, risposte sempre più rapide.

L’impegno dell’Arma a tutela delle donne passa attraverso una rete che, grazie alla capillare distribuzione sul territorio delle Stazioni Carabinieri, permette di essere pronti a recepire i segnali di disagio delle vittime.

In tale quadro, sono state promosse attività di formazione finalizzate ad sviluppare, nei Carabinieri che operano sul territorio, le capacità di identificazione della “violenza di genere” e di valutazione degli elementi di rischio e di pericolo nei singoli interventi per “lite domestica”. Non è inusuale che una donna si presenti in una Stazione dei Carabinieri apparentemente solo per sfogarsi e raccontare fatti che potrebbero essere inquadrati in un “normale conflitto di coppia”;  nascondendo in realtà, una situazione ben più grave caratterizzata da umiliazioni, soprusi di ogni genere e violenze fisiche e psicologiche. Lo scopo della continua opera di formazione è proprio quello di addestrare i militari a riconoscere queste silenziose richieste d’aiuto anche grazie ad una attenta valutazione dei cosiddetti “reati sentinella”, in modo da poter applicare le giuste procedure nel minor tempo possibile a vantaggio della vittima,  garantendole la massima tutela ed una risposta più immediata e risolutiva possibile.

La scelta di denunciare è un momento molto critico e doloroso, in particolare per quelle forme di violenza che avvengono all’interno delle mura domestiche, alla presenza dei figli, in un contesto che da ideale luogo di protezione diventa invece fonte di sofferenze indicibili. La capacità degli operatori di polizia di relazionarsi in maniera positiva con la vittima è fondamentale  e per ciò a livello provinciale è istituita un’apposita task-force di carabinieri, con personale specializzato che svolge corsi di formazione in materia di “violenza di genere” in grado di condurre in maniera adeguata le necessarie indagini, anche attraverso l’adozione di iniziative organizzative tese a creare all’interno dei Comandi Arma sale per le “audizioni protette”, realizzate con arredamenti e dotazioni tecnologiche tali da renderle idonee a garantire una accoglienza adeguata in un momento cosi cruciale come quello della querela.

Infine è fondamentale diffondere il messaggio che la tutela delle vittime e dei loro bambini costituisce una priorità assoluta. Proprio in tale ambito è importante far sapere alle donne vittime di reati di genere che non saranno abbandonate mai neanche sotto il profilo economico potendo accedere alle risorse del fondo per le vittime della violenza di genere ed i loro familiari.

000
Letto 104 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. CARABINIERI IMPEGNATI NELLA LOTTA ALL’ABUSIVISMO EDILIZIO E ALL’OCCUPAZIONE DEL SUOLO DEMANIALE.

    Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Giardini Naxos coadiuvati dal personale della Guardia Costiera, hanno svolto mirati servizi tesi a contrastare gli illeciti edilizi di locali ed esercizi commerciali in particolare rivolti alla ristorazione, i quali, nella stazione estiva, ampliano senza autorizzazione la metratura delle strutture adibendo a sale da ballo spazi del demanio.
    All’esito dei controlli, i militari hanno deferito in stato di libertà, per abusiva occupazione di spazio demaniale ed inosservanza di limiti alla proprietà privata due persone: il titolare di una concessione demaniale e l’affidatario dell’attività commerciale condotta nell’ambito della predetta concessione poiché, in assenza di autorizzazione, apportavano, negli spazi del demanio marittimo, delle modifiche dello stato dei luoghi realizzando un laghetto artificiale con un atollo al centro ed innalzando il livello della sabbia di circa 70 centimetri posizionando al contempo due palme.
    I Carabinieri unitamente alla Guardia Costiera di Giardini Naxos hanno pertanto proceduto al sequestro preventivo dell’area su cui sono stati creati i manufatti.
    Inoltre nei giorni seguenti i militari, nel corso di un servizio perlustrativo, hanno notato che i lavori presso il locale proseguivano con la costruzione di una pista da ballo che era stata arredata ed hanno pertanto proceduto ad un ulteriore sequestro contestando ai medesimi due soggetti la violazione dei doveri inerenti la custodia di cose sottoposte a sequestro disposta a seguito della precedente denuncia.

  • Giardini Naxos: I Carabinieri del Nucleo Subacquei di Messina riportano alla luce un ancora di epoca romana.

    Nella mattinata del 7 giugno 2018, personale del Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina, coadiuvato da personale della locale Stazione Carabinieri, su attivazione della Soprintendenza del Mare di Palermo, ha effettuato delle ricognizioni finalizzate all’individuazione di reperti di interesse archeologico nelle specchio di acque antistante il porticciolo turistico Saja di Giardini Naxos. E’ stato così che ad una profondità di 8 metri ed ad una distanza di circa 20 dalla riva, su un fondale sabbioso, hanno rinvenuto un ceppo d’ancora in piombo incastrato sotto una roccia. Il pesante manufatto, al termine di lunghe ed impegnative operazioni,  è stato riportato a galla dai sub dell’Arma.

    Il reperto, largo circa un metro e risalente presumibilmente ad epoca romana, sarà adesso custodito presso i locali del Parco Archeologico di Giardini Naxos.

    Il Nucleo Subacquei Carabinieri di Messina, istituito nell’agosto dello scorso anno per fronteggiare le esigenze operative dell’Arma nello Stretto di Messina disimpegna  compiti ordinariquali: ricerca e recupero nelle acque marine ed interne di corpi di reato, armi, munizioni, stupefacenti, cadaveri, relitti e qualsiasi altro materiale che, in tale ambiente, sia stato occultato o disperso; ispezioni e ricognizioni di relitti sommersi; soccorso in occasione di alluvioni ed allagamenti  e compiti eventuali: localizzazione e recupero di materiale di interesse archeologico; rilevamenti topografici e telecinematografici connessi con lo studio dei fondali; ispezioni e rilevamenti fotografici di infrastrutture subacquee; prelevamento di campioni biologici e concorso nelle ricerche subacquee di interesse scientifico; concorso nel rilevamento del grado di inquinamento delle acque; collaudi e verifiche di attrezzature ed apparati subacquei; assistenza a gare ed a campionati.

    Per le proprie attività il Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina si avvale del prezioso supporto operativo  della motovedetta classe 800 “Ganci”  - ormeggiata presso la Base navale Peloritana – condotta da un equipaggio di Carabinieri di grande esperienza  e professionalità, che arricchiscono oltremodo la capacità operativa del Nucleo Subacquei.

  • SANTA TERESA DI RIVA. DONNA IN CELEBRA L’ 8 MARZO CON L’ASSOCIAZIONE AL TUO FIANCO ONLUS

    Bellezza e beneficenza … questo il connubio scelto per celebrare la Giornata internazionale della donna da Loretta Ralli ed il suo team per un iniziativa pensata in collaborazione con il centro antiviolenza Al Tuo Fianco presieduto dall’avvocata Cettina La Torre.

    Nella giornata dell’8 Marzo tutte le clienti che usufruiranno dei servizi offerti dal salone di bellezza Donna In, sito a Santa Teresa di Riva in via Regina Margherita 424 , potranno devolvere un contributo minimo in beneficenza che sarà interamente devoluto a sostegno dell’attività del centro anti violenza Al Tuo Fianco .

    Donna In premierà la generosità delle sue clienti offrendo in omaggio una coccola, un massaggio viso o mani.

    Un piccolo gesto per aiutare concretamente chi ogni giorno è al fianco delle donne nella lotta alla violenza di genere.

    “ Solidarietà, amore, rispetto.  Questi tre ingredienti, afferma l’hair stylist Loretta Ralli,  non hanno sesso o stato sociale, l’uomo nasce dalla DONNA ... proprio quella DONNA che va amata sempre! La Violenza sulle donne non può essere accettata da nessuno. Noi di Donna In  che ogni giorno ci occupiamo della donna abbiamo voluto mettere in atto un iniziativa concreta, in grado di conciliare la bellezza e la solidarietà con uno sguardo a tutte quelle donne che ogni giorno lottano per  i propri diritti.  Donna In ha scelto di sostenere quest’anno Al Tuo Fianco Onlus. Una scelta d’ AMORE per dire insieme stop alla violenza.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI