CATANIA: TOLGONO LA MULTA ALL'AMICO. L'ACCUSA E' DI FALSO IN ATTO PUBBLICO E ABUSO D’UFFICIO. INDAGATI TRE VIGILI URBANI DEL COMUNE DI SCORDIA (CT).

CATANIA: TOLGONO LA MULTA ALL'AMICO. L'ACCUSA E' DI FALSO IN ATTO PUBBLICO E ABUSO D’UFFICIO. INDAGATI TRE VIGILI URBANI DEL COMUNE DI SCORDIA (CT). In evidenza

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, su disposizione della Procura della Repubblica di Caltagirone, hanno notificato a tre Vigili Urbani in servizio presso il Comando della Polizia Municipale del Comune di Scordia (CT) un avviso di conclusione delle indagini preliminari, emesso nei loro confronti per i reati di falso in atto pubblico e abuso d’ufficio. Il provvedimento consegue all’esito di indagini svolte dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Caltagirone, su richiesta della Procura calatina, e che hanno fatto emergere il concorso dei tre vigili (S.P. 46 anni di Scordia, F.R. 48 anni di Scordia, e D.A.G. 53 anni di Catania) nella materiale falsificazione e conseguente “annullamento” di un verbale regolarmente elevato per infrazioni al Codice della Strada. In particolare, da quanto ricostruito dai Finanzieri, due dei Vigili Urbani avevano provveduto a contestare, durante il turno di servizio, un’infrazione alle norme del Codice della Strada nei confronti di un automobilista. Successivamente, in ragione dell’interessamento del terzo collega, amico del conducente verbalizzato, al fine di favorire quest’ultimo e precostituire un presupposto di annullamento dell’atto, hanno materialmente alterato il verbale modificando l’indicazione della targa del veicolo, rendendo di fatto non immediatamente identificabile il mezzo. I pubblici ufficiali indagati hanno poi proceduto al concreto annullamento del verbale mediante falsa apposizione sullo stesso della dicitura “annullato in autotutela” per “targa errata in quanto non leggibile”. Con tale illegittimo espediente, gli indagati si sono altresì sottratti alla vigilanza del loro Comandante del Corpo di Polizia Municipale, unica Autorità alla quale, al ricorrere dei presupposti di legge, compete la potestà di annullamento in autotutela dei verbali elevati. La grave condotta dei tre pubblici ufficiali oltre ad aver procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale alla persona verbalizzata ha altresì determinato un contestuale danno all’Amministrazione comunale di Scordia.

000
Letto 220 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Intensificati i controlli della Guardia di Finanza. Dalla baia di Giardini Naxos alle vie del centro di Taormina è caccia agli abusivi.

    Continuano i controlli delle Fiamme Gialle nei confronti delle attività commerciali abusive nelle aree costiere e balneari della perla. Ieri mattina il blitz dei militari del Comando Provinciale e della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Messina contro gli abusivi delle gite turistiche in barca.

    Le Fiamme Gialle hanno constatato complessivamente n. 44 mancate emissioni di scontrini fiscali, effettuato nr. 18 controlli in materia di sommerso di lavoro rilevando n. 6 lavoratori in nero e controllato 14 natanti, verbalizzandone n. 12, che esercitavano l’attività di noleggio per gite turistiche lungo il litorale senza le prescritte autorizzazioni e le dovute dotazioni di sicurezza a bordo, condotte, in taluni casi, da personale addirittura sprovvisto della patente nautica e comunque non in regola con le previste normative previdenziali e assicurative. I n. 6. lavoratori in nero sono stati tutti scoperti all’opera ed impiegati a bordo o presso gli stand che sul lungo mare di Giardini Naxos (ME) promuovono gite turistiche in barca lungo il litorale della perla dello Jonio, omettendo tra l’altro, come riscontrato dai finanzieri di Taormina (ME) con la constatazione di ben 44 casi di mancata emissione, il rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale.

    L’operazione è stata condotta anche via mare con l’ausilio di 2 vedette classe 2000 del Comparto Aereonavale della Guardia di Finanza a cui dal 2017, è stata affidata la “sicurezza del mare”, assegnandole compiti di ordine e sicurezza pubblica che si aggiungono alle consolidate attività di polizia economico finanziaria, proprie della Guardia di Finanza. Il fenomeno del mancato rilascio del documento fiscale e del lavoro “nero” ed “irregolare”, nonché le connesse manifestazioni di illegalità, è una realtà che maggiormente nella stagione estiva, attesa l’elevatissima vocazione turistica del litorale ionico, va ad inquinare il mercato e l’economia legale, a discapito di tutti i cittadini e le aziende che operando nel rispetto della legalità, subiscono più direttamente il costo sociale di tali comportamenti illeciti.

  • AEROPORTO DI CATANIA: GUARDIA DI FINANZA E AGENZIA DELLE DOGANE SEQUESTRANO 80 CAPI D’ABBIGLIAMENTO CONTRAFFATTI PROVENIENTI DA CASABLANCA

    I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nell’ambito degli ordinari controlli doganali svolti presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa, hanno sottoposto ad ispezione un passeggero originario del Marocco, di rientro dal suo paese con volo proveniente da Casablanca, il quale trasportava nella valigia confezioni di capi di abbigliamento contraffatti.

    In particolare, nel voluminoso bagaglio da stiva i militari ed i funzionari hanno rinvenuto 80 capi di vestiario che falsamente riproducevano i marchi e loghi registrati di note griffe internazionali, costituiti da polo “Armani”, “Calvin Klein” ed “Harmont & Blaine”, calzature sportive ”Nike” nonché altri accessori di abbigliamento. I prodotti, di pregevole fattura e tali da ingannare gli ignari acquirenti sulla reale provenienza illecita, sono stati sottoposti a sequestro e il cittadino straniero, regolarmente residente nel territorio italiano, in particolare nella provincia di Siracusa, è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria etnea per illecita introduzione nel territorio dello Stato di merci contraffatte.I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nell’ambito degli ordinari controlli doganali svolti presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa, hanno sottoposto ad ispezione un passeggero originario del Marocco, di rientro dal suo paese con volo proveniente da Casablanca, il quale trasportava nella valigia confezioni di capi di abbigliamento contraffatti.

    In particolare, nel voluminoso bagaglio da stiva i militari ed i funzionari hanno rinvenuto 80 capi di vestiario che falsamente riproducevano i marchi e loghi registrati di no

    te griffe internazionali, costituiti da polo “Armani”, “Calvin Klein” ed “Harmont & Blaine”, calzature sportive ”Nike” nonché altri accessori di abbigliamento. I prodotti, di pregevole fattura e tali da ingannare gli ignari acquirenti sulla reale provenienza illecita, sono stati sottoposti a sequestro e il cittadino straniero, regolarmente residente nel territorio italiano, in particolare nella provincia di Siracusa, è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria etnea per illecita introduzione nel territorio dello Stato di merci contraffatte.

  • TAORMINA. CARENZA DI ORGANICO DELLA POLIZIA LOCALE. IN PROGRAMMA INCONTRO CON NUOVA AMMINISTRAZIONE

    Abolire I servizi singoli ed introdurre i servizi in coppia auto-montati  compresi i turni di reperibilità a partire dal servizio di primo turno del prossimo 18 giugno.

    Sono questi alcuni dei temi affrontanti nel corso di un incontro avvenuto nei giorni scorsi tra l’amministrazione comunale e il comandante della Polizia Locale Agostino Pappalardo e il vice comandante Daniele Lo Presti.

    Tutte le problematiche illustrate al Primo cittadino Eligio Giardina finiranno sulla scrivania del nuovo sindaco dopo le elezioni di giorno 10.

    Ne abbiamo parlato con l’Ispettore Capo della Polizia Locale Nino Raneri.

    GUARDA VIDEO

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI