TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE

TAORMINA. SI DIMETTE ANDREA RANERI: INADEGUATO RISPETTO AD UN MODO DI FARE POLITICA CHE NON MI APPARTIENE In evidenza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di dimissioni presentata dall'attuale vicesindaco Andrea Raneri al Primo cittadino Eligio Giardina:

 

Signor Sindaco,

le scrivo questa mia per rassegnarle formalmente e irrevocabilmente le mie dimissioni, rimettendole il mandato che ho avuto l’onore e l’onere di ricevere il 22 giugno del 2017 quale vicesindaco e assessore alla Cultura in seno alla sua Giunta nel governo della Città. Questa mia determinazione è frutto di ponderate riflessioni e idee che da tempo si sono sempre più rafforzate, fino a divenire imprescindibili convincimenti. Solo lo spirito di servizio e l’abnegazione con il quale ho accolto queste responsabilità mi ha frenato nel procedere molto prima di questo giorno. Sono sicuro che questa mia determinazione le consentirà adesso di firmare il contratto con le suore Francescane. È tutto pronto deve solo firmare, non perda tempo. Sono sicuro che il responsabile dell’ufficio tecnico, ing. Massimo Puglisi, di cui lei ha grande stima – come riportano le sue innumerevoli dichiarazioni sui giornali – a lei non metterà bastoni tra le ruote.

Come ho avuto modo di rappresentarle in più occasioni e in più sedi, mentre lei onorava i buoni rapporti della città di Taormina con l’America del presidente Donald Trump, il 3 novembre scorso, io firmavo un contratto morale con i bambini, i genitori e i rappresentati scolastici per uscire fuori da un’emergenza che viene prima di tutti noi e di qualsiasi nostra aspirazione politica. Devono prevalere sempre le ragioni di ordine etico e morale a quelle di ordine politico e personale e con questo convincimento mi sono sempre mosso all’interno dell’Amministrazione da lei guidata.

Quando, ormai cinque anni fa, decisi di partecipare al suo progetto politico sapevamo entrambi che avrei potuto portare il mio contributo nell’amministrazione della città soprattutto per quanto concerne le tematiche ambientali. I seguenti successi elettorali, che la portarono a ricoprire la carica di primo cittadino, il positivo risultato ottenuto dalla lista “Taormina 2013” - ed il mio personale - determinarono la mia nomina alla presidenza del Consorzio Rete Fognante. Da allora, ho lavorato con impegno e dedizione, per la concretizzazione di un nuovo piano industriale che partiva dalla gestione in house dei servizi di depurazione per arrivare alla definizione di un sistema idrico integrato. Sul passaggio al Consorzio dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, è stato proprio il Comune di Taormina a frenare. Oltre ad un notevole risparmio sulle bollette dei contribuenti con il sistema idrico integrato avremmo raggiunto elevati standard di qualità e innovazione tecnologica proseguendo quanto avviato con la gestione in house. Gestendo direttamente i servizi di depurazione il Consorzio Rete Fognante ha risparmiato circa 300 mila euro l’anno, somme che abbiamo reinvestito nella manutenzione degli impianti con interventi capillari su tutta la condotta fognaria.

A fronte dei risultati ottenuti come presidente del Consorzio Rete Fognante a giugno dello scorso anno, a seguito delle dimissioni del vicesindaco Mario D’Agostino, mi ha proposto di entrare in Giunta per occuparmi di Servizi sociali, Cultura, Partecipate, Programmazione, Innovazioni e Risorse Tecnologiche, Patrimonio, Protezione Civile, Sport. Nelle deleghe da Lei assegnatemi non rientrava né la Pubblica Istruzione né i Lavori Pubblici, ma comunque non ho esitato ad aiutarla nella risoluzione dell’annoso problema delle scuole taorminesi. I bambini hanno il sacrosanto diritto di crescere e studiare in un luogo accogliente e sicuro. Partendo da questo intoccabile assunto mi sono subito attivato, studiando gli atti e verificando lo stato dei plessi scolastici taorminesi, per trovare la soluzione più consona al trasferimento degli alunni delle classi elementari di Taormina centro. La ricerca di una alternativa alla Ugo Foscolo mi ha portato all’istituto delle suore Francescane. Ho avviato i contatti con i responsabili dell’Istituto religioso, raggiunto l’accordo economico con la controparte e superato tutte le criticità che mi venivano sollevate dall’ufficio tecnico comunale. Adesso faccio un passo indietro, non mi interessa intestarmi nessuna “vittoria”, voglio solo che si arrivi in tempi brevi alla firma del contratto e che si rispettino gli impegni presi con le famiglie degli studenti.

 

La vicenda della scuola mi ha portato alla convinzione di essere diventato inadeguato rispetto ad un modo di fare politica che non condivido, che non comprendo e soprattutto che non mi appartiene. Una convinzione maturata anche a seguito alla valutazione del tutto negativa di come è stata gestita la liquidazione di Asm. Da assessore alle partecipate ho avviato una ricognizione sullo stato di salute dell’Azienda Servizi Municipalizzati. Le ho anche inviato una relazione per metterla a conoscenza delle criticità relative alla mancata approvazione dei bilanci di esercizio relativi agli anni 2014, 2015 e 2016; nella quale richiedevo un suo immediato intervento per accelerare la chiusura della fase di liquidazione. Richiesta che è rimasta lettera morta, salvo innescare un assurdo “mobbing politico”. Anche in questa legislatura si è persa l’occasione di rilanciare l’azienda cittadina e ridare dignità ai dipendenti. L'elenco delle occasioni mancate, purtroppo, è piuttosto lungo: dalla mancanza di controllo del territorio con una carenza cronica del personale di polizia municipale ai vari finanziamenti persi, dall'assenza totale di progettazione per i finanziamenti in essere alla viabilità lasciata alla buona volontà dei cittadini, dal piano spiaggia mai attuato che ha penalizzato la frazione di Mazzeo all'assenza di un progetto concreto per lo sviluppo di Trappitello, dalla villa comunale che cade a pezzi come del resto la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni alla mancata valorizzazione delle risorse umane del Comune che in cinque anni non hanno partecipato a nessun corso di aggiornamento e come non parlare anche del totale disastro all’asilo nido causato dagli scellerati provvedimenti intrapresi che hanno ridotto il numero dei bambini da 36 a 16 cagionando disagi alle famiglie e mi fermo perché l’elenco sarebbe troppo lungo.

Signor Sindaco non si possono raggiungere risultati positivi per la città e i cittadini con un impegno di due-tre ore al giorno e con una Giunta completamente in disaccordo con gli uffici. Taormina ha bisogno di un sindaco h24, che la mattina arrivi per primo ed esca per ultimo, che lavori d’intesa con la propria squadra e i dipendenti comunali per cercare di risolvere tutte le problematiche che interessano la città.

Chiudo questa mia, comunque ringraziandola per avermi dato, al tempo, fiducia ed oggi, suo malgrado, la convinzione che io possa contribuire più di  lei per il buon governo della città. 

 

Taormina, 19 marzo 2018
Andrea Raneri

000
Letto 875 volte

Articoli correlati (da tag)

  • A18. RIPRISTINO SEGNALETICA NELLA TRATTA TRA TAORMINA E SAN GREGORIO

    Sono stati avviati i lavori di ripristino della segnaletica orizzontale e verticale nella tratta autostradale della A18 compresa tra lo Svincolo di Taormina e lo Svincolo di San Gregorio di Catania, in entrambe le direzioni di marcia e relativi svincoli.

    Gli interventi – che si svolgeranno senza interrompere la circolazione in orario diurno e, se necessario, anche nelle ore notturne - si concluderanno entro il 23 novembre 2018.

    Per potere eseguire le manutenzioni di volta in volta saranno parzializzate la corsia di marcia, di sorpasso o di emergenza.

    In corrispondenza del cantiere è stato posto il divieto di sorpasso. Limite di velocità 60 km/h e nelle rampe degli svincoli in 40km/h.

    In loco segnaletica con indicazione lavori e deviazioni.

    Ditta esecutrice Consorzio Stabile F2B di Roma con la S.C.A. UNIPERSONALE srl di Messina.

    Spesa con fondi CAS.

  • TAORMINA. GIARDINA REPLICA A FARACI E ACCUSA LA MAGGIORANZA DI IMMOBILISMO

    In merito alle polemiche di questi giorni sul Consiglio comunale e alle discussioni a seguito della seduta di giovedì scorso, interviene il consigliere di minoranza Claudio Giardina con alcune considerazioni, in riferimento in particolar modo alle dichiarazioni del consigliere Faraci.

    “Sarebbe opportuno, afferma Giardina,  che il consigliere Faraci, di cui ho avuto modo di leggere un comunicato stampa a commento della recente seduta consiliare, si prodighi maggiormente ad aiutare gli assessori a produrre delibere e a farle arrivare in Consiglio comunale. In questo modo potremmo evitare che arrivino ai consiglieri comunali delle proposte di delibera non deliberabili, che poi vengono ritirate come quella sulle sponsorizzazioni. La realtà dei fatti è che sino a questo momento il Consiglio Comunale ha prodotto poco o nulla, solo la delibera sulla toponomastica. Dobbiamo quindi dedurre che la toponomastica è la priorità dell'azione amministrativa di questa maggioranza? Lo "show mediatico" che viene addebitato a noi è  in verità quello di coloro i quali pubblicano foto e video a tutte le ore sui social network anziché pensare al Comune di Taormina, in presenza di una Amministrazione in evidente difficoltà che ha prodotto poco o nulla nei suoi primi 100 giorni. Il consigliere Faraci parla di "supporto alla Presidenza" e fa bene, perchè la presidente non svolge il suo ruolo come dovrebbe. E' stata eletta per essere presidente di tutti, ruolo che sin qui non ha rispettato, rappresentando solo la maggioranza. Invito quindi il consigliere Faraci, e gli altri consiglieri che sin qui hanno fatto scena muta, ad alzarsi in Consiglio comunale e parlare. Non basta alzare la mano per votare, non basta alzare la mano per fare un video con lo smartphone. Noi riconosciamo il nostro ruolo di opposizione e cerchiamo di farlo con senso di responsabilità, e se questa Amministrazione non ha prodotto nulla non è colpa nostra. Taormina ha bisogno di risposte ai problemi del territorio che devono essere affrontati cercando soluzioni concrete nelle sedi istituzionali, e non trascorrendo gran parte del tempo sui social postando foto e video pensando che sia quello lo strumento per ottenere consenso. La realtà, la vita reale, la nostra città sono un'altra cosa.

    In questi primi 100 giorni di legislatura, prosegue Giardina,  noi dell'opposizione non siamo mai stati coinvolti in nessuna iniziativa. E' questa la collaborazione che ci chiede la maggioranza? Sia chiaro che non intendiamo fare le "comparse" in Consiglio comunale, faremo un'opposizione seria e costruttiva nell'interesse della città e a prescindere dai colori politici. Alcuni assessori di questa Giunta sono stati esortati a più riprese a confrontarsi, ma è evidente che sono già in difficoltà. Noi siamo disposti a dare una mano affinché si trovino le soluzioni per la città, ma il bilancio di questi primi 100 giorni è sotto gli occhi di tutti. Il Prg doveva arrivare in discussione alla prima seduta di Consiglio comunale. Stesso discorso vale per il progetto di ristrutturazione del San Domenico Palace: non è avvenuto nulla di tutto ciò. E su Asm su non si conosce quale sia l'intendimento di questa maggioranza.

    Le uniche dichiarazioni di questa Amministrazione al momento sono state non politiche ma soltanto mediatiche come sul Lodo Impregilo, sulla Ztl e sul depotenziamento dell’ospedale S.Vincenzo di Taormina. Proprio su quest’ultima problematica, corre l’obbligo ricordare che noi siamo stati, siamo e saremo sempre per la difesa dell'ospedale di Contrada Sirina, un bene che appartiene a tutti i cittadini non soltanto di Taormina ma dell'intero comprensorio. Quindi, conclude Giardina, nessuno strumentalizzi questa vicenda soltanto per trarne non si sa bene quale vantaggio politico. Aiutare l'ospedale e impegnarsi per Taormina sono impegni importanti che impongono senso di responsabilità e lavoro vero. Non sterili polemiche online.”

  • TAORMINA. RIAPRE IL GIARDINO DI PALAZZO CORVAJA

    Grazie alla collaborazione  tra il Comune di Taormina e l'associazione culturale Dionysos presieduta dal m° Cesare Filistad, il giardino, chiuso da diversi anni, che versava in stato di abbandono è stato riaperto e riconsegnato alla fruizione pubblica dei cittadini e dei turisti.

    Uno dei polmoni verdi della città riprende la sua funzione con in aggiunta l'organizzazione di piccoli eventi culturali, esposizioni e mostre d'arte. Un pratico esempio di collaborazione tra una pubblica amministrazione attenta alle necessità culturali di una città ed una associazione di persone che da amanti della cultura e della propria terra che dimostra come sia possibile fare le cose senza gravare sulle casse comunali ma con la collaborazione di volontari e piccoli sponsor rendere possibile ciò che a volte la burocrazia, la poca attenzione della politica, rendono complicato.

    “Ringraziamo l'amministrazione comunale – dice Giuseppe Filistad project manager dell'associazione Dionysos -  per aver subito recepito ed attenzionato una nostra proposta consentendoci così di fare qualcosa di concreto per la comunità taorminese e i tanti turisti che già dal primo momento di apertura dei cancelli hanno visitato questo luogo così suggestivo e pieno di storia. Questo pur essendo un progetto a tempo determinato, infatti l'affidamento è fino al 30 ottobre, speriamo faccia da apripista alle collaborazioni tra pubblico e privato, no profit, che permetta l'apertura di altri luoghi comunali ad oggi abbandonati.”

    Il Giardino di Palazzo Corvaja sarà aperto tutti i giorni dalle 9,30 alle 12,00 e dalle 16,00 alle 22,00 ed è ad ingresso libero.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI