PRECARI TURISMO, COMMERCIO E SERVIZI: LA FISASCAT CISL SCRIVE AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE

PRECARI TURISMO, COMMERCIO E SERVIZI: LA FISASCAT CISL SCRIVE AI CANDIDATI ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE In evidenza

Il tema dei precari stagionali entra tra i temi della campagna elettorale per le regionali. La Fisascat Cisl, la federazione che tutela i lavoratori del commercio, turismo e servizi, ha scritto una lettera a tutti i candidati alla presidenza della Regione per evidenziare le gravi difficoltà di tanti siciliani che vivono grazie alla risorsa più importante che ha l’isola, il turismo. Il problema è legato alla Naspi, il nuovo sussidio di disoccupazione che, in mancanza di lavoro, non garantisce più un minimo reddito per tutti i dodici mesi dell’anno.

Nella lettera, il segretario generale Mimma Calabrò e il segretario generale aggiunto Pancrazio Di Leo, sottolineano il percorso della Naspi dal 2015 ad oggi, con le deroghe sinora concesse che hanno alleviato parzialmente il disagio dei lavoratori.

«Oggi – sottolineano i sindacalisti - per via di una modalità di calcolo e di durata che penalizza diverse categorie di lavoratori, ed in particolare quella dei lavoratori del settore turismo, commercio e servizi i cui contratti brevi, ridotti ormai alla sola stagione estiva, rischiano di non essere sufficienti neppure per maturare i requisiti essenziali al percepimento della Naspi. Allo stato attuale, molti lavoratori rimangono a rischio e per questo si richiede una presa di posizione del nuovo Governo regionale siciliano».

Il turismo, ricordano i rappresentanti della Fisascat Cisl Sicilia, è la prima fonte economica e di reddito per tante famigli nella regione. «Basti pensare – aggiunge il segretario della Fisascat di Messina, Salvatore D’Agostino – che nel primo polo turistico siciliano, Taormina e la zona ionica, sono oltre 10 mila le persone che operano nel settore del turismo sia nel comparto alberghiero che in quello del commercio».

Per la riforma della Naspi sono state raccolte oltre 5 mila firme con una petizione promossa dalla Fisascat Cisl Sicilia, e le stesse sono state consegnate dal Segretario Generale Mimma Calabrò e dal Segretario generale aggiunto Pancrazio Di Leo al Presidente del Consiglio, al Ministro del Lavoro, Poletti, ed anche al governatore uscente Crocetta e all'assessore uscente al Turismo Barbagallo.

«Abbiamo evidenziato il grave problema sociale che si proporrà già dal prossimo 1 febbraio – concludono Mimma Calabrò, Pancrazio Di Leo e Salvatore D’Agostino – perché da quel giorno, solo nella provincia di Messina, almeno ventimila lavoratori stagionali si troveranno senza stipendio e senza alcun sussidio in attesa della nuova stagione turistica che in Sicilia si preannuncia arrivare sempre più tardi ed essere sempre più corta. Al nuovo Governatore chiediamo di intervenire immediatamente con politiche attive di sviluppo per allungare la stagione e destagionalizzare il flusso turistico siciliano. Al tempo stesso chiediamo, anche, di intervenire presso il Governo nazionale per trovare una soluzione che eviti il rischio di un dramma sociale per tanti lavoratori e tante famiglie siciliane».

000

Video

Letto 2740 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Hotel San Domenico Palace. I sindacati tornano a chiedere garanzie per i lavoratori

    Il segretario della Fisascat CISL Messina Salvatore D’Agostino, in una nota indirizzata alla nuova proprietà dell’hotel San Domenico Palace e per conoscenza al primo cittadino Mario Bolognari, esprime preoccupazione e rammarico per il mancato rispetto degli accordi sottoscritti nel 2017 che prevedevano la riassunzione di tutto il personale impiegato nella precedente gestione. 

    Sulla vicenda si registra anche la presa di posizione del sindaco chiamato in causa dalla stessa organizzazione sindacale. 

    “Confermo, afferma Bolognari,  di aver avuto un incontro con una delegazione di lavoratori a tempo determinato e di aver preso visione dell’accordo sindacale che garantiva la riassunzione alla riapertura della struttura alberghiera. Esclusivamente nell’interesse pubblico e a tutela degli interessi dei lavoratori, ho chiesto delucidazioni alla Taormina Hotel Management, la quale mi ha assicurato di aver sottoposto l’accordo all’attenzione della Four Seasons, società con la quale ha sottoscritto un accordo per la gestione della struttura alberghiera denominata Hotel San Domenico. Ci tengo a precisare che non sono a conoscenza dei termini contrattuali intercorsi tra la Taormina Hotel Management e la Four Seasons, né li ho richiesti, non essendo di mia competenza questo tipo di relazioni economiche e commerciali intercorrenti tra società private. Mi è stato assicurato che sarebbe stato fatto tutto quanto nelle possibilità della Taormina Hotel Management per soddisfare le legittime richieste dei lavoratori, all’interno dei criteri di competenza professionale e di efficienza sul lavoro dettati da Four Seasons. Ci tengo a precisare, inoltre, che da parte mia non c’è stato, né ci sarà mai un interessamento per i casi personali, ma una semplice attenzione in difesa del principio di equità e di valorizzazione del merito.” 

  • TAORMINA. CRISI TURISMO. BOLOGNARI SCRIVE AI PARLAMENTARI MESSINESI

    Crisi turistica a Taormina.  il sindaco Mario Bolognari a seguito della richiesta di circa cento commercianti di Taormina ha scritto ai parlamentari della Provincia di Messina chiedendo un segnale importante In vista della discussione sul quinto decreto “Ristori”.

    I provvedimenti di contenimento dei contagi da Covid-19, che consentono ai negozi di rimanere aperti, mentre nelle normali realtà urbane italiane possono evitare il tracollo, nelle località turistiche, dove i negozi sono strettamente collegati al funzionamento degli alberghi e della ristorazione, la semplice possibilità di rimanere aperti non costituisce alcun vantaggio. Anzi, essa si presenta come una penalizzazione a causa dei costi di mantenimento del personale dipendente e di ogni altro costo di esercizio.

    Tali esercizi commerciali sono tarati per un mercato costituito fondamentalmente da turisti e visitatori, per lo più stranieri; in assenza di movimenti turistici, essi sono privi di clientela.

    “Nel concreto, scrive Bolognari, nonostante il permesso di mantenere aperti gli esercizi, i commercianti di località turistiche finiscono per chiudere, al fine di limitare le perdite. Pertanto, andrebbero equiparati ai bar e ai ristoranti che, invece, restano chiusi per decreto. Questa particolare condizione necessita di un intervento sul prossimo decreto ristori quinto al fine di sostenere economicamente gli imprenditori-commercianti delle località turistiche alla stregua dei bar e dei ristoranti chiusi per decreto. Pertanto, quale rappresentante di queste realtà prettamente turistiche, scrive Bolognari,  chiedo una particolare attenzione al contenuto del testo che sarà sottoposto al Parlamento, affinché la categoria dei commercianti delle località a prevalente economia turistica venga ricompresa tra quelle destinatarie di ristori. Per evitare un allargamento incontrollato della platea mi permetto di suggerire di adottare, come già fatto in altra occasione, un rapporto di incidenza tra popolazione residente e numero di presenze turistiche nell’anno 2019. In tal modo sarà evidente la dipendenza del sistema commerciale dalla presenza di potenziali acquirenti provenienti da altre località.”

  • CASTELMOLA. INCONTRO TRA IL SINDACO E LA FISASCAT CISL

    Continua il tour di incontri con i sindaci programmati dalla Fisascat Cisl di Messina per evidenziare alle Amministrazioni comunali il grave disagio dei lavoratori stagionali. I rappresentanti della Fisascat Cisl Messina, Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo, hanno incontrato il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, per un focus sulla crisi occupazionale ed economica conseguente alla pandemia Covid19.

    Il sindaco ha espresso piena solidarietà nei confronti dei lavoratori e delle aziende che oggi sono penalizzati, mentre il sindacato ha evidenzia come, sino ad oggi, i lavoratori non hanno ancora percepito il bonus di agosto né altre indennità che possano dare un minimo sollievo alle famiglie. «L'ultimo bonus è stato percepito a metà luglio e non da tutti – hanno sottolineato Salvatore D’Agostino e Pancrazio Di Leo - molti lavoratori stagionali sono stati esclusi e nulla è stato dato ai lavoratori del commercio licenziati nel 2019 e che hanno terminato il diritto al beneficio della Naspi ad inizio anno 2020. Oggi – è stata la denuncia della Fisascat Cisl - i lavoratori del commercio e quelli del turismo non stanno percependo nulla, solo promesse da parte dei politici di un qualche bonus che non arriva».

    Fisascat Cisl e l’Amministrazione comunale di Castelmola hanno concordato di attivarsi congiuntamente per non abbandonare i lavoratori che sono rimasti senza indennità e senza lavoro e trovare soluzioni comuni per l'immediato e per il futuro. «Ci attendono mesi di crisi e proprio in questo momento i lavoratori si attendono risposte e misure di sostegno a lungo termine», hanno concluso D’Agostino e Di Leo che nei prossimi giorni proseguiranno i loro incontri con gli amministratori comunali della zona tirrenica e delle isole Eolie.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI