TAORMINA. ISOLA BELLA. INGRESSO A PAGAMENTO? CALTABIANO “GRAVE DANNO PER IL TURISMO”

TAORMINA. ISOLA BELLA. INGRESSO A PAGAMENTO? CALTABIANO “GRAVE DANNO PER IL TURISMO” In evidenza

L’accesso alla Riserva Orientata dell’Isola Bella potrebbe essere subordinato al pagamento di un biglietto. E’ la novità contenuta nel decreto emanato dal Presidente della Regione Rosario Crocetta .

La notizia ha, com’era prevedibile, suscitato un vespaio di polemiche.

In pratica l’area della spiaggia fino ad oggi libera potrebbe essere regolamentata da un tornello. Una novità che non è andata giu’ agli operatori economici della baia. L’unico biglietto che al momento i turisti pagano è quello che consente l’accesso all’isolotto ma la fruizione della spiaggia è sempre stata libera considerando anche la presenza di numerosi lidi e attività di ristorazione.

“Al momento – spiega Anna Abramo, direttore del Cutgana, che gestisce l’Isola Bella - siamo in una fase di informazione dedicata agli operatori economici di quanto deciso a livello regionale. Si parla di un biglietto da quattro euro con una possibile riduzione del 50%. Un ticket – aggiunge - che potrebbe tuttavia garantire servizi aggiuntivi. È certo – conclude Anna Abramo - che dobbiamo trasformare questo decreto in un'opportunità per Isola Bella, non in senso limitativo".

Non è dello stesso avviso la presidente della sottocommissione al Turismo Alessandra Caltabiano. “Il rischio, afferma Caltabiano, è che si crei un danno per il turismo e soprattutto per le attività commerciali.   Inoltre, incalza la Caltabiano, non è pensabile svegliarsi la mattina scoprire che sono stati presi provvedimenti importanti che condizionano l’economia della nostra città. Ancora una volta, conclude, le decisioni della Regione sono state prese senza alcun tipo di concertazione con il comune di Taormina.”

000
Letto 1193 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. IL GIARDINO INCANTATO DI ISOLA BELLA SU LINEA VERDE

    Isola Bella di Taormina sarà protagonista di Linea Verde Estate in onda domenica 24 giugno alle 12.20 su RaiUno. Il secondo appuntamento della trasmissione condotta da Federica De Denaro e Federico Quaranta, con le simpatiche incursioni di Giuseppe Calabrese, inizia da Sud, negli scenari unici della Sicilia Orientale, alla scoperta del mito, della letteratura e dell’arte. Federica De Denaro comincerà la puntata da Isola Bella di Taormina tra la rigogliosa vegetazione e i panorami mozzafiato del giardino incantato creato alla fine dell’Ottocento da Florence Trevelyan.

    Le telecamere di Linea Verde mostreranno la trasformazione dello scoglio, che oggi ammiriamo e che tutto il mondo ci invidia, iniziata da Lady Florence e portata avanti dalla Regione Siciliana che lo ha acquistato e destinato a Riserva naturale. Il viaggio di Linea Verde Estate prosegue poi tra l’artigianato e l’arte di Taormina: gastronomia, ceramica, ricamo, pittura e tutte le declinazioni di una grande dinamismo contemporaneo e di un passato indimenticabile. Per il Parco Archeologico di Naxos Taormina il servizio della Rai rappresenta un’opportunità straordinaria per per far scoprire le sue bellezze e far conoscere il territorio.

     

  • Taormina. Isola Bella al centro del progetto di educazione ambientale “IO cittadino terrestre”

    Diffondere la cultura della salute, della prevenzione e del benessere tra i giovani nel rispetto dell’ambiente. Sono i temi principali del progetto “Io…cittadino terrestre” promosso dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania e dall’Ufficio Educazione alla salute del Distretto sanitario Asp3 di Catania che ha coinvolto quest’anno oltre 90 studenti dell’Istituto comprensivo “Italo Calvino” di Catania.

    Un progetto di educazione ambientale in chiave innovativa, giunto al secondo anno, i cui risultati sono stati presentati nel corso del convegno “Creare salute – Alleniamoci con le life skills!” organizzato dall’Asp3 con la collaborazione del Cutgana, del Comune e del Cus Catania che si è tenuto nei locali dell’Istituto Salesiano di Catania.

    E che anche quest’anno ha visto la Riserva naturale orientata “Isola Bella” di Taormina al centro dei lavori degli studenti dell’Istituto comprensivo “Italo Calvino” di Catania.

    Il Cutgana, infatti, nell’ambito della collaborazione con l’Asp3 di Catania e in particolar modo con la dott.ssa Marina Intelisano dell’Ufficio Educazione alla Salute, oltre a promuovere l’educazione ambientale, la coscienza ambientale e le aree protette in gestione tra gli studenti della Sicilia orientale, ha evidenziato l’importanza dell’ambiente, rappresentato come insieme di ecosistemi e di habitat e in particolar modo per l’uomo fonte di beni e di servizi.

    “Osservato da questa prospettiva – ha spiegato la dott.ssa Emilia Musumeci, responsabile del progetto “ScuolAmbiente” del Cutgana -, l’ambiente rappresenta non solo una risorsa fondamentale per i bisogni primari, ma anche una risorsa di crescita personale, cognitiva, psicologica, emotiva, spirituale e di interazione sociale”. “Un rapporto di reciproco scambio tra l’uomo e il pianeta Terra che, ovviamente, dobbiamo tutelare” ha aggiunto la dott.ssa Musumeci.

    “Grazie al progetto è stato anche migliorato il proprio benessere coniugando la dimensione ambientale con la sfera emotiva, la salute mentale con quella ambientale, grazie alle lezioni frontali in aula e alle visite guidate” hanno aggiunto la dott.ssa Anna Abramo, responsabile della riserva naturale orientata “Isola Bella” e la naturalista e educatore ambientale Veronica Leotta del Cutgana.

    “Il progetto ha previsto durante il primo anno, con la presentazione delle Life Skills, la capacità di acquisire le competenze utili a gestire problemi e eventi che si incontrano nella vita e la consapevolezza del proprio ruolo per diventare cittadini responsabili del pianeta terra diventando così i protagonisti di un pianeta sostenibile che garantisca anche alle generazioni future gli stessi servizi di cui noi usufruiamo” ha aggiunto la dott.ssa Musumeci. “Nel secondo anno gli studenti hanno analizzato nel dettaglio alcuni dei problemi che affliggono il pianeta e il nostro stato di salute, cioè l’inquinamento indoor presente nelle nostre case, negli uffici e nelle scuole per imparare a riconoscerli e possibilmente per ridurli con scelte più responsabili” hanno concluso le dott.sse Abramo e Leotta.

  • TAORMINA. CONTROLLI IN MARE E LUNGO LA SPIAGGIA NELLA BAIA ISOLA BELLA. IN AZIONE ANCHE IL NUCLEO ELICOTTERI

    I Carabinieri della Compagnia di Taormina nell’ambito dei servizi straordinari in corrispondenza dell’avvio della stagione balneare, hanno eseguito numerosi controlli a Taormina, in particolare nella rinomata “baia di Isolabella”, e sulle arre del demanio marittimo oltre che lungo la statale 114 che conduce alla predetta località.

    L’operazione è stata condotta dai militari della compagnia di Taormina, con la partecipazione da militari del NAS di Catania che hanno verificato il rispetto delle normative sanitarie all’interno delle diverse rosticcerie, pizzerie e ristoranti della zona. Inoltre era presente una motovedetta d’altura di supporto al Nucleo Carabinieri Subacquei di Messina che, nella circostanza, ha effettuato un monitoraggio dei fondali marini e da un velivolo del nucleo elicotteri Carabinieri di Catania.

    I controlli condotti hanno permesso di identificare e multare per esercizio abusivo dell’attività di estetista numerose donne di nazionalità cinese che spostandosi lungo le spiagge offrono, talvolta anche in maniera insistente, massaggi ai bagnanti che frequentano il litorale.

    Inoltre, con l’ausilio della Guardia Costiera della Locomare di Giardini Naxos sono state elevate numerose sanzioni ad imbarcazioni adibite a trasporto di persone per escursioni sorprese a navigare in area non consentita ed a trasportare un numero di persone superiore rispetto a quello permesso.

    Un velivolo del nucleo Carabinieri elicotteri di Catania ha sorvolato costantemente l’intera costa da Furci Siculo sino a Giardini Naxos fornendo supporto al dispositivo impiegato nei controlli che ha visto l’impiego di oltre 30 militari delle varie specialità dell’arma dei Carabinieri.

    Sono stati controllati 13 natanti da diporto e sono state elevate sanzioni amministrative per un totale di euro 3000 di cui 6 contestazioni per aver ormeggiato la propria unità nella zona “A” della Riserva Naturale Orientata “Isola Bella” in violazione dell’ Ordinanza nr. 116/2009 della Capitaneria di Porto di Messina, 2 verbali di per aver navigato  a motore accesso nella zona “A” della Riserva Naturale Orientata Isola Bella e 2 contestazioni ad altrettanti conduttori di natanti per aver trasportato un numero di persone superiori a quelle consentite.

    Sono state identificate dieci cittadine di nazionalità cinese cui sono state elevate diverse contravvenzioni, per un totale di euro 1000, poiché esercitavano in forma ambulante l’attività di estetista senza essere in possesso della prescritta autorizzazione comunale.

    Questi servizi, che verranno condotti anche per il resto della stagione estiva, sono tesi a garantire la sicurezza e la tranquillità dell’attività turistica che rende quest’area della Provincia di Messina particolarmente rinomata ed apprezzata dai turisti italiani e stranieri.

1 Response Found

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI