TAORMINA. TASSA RIFIUTI. MANULI:  IL SINDACO ACCERTI LA LEGITTIMITA’ DELLA DELIBERA E GLI EFFETTI CHE ESSA PRODUCE

TAORMINA. TASSA RIFIUTI. MANULI: IL SINDACO ACCERTI LA LEGITTIMITA’ DELLA DELIBERA E GLI EFFETTI CHE ESSA PRODUCE

Egregio Signor Sindaco,


Proprio stamani, congiuntamente ad altri utenti, mi è pervenuta una Vostra Nota a firma del responsabile del servizio Mario Cilona..con la quale mi si informava che con delibera di C. Comunale n. 59 era stata aumentata,con effetto retroattivo, la tassa rifiuti per l’intero 2015.
L’aumento non è di poco conto circa un 40% in più, determinato dalla delibera n.59 del 16 settembre 2015!
Sembrerebbe, e non c’è motivo di dubbio, che detta delibera sia stata assunta (con i voti della maggioranza che ha ignorato una argomentata serie di motivi ostativi e causa di illegittimità dell’atto stesso avanzate dall’opposizione) con lo scopo di poter dimostrare alla corte dei Conti che l’esecutivo stesse agendo con solerzia al fine di evitare il dissesto, per il bene del paese!
A detta di molti, anche tra i Consiglieri Comunali, la delibera così esitata è illegittima perche carente in quelle sue parti essenziali e non rispondente ai requisiti di legge.
Carente sul piano finanziario che ne giustificasse l’aumento, notevolissimo.
Eccellentissimo Sindaco, alla luce delle turbolenze nascenti, un’ampia eco la si riscontra sui network, sarebbe opportuno che la S.V. disponesse un serio accertamento sulla legittimità della delibera e sugli effetti che essa produce.
Gli esperti, in materia, sono già in servizio(ricorso alla delibera della Corte dei Conti) e su sua richiesta potrebbero esprimersi sull’argomento; così donare serenità all’esecutivo tanto impegnato nel proficuo lavoro di risanamento basato sull’aumento indiscriminato della pressione fiscale!

000
Letto 4530 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Criticità nella raccolta dei rifiuti. La città soffre

    L’attrazione maggiormente fotografata dai turisti che hanno affollato la Perla dello Jonio nel week end appena trascorso è stata rappresentata da  un cumulo di sacchi neri accatastati nientepopodimeno che davanti al palazzo comunale.

    Un' immagine che è diventata emblematica della situazione che Taormina sta vivendo in questi mesi.

    Ciò che balza subito agli occhi è la presenza non soltanto di rifiuti ma di rifiuti in sacchi neri il cui utilizzo sarebbe assolutamente vietato.

    L’immagine è stata scattata venerdì mattina quando il corso Umberto era affollato di turisti.

    In molti si sono soffermati davanti allo storico Palazzo dei Giurati , sede della casa municipale, non soltanto per ammirarne le caratteristiche architettoniche a quanto pare. L’interesse di molti era infatti rivolto proprio alla presenza fuori luogo di quel cumulo di spazzatura.

    Perché era lì? Perché i sacchi neri?

     Sono questi gli interrogativi che vanno ad aggiungersi alle criticità evidenziate recentemente anche dal locale circolo di Legambiente.

    In una  nota la presidente Annamaria Nossing ha evidenziato  come a distanza di quasi tre mesi dalla entrata in vigore della Raccolta Differenziata col metodo Porta a Porta estesa all’intero territorio, le criticità riscontrate siano numerose.

    Innanzitutto  il sistema di tracciatura dei singoli utenti, tramite codice a barre, risulta non attivato,  il mancato o ritardato ritiro in alcune zone meno visibili, ma a quanto mostrano le immagini anche in quelle più che visibili, la pretesa da parte del Gestore di ritirare i materiali solo sulle sedi carrabili, la ormai prolungata inagibilità del Centro Comunale di Raccolta con l'impossibilità di conferimento diretto, i rifiuti lasciati troppo tempo nelle vie del Centro.

    Mancano inoltre cestini "a terna" nelle zone di frequentazione turistica per non parlare dell'accumularsi di rifiuti non ritirati in alcune strutture pubbliche, come scuole, parcheggi e adesso anche lo stesso Palazzo Municipale.

     

     

  • SAVOCA. RIFIUTI LUNGO LA SP 23. INDIVIDUATI RESPONSABILI

     In una zona compresa tra il territorio di Savoca e quello di Santa Teresa, nelle immediate adiacenze della s.p. 23, è stata individuata l’ennesima discarica abusiva, in questo caso composta da masserizie parzialmente date alle fiamme, provenienti dallo svuotamento di una casa. Tra i rifiuti è stato rinvenuto, perfettamente integro, un quaderno di scuola media di oltre 50 anni fa, attraverso il quale è stato possibile risalire ai proprietari dell’immobile e, loro tramite, al soggetto cui era stato dato l’incarico di svuotare la casa, cui era stato pagato oltre al lavoro, anche quanto previsto per il corretto smaltimento in discarica, che ha ritenuto, invece, di abbandonare i rifiuti sul suolo pubblico Al responsabile dell’illecito, convocato nella sede Polizia Metropolitana, è stato contestato l’abbandono di rifiuti non pericolosi sul suolo pubblico, ai sensi degli artt. 192 e 255 del d. leg n. 152/2006 con la contestuale erogazione di una multa di 600 euro e l’obbligo di ripristino dello stato dei luoghi e del corretto smaltimento dei rifiuti in discarica autorizzata.

  • TAORMINA. ABBANDONAVANO RIFIUTI IN STRADA. SCOPERTI E SANZIONATI. VIDEO

    Task force della polizia locale di Taormina contro l’abbandono incontrollato di rifiuti. Gli agenti coordinati dal vice comandante Daniele Lo Presti attraverso servizi mirati in abiti borghesi hanno sanzionato in data odierna un cittadino di Fiumefreddo di anni 39 per violazione dell’ordinanza sindacale n. 7 del 2019 con sanzione di euro 400,00. L'uomo infatti è stato colto nell’atto di abbandonare nella via San Vincenzo. Ben  4 sacchi neri contenenti rifiuti non pericolosi. Un altro cittadino grazie all’ausilio delle fototrappole è stato sanzionato per aver abbandonato un sacco contenente rifiuti domestici in corrispondenza dell’hotel corallo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI