GIARDINI NAXOS. MILITANTI LEGA AGGREDITE

GIARDINI NAXOS. MILITANTI LEGA AGGREDITE In evidenza

Un banchetto pro lega, le militanti che fanno propaganda, un funerale in corso e il mancato rispetto del silenzio all’uscita del feretro dalla chiesa … sarebbero questi gli elementi alla base dell’aggressione che si è verificata a Giardini Naxos.

A denunciare l’accaduto è il leader della Lega Matteo Salvini che dal suo profilo facebook informa:

“A Giardini Naxos militanti della Lega malmenate e insultate da un gruppo di uomini: distrutto il banchetto, strappate le bandiere, sottratti i telefonini per impedire di documentare.
Prendersela con delle donne sole... vigliacchi! non ci fate paura, ci fate solo pena!”

E ancora alle attiviste Salvini invia un grande abbraccio, “ anche a nome di tutta la nostra splendida Comunità. Nonostante i violenti, nonostante tutto, conclude Salvini, domenica VINCIAMO, se ne facciano una ragione.”

Sulla vicenda è intervenuto anche il responsabile della Lega di Giardini Naxos Giancarlo Lo Turco momentaneamente all'estero.

“Dei vigliacchi, scrive Lo Turco in una nota ufficiale,  hanno aggredito delle ragazze sole, picchiandole e rubando i telefonini. Esprimo tutta la mia solidarietà a Michela Lawyer ed a sua mamma. Chiedo ufficialmente a Matteo Salvini, ad Angelo Attaguile ed a Carmelo Lo Monte la costituzione di parte civile contro questi vigliacchi senza onore. Chiedo pubblicamente l'assistenza degli avvocati Fabio Cantarella e Giuseppe Perdichizzi, valenti legali, rispettivamente candidato della Lega a Catania e responsabile della Lega di Taormina.”

000
Letto 911 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. MANCATA APPROVAZIONE DEL BILANCIO. ALESSANDRO COSTANTINO ATTACCA: L’UNICO RESPONSABILE E’ IL SINDACO E LA SUA GIUNTA

    “Ci risiamo! Siamo ormai arrivati a metà Giugno, la stagione turistica è entrata nel vivo e, come ogni anno, Giardini Naxos si presenta ai tanti turisti presenti, in condizioni pietose: sporcizia e incuria regnano; registriamo l’assenza dei più elementari servizi, come la pulizia delle spiagge, il rifacimento della segnaletica, la manutenzione stradale e un adeguato decoro urbano, per non parlare della pulizia dei locali comunali, la manutenzione dell’acquedotto comunale e la cura del verde pubblico. Questo stato di cose genera una giustificata indignazione nei cittadini, in particolare negli esercenti delle attività legate al turismo.”

    Ad affermarlo attraverso una nota è il consigliere Alessandro Costantino che insieme al gruppo consiliare “Impegno per la nostra città” evidenzia la grave situazione in cui versa il comune.

    “Con sorpresa, spiega Costantino, abbiamo appreso che alcuni Assessori, anche di un certo “grado” all’interno dell’Amministrazione, vanno dicendo in giro che la mancata approvazione del bilancio, che determina l’impossibilità di intervenire sulla gestione ordinaria, sarebbe da attribuire al Consiglio Comunale che, a detta loro, si ostinerebbe a non volerlo approvare. Basta questo per capire la pochezza amministrativa di alcuni elementi della squadra che supporta il sindaco.

    Vogliamo dire con chiarezza, continua Costantino, che il Consiglio Comunale potrebbe approvare il bilancio di previsione anche domani. Purtroppo non può, perché l’amministrazione non ha ancora depositato la proposta di deliberazione relativa al Piano triennale Opere Pubbliche, che rappresenta un atto propedeutico all’approvazione del bilancio e che, come tale, deve essere approvato dal consiglio prima del bilancio stesso.

    I cittadini sappiano, prosegue ancora, che lo stato di degrado in cui versa Giardini Naxos è imputabile esclusivamente all’incapacità dell’amministrazione attiva, nel predisporre gli atti necessari all’approvazione del bilancio.

    E’ il momento che questa gente, conclude il capogruppo   Alessandro Costantino, si prenda la responsabilità del loro fallimento e smettano di scaricare le responsabilità sugli altri.”

  • GIARDINI NAXOS. DA LUNEDI’ ESPERTI INTERNAZIONALI DELL’ASTROFISICA A CONFRONTO

    Da lunedì 11 giugno (apertura ore 9), e fino a venerdì 15 giugno, all’AtaHotel Naxos Beach Resort di Giardini Naxos (Messina) si terranno i lavori del congresso internazionale "EST Science Meeting", organizzato nell’ambito della collaborazione europea dedicata alla progettazione dello European Solar Telescope (EST) e nello specifico del progetto H2020 PRE-EST che vede fra i suoi partner il dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Catania.

    Il progetto European Solar Telescope - indicato al livello di più alta priorità tra i progetti di media dimensione da terra nella Roadmap ASTRONET per la ricerca astronomica in Europa nei prossimi 10-20 anni - prevede la realizzazione del più grande telescopio europeo dedicato allo studio del Sole, uno dei più grandi al mondo.

    Il telescopio, che permetterà di osservare il Sole con un dettaglio mai raggiunto fino ad oggi, verrà costruito nelle Isole Canarie (Spagna) e vedrà la prima luce nel 2027. EST è ed è promosso da EAST (European Association for Solar Telescopes), un consorzio al quale afferiscono istituti di 17 nazioni europee. Il progetto è stato inoltre inserito nel 2016 nella road-map di ESFRI, il Forum Strategico Europeo per le Infrastrutture di Ricerca di importanza strategica. 

    EST avrà infatti uno specchio primario di 4 metri e sarà caratterizzato da un disegno ottico e strumenti ottimizzati per misure spettro-polarimetriche multibanda, dal vicino ultravioletto al vicino infrarosso, ideali per analizzare i campi magnetici presenti sulla superficie solare.

    Lo European Solar Telescope avrà una configurazione Gregoriana in asse, con un sistema di ottica adattiva multi-coniugata (MCAO) integrato nel percorso ottico e vari strumenti di piano focale: un Broad Band Imager, uno spettropolarimetro a banda stretta con filtri sintonizzabili e uno spettropolarimetro a reticolo.

    «Est sarà un pilastro fondamentale della classe di telescopi solari di futura generazione, capaci di indagare i processi fisici generati dall'interazione tra i campi magnetici e i flussi di plasma turbolento alla base dell'attività solare» spiega  la prof.ssa Francesca Zuccarello del Dfa di Catania, responsabile del progetto per l'Inaf. «Lo European Solar Telescope fornirà dati ad alta risoluzione che permetteranno lo studio delle proprietà termiche, dinamiche e magnetiche del plasma della nostra stella, dalla base della fotosfera all'alta cromosfera. Questa capacità promette di rivoluzionare la nostra comprensione del campo magnetico solare e delle sue relazioni con l'eliosfera, le atmosfere planetarie, e la Terra, contribuendo anche a migliorare la nostra conoscenza delle stelle simili al Sole e del ruolo della stella centrale nei sistemi planetari».

    Lo Science Advisory Group (SAG) di EST, che ha il compito di rivedere gli “Science Requirements” formulati nel 2010 per individuare le specifiche tecniche del telescopio, ed in particolare quelle relative a tutti gli strumenti di piano focale, presenterà in questa occasione i risultati dei lavori compiuti in questi mesi, ponendo al centro dell’attenzione diversi casi che condurranno alla definizione dei requisiti scientifici di EST.

    Il comitato scientifico organizzatore  del EST Science Meeting è formato da alcuni tra i maggiori specialisti del settore, appartenenti a vari e prestigiosi enti ed istituti di ricerca internazionali:

    Luca Belluzzi (IRSOL, CH), Mats Carlsson (UiO,NO), Manuel Collados Vera (IAC, ES), Jan Jurcak (CAS, CZ), Mihalis Mathioudakis (QUB, UK), Sarah Matthews (MSSL, UK), Robertus Erdelyi (Un. Sheffield, UK), Rolf Schlichenmaier (Co-Chair, KIS, DE), Dominik Utz (IGAM, AT), Francesca Zuccarello (Chair, UniCT, IT). Il comitato organizzativo locale è formato da diversi membri dell’Università di Catania e dell’INAF - Osservatorio Astrofisico di Catania, oltre che da membri di università e centri di ricerca spagnoli.

     

  • Giardini Naxos: I Carabinieri del Nucleo Subacquei di Messina riportano alla luce un ancora di epoca romana.

    Nella mattinata del 7 giugno 2018, personale del Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina, coadiuvato da personale della locale Stazione Carabinieri, su attivazione della Soprintendenza del Mare di Palermo, ha effettuato delle ricognizioni finalizzate all’individuazione di reperti di interesse archeologico nelle specchio di acque antistante il porticciolo turistico Saja di Giardini Naxos. E’ stato così che ad una profondità di 8 metri ed ad una distanza di circa 20 dalla riva, su un fondale sabbioso, hanno rinvenuto un ceppo d’ancora in piombo incastrato sotto una roccia. Il pesante manufatto, al termine di lunghe ed impegnative operazioni,  è stato riportato a galla dai sub dell’Arma.

    Il reperto, largo circa un metro e risalente presumibilmente ad epoca romana, sarà adesso custodito presso i locali del Parco Archeologico di Giardini Naxos.

    Il Nucleo Subacquei Carabinieri di Messina, istituito nell’agosto dello scorso anno per fronteggiare le esigenze operative dell’Arma nello Stretto di Messina disimpegna  compiti ordinariquali: ricerca e recupero nelle acque marine ed interne di corpi di reato, armi, munizioni, stupefacenti, cadaveri, relitti e qualsiasi altro materiale che, in tale ambiente, sia stato occultato o disperso; ispezioni e ricognizioni di relitti sommersi; soccorso in occasione di alluvioni ed allagamenti  e compiti eventuali: localizzazione e recupero di materiale di interesse archeologico; rilevamenti topografici e telecinematografici connessi con lo studio dei fondali; ispezioni e rilevamenti fotografici di infrastrutture subacquee; prelevamento di campioni biologici e concorso nelle ricerche subacquee di interesse scientifico; concorso nel rilevamento del grado di inquinamento delle acque; collaudi e verifiche di attrezzature ed apparati subacquei; assistenza a gare ed a campionati.

    Per le proprie attività il Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina si avvale del prezioso supporto operativo  della motovedetta classe 800 “Ganci”  - ormeggiata presso la Base navale Peloritana – condotta da un equipaggio di Carabinieri di grande esperienza  e professionalità, che arricchiscono oltremodo la capacità operativa del Nucleo Subacquei.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI