TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE

TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE In evidenza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di dimissioni presentata dall'attuale vicesindaco Andrea Raneri al Primo cittadino Eligio Giardina:

 

Signor Sindaco,

le scrivo questa mia per rassegnarle formalmente e irrevocabilmente le mie dimissioni, rimettendole il mandato che ho avuto l’onore e l’onere di ricevere il 22 giugno del 2017 quale vicesindaco e assessore alla Cultura in seno alla sua Giunta nel governo della Città. Questa mia determinazione è frutto di ponderate riflessioni e idee che da tempo si sono sempre più rafforzate, fino a divenire imprescindibili convincimenti. Solo lo spirito di servizio e l’abnegazione con il quale ho accolto queste responsabilità mi ha frenato nel procedere molto prima di questo giorno. Sono sicuro che questa mia determinazione le consentirà adesso di firmare il contratto con le suore Francescane. È tutto pronto deve solo firmare, non perda tempo. Sono sicuro che il responsabile dell’ufficio tecnico, ing. Massimo Puglisi, di cui lei ha grande stima – come riportano le sue innumerevoli dichiarazioni sui giornali – a lei non metterà bastoni tra le ruote.

Come ho avuto modo di rappresentarle in più occasioni e in più sedi, mentre lei onorava i buoni rapporti della città di Taormina con l’America del presidente Donald Trump, il 3 novembre scorso, io firmavo un contratto morale con i bambini, i genitori e i rappresentati scolastici per uscire fuori da un’emergenza che viene prima di tutti noi e di qualsiasi nostra aspirazione politica. Devono prevalere sempre le ragioni di ordine etico e morale a quelle di ordine politico e personale e con questo convincimento mi sono sempre mosso all’interno dell’Amministrazione da lei guidata.

Quando, ormai cinque anni fa, decisi di partecipare al suo progetto politico sapevamo entrambi che avrei potuto portare il mio contributo nell’amministrazione della città soprattutto per quanto concerne le tematiche ambientali. I seguenti successi elettorali, che la portarono a ricoprire la carica di primo cittadino, il positivo risultato ottenuto dalla lista “Taormina 2013” - ed il mio personale - determinarono la mia nomina alla presidenza del Consorzio Rete Fognante. Da allora, ho lavorato con impegno e dedizione, per la concretizzazione di un nuovo piano industriale che partiva dalla gestione in house dei servizi di depurazione per arrivare alla definizione di un sistema idrico integrato. Sul passaggio al Consorzio dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, è stato proprio il Comune di Taormina a frenare. Oltre ad un notevole risparmio sulle bollette dei contribuenti con il sistema idrico integrato avremmo raggiunto elevati standard di qualità e innovazione tecnologica proseguendo quanto avviato con la gestione in house. Gestendo direttamente i servizi di depurazione il Consorzio Rete Fognante ha risparmiato circa 300 mila euro l’anno, somme che abbiamo reinvestito nella manutenzione degli impianti con interventi capillari su tutta la condotta fognaria.

A fronte dei risultati ottenuti come presidente del Consorzio Rete Fognante a giugno dello scorso anno, a seguito delle dimissioni del vicesindaco Mario D’Agostino, mi ha proposto di entrare in Giunta per occuparmi di Servizi sociali, Cultura, Partecipate, Programmazione, Innovazioni e Risorse Tecnologiche, Patrimonio, Protezione Civile, Sport. Nelle deleghe da Lei assegnatemi non rientrava né la Pubblica Istruzione né i Lavori Pubblici, ma comunque non ho esitato ad aiutarla nella risoluzione dell’annoso problema delle scuole taorminesi. I bambini hanno il sacrosanto diritto di crescere e studiare in un luogo accogliente e sicuro. Partendo da questo intoccabile assunto mi sono subito attivato, studiando gli atti e verificando lo stato dei plessi scolastici taorminesi, per trovare la soluzione più consona al trasferimento degli alunni delle classi elementari di Taormina centro. La ricerca di una alternativa alla Ugo Foscolo mi ha portato all’istituto delle suore Francescane. Ho avviato i contatti con i responsabili dell’Istituto religioso, raggiunto l’accordo economico con la controparte e superato tutte le criticità che mi venivano sollevate dall’ufficio tecnico comunale. Adesso faccio un passo indietro, non mi interessa intestarmi nessuna “vittoria”, voglio solo che si arrivi in tempi brevi alla firma del contratto e che si rispettino gli impegni presi con le famiglie degli studenti.

 

La vicenda della scuola mi ha portato alla convinzione di essere diventato inadeguato rispetto ad un modo di fare politica che non condivido, che non comprendo e soprattutto che non mi appartiene. Una convinzione maturata anche a seguito alla valutazione del tutto negativa di come è stata gestita la liquidazione di Asm. Da assessore alle partecipate ho avviato una ricognizione sullo stato di salute dell’Azienda Servizi Municipalizzati. Le ho anche inviato una relazione per metterla a conoscenza delle criticità relative alla mancata approvazione dei bilanci di esercizio relativi agli anni 2014, 2015 e 2016; nella quale richiedevo un suo immediato intervento per accelerare la chiusura della fase di liquidazione. Richiesta che è rimasta lettera morta, salvo innescare un assurdo “mobbing politico”. Anche in questa legislatura si è persa l’occasione di rilanciare l’azienda cittadina e ridare dignità ai dipendenti. L'elenco delle occasioni mancate, purtroppo, è piuttosto lungo: dalla mancanza di controllo del territorio con una carenza cronica del personale di polizia municipale ai vari finanziamenti persi, dall'assenza totale di progettazione per i finanziamenti in essere alla viabilità lasciata alla buona volontà dei cittadini, dal piano spiaggia mai attuato che ha penalizzato la frazione di Mazzeo all'assenza di un progetto concreto per lo sviluppo di Trappitello, dalla villa comunale che cade a pezzi come del resto la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni alla mancata valorizzazione delle risorse umane del Comune che in cinque anni non hanno partecipato a nessun corso di aggiornamento e come non parlare anche del totale disastro all’asilo nido causato dagli scellerati provvedimenti intrapresi che hanno ridotto il numero dei bambini da 36 a 16 cagionando disagi alle famiglie e mi fermo perché l’elenco sarebbe troppo lungo.

Signor Sindaco non si possono raggiungere risultati positivi per la città e i cittadini con un impegno di due-tre ore al giorno e con una Giunta completamente in disaccordo con gli uffici. Taormina ha bisogno di un sindaco h24, che la mattina arrivi per primo ed esca per ultimo, che lavori d’intesa con la propria squadra e i dipendenti comunali per cercare di risolvere tutte le problematiche che interessano la città.

Chiudo questa mia, comunque ringraziandola per avermi dato, al tempo, fiducia ed oggi, suo malgrado, la convinzione che io possa contribuire più di  lei per il buon governo della città. 

 

Taormina, 19 marzo 2018
Andrea Raneri

000
Letto 790 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. BOLOGNARI SCENDE IN CAMPO. PRESENTATO IL SIMBOLO

    E’ stata presentata ieri nei locali dello storico bar Mocambo, la lista a supporto del candidato sindaco Mario Bolognari  denominata “La nostra Taormina”. Blue e giallo sono i colori che contraddistinguono il logo della squadra: al centro il disegno stilizzato a china del teatro antico della città, monumento visitato ogni anno da milioni di turisti. “Il nostro simbolo dà il nome alla nostra lista. La scelta della denominazione è stata  discussa a lungo e  - spiega Bolognari - vogliamo esprimere un concetto semplice:  Taormina deve essere nostra perche dobbiamo avere la capacità di difenderla, portarla avanti e rispettarla mettendola a servizio di milioni di turisti che vogliono avere l’ onore e il piacere di soggiornare qui da noi”.

    Il candidato sindaco Bolognari spiega poi la scelta del teatro come simbolo della lista: “Abbiamo scelto il Teatro antico stilizzato perché è l’attrazione maggiore della nostra Città. che abbiamo visitata da milioni di persone ogni anno”.

    Perché “La nostra Taormina”?

    “Perché ciascun cittadino – aggiunge Bolognari -  deve partecipare alla vita attiva ed è il cittadino che deve dire “questa è la mia Taormina”, ma non nel senso proprietario, ma nel senso dell’appartenenza della comunità, della condivisone di valori e obiettivi. Noi guardiamo la nostra comunità come se fosse seduta su quelle gradinate e che partecipa attivamente per decidere le sorti della propria città. Oggi, è chiaro, che  ci riuniamo sui social. Ma una cosa è certa – dice il candidato sindaco - non c’è nessuno che oggi potrebbe pensare da solo di tirare fuori Taormina da questa selva nelle quali si trova da un punto di vista finanziario: dobbiamo farlo tutti insieme. Quando mi chiedono, la tua squadra qual è, rispondo: tutti i cittadini di Taormina,  tutti quelli che votano per noi e soprattutto quelli che non lo faranno perchè a loro bisogna dare comunque voce.

    Sulla squadra che lo sosterrà anticipa: “Ci saranno tante donne, giovani il più piccolo ha 24 anni, ma ci sarà anche qualcuno di esperienza.”

    “Quello che stiamo costruendo – dice Bolognari -  è un progetto interessante che coinvolge persone molto diverse da me, dal punto di vista degli orientamenti politici, della generazione e delle idee. Questo mi consente di avere uno scambio costante  di opinioni con persone che la pensano diversamente da me e questo è fondamentale per la formazione di un programma che tenga conto dei punti di vista  di tutte le realtà. Le zone di Trappitello, Chianchitta, Bruderi le zone a mare da Mazzeo a Villagonia, hanno i loro bisogni, le loro esigenze e devono essere ascoltati. Tutte le frazioni  vivono della ricchezza di Taormina, ma è mal distribuita sul territorio. Della ricchezza milionaria che portano i turisti nella nostra città rimane solo il 30% - aggiunge Bolognari - e gran parte è costituta da salari pagati ai dipendenti i quali, nella maggior parte dei casi, non sono taorminesi. Dunque si esporta  ricchezza altrove. Ecco perché nonostante Taormina abbia il reddito pro capite più alto della Sicilia,  il Comune è vicino al dissesto”.

    Ecco cosa si propone Mario Bolognari nei primi giorni di governo cittadino:

    “Contrastare l’assalto al territorio perpetrato da coloro che vengono a Taormina, le grandi società:  non ho nulla contro di loro – specifica Bolognari -  ma bisogna discutere e mettere in chiaro le esigenze della città che non può essere sempre soccombente , il caso San Domenico è il più evidente. Ecco perchè la nostra Taormina, ecco perché dobbiamo essere noi a decidere”.  

    Poi Bolognari snocciola le priorità della squadra: “Al primo Consiglio comunale porteremo in aula, ed approveremo senza nessuna modifica la delibera di revisione generale del piano regolatore che nel 2004 è stato snaturato da una serie di emendamenti con il voto dei consiglieri di Taormina che si sono venduti letteralemente il territorio della nostra città. Verranno stabilite norme di salvaguardia generale – aggiunge Bolognari - che non consentiranno più di fare certi giochini”.

    “Un altro progetto importante è quello del volontariato civico – aggiunge Bolognari -  che prevede il coinvolgimento dei cittadini. Si tratta di una reale politica di cittadinanza attiva: i cittadini potranno occuparsi di opere di piccola manutenzione e pulizia della città delle zone verdi che oggi è impossibile farla con mezzi della pubblica amministrazione. Si faranno bandi e si creerà una lista dove i cittadini si propongono e si mettono a disposizione e che naturalmente verranno pagati. 

     A Taormina già molti cittadini senza una regia, senza riscontro e organizzazione”.

    Poi Bolognari punta l’accento sulla trasparenza: “Tutti sentono il bisogno di un canale di comunicazione permanente con il palazzo municipale che racconta l’attività amministrativa. E’ importante – aggiunge il candidato sindaco - perché il Comune prende delle decisioni e il cittadino deve essere informato e in quel momento diventa il controllore dell’amministrazione”.

    “Tra i nostri primi obiettivi - dice Bolognari - si può fare creare un ufficio per l’individuazione preparazione dei bandi europei a cui partecipare. Spesso il Comune li individua e poi li perde perché non è in grado di dare risposte tecniche adeguate”.

    Infine una promessa: “Lavoreremo alacremente e tutto ciò che faremo sarà un impegno a tempo pieno, non ci saranno giorni di vacanza”.  

  • TAORMINA. PESCA DI FRODO, 200 RICCI SEQUESTRATI A ISOLA BELLA

    Nella prima mattinata odierna, nell’ambito dei consueti controlli sul territorio finalizzati a tutelare l'ambiente marino e il rispetto delle leggi sulla pesca i militari della Guardia Costiera di Giardini Naxos – al comando del 1°M.llo Arizzi Cosimo Roberto – dopo una lunga attività di osservazione sono riusciti a bloccare un sub intento ad effettuare la pesca nelle acque prospicenti l’Isola Bella del Comune di Taormina.

    Al pescatore sono stati rinvenuti oltre 200 esemplari di ricci, ben oltre il quantitativo consentito per il pescatore sportivo (50 esemplari al giorno). Al trasgressore, quindi, è stata contestata una sanzione amministrativa per un ammontare di 4.000 Euro così come previsto dalla normativa in materia, procedendo al sequestro del pescato e di tutta l’attrezzatura utilizzata.

    L'operazione, oltre a tutelare le risorse ittiche, ha impedito la potenziale immissione illecita dell'echinoderma sul mercato e sulle tavole dei consumatori.

    I ricci sequestrati sono risultati ancora vivi e, nel rispetto della normativa vigente e dell'ecosistema marino, si è pertanto provveduto al loro rigetto in mare.

  • Hotel San Domenico di Taormina, Filcams-Cgil Messina: grave fase di stallo che avevamo temuto e che compromette il futuro dell’importante realtà del territorio

     “Una grave fase di stallo che avevamo temuto e che compromette il futuro della prestigiosa realtà alberghiera e dei posti di lavoro”, ribadiscono il segretario generale della Filcams-Cgil di Messina Francesco Lucchesi e il segretario provinciale Andrea Miano sull’hotel San Domenico di Taormina chiuso da qualche mese.

    Il sindacato della Cgil dei lavoratori del turismo nei giorni scorsi aveva ulteriormente chiesto immediata chiarezza sulle prospettive alla luce dei ritardi e dell’impasse sui lavori di ristrutturazione che allungano i tempi di ripresa delle attività e dell’occupazione.  La Filcams sin dall’inizio si è opposta ai piani prospettati dalla proprietà che ha avviato una procedura di mobilità nei confronti del personale.

    I segretari della Filcams in questi mesi hanno sollecitato con forza all’Amministrazione taorminese la convocazione di un incontro evidenziando come la vertenza del “San Domenico” deve vedere il coinvolgimento di tutte le forze del territorio per la difesa di un’importante realtà del territorio.

    La Filcams torna anche a sottolineare l’importanza dello strumento del  “Patto d’Area Comprensoriale per il Lavoro ed il Turismo” tra albergatori, organizzazioni di categoria e amministrazioni comunali non decollato e che sarebbe stato utile nella vertenza del “San Domenico”. Un’iniziativa per la tutela degli interessi dei lavoratori e per una politica di destagionalizzazione che – evidenzia ancora la Filcams – anche nel caso dell’hotel San Domenico viene messa in discussione. La Federazione provinciale dei lavoratori del turismo, dei servizi e del commercio in sede di confronto con l’azienda ha anche fortemente contestato la trasformazione dell’offerta turistica, una volta completati i lavori di ristrutturazione, da annuale a stagionale.

    La Filcams di Messina rinnova la propria disponibilità alla sottoscrizione del Patto per la crescita e lo sviluppo del settore turistico.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI