"Sciarra" il nuovo spettacolo di Carlo Barbera

"Sciarra" il nuovo spettacolo di Carlo Barbera

S'intitola "Sciarra" il nuovo spettacolo cui Carlo Barbera sta lavorando proprio in questi giorni, con la partecipazione di Natalia Silvestro, che si occupa della preparazione della scenografia, per com'è stato l'anno passato con Odissea. Carlo Barbera, con questo lavoro, torna a fare il cantastorie, il cronista di storie, per raccontare il mondo di oggi, narrando però fatti accaduti in epoca passata, esattamente gli anni '50, nella cittadina di Valguarnera Caropepe.            La scelta della location non è casuale, perchè Carrapipi rappresenta l'anima della Sicilia, il centro della nostra isola.                                                                                                                                                                    Ma cos'è "Sciarra"? Una giullarata, una cantastoriata, in cui, tra ironia e racconto, si parla di una delle caratteristiche più importante dell'essere umano: l'incapacità di dialogare coi suoi simili, per cui ogni controversia si risolve non con la dialettica delle parole, ma con quella della violenza. E su questo Barbera ci gioca, tirando in ballo persino Shakespeare, Guccini e Arthur Miller, dando al suo lavoro quel crisma di cultura e di ricerca che gli sono congeniali. Lo spettacolo è previsto per il 15 di maggio 2016 presso l'Auditorium Comunale di Nizza di Sicilia ed è prodotto dalla compagnia Teatro dei Folleti, fondata e diretta dallo stesso Barbera.

000
Letto 2891 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Il Teatro dei Folleti affabula con Fabula

    Cinque mesi di lavoro, ma Fabula debutta con tutti i crismi alla Biblioteca Comunale di Nizza di Sicilia davanti al pubblico degli appassionati, che ha dato grande prova di maturità, perchè ormai sono dieci anni che Carlo Barbera batte il ferro e la gente che va a seguirlo ha capito che quello è un teatro per molti ma non per tutti, anche se poi d'estate affabula le piazze come ieri sera ha affabulato la gremita saletta della biblioteca nizzarda. In Fabula ci sono tutti gli ingredienti del buon teatro: testo interessante, ben scritto, in versi, che fa ridere e fa riflettere; musiche semplici, ma orecchiabili e trascinanti; recitazione impeccabile, tanto da parte di Carlo Barbera quanto di Natalia Silvestro, che stavolta, in veste di cuntastorie, ha veramente travolto la scena, oltre che con quel suo stupendo fondale, in cui alcuni tra gli animali protagonisti delle storie, trovano una rappresentazione grafiche di grande livello. Poi c'è il canto, ma soprattutto ci sono le storie, che raccontano la vita quotidiana e questo rapporto strano tra l'uomo e l'animale. Solo in un punto Carlo Barbera esce dalle righe e cominciando a cantare la ballata "Fido e Bobby", ha detto: "Il cane è il migliore amico dell'uomo, ma l'uomo è il suo nemico". Il resto è andato avanti senza sbavature o improvvisazioni, perchè dalle parti del teatro dei Folletti si studia e a fondo, anzi ci si preparerà per l'estate eliminando ogni leggio e ogni lettura, perchè se stavolta c'era il 90% di spettacolo a memoria in estate sarà il 100%.

    Fabula ha veramente affabulato il pubblico nizzardo e ora ci si prepara per affabulare quello santateresino, difatti lo spettacolo verrà replicato presso Villa Ragno a Santa teresa di Riva domenica 28 gannaio alle ore 19.

  • "Fabula" un nuovo spettacolo per Carlo Barbera

    L'anno passato La Bottega degli Attori ha cominciato a dicembre, quest'anno ha preferito partire dopo, visto che l'autunno è stato carico d'impegni. Ma una cosa è certa: la fantasia di Carlo Barbera colpisce ancora una volte con la realizzazione i un nuovo spettacolo, che andrà in scena a Nizza di Sicilia il 21 gennaio prossimo e verrà replicato a Santa Teresa di Riva il 28, due domeniche, entrambi gli spettacoli alle ore 19.00, in due biblioteche comunali ed entrambi a offerta libera. "Il tutto è nato per gioco" ci racconta Carlo "da un tavolo vecchio, che Natalia stava riempiendo di disegni simpatici di animali, quando mi suggerisce di scrivere qualche ballata. Il giorno dopo ho cominciato ed è nato Fabula, il nuovo teatro canzone, in cui racconto tutta una serie di storie di animali, che, ovviamente, simboleggiano vicende umane". Dunque, dopo sette anni, dai tempi di "Malarazza", storia di omini e di scecchi, Barbera torna a ripercorrere le tracce del grande Esopo, scrivendo tutta una serie di storie nuove, originali, in cui sono protagonisti gli animali. Natalia Silvestro ha curato la scenografia e lo affiancherà sul palco nei panni della cuntastorie, mentre il canto sarà a lui affidato. Carlo Barbera ci ha lavorato a lungo non soltanto sui testi, ma anche sulle musiche, che si svincolano dalla tradizione cento per cento osservante e vanno in direzioni più late, come testimonia il cd che ne è nato e che sarà proposto all'interno delle serate, sperando che non rimangano solo due. Singolare anche la scelta di proporre lo spettacolo in due biblioteche, quella di Nizza, più volte sede di manifestazioni organizzate da La Bottega, e quella di santa Teresa, dove Barbera e compagni si sono diverse volte esibiti. "Vogliamo stare tra i libri e sentirne il calore" dice Barbera "nonostante le difficoltà che nascono dal non essere sul palcoscenico e dal non potere imporre un biglietto d'ingresso. In mezzo a carta e cultura millenaria ci sentiamo protetti, come se ci fosse un'ovatta che ci circonda: l'ovatta di chi prima di noi ha usato la parola per raccontare il mondo. Un libro ti salva la vita e noi cercheremo di farcela salvare. Vogliamo che la gente passi tra questi e si ricordi che la carta non serve solo per avvolgere il cibo o i regali, ma soprattutto per migliorare l'uomo. Così, non potendo sbigliettare, continueremo con la pratica dell'offerta libera, che più volte abbiamo proposto e che ci ha dato comunque soddisfazioni, perchè chi viene ai nostri spettacoli è gente che ama il teatro e quindi sa come si costuma e che bisogna gratificare gli artisti anche dal punto di vista economico. Vogliamo che le biblioteche siano frequentate almeno quando ci sono eventi, visto che vanno sempre più deserte". Le due serate serviranno anche per testare uno spettacolo che Barbera porterà in scena l'estate prossima e che per questo debutto viene prodotto come Teatro dei Folletti, una delle due sigle gestite dall'artista nizzardo. Il divertimento è dunque assicurato, ma anche la riflessione, perchè si ragionerà sui vizi dell'uomo e su come, nel rapporto con l'animale, questi vengano fuori in tutta la loro drammaticità.

  • Taormina. Il Beltempo Tour del cantastorie Luigi Di Pino approda il 15 ottobre al Palazzo Corvaja

    Sarà lo storico Palazzo Corvaja di Taormina ad ospitare il prossimo 15 ottobre il Beltempo tour del cantastorie Luigi Di Pino. Un concerto evento dopo le tappe che lo hanno visto esibirsi con grande successo di pubblico tra il centro e il nord Italia ed anche in Svizzera. Una scelta non casuale quella di chiudere il tour in Sicilia ed a Taormina. “Insieme all'assessore al Turismo Salvo Cilona, che ringrazio – spiega Luigi Di Pino - abbiamo scelto Palazzo Corvaja, prestigiosa e romantica location, per ospitare questo concerto serenata. Ho voluto che questo tour si muovesse lo scorso 4 settembre da Giardini Naxos, prima colonia greca di Sicilia, e che approdasse infine a Taormina, capitale del turismo siciliano”. La serata si aprirà alle 18 e 30 con una conferenza sul tema “Identità del cantastorie siciliano – Tutela di una tradizione”. Gli illustri relatori saranno il dott. Carlo Barbera, cantastorie di Nizza di Sicilia, e il dott. Alfio Patti, Aedo dell'Etna di San Gregorio di Catania. Un'occasione per confrontarsi e discutere dell'importante ruolo ricoperto dal cantastorie nel recupero e nella valorizzazione delle tradizioni siciliane. Subito dopo prenderà il via l'atteso concerto di Luigi Di Pino. Uno spettacolo coinvolgente capace di emozionare gli spettatori. “In Sicilia l'amore romantico è un tratto di identità – spiega l'artista – Il repertorio sarà dunque denso di canti d'amore, mattutine e serenate dedicate in scena alla dolcissima Elisa Caudullo, dalla carezzevole voce, che con una rosa si affaccerà alla finestra di Palazzo Corvaja. Ma idealmente – conclude Luigi Di Pino - queste serenate saranno dedicate a tutte le donne di Sicilia e del mondo”. Sarà anche possibile ammirare una mostra di cartelli per cantastorie, realizzati da Vincenzo Astuto, artista di Messina. La collezione, di proprietà di Nino Scandurra, in uso nel secolo scorso eslusivamente al re dei cantastorie d'Italia, il ripostese Orazio Strano, affiancherà l'esposizione “Van Gogh Multimedia Experience”, dedicata all'illustre pittore olandese.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI