TAORMINA. LA FISASCAT CISL MESSINA HA SOLLECITATO L’ATTIVAZIONE DEL PATTO D’AREA PER IL COMPARTO TURISTICO

TAORMINA. LA FISASCAT CISL MESSINA HA SOLLECITATO L’ATTIVAZIONE DEL PATTO D’AREA PER IL COMPARTO TURISTICO In evidenza

«Il lavoro c’è e bisogna individuare le giuste soluzioni per allontanare lo spettro della stagionalità nel comprensorio». E’ quanto ha dichiarato il segretario generale Pancrazio Di Leo intervenendo nella discussione sul turismo nella Perla dello Jonio. Al centro del dibattito ancora una volta la destagionalizzazione del turismo. «La cittadina,  ha proseguito il sindacalista,  può ambire a divenire meta turistica invernale». Infine  l’invito alle amministrazioni dei Comuni di Taormina, Giardini Naxos, Letojanni e Sant’Alessio  a discutere delle gravi tematiche occupazionali che affliggono il territorio, conseguenza della profonda crisi economica che ha investito i comparti del terziario privato della provincia.

000
Letto 5652 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA FUORI DA TAORMINA ARTE. ELVIRA AMATA: “PARADOSSALE MANCANZA DI DIALOGO TRA GLI ATTORI. NON SI PUÒ FARE SCENA MUTA.”

    “Mi pare assurdo che una lettera del Commissario di TaoArte resti ignorata dalle istituzioni messinesi, specie in considerazione dell’oggetto che è di profonda rilevanza”, così il capogruppo di Fratelli d’Italia all’ARS, On. Elvira Amata.

    “La fuoriuscita di Città Metropolitana e Comune di Messina da Taormina Arte non è certamente argomento di poco conto. Una realtà che per oltre trent’anni ha visto ex provincia, comuni di Taormina e Messina e regione Siciliana insieme per lo sviluppo di un percorso culturale di interesse internazionale, perde due delle colonne su cui si è poggiata sin dalla sua nascita, senza una mediazione, senza un tentativo di risoluzione.  Ritengo, prosegue Amata, che per Messina si tratti di una perdita grave, una cessione di titolarità e ruolo su qualcosa che è connaturato ormai nella tradizione nostrana, nell’offerta che il nostro splendido territorio propone al mondo.

    Taormina è una pietra preziosa del messinese e, continuando a scegliere di delegittimare questo stato di fatto, incediamo nel depauperamento del nostro patrimonio che è fatto di splendide realtà periferiche, dai borghi, alle isole, ai piccoli e medi comuni nella fascia ionica quanto in quella tirrenica, con tutto ciò che di culturale e artistico portano con sé. Salvo poi offenderci quanto sentiamo dire che la perla dello Ionio è in provincia di Catania.

    Dov’è Messina? Come guarda alla sua periferia, se neanche vuol essere associata a ciò che, di fatto, rappresenta uno dei più promettenti biglietti da visita per l’intera Sicilia, da decenni?”

    Infine l’invito al sindaco della Città metropolitana di Messina, On. Cateno De Luca, “a riconsiderare la posizione assunta ormai da tempo, di non proseguire quest’esperienza di condivisione all’interno di TaoArte. E chiedo, aggiunge Amata, al Commissario Campo di non procedere ancora alla ratifica dell’esclusione di Messina dalla Fondazione, volendo sperare nella possibilità estrema di un ultimo tentativo di mediazione per il quale direttamente e indirettamente mi metto a disposizione, in accordo con l’Assessore Regionale al Turismo e Spettacolo”.

    “Va ricordato che Messina ha un ruolo duplice giacché, oltre alla Città Metropolitana, una quota di rappresentanza spetterebbe al comune. Ecco che qui mi si deve consentire un messaggio aspro ai consiglieri che siedono nel civico consesso che io ben conosco. Com’è possibile che il Consiglio Comunale di Messina non abbia detto nulla davanti a tutto ciò? Forse i consiglieri ritengono sia indifferente alle sorti cittadine stare o meno dentro una realtà simile?

    Io resto basita dall’immobilismo di questo apparato. E mi rivolgo a tutte le forze che hanno una propria rappresentanza in Aula e all’ufficio di Presidenza: battete un colpo perché non è concepibile il vostro silenzio!”, conclude.

  • TAORMINA. RIAPRE IL MERCATO COMUNALE. IN VIA SPERIMENTALE AL PORTA CATANIA

    Il mercato comunale del mercoledì riapre dal 3 giugno. In via sperimentale si svolgerà presso il livello 1 del parcheggio Porta Catania, con apertura al pubblico dalle ore 8 alle ore 13.

    Con Ordinanza Sindacale n. 25 del 01/06/2020 Mario Bolognari stabilisce lo spostamento sperimentale del mercato settimanale del mercoledì da Piazza W. Von Gloden al piano terra del parcheggio di Porta Catania.

    L’area circostante piazza W.Von Gloden, evidenzia il sindaco, è ormai divenuta area di largo transito e fulcro di sbocco per i mezzi che vanno e ritornano dal Comune di Castelmola. L ’ubicazione del mercato, proprio in quest’area, prosegue, crea elevati disagi e intralcio alla normale circolazione stradale.

    Inoltre lo spostamento in area più idonea e sicura a garanzia di un sereno svolgimento del mercato stesso era stato discusso nel corso dell’incontro svoltosi lo scorso 28 maggio tra i rappresentanti sindacali degli operatori commerciali del mercato settimanale e l’Amministrazione Comunale.

    A ciò si aggiunge la relazione trasmessa dal Comandante del Corpo di Polizia Municipale di Taormina prot. n° 12418 del 30/05/2020, avente per oggetto “Mercato settimanale quartiere Chiusa. Viabilità. Segnalazione."

    La decisione dunque è presa. Viene riattivato lo svolgimento del Mercato Settimanale che si svolge nella giornata del mercoledì di tutte le settimane e del Mercato quindicinale che si svolge la seconda e la quarta domenica di ogni mese, dal 03 giugno 2020.

    I cittadini che intendono recarsi al mercato a piedi possono utilizzare gli ascensori in partenza dal livello 7. Invece, coloro che intendono recarsi in auto possono entrare nel parcheggio, ritirare il biglietto e presentare alla cassa uno scontrino di acquisto per avere la gratuità del parcheggio stesso. Questa esenzione vale dalle 8 alle 13.

  • Emergenza stagionali. La Fisascat Cisl Messina scrive al Ministro del Lavoro: “Lavoratori abbandonati"

     «Ci sono lavoratori stagionali, del commercio, del turismo e dei servizi, che rischiano di rimanere fuori da tutto. Da Naspi, dal Reddito di Emergenza, da qualsiasi aiuto economico». L’allarme arriva dalla Fisascat Cisl di Messina che ha scritto al Ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, per evidenziare il rischio di una grave crisi sociale per diversi lavoratori del turismo tagliati fuori dagli aiuti dell’ultimo Decreto. «Il Decreto Rilancio non risolve in alcun modo la problematica dei lavoratori del commercio, turismo e servizi da questo sindacato affrontata negli ultimi anni con grande determinazione in tutte le sedi e con innumerevoli iniziative poste all’attenzione delle Istituzioni nazionali e regionali, nelle piazze del Paese e con la raccolta firme di migliaia di lavoratori». Oggi il Covid19 ha spazzato via tutte le residue, e già poche certezze, di questi lavoratori che prima contavano sulla speranza di lavorare per sei mesi e che quest’anno nella quasi totalità dei casi non potranno lavorare in estate perché alberghi, bar e ristoranti rimarranno chiusi per effetto della crisi. «Come faranno a sopravvivere questi lavoratori? Che ne sarà di tante famiglie che sino ad oggi sono andate avanti con un unico reddito derivante dall’impiego stagionale?», domandano i responsabili della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo. «I problemi degli stagionali non si risolvono con le 600 euro, chiediamo la reintroduzione della Aspi o in qualsiasi caso la modifica urgente dell’attuale disciplina normativa, con l’introduzione di norme a tutela dei lavoratori per tutta la fase di emergenza. Servono strumenti e atti normativi idonei a consentire ai lavoratori di superare la crisi e di non perdere il proprio posto di lavoro. I lavoratori si troveranno scoperti per due anni di contributi e quindi anche penalizzati per la copertura contributiva ai fini pensionistici, un dramma nel dramma». «L’emergenza, ormai, si è trasformata in dramma sociale. I lavoratori stagionali hanno fatto nascere un gruppo di protesta e la loro voce è la nostra. L’impegno per gli stagionali è una battaglia che, “nell’assenza ed estraneità” di altri e non di questo sindacato, la Fisascat Cisl sta già portando avanti da tanti anni mettendoci il cuore e la faccia, sin da quando nessuno si occupava di questa emergenza o peggio la sottovalutava. Oggi questa emergenza purtroppo rischia di arrivare adesso al punto di non ritorno e adesso più che mai occorre fronte comune per far valere i diritti dei lavoratori».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI