Taormina. Arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali

Taormina. Arrestato dai Carabinieri per tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali In evidenza

Nella mattinata di ieri i Carabinieri della Stazione di Taormina hanno arrestato, il 64enne P.G., in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina il quale deve espiare una pena di 6 annie 10 mesi di reclusione con l’aggiunta dell’interdizione legale e dai pubblici uffici durante la pena, poiché riconosciuto colpevole e condannato per i reati di tentato omicidio, maltrattamenti in famiglia e lesioni  nei confronti della moglie a partire dal 2001 e sino al 2016.

P.G. era stata arrestato nel luglio del 2016 dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Taormina con l’accusa di tentato omicidio nei confronti della moglie poiché, a seguito di una lite avvenuta per futili motivi, aveva tentato di strangolare la donna.

Le indagini svolte in seguito a questo episodio avevano consentito ai Carabinieri di ricostruire che P.G., sin dal 2001, aveva sottoposto la moglie a continui e costanti maltrattamenti consistiti in ingiurie, minacce e violenze fisiche ed inoltre aveva privato la donna dei mezzi di sostentamento impedendole anche di vedere i genitori.

L’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi ove dovrà espiare la condanna emessa a suo carico.

 

000
Letto 933 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA (ME). IMMIGRAZIONE CLANDESTINA: ARRESTATO DAI CARABINIERI UNO “SCAFISTA” RUSSO .

    I Carabinieri della Stazione di Taormina, alle prime luci di ieri, hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto M.K., 33enne, cittadino Russo, per il reato favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per avere condotto, quale scafista, un motoveliero con a bordo cittadini extracomunitari di nazionalità iracheni e curdi.

    I militari, nella serata del 14 ottobre, durante un servizio perlustrativo, hanno notato un gommone di piccole dimensioni arenato nella spiaggia di località “Cantone del Faro” del comune di Taormina.

    I carabinieri intervenuti, ispezionavano il natante trovando, nascosto sotto una coperta, un cittadino di nazionalità Russa ed hanno accertato che lo straniero, servendosi del piccolo natante, aveva trasbordato da una imbarcazione più grande, un motoveliero “KOA” ancorato al largo, 4 migranti, presumibilmente di nazionalità irachena od iraniana, che appena giunti sulla terraferma, si erano dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

    I militari dell’Arma di Taormina, con l’ausilio della pilotina della Guardia Costiera, tentavano di raggiungere il motoveliero per dare soccorso agli altri migranti che erano ancora sull’imbarcazione senza però riuscire a raggiungerla a causa delle pessime condizioni atmosferiche.

    Solo alle prime luci dell’alba, il personale della sezione operativa navale della Guardia di Finanza di Catania è riuscito ad intercettare ed ad abbordare il natante, ancorato al largo di Taormina e lo ha scortato sino al porto di Riposto (CT), appurando la presenza di un secondo scafista anch’egli di nazionalità russa e di sei migranti di nazionalità irachena ed iraniana.

    Al termine degli accertamenti anche il secondo scafista russo è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto da parte del personale della Guardia di Finanza di Catania per il medesimo reato.

    Sia il veliero che il gommone sono stati sequestrati ed  al termine delle formalità di rito, lo scafista russo fermato dai Carabinieri di Taormina è stato posto a disposizione della Procura della Repubblica di Messina e ristretto presso la casa circondariale di Messina-Gazzi.

  • TAORMINA. Presunto sbarco migranti a Villagonia. Indagano i carabinieri

    Notte movimentata quella appena trascorsa per gli uomini delle forze dell'ordine di Taormina. Il mare in tempesta avrebbe spinto un'imbarcazione con alcuni migranti a bordo ad arenarsi al largo di Villagonia. La scoperta nella tarda nottata. Immediato l'intervento della guardia costiera di Giardini Naxos che ha intercettato un uomo a bordo di un gommone. L'uomo, presumibilmente di nazionalità  russa,  è al momento posto a fermo presso la caserma dei carabinieri di Taormina che mantengono il massimo riserbo. Carabinieri e Guardia costiera stanno attendendo l'arrivo dei mezzi navali della guardia di finanza per tentare di raggiungere la barca a vela e verificare la presenza a bordo di altre persone. Le operazioni sono rese difficoltose dalle avverse condizioni meteo.

     AGGIORNAMENTO ore 11.31

    La Guardia di finanza è riuscita a raggiungere l'imbarcazione ancorata al largo di Villagonia trasportandola fino al porto di Riposto. A bordo sarebbero state trovate 6 persone. I militari, coordinati dal capitano della GICO (gruppo investigazione criminalità organizzata) Pablo Leccese, stanno procedendo all'identificazione delle persone che si trovavano a bordo della barca.

     

    SEGUONO AGGIORNAMENTI 

  • TAORMINA. CASO IMPREGILO. L’ASSESSORE CALTABIANO : “ UN PUNTO A NOSTRO VANTAGGIO IN UNA PARTITA ANCORA LUNGA TUTTA DA GIOCARE”

    La partita è ancora lunga ma il primo tempo si conclude a vantaggio del comune di Taormina.

    Il caso del lodo Impregilo tiene da anni il comune di Taormina con il fiato sospeso, una spada di Damocle pronta a colpire ed affondare l’ente locale taorminese.

    Nei mesi scorsi la Corte d’Appello aveva dato ragione a Salini-Impregilo riconoscendo al colosso delle costruzioni l’efficacia del decreto ingiuntivo da 28 milioni di euro intrapreso a suo tempo nei confronti del comune di Taormina.

    Una sentenza che aveva spinto Palazzo dei Giurati a chiedere la sospensione del procedimento, presentando ricorso in opposizione al giudizio emesso dalla Corte d’Appello.

    La sentenza è arrivata nelle scorse ore  e segna un punto a vantaggio del comune di Taormina. Così come abbiamo riportato nella giornata di ieri l a Corte di Appello di Messina, 1 sezione civile, riunita in camera di consiglio presieduta dal magistrato dott.ssa Elvira Patania ha accolto l’istanza di sospensione della esecutività della sentenza contro la quale il comune di Taormina aveva fatto ricorso in Cassazione.

    Nella sentenza si legge: “che il pagamento dell’ingente somma richiesta da Impregilo comprometterebbe l’attività amministrativa del comune di Taormina; la sentenza della Corte di cui si chiede la sospensione ha dichiarato l’inammissibilità dell’appello, ma tale pronuncia ha ripristinato la situazione determinata dall’ordinanza del Got (Giudice Onorario di Tribunale) di Taormina che aveva dichiarato definitivamente esecutivo il decreto ingiuntivo; che il giudizio di primo grado di opposizione risulta a tutt’oggi pendente; in ragione della non chiara situazione processuale che si è determinata e dell’ingente entità della somma accertata sussistono gli estremi per la sospensione, tenuto conto delle conseguenze che l’esecuzione potrebbe avere sulla situazione economica e sulla vita amministrativa dell’ente.”

    Accanto al cauto ottimismo del primo cittadino Mario Bolognari, registriamo la soddisfazione dell’assessore al bilancio Giuseppe Caltabiano che afferma: “E’ senz’altro un punto a nostro vantaggio di una partita ancora lunga da giocare. Contiamo adesso sulla presentazione della relazione di inizio mandato che rappresenta un atto propedeutico per poter presentare nei prossimi 60 giorni un piano di riequilibrio. L’aggiornamento riguarderà sia l’aspetto quantitativo valutando responsabilmente l’eventuale inserimento prudenziale del Lodo Impregilo oggi valutato dal vecchio piano per 5 milioni. Sia un adeguamento qualitativo basato sulla valutazione delle diverse soluzioni di entrata e di copertura delle passività.”

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI