SANTA TERESA DI RIVA.  RALLY.  AUTO NEL GIARDINO DI UNA CASA. TRAGEDIA SFIORATA

SANTA TERESA DI RIVA. RALLY. AUTO NEL GIARDINO DI UNA CASA. TRAGEDIA SFIORATA In evidenza

Momenti di paura stamani quando una delle auto impegnate nella manifestazione ludico turistica sportiva denominata “ 1° Loopshow delle Valli Joniche” ha perso il controllo andando a finire nel giardino di un abitazione privata.

L’incidente si è verificato in Via Casalotto. L’auto da rally è sbandata dopo aver perso aderenza  finendo appunto nel giardino di una delle villette del complesso “ Le tre schiere”.

Per fortuna nessuno è rimasto ferito. Ma l’incidente poteva avere conseguenze ben più drammatiche se si considera che proprio in quel tratto, ai lati della strada, c’erano molte persone accorse per assistere al passaggio delle auto. 

Un gruppo di persone è stato proprio  sfiorata dall’auto che ribaltandosi è andata poi a concludere la sua corsa nell’area verde.

Un incidente che impone delle riflessioni circa l’opportunità di consentire o meno lo svolgimento di manifestazioni di questo genere all’ interno del centro abitato.

 

000
Letto 7915 volte

Articoli correlati (da tag)

  • FIDAPA S. TERESA - VALLE D’AGRO’: I^ GIORNATA PER LA PREVENZIONE DELL’ICTUS CEREBRALE. GRANDE PARTECIPAZIONE ALLO SCREENING GRATUITO REALIZZATO IN COLLABORAZIONE CON LA STROKE UNIT DEL POLICLINICO DI MESSINA.

    Più di trenta persone hanno aderito alla I^ giornata per la prevenzione dell’Ictus cerebrale promossa dalla Fidapa Santa Teresa Valle D’Agrò in collaborazione con la Stroke Unit del Policlinico di Messina e con il patrocinio del comune di Santa Teresa di Riva.
    L’evento si è svolto presso i locali di Villa Ragno di Santa Teresa dove i medici della Stroke Unit del Policlinico guidati dalla prof.ssa Rosa Musolino hanno allestito delle postazioni mediche .
    Lo screening gratuito di prevenzione dell’ictus cerebrale, è stato eseguito gratuitamente attraverso la compilazione di un questionario, la misurazione della pressione arteriosa, della glicemia e del peso corporeo cui è seguito un colloquio con gli specialisti.
    In circa tre ore l’equipe medica suddivisa in due gruppi ha visitato più di trenta persone.
    Un’occasione per tanti di confronto con i medici del Policlinico al fine di rappresentare eventuali problematiche o semplicemente esprimere dubbi e preoccupazioni.
    Ai controlli è seguito un momento di approfondimento sui sintomi da riconoscere e la gestione dell’emergenza, con un focus in particolare sull’universo femminile.
    Pochi lo sanno, ma l’ictus colpisce in misura maggiore le donne che gli uomini. E soprattutto è tutt’altro che un evento della terza età. L’ictus rappresenta la quinta causa di morte per gli uomini e la terza per le donne. E purtroppo è anche la prima causa di grave invalidità e di morte precoce in entrambi i generi, maschile e femminile.

    Il rischio è maggiore per le donne ed più elevato in tre momenti della loro vita: tra i 20 e i 35 anni, in età peri-menopausale tra i 45 e i 55 anni e dopo gli 85 anni.

    Eppure prevenzione e cure tempestive rappresentano mezzi fondamentali per evitare le conseguenze invalidanti e fatali dell’infarto cerebrale.

    “Ecco perché, spiega la presidente della Fidapa Santa Teresa Valle D’Agrò dott.ssa Maddalena Micalizzi, abbiamo voluto fortemente questo momento dedicato alla prevenzione e alla conoscenza dei sintomi che devono fare scattare il campanello d’allarme in ciascuno di noi. Grazie alla collaborazione della Stroke Unit del Policlinico di Messina diretto dalla Prof.ssa Rosa Musolino e al Dott.re Mauro Passalacqua direttore del Pronto Soccorso di Taormina abbiamo affrontato questo delicato argomento offrendo un prezioso momento di confronto ed informazione.”

    Prezioso l’intervento della Prof.ssa Musolino che ha illustrato quali sono i sintomi che devono essere riconosciuti.

    “La consapevolezza dell’ictus, ha affermato la Prof.ssa Musolino, è uno dei punti cardine della campagna di prevenzione sull’ictus. Noi sappiamo che i sintomi non sono riconosciuti e non viene dato loro il giusto peso. Diventa dunque importante istruire la popolazione, così come noi stiamo cercando di fare girando i vari comuni della provincia in collaborazione con Alice Onlus e con i club service come la Fidapa a Santa Teresa di Riva o i Lions ad Acquedolci dove siamo stati la settimana scorsa, proprio per aumentare la consapevolezza sulla malattia. L’ictus, ha proseguito la Prof.ssa Musolino, è una malattia catastrofica ed è quindi importante riconoscere i sintomi per assumere di conseguenza il comportamento giusto che è quello di attivare il 118 e portare il paziente nell’ospedale dove possa ricevere le cure tempestive.”

    Della gestione dell’emergenza ha parlato il Dott. Mauro Passalacqua direttore del Pronto Soccorso di Taormina. Passalacqua ha evidenziato l’importanza della rete con il 118 evidenziando la netta differenza tra il prima e il dopo.

    La rete ictus in provincia di Messina è stata attivata nel 2014 proprio con l’apertura e l’attivazione della Stroke Unit del Policlinico Universitario di Messina. Il percorso assistenziale territorio-ospedale è stato centrato sull’attivazione del “codice ictus”, codice di priorità tempo-dipendente. Il codice ictus viene attivato dall’operatore della Centrale Operativa che, applicata la scala di Cincinnati, invia nel sospetto ictus un’ambulanza medicalizzata sul posto. Il medico del 118, a domicilio del paziente, se conferma il codice ictus, allerta tramite la C.O. o direttamente il P.S.G. e/o la Stroke Unit del Policlinico e non porta il paziente all’ospedale più vicino ma al centro Hub dove sono operative H24/7 la Stroke Unit e la Neuroradiologia interventistica. Qui il paziente viene avviato al percorso diagnostico e alle terapie più adeguate se entro il tempo consentito (4,5/5 ore dall’esordio della sintomatologia): trombolisi e.v., procedura endovascolare di trombectomia o tromboaspirazione, entrambe le terapie.

    “ In passato, ha evidenziato Passalacqua, abbiamo molto probabilmente perso tempo prezioso nella trattazione di pazienti colpiti da ictus. Oggi fortunatamente l’attivazione della rete consente di recuperare minuti, secondi importantissimi. E’ per questo, ha evidenziato Passalacqua che ci batteremo per il mantenimento del medico a bordo delle autoambulanze. Siamo assolutamente contrari, ha evidenziato Passalacqua, al piano che prevede 1 ambulanza per 60 mila abitanti. A Messina è stata prevista una sola ambulanza medicalizzata, mentre tra Taormina e l’Alcantara nessuna. Non è accettabile.”

    Un importante momento di confronto dunque non soltanto per fare prevenzione ed offrire un servizio concreto alla cittadinanza ma anche per tornare ad accendere i riflettori su battaglie importanti.

    “ Un grande enorme Grazie all’Associazione Fidapa ed a tutti coloro che hanno messo il tempo e la professionalità a disposizione della comunità di Santa Teresa. Si è parlato di prevenzione riguardo all’ ictus soprattutto nelle donne e si è tenuto uno screening gratuito che ha avuto molto successo. Mi sento onorato, ha affermato l’assessore Gianmarco Lombardo, di aver portato i saluti assieme al Sindaco. E’ stato bello dibattere ed ascoltare la Professoressa Musolino, eccellenza assoluta della Stroke unit del Policlinico, e l’ amico e collega Mauro Passalacqua, Primario del Pronto Soccorso del San Vincenzo, medico di trincea col quale abbiamo ricordato le grandi battaglie portate avanti in questi anni in favore di una più equa sanità . Con la promessa di continuare a tenere alto il livello di attenzione.”

     

    L’evento è stato patrocinato dal Comune di Santa Teresa di Riva e si svolto in collaborazione con l’assessorato Igiene e Sanità retto dal dott.re Gianmarco Lombardo e la collaborazione dell’Associazione Alice Onlus.

     

  • SANTA TERESA DI RIVA. II Edizione Masterclass di Strumento organizzati dall’ Associazione Musicale “V. Bellini” di Santa Teresa di Riva

    Alla luce del successo riscontrato con la prima edizione svoltasi tra Aprile e Agosto 2017, l’Associazione Musicale “V.Bellini” di Santa Teresa di Riva si appresta ad avviare la seconda edizione dei Corsi Annuali di Perfezionamento, organizzati nell’ambito dell’attività  “L'allievo al centro del progetto”. Si tratta di una serie di Masterclass per strumenti a fiato tenuti da docenti e musicisti di spicco proveniente dalla scena musicale accademica e operistica nazionale.

    La direzione artistica dell’Associazione è affidata al M° Carmelo Garufi ed alla Commissione Artistica, composta dai soci in possesso di titoli musicali, i quali congiuntamente al Consiglio Direttivo dell’Associazione hanno fortemente voluto una nuova edizione di questo progetto, che rispecchia il primum movens della nostra attività associativa:

    “La crescita culturale e musicale dei propri soci e allievi”.

    L’inizio dei corsi è previsto nei giorni 16 e 17 Giugno con la Masterclass indirizzata agli allievi di Corno, tenuta dal M° Angelo Bonaccorso, docente presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali "V.Bellini" di Catania e 3° corno nell'orchestra del teatro "V.Bellini" di Catania. Questo primo appuntamento avrà luogo nella sede dell’Associazione in Via delle Colline a Santa Teresa di Riva e si concluderà Domenica 17 Giugno con il saggio finale nella suggestiva location "Terramacina" in località Botte, Savoca.

    Il secondo appuntamento è in programma nei giorni 24 e 25 Giugno, sarà indirizzato agli allievi di Sassofono e verrà tenuto dal M. Gianfranco Brundo, docente di sax presso il Conservatorio A. Corelli di Messina.

    Si rende noto che i corsi sono aperti ad i soci e ad allievi esterni, i quali possono iscriversi presentando apposita richiesta.

    Ulteriori Masterclass dedicate ad altri strumenti  (Tromba, Trombone, Clarinetto e Flauto) si articoleranno nel corso della stagione estiva, le date verranno rese note attraverso i nostri profili social Facebook e Instagram raggiungibili dai seguenti link:

    https://www.facebook.com/bellinisantateresa/

    https://www.instagram.com/bandabellini_santateresadiriva/

     

  • SANTA TERESA DI RIVA. SGOMENTO E DOLORE PER LA MORTE DI UN 12 ENNE

    Santa Teresa di Riva piange in queste ore un’altra tragica scomparsa dopo quella della maestra Carmela Moschella, 53 anni,  scomparsa per un malore mentre si trovava insieme ai suoi alunni nella giornata conclusiva del progetto "Piscina...tuffiamoci insieme".

    A lasciare sconvolta la comunità è la morte improvvisa di un ragazzo di 12 avvenuta ieri sera nella sua abitazione di S. Teresa di Riva.

    Erano da poco trascorse le 22,30 quando il ragazzo M.F. ha subito un malore. Immediato l’intervento dei soccorsi. Sul posto sono giunte due autoambulanze ma purtroppo per il ragazzo, colpito probabilmente da un aneurisma, non c’è stato nulla da fare.

    La dirigente Enza Interdonato ha deciso di sospendere tutte le attività previste per oggi, a partire da una recita prevista questa sera al teatro Val d'Agrò; rinviata a lunedì la prima prova degli esami di Stato in programma domani mattina e sospesi anche gli scrutini di fine anno.

1 Response Found

  • Link al commento
    Antonio Domenica, 31 Gennaio 2016 19:13

    Ovviamente dispiace per quanto accaduto, ma parlano di Rally solo quando ci sono incidenti e solo per dire che queste manifestazioni devono essere vietate. Ogni domenica nelle tribune degli stadi e anche fuori dagli stessi succedono incidenti tra i "tifosi" che ha volte, purtroppo, hanno risvolti mortali. Non mi sembra che qualcuno abbia mai messo in dubbio lo svolgimento futuro delle partite di calcio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI