SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE AL TEATRO DEI NAVIGANTI. LA RECENSIONE DEL PROF. SANTO TRIMARCHI

SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE AL TEATRO DEI NAVIGANTI. LA RECENSIONE DEL PROF. SANTO TRIMARCHI In evidenza

Al Teatro dei naviganti di Messina, dal 5 al 9 Giugno, si è tenuto lo spettacolo conclusivo della Master Class, condotta da Domenico Cucinotta e Mariapia Rizzo "Sei personaggi in cerca d'autore" che ha conseguito un successo ragguardevole per la rappresentazione dell'opera con una rivisitazione artistica di alto livello tecnico, espressivo ed esistenziale.

La scelta  dell'alternanza dei ruoli all'interno del copione classico ha fatto passare sulla scena il messaggio dell'autore che ha messo in campo la filosofia dell'identità dell'uomo nella possibilità di assumere una varietà di personaggi, con la coscienza di essere uno, tanti altri e nessuno in relazione ai rapporti instaurati ed al contesto in cui si viene a trovare.

E' quindi emerso chiaramente lo scontro tra la realtà dei personaggi veri e la finzione degli attori che interpretano un dramma secondo la visione soggettiva di vissuto o di narrazione, nella concretezza dei fatti o nell'illusione. Si è trattato del gioco delle parti nell'arte e nella vita, a confronto sul palcoscenico, per svelare la trama della verità nelle pieghe delle storie nate o costruite ad un modo di essere. La performance della Master Class con la regia di Cucinotta ha suscitato un pathos intenso negli spettatori, situati attorno alla scena, nel cerchio partecipativo e collaborativo, da protagonisti inseriti in un dialogo stringente sulla necessità di una comunicazione autentica in grado di liberare emozioni ed ispirazioni per la comprensione di se stessi e degli altri. L'esito delle repliche, ogni volta diverso ed in crescendo, è stato fenomenale, fascinoso, edificante, grazie al lavoro di preparazione artigianale e certosino di ricerca, sul piano filosofico e di scavo interiore, che ha messo in grado gli attori di conoscere bene la materia da trattare ed entrare nei panni di ogni ruolo con creatività senza rompere le regole, ma valorizzandole. Così si è potuta realizzare l'opera d'arte, camminando nei solchi della bellezza assegnata ad ognuno, investendo nella passione per il teatro, rimanendo nei limiti del proprio servizio ed usufruendo del valore di ciascuno, nella diversità e nella plasticità dell'interpretazione che sa riconoscere lo spazio della propria identità dentro il contesto della narrazione.

Santo Trimarchi

000
Letto 106 volte

Articoli correlati (da tag)

  • LA POLITICA OGGI. RIFLESSIONE DEL PROF. SANTO TRIMARCHI

    La politica di oggi si dovrebbe occupare di problemi veri, che non si possono affrontare quando si è preoccupati di fare campagna elettorale, anche da governanti ed amministratori, per ambizione personale, mantenere il consenso, ricercare popolarità ed avere successo da esibire.

     Allo stato attuale ci sono delle questioni cruciali da affrontare per risolvere le emergenze a livello locale, regionale, nazionale e mondiale. L'azione politica va configurata in un sistema interconnesso dove entrano in gioco i rapporti di collaborazione e di costruzione della cittadinanza tra il locale ed il globale e viceversa, senza chiusure, resistenze e conflittualità, che possano compromettere la sopravvivenza di una realtà. E' quanto mai urgente porre l'attenzione sul clima, perchè la natura, gravemente maltrattata, sta provocando, in ogni angolo della terra, fenomeni estremi a rischio della vita nell'ambiente che abitiamo.

    Nel mondo si sta affermando un commercio senza regole, che fa esaltare il denaro e pone gli uni contro gli altri, ricorrendo addirittura alle armi, per trarre profitto, accumulare capitali nelle mani di pochi <<potenti signori>> e giocarsi il dominio della terra, del mare e del cielo, ove fosse possibile. Pertanto si diffondono, a tempi brevi, le malattie, la povertà e l’esclusione, viene negato il diritto di migrare ed i profughi in fuga da guerre, da fame e dal degrado ambientale sono considerati una minaccia per i paesi più benestanti. Non si vuole vedere come le donne siano negate, anche sul territorio più civile, come la via del diritto sia smarrita e quanto abbiano perso di valore le Costituzioni. Infine c'è da evidenziare la privazione di futuro per l'umanità orientata a dismisura sul piano artificiale, programmata in eccesso dalla tecnica con lo scopo di eliminare l'uomo fatto ad immagine e somiglianza di Dio. La politica nuova, che vuole rappresentare il cambiamento, deve imparare ad apprendere, riflettere ed agire secondo l'arte di ricominciare a considerare che: ogni persona è una terra promessa, un viaggio da compiere, un campo da coltivare, un mare agitato, un orizzonte da guardare ed un sogno da realizzare con cura.        

     

  • Teatro: la “Phaedra”, riparte da Santa Teresa di Riva

    Torna la “Phaedra” di Alberto Bassetti nell’applaudita edizione diretta da Giovanni Anfuso e interpretata da Liliana Randi e Angelo D'Agosta, prodotta da “Produzioni Raffaello”.

    Dopo il debutto nel 2016 nella splendida cornice del teatro greco di Segesta e due anni di tournée con unanime apprezzamento di critica e pubblico, lo spettacolo sarà rappresentato per la prima volta nel Messinese sabato 24 novembre alle 20,30 nel Teatro Val d'Agrò di Santa Teresa di Riva e replicato l’indomani alle 18.

    La forza di questa “Phaedra”, che come detto ha riscosso ovunque lusinghieri successi, sta non soltanto nella raffinata e stimolante confezione, ma nella bravura degli interpreti, ai quali il regista ha cucito addosso la drammaturgia, quasi con un’operazione sartoriale.

    Dopo l’appuntamento di Santa Teresa di Riva lo spettacolo proseguirà il proprio tour siciliano toccando Noto, Regalbuto e Siracusa per approdare infine a Roma, dove sarà rappresentato al teatro Quirinetta.

    I Sikilia e il Direttore Artistico del Teatro, Cettina Sciacca, sono orgogliosi di aver in scena al teatro lo spettacolo di Giovanni Anfuso, grande regista teatrale che ha iniziato il suo apprendistato come assistente di alcuni dei più grandi registi italiani come Giorgio Strehler, Lamberto Puggelli e Glauco Mauri.

  • A.B.I. PROFESSIONAL: IL GIARDINESE CRISTIAN RUSSO VINCE IL CONCORSO INTERREGIONALE SUD ITALIA

    Dopo Nord e Centro, si è tenuto lo scorso 13 novembre anche il “Concorso Interregionale Sud Italia” di A.B.I. Professional (Associazione Barmen italiani). Nella splendida cornice di Cefalù, presso Villa dei Melograni, è stato Cristian Russo, DI Giardini Naxos, a trionfare. Sul podio, poi,  Antonino Barbalà (secondo), che ha dominato anche la classifica legata al finger food da abbinare – a discrezione del barman – al proprio drink, e Mario Lo Vergli.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI