GIARDINI NAXOS. DIMISSIONI DEL CAPOGRUPPO DI MAGGIORANZA. ALESSANDRO COSTANTINO: ADESSO  IL SINDACO VALUTI LE DIMISSIONI

GIARDINI NAXOS. DIMISSIONI DEL CAPOGRUPPO DI MAGGIORANZA. ALESSANDRO COSTANTINO: ADESSO IL SINDACO VALUTI LE DIMISSIONI In evidenza

L’ultimo consiglio comunale ha messo a nudo le tante contraddizioni interne alla maggioranza che sostiene il sindaco Nello Lo Turco.

Ieri sera, all’inizio della seduta del Civico Consesso, Giancarlo Lo Turco ha rassegnato le proprie dimissioni da capogruppo di “Duc in altum”, gruppo di maggioranza che sostiene il Sindaco e lo ha fatto in aperta polemica con i consiglieri comunali del proprio gruppo, colpevoli di non essersi presentati in consiglio.

La vicenda ha inevitabilmente suscitato la reazione del gruppo di minoranza che in una nota oggi stigmatizza l'accaduto.

"Questo atto, si legge in una nota a firma dei consiglieri  Alessandro Costantino, Valentina Sofia, Angelo Cundari e Mario Sapia, è l’ultimo di tutta una serie di distinguo all’interno della maggioranza e dell’Amministrazione attiva, logorata da lotte intestine e ormai incapace anche solo di mantenere il numero legale in aula.

 E’ chiaro a tutti che l’esperienza dell’Amministrazione Lo Turco sia ormai giunta al capolinea e la situazione in cui versa Giardini Naxos ne è lo specchio.

 Ci aspettiamo, concludono all'unisono,  che il Sindaco rifletta seriamente su questa situazione e tragga le dovute conclusioni, per evitare alla nostra Città altri due anni di ingiustificata agonia."

 

000
Letto 1357 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Intensificati i controlli della Guardia di Finanza. Dalla baia di Giardini Naxos alle vie del centro di Taormina è caccia agli abusivi.

    Continuano i controlli delle Fiamme Gialle nei confronti delle attività commerciali abusive nelle aree costiere e balneari della perla. Ieri mattina il blitz dei militari del Comando Provinciale e della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Messina contro gli abusivi delle gite turistiche in barca.

    Le Fiamme Gialle hanno constatato complessivamente n. 44 mancate emissioni di scontrini fiscali, effettuato nr. 18 controlli in materia di sommerso di lavoro rilevando n. 6 lavoratori in nero e controllato 14 natanti, verbalizzandone n. 12, che esercitavano l’attività di noleggio per gite turistiche lungo il litorale senza le prescritte autorizzazioni e le dovute dotazioni di sicurezza a bordo, condotte, in taluni casi, da personale addirittura sprovvisto della patente nautica e comunque non in regola con le previste normative previdenziali e assicurative. I n. 6. lavoratori in nero sono stati tutti scoperti all’opera ed impiegati a bordo o presso gli stand che sul lungo mare di Giardini Naxos (ME) promuovono gite turistiche in barca lungo il litorale della perla dello Jonio, omettendo tra l’altro, come riscontrato dai finanzieri di Taormina (ME) con la constatazione di ben 44 casi di mancata emissione, il rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale.

    L’operazione è stata condotta anche via mare con l’ausilio di 2 vedette classe 2000 del Comparto Aereonavale della Guardia di Finanza a cui dal 2017, è stata affidata la “sicurezza del mare”, assegnandole compiti di ordine e sicurezza pubblica che si aggiungono alle consolidate attività di polizia economico finanziaria, proprie della Guardia di Finanza. Il fenomeno del mancato rilascio del documento fiscale e del lavoro “nero” ed “irregolare”, nonché le connesse manifestazioni di illegalità, è una realtà che maggiormente nella stagione estiva, attesa l’elevatissima vocazione turistica del litorale ionico, va ad inquinare il mercato e l’economia legale, a discapito di tutti i cittadini e le aziende che operando nel rispetto della legalità, subiscono più direttamente il costo sociale di tali comportamenti illeciti.

  • GIARDINI NAXOS. RINVENUTO CADAVERE IN MARE

    Macabro rinvenimento nella tarda mattinata di oggi nelle acque del mare di Giardini Naxos. Una sagoma che galleggiava, la preoccupazione che potesse trattarsi di qualcuno in difficoltà ed immediati scattano i soccorsi.

    La Guardia Costiera di Giardini Naxos è intervenuta dopo le segnalazioni di alcuni bagnanti ma quando si è avvicinata al corpo che galleggiava ci si è ben presto resi conto che non c'era più nulla da fare. Il cadavere era infatti ormai in avanzato stato di decomposizione.

    Da molto tempo in acqua e vittima presumibilmente di un incidente in mare. Si tratterebbe di un uomo, l'abbigliamento farebbe pensare ad un pescatore di cui non sè ancora stato possibile ricostruire l'identità, visto anche lo stato del corpo che si presentava decapitato.

    La salma è stata consegnata all'autorità giudiziaria per procedere agli accertamenti sull'identità.

     

  • TAORMINA. MOBILITÀ SOSTENIBILE E VIE DI COLLEGAMENTO TERRITORIALE. LA PROPOSTA DI LEGAMBIENTE

    Unire le forze per proporre, insieme alle associazioni dei promotori turistici, servizi, soluzioni e offerte di mobilità elettrica e sostenibile ai turisti che giungono anche da lontano. E’ la proposta che il locale circolo di Legambiente ha inoltrato agli amministratori di Castelmola, Giardini, Francavilla, Letojanni e Taormina.

    Mezzi, servizi, itinerari, che vanno dalla bicicletta (e-bike), le due ruote (moto e scooter elettrici) alle auto elettriche e all’intermodalità con treno, bus, dall’aeroporto, al porto, alla ferrovia, a disposizione inizialmente dei turisti, ma in prospettiva anche degli operatori, dei servizi comunali e in seguito della popolazione residente, sino a creare le condizioni, nell’arco di un decennio, per realizzare nel comprensorio una zona di traffico a emissioni zero e priva di rumori da traffico.

    << Un turismo di qualità, evidenzia la presidente del circolo Annamaria Nossing,  è favorito dalla mobilità sostenibile e dall’esistenza di piste ciclabili. Sottolineando che "Per itinerario o percorso ciclabile ci si riferisce ad un tracciato su corsia riservata od in promiscuo con le automobili che garantisca comunque un sufficiente grado di sicurezza per poter essere proposto a dei ciclisti anche di media-bassa abilità e sicurezza. Le piste ciclabili invece sono percorsi particolari, dedicati alla mobilità ciclistica come definito dal DECRETO MINISTERIALE 30 novembre 1999, n. 557 Regolamento recante norme per la definizione delle caratteristiche tecniche delle piste ciclabili" >>.

    Altro grave problema riguarda poi i collegamenti con i centri della Valle Alcantara, e coinvolge  non solo i turisti, ma anche i malati e i parenti che devono raggiungere l’ospedale e specialmente i tanti lavoratori che ogni giorno devono usare la macchina per arrivare al loro posto di lavoro a Taormina e a Giardini Naxos.

    Per quanto riguarda le scuole invece, Legambiente suggerisce di ripensare il modo in cui gli alunni e le alunne arrivano e partono da Scuola, soprattutto negli orari di inizio e fine lezioni.

    Favorire l'utilizzo degli attuali Scuolabus, scoraggiando con divieti di sosta e vigilanza l' abitudine dei genitori di accompagnare i figli, anche se residenti in zone prossimali. Promuovere in parallelo iniziative ambientaliste su base volontaria,  sul modello della Campagna Legambiente " Andiamo a scuola a piedi", (Pedibus). Premiare a livello scolastico in accordo con il corpo docente i comportamenti virtuosi dei discenti. A medio termine reperire Scuolabus a trazione elettrica non inquinante.

    A tale proposito il Circolo Legambiente Taormina Valle Alcantara si propone per un tavolo tecnico e mette a disposizione le proprie competenze e la propria attività di volontariato per uno studio che preveda una rimodulazione del piano viario in senso generale.

    In particolare in riferimento al Comune Castelmola Legambiente chiede all’amministrazione di  farsi promotore e a farsi carico di un accordo con Enel (o altro installatore)  per il posizionamento di colonnine di ricarica per auto elettriche nei suoi parcheggi comunali;  di attenzionare e ripristinare nelle sue criticità il percorso di collegamento fra Castelmola e la zona di Mastrissa/Currò per renderlo in sicurezza come tracciato pedonale e ciclabile; di attenzionare e ripristinare nelle sue criticità il percorso di collegamento fra le zone Trupiano e Trappitello rendendo il persorso se non carrabile almeno pedonale e ciclabile.

    Al  Comune Taormina invece inoltrano la richiesta a farsi promotore e a farsi carico di un accordo con Enel (o altro installatore) per il posizionamento di colonnine di ricarica per auto elettriche in tutti i parcheggi comunali; di essere promotore di accordi fra gli alberghi che dispongono di area parcheggio o di garage perché si attrezzino di colonnine ricarica per auto elettriche.

    Riflettori accesi anche sul problema dello scarico merci per le forniture merci in area pedonale. Legambiente chiede un tavolo di concertazione fra commercianti, albergatori, fornitori, il Circolo per stabilire orari e termini di consegna merci e aree carico/scarico idonee nel contesto urbano; imporre limitazioni ai veicoli effettuanti consegne, fino al divieto assoluto, di transito nel Corso e nel Centro Storico, eccetto mezzi di emergenza, o specialmente autorizzati. Creare un servizio presso aree carico/scarico di consegne con mezzi elettrici con trasferimento delle merci da recapitare. In ogni caso, favorire in modo crescente i veicoli elettrici e le cargo bike  elettriche (ad esempio vincolando la tipologia di mezzo sulla base della capacità inquinante, con vincoli di fasce orarie ristrette e progressivo divieto di transito a mezzi non elettrici nelle aree pedonali.

    Per quanto riguarda il comune Giardini Naxos Legambiente invita l’amministrazione a farsi promotore e a farsi carico di un accordo con Enel (o altro installatore) per il posizionamento di colonnine di ricarica per auto elettriche in tutti i parcheggi comunali; di essere promotore di accordi fra gli alberghi che dispongono di area parcheggio o di garage perché si attrezzino di colonnine ricarica per auto elettriche; a ripristinare  il sentiero Tende che collega il centro storico con Mastrissa, ed è un bellissimo e panoramico percorso di trekking, ora così richiesto dai turisti;  insieme al Comune di Taormina,  a rendere praticabile il percorso che congiunge via Moscatella con via Fondaco D'Accorso in modo che gli studenti che da Trappitello desiderano raggiungere le scuole di Giardini Naxos e le famiglie che da Trappitello desiderano raggiungere la spiaggia o viceversa i turisti che desiderano raggiungere la valle Alcantara, possano farlo in modo sicuro; ad attenzionare nelle sue criticità il percorso di contrada Palì di interesse come via di collegamento fra i comuni di Taormina/Giardini Naxos e Trappitello.

    “ Intendiamo evidenzia, conclude Annamaria Nossing, come le vie di collegamento esistenti abbiano un intrinseco valore di collegamento territoriale, che la scarsa attenzione alla loro manutenzione aggrava le vie di circolazione primarie di un carico di traffico eccessivo, ostacolando anche i collegamenti di emergenza con l'ospedale e non favorisce una fruizione sostenibile del territorio. Per questo si richiede agli enti competenti di impegnarsi in un lavoro di miglioramento del territorio, in quanto condiviso da residenti e visitatori e in quanto obbligati dall'impegno di lavoro amministrativo del quale si sono volontariamente fatti carico.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI