TAORMINA. FRANA DI CONTRADA LAPPIO. NUOVE CRITICITA'

TAORMINA. FRANA DI CONTRADA LAPPIO. NUOVE CRITICITA'

Pubblichiamo alcune foto inviate alla nostra redazione subito dopo la pubblicazione dell'articolo sulla franda di contrada Lappio che evidenziano le criticità in corso. La situazione, così come si vede dalle foto, sembra essere aggravata dal guasto ad una tubatura delle rete fognante. Da qui l'effetto a cascata.

000
Letto 1509 volte

Articoli correlati (da tag)

  • AUTOSTRADE SICILIANE. Il progetto per la frana di Letojanni bloccato per colpa del Ministero. Lo affermano le parlamentari di Fratelli d’Italia

    “Se le condizioni delle nostre autostrade sono disastrose lo si deve principalmente alla totale mancanza di programmazione della precedente gestione del Cas su manutenzioni ed opere.”Rispondono così alle accuse del Movimento 5 stelle le deputate di Fratelli d’Italia, Elvira Amata ed Ella Bucalo, rispettivamente parlamentari all’Ars e alla Camera.

    “L’attuale governo regionale, evidenziano le due parlamentari, in poco tempo, è riuscito superando diversi ostacoli a far si che oltre 30 lavori fossero mandati in gara. È vero anche che molti progetti, però, sono ancora in stand by. Ma la responsabilità è da ricondursi al Ministero delle Infrastrutture che sta bloccando da mesi ben cinque progetti del Consorzio per diversi milioni di euro, che sarebbero impiegati per la manutenzione del manto stradale, i bypass e soprattutto per risanare la situazione posteriore alla frana di Letojanni per il cui progetto sono stati stanziati circa 20 milioni di euro. Tutto fermo.” 

    I soldi dunque ci sarebbero, ben 20 milioni ma tutto è fermo per responsabilità del Ministero delle Infrastrutture.

    “La responsabilità, affermano Amata e Bucalo, è del Ministro Toninelli”. “Gli attacchi speculativi della deputazione 5 Stelle al Governo regionale, proseguono,  pongono in evidenza l’inadeguatezza di un movimento che, nonostante veda suoi rappresentanti nelle Assise legislative già da due legislature e oggi è persino forza di Governo (nazionale) non ha ancora compreso quale enorme differenza intercorra tra il protestare e l’amministrare seriamente. Non c’è spazio per la demagogia”.

    “Presenterò urgentemente, conclude l’On. Bucalo,  un’interrogazione al Ministro Toninelli perché, e questo non è che l’ultimo esempio, la Sicilia continua ad essere ignorata. Porti, ferrovie e autostrade, anche con questo governo che avrebbe dovuto rappresentare il cambiamento, continuano ad essere fanalino di coda di un’Italia sempre più a due velocità. Oggi come ieri, sono state messe da parte, anzi colpevolmente dimenticate, le esigenze di un meridione che mai come in questo momento, ha urgente bisogno di infrastrutture e lavoro”.

  • FRANA ALÍ. IL BUSINESS DELLE RETI PARAMASSI A DISCAPITO DELLA SERIA MESSA IN SICUREZZA. CATENO DE LUCA: “ ORA BASTA. O GALLERIA O RIVOLTA”.

    Capo Alì è l’esempio della politica mafiosa che mortifica il territorio”, è quanto affermato dal sindaco della città metropolitana Cateno De Luca commentando la frana verificatasi sul tratto di strada statale al km 22,700 in direzione Alí Terme.

    “ Nel 2009, prosegue De Luca, avevo fatto sviluppare un progetto preliminare per realizzare una galleria paramassi ma le mafie delle reti è  prevalsa! Vergogna ! Ora basta, chiosa De Luca che annuncia un aut aut, o galleria o rivolta ”.

    Sulla vicenda è intervenuta anche  Elvira Amata,  deputata regionale di Fratelli D’Italia.

    “È una storia vecchia, già vista e alla quale, afferma Amata,  bisognerebbe dare risposte in modo netto mettendo mano in maniera capillare e organizzata alla questione principale: il dissesto idrogeologico. A tal proposito, fa sapere la deputata,  ho immediatamente preso contatto con l’Ing. Maurizio Croce, Commissario Straordinario per il dissesto idrogeologico, al fine di ragionare su misure che non rappresentino solo un tampone momentaneo ma che possano consentire quantomeno la garanzia di sicurezza a quanti attraversano o vivono in zone che possono essere considerate più a rischio”.

    Sulla vicenda si registra anche l’intervento di Giovanni Interdonato per il Comitato No Frane della riviera jonica messinese,  Francesco Urdì per la CUB ( Confederazione Unitaria di Base) , Comitato contrada Divieto Scaletta Zanclea, Giacomo Di Leo per il Partito Comunista dei Lavoratori sez. di Messina, Nino Miceli, presidente associazione Aiutiamoci Noi.

    “ L’Anas, scrivono in una nota,  ha deciso di riaprire la circolazione, deviandola su una sola corsia, dopo le verifiche tecniche eseguite. Saremmo felici e contenti se si fosse garantita definitivamente la sicurezza in questo tratto stradale, ma purtroppo non è così anche alla luce dei ripetuti e ciclici eventi franosi, che confermano la precarietà strutturale di Capo Alì. Infatti la fragilità strutturale di questa area dipende dalla sua composizione geologica, così come viene confermato dal Piano di Assetto Idrogeologico regionale, che colloca questa zona al livello di massimo rischio di eventi franosi. Pertanto la cittadinanza che transita sotto i costoni rocciosi di Capo Alì sarebbe più tranquilla se gli enti competenti si mettessero all’opera per dare una soluzione definitiva al problema. In questa direzione, proseguono,  noi proponiamo di costituire un tavolo tecnico dei vari rappresentanti degli enti competenti insieme a un nostro rappresentante tecnico dei comitati, per prospettare una soluzione strutturale e definitiva dell’annoso problema. Nelle prossime ore chiederemo all’Anas una rendicontazione delle spese effettuate negli ultimi decenni su Capo Alì, per capire, anche, se, con tutte le spese effettuate in reti para-massi e rattoppi di diversa tipologia, si poteva già molto tempo prima rimediare ai rischi dei costoni rocciosi di Capo Alì. Francamente vorremmo capire chi vuole coltivare il problema…e chi invece vuole risolverlo definitivamente, alla luce anche dei rischi per la vita dei cittadini, come dimostra l’ultima frana, che ha colpito un automobilista di passaggio, fortunatamente uscito vivo. E se fossero stati di passaggio gruppi di ciclisti o pedoni in quel momento della frana?  non vorremmo nemmeno immaginarlo”.

     

  • CAPO ALI'. STRADA INTERROTTA CAUSA FRANA

    Transito interrotto lungo la Strada Statale 114 a causa di una frana verificatasi  all'altezza del Capo Alì. L'ennesimo smottamento che interessa il costone roccioso e che stavolta ha rischiato di provocare seri danni.

    La frana infatti si è verificata proprio mentre transita un auto, una BMW che è stata colpita dai detriti che scivolavano dalla parete rocciosa lungo la carreggiata.

    L'automobilista, un giovane di Itala, è riuscito a superare lo smottamento  riportando solo qualche lieve ferita.

    Sul luogo sono giunti i carabinieri della locale stazione al comando del luogotenente Salvatore Garufi, i vigili urbani e gli amministratori comunali con in testa il sindaco Carlo Giaquinta e il suo vice Nino Melato.

    Il Capo Alì è stato chiuso al transito. L'autostrada A18 risulta l'unica via alternativa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI