TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE

TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE In evidenza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di dimissioni presentata dall'attuale vicesindaco Andrea Raneri al Primo cittadino Eligio Giardina:

 

Signor Sindaco,

le scrivo questa mia per rassegnarle formalmente e irrevocabilmente le mie dimissioni, rimettendole il mandato che ho avuto l’onore e l’onere di ricevere il 22 giugno del 2017 quale vicesindaco e assessore alla Cultura in seno alla sua Giunta nel governo della Città. Questa mia determinazione è frutto di ponderate riflessioni e idee che da tempo si sono sempre più rafforzate, fino a divenire imprescindibili convincimenti. Solo lo spirito di servizio e l’abnegazione con il quale ho accolto queste responsabilità mi ha frenato nel procedere molto prima di questo giorno. Sono sicuro che questa mia determinazione le consentirà adesso di firmare il contratto con le suore Francescane. È tutto pronto deve solo firmare, non perda tempo. Sono sicuro che il responsabile dell’ufficio tecnico, ing. Massimo Puglisi, di cui lei ha grande stima – come riportano le sue innumerevoli dichiarazioni sui giornali – a lei non metterà bastoni tra le ruote.

Come ho avuto modo di rappresentarle in più occasioni e in più sedi, mentre lei onorava i buoni rapporti della città di Taormina con l’America del presidente Donald Trump, il 3 novembre scorso, io firmavo un contratto morale con i bambini, i genitori e i rappresentati scolastici per uscire fuori da un’emergenza che viene prima di tutti noi e di qualsiasi nostra aspirazione politica. Devono prevalere sempre le ragioni di ordine etico e morale a quelle di ordine politico e personale e con questo convincimento mi sono sempre mosso all’interno dell’Amministrazione da lei guidata.

Quando, ormai cinque anni fa, decisi di partecipare al suo progetto politico sapevamo entrambi che avrei potuto portare il mio contributo nell’amministrazione della città soprattutto per quanto concerne le tematiche ambientali. I seguenti successi elettorali, che la portarono a ricoprire la carica di primo cittadino, il positivo risultato ottenuto dalla lista “Taormina 2013” - ed il mio personale - determinarono la mia nomina alla presidenza del Consorzio Rete Fognante. Da allora, ho lavorato con impegno e dedizione, per la concretizzazione di un nuovo piano industriale che partiva dalla gestione in house dei servizi di depurazione per arrivare alla definizione di un sistema idrico integrato. Sul passaggio al Consorzio dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, è stato proprio il Comune di Taormina a frenare. Oltre ad un notevole risparmio sulle bollette dei contribuenti con il sistema idrico integrato avremmo raggiunto elevati standard di qualità e innovazione tecnologica proseguendo quanto avviato con la gestione in house. Gestendo direttamente i servizi di depurazione il Consorzio Rete Fognante ha risparmiato circa 300 mila euro l’anno, somme che abbiamo reinvestito nella manutenzione degli impianti con interventi capillari su tutta la condotta fognaria.

A fronte dei risultati ottenuti come presidente del Consorzio Rete Fognante a giugno dello scorso anno, a seguito delle dimissioni del vicesindaco Mario D’Agostino, mi ha proposto di entrare in Giunta per occuparmi di Servizi sociali, Cultura, Partecipate, Programmazione, Innovazioni e Risorse Tecnologiche, Patrimonio, Protezione Civile, Sport. Nelle deleghe da Lei assegnatemi non rientrava né la Pubblica Istruzione né i Lavori Pubblici, ma comunque non ho esitato ad aiutarla nella risoluzione dell’annoso problema delle scuole taorminesi. I bambini hanno il sacrosanto diritto di crescere e studiare in un luogo accogliente e sicuro. Partendo da questo intoccabile assunto mi sono subito attivato, studiando gli atti e verificando lo stato dei plessi scolastici taorminesi, per trovare la soluzione più consona al trasferimento degli alunni delle classi elementari di Taormina centro. La ricerca di una alternativa alla Ugo Foscolo mi ha portato all’istituto delle suore Francescane. Ho avviato i contatti con i responsabili dell’Istituto religioso, raggiunto l’accordo economico con la controparte e superato tutte le criticità che mi venivano sollevate dall’ufficio tecnico comunale. Adesso faccio un passo indietro, non mi interessa intestarmi nessuna “vittoria”, voglio solo che si arrivi in tempi brevi alla firma del contratto e che si rispettino gli impegni presi con le famiglie degli studenti.

 

La vicenda della scuola mi ha portato alla convinzione di essere diventato inadeguato rispetto ad un modo di fare politica che non condivido, che non comprendo e soprattutto che non mi appartiene. Una convinzione maturata anche a seguito alla valutazione del tutto negativa di come è stata gestita la liquidazione di Asm. Da assessore alle partecipate ho avviato una ricognizione sullo stato di salute dell’Azienda Servizi Municipalizzati. Le ho anche inviato una relazione per metterla a conoscenza delle criticità relative alla mancata approvazione dei bilanci di esercizio relativi agli anni 2014, 2015 e 2016; nella quale richiedevo un suo immediato intervento per accelerare la chiusura della fase di liquidazione. Richiesta che è rimasta lettera morta, salvo innescare un assurdo “mobbing politico”. Anche in questa legislatura si è persa l’occasione di rilanciare l’azienda cittadina e ridare dignità ai dipendenti. L'elenco delle occasioni mancate, purtroppo, è piuttosto lungo: dalla mancanza di controllo del territorio con una carenza cronica del personale di polizia municipale ai vari finanziamenti persi, dall'assenza totale di progettazione per i finanziamenti in essere alla viabilità lasciata alla buona volontà dei cittadini, dal piano spiaggia mai attuato che ha penalizzato la frazione di Mazzeo all'assenza di un progetto concreto per lo sviluppo di Trappitello, dalla villa comunale che cade a pezzi come del resto la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni alla mancata valorizzazione delle risorse umane del Comune che in cinque anni non hanno partecipato a nessun corso di aggiornamento e come non parlare anche del totale disastro all’asilo nido causato dagli scellerati provvedimenti intrapresi che hanno ridotto il numero dei bambini da 36 a 16 cagionando disagi alle famiglie e mi fermo perché l’elenco sarebbe troppo lungo.

Signor Sindaco non si possono raggiungere risultati positivi per la città e i cittadini con un impegno di due-tre ore al giorno e con una Giunta completamente in disaccordo con gli uffici. Taormina ha bisogno di un sindaco h24, che la mattina arrivi per primo ed esca per ultimo, che lavori d’intesa con la propria squadra e i dipendenti comunali per cercare di risolvere tutte le problematiche che interessano la città.

Chiudo questa mia, comunque ringraziandola per avermi dato, al tempo, fiducia ed oggi, suo malgrado, la convinzione che io possa contribuire più di  lei per il buon governo della città. 

 

Taormina, 19 marzo 2018
Andrea Raneri

000
Letto 846 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. MEO FUSCIUNI OSPITE DI NARCISSE PROFUMI. UN ALTRO GRANDE EVENTO NEL SEGNO DELL’ELEGANZA

    Ancora un altro grande evento in programma per Narcisse Erbe e Profumi, Profumeria Artistica dal 1986 nel cuore di Taormina.

    Dopo l’appuntamento con Tiziana Terenzi alla scoperta delle sue fragranze, Narcisse si prepara ad accogliere Meo Fusciuni.

    Aromatario, ricercatore di memorie olfattive e voce del suo cammino, Meo Fusciuni sarà a Taormina per presentare il suo nuovo profumo Little song, che apre il Ciclo della Metamorfosi.

    L’evento è in programma per domani venerdì 20 alle ore 18 presso Narcisse, corso Umberto n.33 Taormina.

    Nato dalla definizione artistica di profumo come memoria olfattiva, Meo Fusciuni mescola fragranze che rimandano a momenti di vita vissuta attraverso gli odori, in una collezione emozionante e unica, la visione olfattiva di un artista nomade e moderno.

    Oggi Meo Fusciuni è un marchio italiano indipendente, dove la progettualità ha confini nella ricerca della memoria olfattiva; ieri nel viaggio nomade, oggi nella poesia, domani nella mistica.

    Meo Fusciuni è liquido odoroso e materia che lo contiene, il linguaggio poetico che lo racconta è racchiuso in un profumo, in un viaggio che dura una vita. 

    "Prima la piramide poetica, poi quella olfattiva, è questo il mio pensiero, l'odore prima del profumo, la poesia prima della molecola.  Per Me creare, dice Fusciuni, è un'arte, è un modo per riproporre emozioni e sensazioni vissute,  in modo che non ne nascano solo dei profumi da indossare, ma siano un mezzo per identificare un'espressione artistica."

    “Chi siamo se non chi troviamo davanti al nostro cammino, al nostro viaggio; l’incontro è l’incanto, la luce che ogni nostro pensiero percorre per arrivare in un altro mondo, in un’altra visione. La ricerca è in un mondo indefinibile chiamato profumo. Un viaggio lungo una vita. E noi siamo una piccola canzone, lontani dal mio e dal tuo tempo”.

     

    meo fusciuni

    www.meofusciuni.com

     

     

     

  • TAORMINA. MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA, DANNEGGIAMENTO, FURTO, VIOLENZA PRIVATA, LESIONI E MINACCIA NEI CONFRONTI DELLE PROPRIE COMPAGNE ED EX COMPAGNE: QUATTRO ARRESTI DEI CARABINIERI DI TAORMINA.

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina, in Graniti, Taormina, Giardini Naxos e Calatabiano, nell’ultima settimana, hanno tratto in arresto 4 soggetti di cui 3 italiani ed un cittadino straniero poiché resisi responsabili a vario titolo di maltrattamenti in famiglia, danneggiamento, violenza privata, Stalking.
    Nel primo dei quattro casi a finire in manette un cittadino calatabianese, classe’ 85 poiché i militari dell’Arma in seguito a complessa attività investigativa hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Messina poichè l’uomo si era reso responsabile nei confronti dell’ex fidanzata, di cui non accettava il suo allontanamento, di atti persecutori, percosse, violenza privata e furto. Nel caso di specie le attività d’indagine condotte nelle immediatezze dei fatti e coordinate dalla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Messina hanno consentito di raccogliere, in pochi giorni, un quadro indiziario molto grave sfociato poi nella misura cautelare anzidetta.
    In Giardini Naxos i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto un cittadino italiano, giardinese, classe’ 58 accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali commessi in danno dell’anziana madre.
    I militari infatti dopo essere intervenuti presso l’abitazione dell’uomo, su indicazione della vittima, trovavano la donna in forte stato di agitazione e con evidenti segni di percosse. La donna riferiva ai Carabinieri di essere stata colpita per l’ennesima volta dal proprio figlio per futili motivi. La stessa traportata presso l’Ospedale di Taormina veniva riscontrata affetta da diverse ferite lacero contuse per cui otteneva una prognosi di giorni 15. L’arrestato al termine delle formalità di rito veniva tradotto presso il proprio domicilio in attesa di essere giudicato con rito direttissimo innanzi alla competente Autorità Giudiziaria di Messina.
    Solo qualche giorno dopo sempre in Giardini Naxos militari dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti in quel comune poiché un cittadino tunisino classe ’88 si era reso responsabile di maltrattamenti in famiglia e danneggiamento nei confronti della propria compagna, anch’ella straniera, classe’ 76. I carabinieri dopo la segnalazione della donna, prontamente intervenuti sul posto, sorprendevano l’uomo allorquando, sotto l’effetto di sostanze alcoliche, dopo aver sfondato la porta d’ingresso di casa picchiava selvaggiamente la vittima che, trasportata presso l’ospedale di Taormina veniva giudicata guaribile in giorni 15 a causa delle percosse ricevute.
    Anche in questo caso l’aggressore è stato trattenuto presso il proprio domicilio per poi essere giudicato con rito direttissimo.
    In Graniti i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto un sorvegliato speciale classe ‘89 poiché accusato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della propria compagna e violazione degli obblighi imposti dall’Autorità Giudiziaria.
    I militari di Graniti infatti intervenuti su disposizione della dipendente centrale operativa sorprendevano l’aggressore al di fuori del proprio domicili in orario non consentito ed assistendo peraltro alle continue minacce proferite all’indirizzo della stessa donna e dei familiari di questa.
    Anche in questo caso la donna visitata presso il locale nosocomio di Taormina otteneva 15 giorni di prognosi a causa delle botte ricevute.
    Le denunzie da parte delle vittime di maltrattamenti in famiglia, stalking, violenze di genere e nei confronti di minori sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela.
    L'immediatezza della risposta della Polizia Giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell'affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Messina, che ha stabilito precise modalità operative per giungere quanto più rapidamente possibile a tutelare tutte le vittime vulnerabili.

  • TAORMINA. RISSA ALL’ ISOLA BELLA . EDDY TRONCHET SCRIVE AL QUESTORE

    Una lite, l’ennesima scoppiata all’Isola Bella tra due “ bande” rivali di barcaioli ha scatenato il panico tra i tanti bagnanti che affollavano la spiaggia.

    E’ successo lo scorso venerdì mattina quando erano da poco trascorse le 11.

    A raccontarlo attraverso una nota inviata al Questore, al Sindaco di Taormina, ai consiglieri comunali e al Cutgana che gestisce la riserva, è stato  Eddy Tronchet, guida turistica e candidato sindaco alle ultime elezioni amministrative.

    Questa la ricostruzione dei fatti riportata da Tronchet:

    “ Nel tratto di spiaggia libera alla fine della scalinata principale ed a ridosso di uno dei Lidi più noti della spiaggia, il Mendolia Club, si sono affrontati due gruppi composti da una decina di uomini che se le sono date di santa ragione. Una poliziotta non in divisa ha tentato invano di intervenire mostrando il tesserino della Polizia di Stato. Teste insanguinate, sedie scaraventate in aria, scompiglio generale, arrivo del 118, terrore tra i numerosi clienti del Lido e della spiaggia libera, questo in sintesi il racconto dei testimoni che hanno assistito a questo indecente spettacolo di “operatori” irresponsabili e indegni di vivere in un luogo come Taormina.”

    Alla luce di quanto accaduto Tronchet chiede l’intervento della Questura di Messina in merito ai reati commessi; l'apertura di un'indagine sulle persone medicate in ospedale in seguito alle ferite ricevute ed il sequestro dei mezzi natanti intestati a coloro i quali verranno ritenuti responsabili dei fatti ed il ritiro delle licenze concesse dalle autorità.

    “ I testimoni, evidenzia Tronchet,  sono a disposizione delle autorità preposte per il rilascio di dichiarazione in merito ai fatti accaduti. Non si può e non si deve più consentire a taluni energumeni, prosegue Tronchet, di mettere in atto comportamenti di una violenza inaudita nel bel mezzo di centinaia di turisti stranieri e bagnanti locali. Ledere l’immagine della Città di Taormina ai fini di un personale profitto come è già accaduto l’anno scorso tra due noti ristoranti locali deve essere severamente sanzionato e non solo sulla base del codice penale. Gli incidenti simili passati sotto silenzio sono numerosi e non verranno più tollerati dalla cittadinanza sana e propositiva di Taormina.

    Nel 2017 varie associazioni imprenditoriali ed operatori turistici regionali avevano già denunciato pubblicamente la gravità delle condizioni di degrado in cui versa Isola Bella. L’incidente di venerdi scorso è una conferma, se ce ne fosse bisogno, della completa anarchia gestionale in cui da tempo versano la Città di Taormina ed il suo territorio!

    Il Sindaco Mario Bolognari, aggiunge Tronchet, è chiamato ad una presa di posizione energica quanto risolutiva dei problemi evidenziati e, si suggerisce, ad avviare le pratiche per la costituzione del PARCO MARINO DI TAORMINA. Si fa notare che laddove esistono i parchi marini con regole precise fatte rispettare, le attività produttive ad essi connesse ne hanno avuto solo benefici. 

    Si chiede al Sindaco di Taormina, alla Giunta Comunale ed al Consiglio Comunale di Taormina, conclude la nota,  di prendere atto della situazione fuori controllo di Isola Bella e di valutare immediatamente una serie di contromisure per ripristinare l’ordine nelle spiagge dei Taorminesi!”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI