MUSICA – DADDY FT TORPEDO- “ADDIO” IL PRIMO OFFICIAL CD DI DUE GIOVANI ARTISTI MESSINESI

MUSICA – DADDY FT TORPEDO- “ADDIO” IL PRIMO OFFICIAL CD DI DUE GIOVANI ARTISTI MESSINESI

La musica come una salvezza. La musica per ottenere una stabilità, mai avuta. La musica come riscossa, rivincita, rivoluzione della propria vita. La musica come via di fuga. La musica come antidolorifico, come autoconvinzione che forse la vita non è tutta una delusione. Testi che nascono dalla sottile linea di confine tra la povertà e la profondità. Storie di sofferenza, storie di coraggio, storie di rivalsa. Davide Faranda, in arte Daddy, nasce in un piccolo paesino della provincia di Messina nel 1990. Fin da piccolo mostra un talento puro verso la scrittura, che coltiva negli anni. Crescendo l'esigenza di scrivere aumenta fino a diventare una priorità. Essere nato in un paese di 4000 persone, dove l'arte non esiste e la mentalità è bigotta, non lo fermano dal cercare di realizzare i propri obiettivi. All'età di 13 anni il padre abbandona la sua famiglia, per poi finire in carcere. Da lì i primi lavori, andati a braccetto con lo studio ed una vita di sacrifici e povertà. Ma in mezzo a tutto questo, c'è la musica a tenere in salvo l'animo del ragazzo. La sua scrittura diventa sempre più nobile e controversa, la voglia di rivalsa dentro gli occhi e sopra il foglio. Nel 2008 i primi pezzi incisi in casa. Nel 2009 la prima demo. Nel 2011 la seconda. I primi concerti. Nel 2013 "Paranoie", primo album in free download. Album che nasce dall'incontro artistico con Alessandro Magnisi, in arte Torpedo. Polivalente compositore, pianista e synth man del messinese. Le atmosfere elettroniche spezzate da note di pianoforte che colpiscono al cuore, diventano un letto perfetto dove porre le liriche di Daddy. Le sofferenze del rapper si scontrano con quelle di Alessandro, che tira fuori emozioni uniche che riescono a penetrare l'anima. Nasce così questo sodalizio artistico e questa grande amicizia, che porta alla stesura ed alla realizzazione del primo vero e proprio lavoro ufficiale, “Addio”.

Pioggia dentro: Un'esplosione di emozioni che cresce con l'ascolto. La tematica è varia, l'artista parla a se stesso lanciando un messaggio ben chiaro: sempre a testa alta. Una musica fresca e moderna con note di pianoforte che entrano nel cuore, e con synth che creano la giusta tensione.

Cosa resterà: Canzone romantica che mette a nudo l'animo romantico dell'artista. La forza dell'amore messa in una canzone. Se ci rubano i sogni, che cosa ci resta?

Addio: In questo pezzo si rispecchia la profondità e la mente contorta dell'artista. Daddy parla di Dio come una figura di cui avremmo bisogno, esprime il suo punto di vista toccando una tematica delicata e mai banale. In questo testo si legge la sofferenza di un'anima. La parte musicale è il frutto di un lavoro importante, dove l'energia del rock si fonde ai cori Gregoriani, catturando l'ascoltatore fin dal primo istante.

Amore Tossico: Pezzo storico di Daddy, il suo primo e vero incontro con il mercato discografico (alle spalle anche un videoclip con tante visualizzazioni). In questa nuova versione esce ancora di più la forza del messaggio: una storia d'amore finita a causa delle leggerezze di un ragazzaccio. Amore Tossico racconta l'amore a 360 gradi.

E adesso piango: Testo diretto, drammatico e crudo, che arriva dentro al cuore degli ascoltatori. Una storia intensa e senza lieto fine, dove il rap si fonda con arie post rock per un mix di assoluto valore artistico. Quasi struggente.

000
Letto 2105 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina Arte. L’argomento al centro delle polemiche a Messina. Currò (FdI): “Il consiglio comunale proponga delibera per restare”

    “Esistono degli strumenti che consentono all’assise municipale di non dover rimanere inerme mentre si compie un destino voluto dall’amministrazione e bocciato dal Consiglio Comunale. Mi chiedo perché nessuno dei consiglieri abbia, sino ad ora, ritenuto di proporre un atto di delibera dal quale consegua la permanenza di Messina nella Fondazione TaoARTE.”

    Ad affermarlo è Pasquale Currò, Coordinatore FDI della Città Metropolitana di Messina.

    “La soluzione, afferma Currò, potrebbe essere, per l’appunto, una proposta con quale si intenda destinare un bene immobiliare alla fondazione. Questo, del resto, è il requisito per farne parte: un bene immobile da inserire nel patrimonio. Il consiglio può essere propositivo in tal senso. È nelle sue facoltà.

    Fratelli d’Italia, prosegue, non è forza rappresentata in quell’aula ma non per questo resta alla finestra a guardare inerme. Stiamo facendo il possibile per scongiurare qualcosa che riteniamo sarebbe dannoso per il nostro territorio. I consiglieri che intendano operare in direzione di una pronta e radicale risoluzione della situazione vorrei sapessero che, dall’esterno, noi ci siamo. E io, conclude Currò, sono totalmente a disposizione per fare da trait d’union, insieme all’Onorevole Amata che immediatamente si è spesa per avviare una mediazione e prendere tempo”.

  • MESSINA. CORONAVIRUS. POLICLINICO. NUOVA PROCEDURA PER AVERE INFORMAZIONI SUI PAZIENTI CODIV 19

    L'A.O.U. Policlinico "G. Martino" comunica che, per adeguare il servizio al crescente numero di richieste, è stato modificato l'indirizzo e-mail a cui inviare il modulo mediante cui accreditarsi per ricevere informazioni di familiari ricoverati presso la struttura per coronavirus.

    Coloro i quali hanno necessità di avere notizie dei propri cari, dovranno quindi scaricare il modulo disponibile sul sito www.polime.it e, dopo averlo compilato, inviarlo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. inserendo come oggetto della mail "SERVIZIO INFORMAZIONI PAZIENTI COVID". Si viene così censiti in un apposito database e, quindi, contattati periodicamente dal personale sanitario per gli aggiornamenti. Ai familiari viene altresì offerta la possibilità di fare avere vestiti e beni di prima necessità ai ricoverati presso il Padiglione H, indicando il luogo di consegna, comunque all'ingresso del Policlinico.

     L'Azienda coglie altresì l'occasione per ringraziare tutti coloro i quali hanno voluto manifestare concreta solidarietà ai pazienti ricoverati. In particolare, l'on. Matilde Siracusano ha donato all'A.O.U. un ventilatore polmonare; Sicilia Sistemi di Catania del gruppo Dedalus ha fatto pervenire un congruo numero di tablet, che permette ora anche ai tanti pazienti anziani di fruire della possibilità di ricevere chiamate e videochiamate dall'esterno; il Gruppo RG Hotels di Giardini Naxos ha fatto avere ai ricoverati kit per l'igiene personale, necessari a tutti coloro che sono stati ricoverati d'urgenza.

    A tutti loro e a chi sta continuando a prodigarsi per raccolte e donazioni, l'A.O.U. Policlinico "G. Martino" manifesta un profondo sentimento di riconoscenza, poiché si tratta di interventi che contribuiscono a rafforzare la lotta contro il covid o, comunque, ad alleviare le sofferenze delle persone purtroppo affette dal virus.

     

  • MESSINA. CORONAVIRUS. APPELLO DEI DEPUTATI ARS: DICHIARARE MESSINA ZONA ROSSA

    Dichiarare Messina come "Zona Rossa" da cui sia precluso uscire e in cui sia vietato entrare se non al personale sanitario e a tutti coloro che sono impegnati nel contrasto della diffusione del contagio.

    E' questa la richiesta che viene da un gruppo di deputati regionali dell'Assemblea Regionale Siciliana al Presidente della Regione Nello Musumeci.

     Per gli otto parlamentari (Marianna Caronia, Giovanni Bulla e Antonio Catalfamo - Lega, Luisa Lantieri e Giuseppe Gennuso - Ora Sicilia, Carmelo Pullara e Giuseppe Compagnone - Popolari-Autonomisti e Stefano Pellegrino - Forza Italia) "è una decisione necessaria, a fronte dei focolai presenti in città per garantire la tutela della cittadinanza e per evitare una pericolosa recrudescenza dell'epidemia.

    Bisogna quindi agire compiendo  scelte drastiche, ma necessarie e senza esitazioni, come già fatto per Agira, Salemi e Villafrati, dove risultano contagiate più di 80 persone e si sono già registrati numerosi decessi."

    Secondo i deputati che hanno sottoscritto la richiesta "non è più possibile  indugiare e qualunque ritardo può trasformarsi in danno. In un momento di grande emergenza che non è solo locale o nazionale e che ha raggiunto una dimensione globale, tutti devono fare la propria parte, contribuendo nel miglior modo possibile a trovare soluzioni, soprattutto in vista del picco epidemico previsto tra fine marzo e inizio aprile."

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI