Lo sceicco a Taormina...?

Lo sceicco a Taormina...?

 Stamani, finalmente, una notizia che rincuora se vera e lo spero.

Il S. Domenico Palace Hotel, acquistato da uno sceicco, un'albergo che negli anni tra la prima e seconda guerra mondiale e fino agli albori degli anni settanta era considerato uno degli alberghi più belli al mondo può sperare di ritornare agli antichi sfarzi:

Può, esistono quasi tutte le condizioni...la posizione incantevole, gli ampi giardini, l'incanto delle celle dei monaci, la sua centenaria storia e gli innumerevoli ospiti eccellenti.. ne consentono a pieno titolo il rilancio!

Un rilancio che passa necessariamente dal rilancio della cittadina; i nostri amministratori, che negli ultimi tempi non si sono dimostrati capaci, devono cambiare registro e invertire la marcia anche a costo di immolarsi sull'altare di Taormina... e non dovrebbe venirgli difficoltoso, ad ogni piè sospinto dichiarano di "fare" per il bene di Taormina, ora hanno l'occasione di dimostrarlo.

La città deve essere ricondotta a una dimensione "Umana".. basta con quel serpente meccanico che l'avvolge e la soffoca, tutelare il paesaggio, salvare bi panorami, dire basta alle brutture che hanno stravolto il borgo.

Ridare lustro ai luoghi più caratteristici della città.. Dai Giardini pubblici, una volta vanto di Taormina, al recupero dei siti archeologici  dalle Naumachie (ripulite) ai mosaici ignorati, dalle tombe bizantine, al Castello di Madonna Rocca, da un uso appropriato di Palazzo duchi di S.Stefano e della fondazione lì allocata, dal mettere in evidenza lo splendido monumento che è la Chiesa di S. Francesco di Paola, prima cattedrale di Taormina, all'utilizzo intelligente dell'ex chiesa del Carmine, dono del benefattore Carlo Zuccaro, senza dimenticare di rimettere alla fruizione dei cittadini e dei visitatori la Badiazza, abbandonata a se stessa, e ripensare la fruizione dello stupendo Palazzo Corvaia .... e tentare di dare soluzione definitiva al Pala Congressi.

Insomma una nuova ed entusiasmante stagione potrebbe aprirsi, saperla cogliere è l'imperativo a cui non doversi sottrarre.

Dare il via ad una stagione di RIFORME che investano tutto l'apparato municipale, senza tentennamenti e darsi una "Mission" .. riportare Taormina agli antichi splendori.

Saranno capaci i nostri amministratori?

Qualche ragionevole dubbio, visti i risultati sin ora acquisiti sussiste.

La speranza che questo avvenimento risvegli l'orgoglio di Taormina, e messe da parte le "clientele" si passi ad un organico programma di sviluppo che abbia linee guida il recupero dell'identità di Taormina; si può. Si deve.

PippoManuli.

 

000
Letto 2163 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. L’OSPEDALE S. VINCENZO ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE

    “La difesa e la tutela dell’ospedale S. Vincenzo e dei diritti dei cittadini rimane la priorità di questo Consiglio comunale”. Così il presidente del Consiglio comunale di Taormina, Lucia Gaberscek, nei giorni scorsi aveva  risposto alle voci di un possibile declassamento del presidio ospedaliero di contrada Sirina.

    L’argomento verrà affrontato quindi nel corso del prossimo consiglio comunale convocato per  giovedì 6 settembre alle ore 18.

     Dopo l’approvazione dei verbali delle sedute precedenti l’aula dovrà infatti affrontare la discussione sul futuro del presidio ospedaliero partendo dalle dichiarazioni che il presidente del civico consesso Lucia Gaberscek e la vice Alessandra Caltabiano avevano rilasciato alla stampa nelle scorse settimane.

    Lucia Gaberscek aveva reso noto un confronto avuto con il direttore generale dell’Asp Gaetano Sirna finalizzato a capire le intenzioni della Regione e i reali rischi di un depotenziamento dell’ospedale.

    Dal confronto era emerso un  declassamento da unità complessa a semplice di alcuni reparti ma senza la riduzione di alcun posto letto.

    Sul delicato argomento era intervenuta anche la vicepresidente del Consiglio Alessandra Caltabiano: “Abbiamo il dovere di difendere l’ospedale di Taormina, un’eccellenza del centro sud Italia, lo dobbiamo ai nostri concittadini e a tutti i pazienti.”

    Infine l’auspicio espresso da entrambe le rappresentanti del civico consesso circa l’unità dell’intero consiglio comunale su questo fronte così delicato.

  • TAORMINA. IL VICE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CALTABIANO: "PROSEGUIRÒ LE MIE STORICHE BATTAGLIE A TUTELA DELLA CITTÀ"

    " Cercherò di ricoprire questo incarico nel migliore dei modi portando comunque avanti quelle che sono le mie storiche battaglie a difesa del commercio Taorminese e del turismo."

    Così il vice presidente del Consiglio comunale Alessandra Caltabiano ha esordito nell'intervista rilasciata a  Jonicareporter.

    GUARDA VIDEO

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI