Santa Teresa di Riva. Presentato "Splendi" di Marco Prestipino

Santa Teresa di Riva. Presentato "Splendi" di Marco Prestipino In evidenza

Sabato 15 Giugno, a Villa Ragno di Santa Teresa di Riva, si è svolta la presentazione dell'opera di poesia "Splendi" di Marco Prestipino, autore esordiente di Rocchenere - Pagliara, paesino collinare della riviera jonica.

 E' stata una serata culturale di elevato spessore artistico per il carattere conviviale stabilitosi tra i relatori e gli invitati, musicisti, pittori, grafici, fotografi ed attori di teatro con la partecipazione interessata del pubblico piuttosto numeroso.

Si è venuto a creare da subito un clima di <<relazione empatica>> dell'autore con tutti gli intervenuti, grazie alla sua comunicazione spontanea, colta ed accogliente, rispetto ai relatori che hanno delineato gli aspetti essenziali della poetica di Marco.

Si tratta di una poesia scritta a colori attraverso un percorso dell'anima che traccia momenti significativi della vita del poeta, coglie impressioni dalla natura che contempla, esprime emozioni e visioni, definisce a pelle contatti ed incontri, che creano immagini, sentimenti e parole. Tutto si svolge all'interno di una cornice volutamente espressiva di quadri tematici ad hoc, di musica che racconta ed accompagna, di recitazione di poesie, di atmosfere ambientali tali da rivelare le proprietà creative dell'autore capace di ascoltare, riflettere e delineare in versi paesaggi di umanità e di naturalità inter-connessi dallo spirito poetico.

La passione per la poesia ha permesso al giovane autore di fare luce dentro di sè, secondo l'editore della Carthago, Dr. Gaspare Edgardo Liggeri, ed attorno a sè, nel mondo visto con la sensibilità e l'originalità dell'angolo visuale dell'ispirazione che che costa pure fatica ma garantisce la bellezza della produzione, la soddisfazione di costruire ponti per la relazione di vita!

000
Letto 246 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SANTA TERESA DI RIVA. FESTA SANTA PATRONA. RIFLESSIONE DEL PROF. SANTO TRIMARCHI

    L'aria di festa per la Madonna del Carmelo, patrona della città di Santa Teresa di Riva, molto celebrata nel messinese ed in tutta la Sicilia con particolare devozione il 16 di Luglio, mi fa venire in mente alcune considerazioni per il nostro tempo. Innanzitutto il culto per la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo proviene dalla Palestina per opera dei frati carmelitani che sono arrivati in Europa, tra il 1206 e il 1214, perché sfuggono ad una situazione di conflitto, scegliendo la via spirituale e pacifica di obbedienza e servizio a Cristo. In questo momento storico, in un contesto politico e sociale di chiusura, di barriere innalzate, di paura dei forestieri, di esclusione e di rifiuto degli stranieri, occorre ripensare alla grazia della Madonna che ci ha dato la possibilità di poter accogliere nel nostro territorio l'esperienza di fede dei carmelitani. La conoscenza del carisma della preghiera e della carità, comunicato con forza e passione dai frati, potrà aiutare a contrastare l'attuale condizione di conflittualità diffusa dall'odio, dal risentimento, dall'individualismo, dall'aggressione verbale, dall'intolleranza e l'indifferenza. La festività, pertanto, particolarmente sentita e partecipata dai fedeli del comprensorio jonico e non solo, va recuperata come opportunità di riscoprire il senso della devozione e dell'appartenenza a Maria di Nazareth, l'umile donna mediterranea che ha detto sì al piano di Dio per la salvezza di tutti gli uomini. Maria è diventata la madre di Gesù, la sua prima discepola, accogliendo la Parola di Dio ed ha ispirato, insieme al profeta Elia, la vita evangelica, sull'esempio degli apostoli, dei carmelitani impegnati a vantaggio del bene non solo di se stessi, ma anche del prossimo mediante la predicazione, la confessione e la carità. Oggi il culto a Maria, “amata da Dio”, il più bel fiore del giardino di Dio, la Signora del Monte Carmelo, la Stella del popolo cristiano, indica la strada della Santa Montagna in Gesù Cristo per vivere la fraternità ed testimoni cristiani che lottano, in una società divisa ed ostile, per la riconciliazione, la giustizia e la solidarietà, alla luce della Parola che si è fatta carne, è venuta ad abitare in mezzo a noi e procura la vita eterna.

  • LETTERA APERTA DI ANNABELLA SGROI. AI MIEI CONTERRANEI: AUTONOMIA DIFFERENZIATA.

     Le regioni ricche sollecitano la lega a votare l’autonomia differenziata. Mi chiedo e chiedo ai siciliani se hanno compreso cosa vuole dire questa legge per il sud e per i siciliani in particolare. Intanto nasce dall’egoismo, dall’individualismo e dalla mancanza di saggezza di queste regioni che hanno perso la consapevolezza che la loro ricchezza non si basa sulla loro autosufficienza, ma sulla povertà di cui sono stati spesso artefici delle regioni meridionali fin dal nascere dell’unità di Italia. Povera ITALIA quanto sangue per creare l’unità. Non sono io a dirlo, fiumi di inchiostro sono stati versati per confermare tale teoria sostenuta dagli storici e dagli intellettuali più in gamba delle università della nostra Repubblica. Cosa porterà questo: divisioni, differenze nell’organizzazione di scuole, di ospedali, dei servizi in generale, del lavoro e quanto altro sicuramente a danno dei più deboli perché loro si sentono forti. Gli forniamo le nostre risorse umane migliori, più preparati, compriamo i loro prodotti, gli votiamo anche questi politici, grandi intelligentoni che pensano che muri, porti chiusi, dogane ed essere chiusi nelle loro roccaforti possano scaricarsi e liberarsi di quelli che come noi sono considerati un peso morto oppure offrono i loro servizi ad altre nazioni più grandi che vogliono asservire la nostra economia italiana ed europea. Ma  pensate cosa ha prodotto la nostra autonomia CORRUZIONE, MAFIA, DEBITI, FAVORITISMI, CLIENTELE, POVERTA’.

    La stessa cosa succederà per queste regioni “RICCHE” ci sarà più corruzione, già si vede, più criminalità organizzata, già vediamo i collegamenti, ambiente sempre più rovinato, clima sempre più cambiato, si vedono gli effetti nei temporali, servizi sempre più pagati? Cosa faranno uccideranno anziani, portatori di Handicap, malati psichiatrici, poveri? Cosa faremo guerra? impareremo, forse, a comprare i prodotti nostri? Ogni regione sarà sempre più isolata per difendersi, cosa farà si armerà? Come si potrà vivere senza solidarietà, senza il rispetto del Bene Comune, senza riconoscersi Figli di uno stesso Padre, senza fratellanza; già vediamo siamo diventati più cattivi, più violenti, più intolleranti, già siamo in un mondo reso sempre più invivibile dal punto di vista naturale, non siamo stati dei buoni custodi dei nostri bellissimi ambienti per il profitto, per obiettivi sempre più assurdi.

    Ricordatevi delle nostre radici cristiane senza quelle si determinerà una giungla; già siamo in una giungla e tutti stanno male; l’odio, il rancore, la rabbia che ognuno ha dentro fa solo ammalare. Carissimi siciliani a chi avete affidato il vostro futuro? Cercate di ragionare, non fatevi infinocchiare da quattro politici riciclati che cambiano per i loro interessi e le loro ambizioni e non hanno mai fatto il BENE E GLI INTERESSI DI TUTTI.

    Annabella Sgroi

  • SEI PERSONAGGI IN CERCA D’AUTORE AL TEATRO DEI NAVIGANTI. LA RECENSIONE DEL PROF. SANTO TRIMARCHI

    Al Teatro dei naviganti di Messina, dal 5 al 9 Giugno, si è tenuto lo spettacolo conclusivo della Master Class, condotta da Domenico Cucinotta e Mariapia Rizzo "Sei personaggi in cerca d'autore" che ha conseguito un successo ragguardevole per la rappresentazione dell'opera con una rivisitazione artistica di alto livello tecnico, espressivo ed esistenziale.

    La scelta  dell'alternanza dei ruoli all'interno del copione classico ha fatto passare sulla scena il messaggio dell'autore che ha messo in campo la filosofia dell'identità dell'uomo nella possibilità di assumere una varietà di personaggi, con la coscienza di essere uno, tanti altri e nessuno in relazione ai rapporti instaurati ed al contesto in cui si viene a trovare.

    E' quindi emerso chiaramente lo scontro tra la realtà dei personaggi veri e la finzione degli attori che interpretano un dramma secondo la visione soggettiva di vissuto o di narrazione, nella concretezza dei fatti o nell'illusione. Si è trattato del gioco delle parti nell'arte e nella vita, a confronto sul palcoscenico, per svelare la trama della verità nelle pieghe delle storie nate o costruite ad un modo di essere. La performance della Master Class con la regia di Cucinotta ha suscitato un pathos intenso negli spettatori, situati attorno alla scena, nel cerchio partecipativo e collaborativo, da protagonisti inseriti in un dialogo stringente sulla necessità di una comunicazione autentica in grado di liberare emozioni ed ispirazioni per la comprensione di se stessi e degli altri. L'esito delle repliche, ogni volta diverso ed in crescendo, è stato fenomenale, fascinoso, edificante, grazie al lavoro di preparazione artigianale e certosino di ricerca, sul piano filosofico e di scavo interiore, che ha messo in grado gli attori di conoscere bene la materia da trattare ed entrare nei panni di ogni ruolo con creatività senza rompere le regole, ma valorizzandole. Così si è potuta realizzare l'opera d'arte, camminando nei solchi della bellezza assegnata ad ognuno, investendo nella passione per il teatro, rimanendo nei limiti del proprio servizio ed usufruendo del valore di ciascuno, nella diversità e nella plasticità dell'interpretazione che sa riconoscere lo spazio della propria identità dentro il contesto della narrazione.

    Santo Trimarchi

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI