Una sinergia per rilanciare il settore turistico e culturale. Il direttore del Parco archeologico di Naxos-Taormina, Vera Greco, il presidente di Federalberghi Giardini Naxos, Giovanni Russotti, il presidente di Federalberghi Taormina, Italo Mennella, e il presidente di Federalberghi Riviera Jonica Messina, Pierpaolo Biondi, hanno sottoscritto all’Hilton Giardini Naxos un protocollo d’intesa per la realizzazione di iniziative turistico-culturali nel comprensorio con l’obiettivo di rendere più fruibile il territorio e il suo patrimonio antropico, naturale e culturale ma anche di ottimizzare risorse umane e finanziarie.

«La collaborazione tra soggetti pubblici e privati è l’elemento essenziale per la crescita del turismo e lo sviluppo del territorio – ha dichiarato il direttore del Parco Archeologico di Naxos Taormina, Vera Greco – Per poter attrarre visitatori è necessario valorizzare i beni artistici e culturali tenendo presenti sia le aspettative della domanda ma anche le logiche del mercato turistico». Il Parco Archeologico di Naxos-Taormina, simbolo dell’identità storica del territorio, rappresenta il palcoscenico naturale valido ad accogliere una serie di iniziative culturali da organizzare in collaborazione con le Associazioni Albergatori. «Il Parco Archeologico – sottolinea il direttore Vera Greco – si declina in una serie di realtà complementari e non competitive quali gli scavi archeologici di Naxos e Francavilla di Sicilia, il Teatro Antico di Taormina, Villa Caronia e Isola Bella che possono costituire una risorsa importante, il cuore pulsante del comprensorio, sulla quale fondare le politiche di reale destagionalizzazione».

Gli obiettivi primari del protocollo d’intesa sono legati alla valorizzazione del territorio e alla promozione turistica, attraverso l’organizzazione di eventi all’interno del Parco archeologico di Naxos-Taormina. L’attenzione, sarà, al contempo rivolta con appositi progetti, anche verso i beni culturali che non rientrano nella gestione del Parco in modo da mettere in rete tutti i percorsi culturali.I soggetti firmatari del protocollo si impegnano, dunque, a condividere un programma annuale di iniziative strategiche per la valorizzazione e la gestione del turismo culturale, individuando linee guida, standard operativi, servizi e progetti comuni.

Pubblicato in Attualità

La magia del presepe di Caltagirone incontra la bellezza dei luoghi senza tempo di Taormina. Il Parco archeologico di Naxos-Taormina, gli assessorati al Turismo e ai Beni Culturali della Regione Siciliana e il Comune di Taormina organizzano a Palazzo Ciampoli, in occasione delle prossime festività natalizie, la mostra “Natum Videte. Presepe monumentale animato di Caltagirone”. L’esposizione dell’arte presepiale calatina, una delle più antiche della Sicilia, verrà inaugurata giovedì 21 dicembre, alle 17.30, alla presenza dell’assessore regionale del Turismo Sport e Spettacolo, Sandro Pappalardo, e dell’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Vittorio Sgarbi.
«Dalla collaborazione tra il Parco Archeologico di Naxos- Taormina e gli assessorati regionali al Turismo e ai Beni Culturali, già sperimentata in occasione del G7 di Taormina – dichiara il direttore del Parco, Vera Greco - sta prendendo corpo l’esposizione del presepe monumentale animato di Caltagirone che verrà ospitata a Palazzo Ciampoli durante tutto il periodo delle feste. Un’occasione per valorizzare i gioielli del nostro territorio attraverso l’antica tradizione dei presepi». In Sicilia l’arte del presepe ebbe grande diffusione, soprattutto a partire dal Seicento, in modi e in tempi differenti a seconda della localizzazione geografica e della natura stessa dei luoghi: a Palermo e nel siracusano, dove era molto diffusa l’apicoltura, si usava la cera; nel trapanese si usavano materiali nobili come il corallo, la madreperla e l’alabastro; a Caltagirone veniva usata la terracotta grazie alla presenza di enormi depositi di argilla che caratterizzavano la quasi totalità del paesaggio. Il presepe calatino è la rappresentazione del vissuto quotidiano dei ceti umili, attenta ai costumi e ai modi di vivere del popolo siciliano. La caratteristica principale, oltre all’utilizzo di un materiale povero come l’argilla, è la semplicità dei personaggi immersi in scenari naturali rispettando pienamente il quadro evangelico. Ruscelli, montagne e campi ma anche scene della vita quotidiana di un tempo: contadini che zappano la terra, lavandaie chine su pile di panni, pastori che conduco il gregge, boscaioli intenti a tagliare la legna.
«La mostra “Natum Videte” – afferma il direttore Vera Greco - è uno degli ultimi appuntamenti organizzati dal Parco Archeologico di Naxos-Taormina per questo 2017 iniziato con la corsa contro il tempo per i lavori al Teatro Antico in vista del G7 di Taormina e concluso con la presentazione dei risultati raccolti nel volume “Lifting Theatre”. Sono soddisfatta dei risultati ottenuti in questo anno nonostante le grandi criticità che ogni giorno siamo costretti ad affrontare a causa delle condizioni disagiate in cui si trova la struttura amministrativa del Parco. Un anno ricco di sfide ed attività rese possibili grazie al lavoro, all’impegno e alla passione di tutto il personale disposto a turni sfiancanti anche durante le festività come dimostra l’esposizione dell’arte presepiale calatina a Palazzo Ciampoli». “Natum Videte. Presepe monumentale animato di Caltagirone” sarà visitabile gratuitamente a Palazzo Ciampoli da giovedì 21 dicembre 2017 fino a domenica 7 gennaio 2018, tutti i giorni dalle 10 alle 22 e il 25-26 dicembre dalle 15 alle 22.

Pubblicato in Cultura

E' già operativa, a Giardini Naxos, la nuova stazione ENEL per la ricarica dei veicoli elettrici. Dopo la firma del protocollo di intesa tra il Comune di Giardini Naxos e la “E-distribuzione” (Enel -distribuzione) e l'individuazione dell'area da utilizzare per l'installazione del Punto Enel, si è proceduto alla realizzazione della stazione di ricarica che attualmente si trova nel parcheggio nel rione turistico di Recanati, nei pressi dell'incrocio tra Viale Dionisio e Via Jannuzzo.

Le colonnine installate sono della tipologia "Enel Fast Recharge Plus", una tecnologia tutta italiana, interamente sviluppata ENEL, che consente di ripristinare l'energia necessaria a percorrere dai 150 ai 200 km in circa 20 minuti, compatibile con tutti i veicoli in commercio e nel rispetto dei più alti standard di sicurezza.

"Eva+" è un progetto importante, che consente di creare una rete di infrastrutture a ricarica veloce lungo le strade ad alta percorrenza italiane.

L'obiettivo è quello di arrivare al numero 180 postazioni in Italia e 20 in Austria, per collegare l'Italia dal Brennero alla Sicilia e da Torino a Trieste. "Siamo molto felici di essere stati scelti per realizzare un'infrastruttura così importante nel nostro Comune" commenta il presidente del Consiglio Danilo Bevacqua promotore dell'iniziativa il quale aggiunge "questo conferma la strategicità del nostro territorio e dei nostri collegamenti. Sarà un punto importante per chi viaggia in autostrada, ma potrà servire a tutta la zona della Sicilia Orientale.

Il messaggio veicolato è estremamente positivo, promuovendo un tipo di mobilità che guarda al futuro e non ha impatti ambientali. La patnership data da importanti case automobilistiche e Enel testimonia che questo è futuro".

Pubblicato in Attualità

La signora Alfia Patti è il nuovo presidente del Centro Anziani Comunale di Giardini Naxos. La nomina è scaturita nel corso della seduta del direttivo del Centro anziani avvenuta martedì 21 novembre presso il municipio.

A seguito delle dimissioni da presidente di Giuseppe Galeano, il direttivo si è riunito per procedere alla nomina del nuovo presidente. Alla data fissata per il 21 novembre presso il Comune per l'elezione del presidente e del vicepresidente del direttivo, erano presenti la Sig.ra Alfia Patti, la Sig.ra Giovanna Cucinotta e la Sig.ra Giuseppa Vadalà.

Dopo aver verbalizzato l'assenza degli altri due componenti del direttivo, il sig. Giuseppe Galeano ed il Sig. Angelo Puccio, vista la regolarità della convocazione del direttivo e del numero legale per procedere alle nuove nomine, sono iniziate le operazioni di nomina.

La prima operazione di voto è stata quella del Presidente del Centro incontro Anziani. Si è votato a scrutinio palese, per alzata di mano ottenendo il seguente risultato: - Patti Alfia voti 3 - Vadalà Giuseppa voti 0 - Cucinotta Giovanna voti 0 Visti gli esiti della votazione risulta eletta Presidente la Sig.ra Alfia Patti Successivamente si è proceduto alla elezione del Vice Presidente. Si è votato a scrutinio palese, per alzata di mano ottenendo il seguente risultato: - Patti Alfia voti 0 - Vadalà Giuseppa voti 3 - Cucinotta Giovanna voti 0 Visti gli esiti della votazione. E' risultata eletta Vice Presidente la Sig.ra Giuseppa Vadalà, già apprezzata funzionaria, in pensione, dei Servizi Demografici del Comune la quale ha messo a disposizione del Centro anziani la sua lunga esperienza amministrativa e professionalità maturata in tanti anni di attività al servizio dell'Ente. Al termine delle votazioni il Sindaco Pancrazio Lo Turco ha espresso ampia soddisfazione per i neo eletti augurando loro buon lavoro.

Assieme al Sindaco erano presenti per i saluti istituzionali alla neo elette del direttivo, l'assessore Sandra Sanfilippo e l'assessore Carmelo Villari.

Pubblicato in Attualità

Anche quest’anno il Comune di Giardini Naxos ha organizzato la Festa dell’albero insieme con le scuole dell’Istituto comprensivo.

Accanto al sindaco e agli studenti c’era anche Legambiente è presente a Giardini Naxos ormai da un trentennio: prima col Circolo locale e ora con quello comprensoriale che include anche Taormina e i comuni dell’Alcantara.

Il Comune di Giardini Naxos da anni lodevolmente celebra la Festa dell’ albero mettendo a dimora (come prevede la Legge n. 113/1992) un albero ogni nuovo nato registrato all’anagrafe comunale nel corso dell’anno precedente: quest’anno ha piantato un centinaio di Tuie e Pini domestici (una trentina in più dei nuovi nati).

Legambiente ha partecipato con vera gioia a questa importante cerimonia che si è svolta nella Villa Olimpiadi Roma 1960, antistante la statua della Nike.

 E’ stato particolarmente significativo per il Circolo di Legambiente poter parlare di tutela del verde ai bambini in un’area così bella, panoramica ma anche simbolica per l’identità di Giardini Naxos, poiché ricorda con la “La Porta di Naxos”, che vi è stata posta in occasione del gemellaggio tra Giardini Naxos e le città di Calcide Eubea e Naxos, i fondatori greci della prima colonia in Sicilia.

Un area che è oggetto della lotta del Circolo di Legambiente Taormina/Alcantara a difesa del verde e del paesaggio perché è ancora a rischio di cementificazione: se fosse approvato il progetto definitivo di porto/centro commerciale a Naxos della Tecnis SPA sarebbe trasformata in parcheggio.

“ Abbiamo dunque festeggiato ieri, afferma il locale circolo di Legambiente, anche lo scampato, per ora e speriamo per sempre, pericolo della sua distruzione ricordando che la nostra zona, luogo di straordinaria bellezza ma oggetto anche di tanti voraci appetiti speculativi, ha una eccezionale tradizione di tutela del verde.

Pubblicato in Attualità

La sfida del G7 di Taormina meritava di non essere dimenticata. Il Parco Archeologico di Naxos –Taormina ha curato un libro, edito da Mondadori Electa, dal titolo “Lifting Theatre: la straordinaria risposta alla sfida del G7 di Taormina” che verrà presentato martedì 14 novembre a Palazzo Ciampoli di Taormina ad apertura del G7 delle Pari Opportunità. «La “missione impossibile” del G7 di Taormina, trasformatasi in corso d’opera in un successo inconfutabile – afferma il direttore del Parco Archeologico di Naxos Taormina, Vera Greco - è diventata un volume grazie all’apporto di tutti i soggetti che hanno partecipato per raggiungere questo traguardo e ai pregevoli contributi di Giuliano Volpe, Daniele Manacorda, e Francesco Muscolino».
«Parafrasando il celebre “Living Theatre”, che letteralmente significa “teatro vivente” – spiega il direttore del Parco - il titolo esprime da un lato la peculiarità del Teatro Antico di essere un monumento vivo, quindi vivente, in quanto interagisce a pieno titolo con la sfera più intima ed emozionale delle persone, legata alla musica, allo spettacolo, al teatro e ad ogni altra forma artistica che viene ospitata dal teatro. Dall’altro, invece, si lega al cambiamento, al “ringiovanimento” cui è stato sottoposto il monumento proprio in occasione del G7 tenutosi a Taormina, quasi un “lifting” ottenuto con una rapidità davvero incredibile, e con risultati di vera eccellenza».
Alla presentazione del volume curato dal Parco Archeologico di Naxos-Taormina interverranno Alessandro Modiano, capo struttura di missione della Presidenza Italiana del G7; Riccardo Carpino, commissario straordinario per gli interventi infrastrutturali della Presidenza Italiana del G7; Roberto Lupica, direttore responsabile regionale dei Vigili del Fuoco; Maria Elena Volpes, dirigente del Dipartimento regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana; Paolo Quagliazza, primo dirigente del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco; Eligio Giardina, sindaco di Taormina; Vera Greco, direttore del Parco Archeologico di Naxos-Taormina; Daniele Malfitana, direttore dell’Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali (IBAM CNR); Laura Pintus, giornalista Rai, l’archeologo Francesco Muscolino; Agostino Messana, dirigente dell’Unità operativa 2 del Parco Archeologico di Naxos-Taormina e l’archeologo Maria Grazia Vanaria. L’evento si svolgerà a Taormina, a Palazzo Ciampoli, martedì 14 novembre, alle 16, a ridosso del G7 Pari Opportunità, in modo da concludere coerentemente nella stessa cornice internazionale.

Pubblicato in Attualità

 Nel magnifico scenario di Giardini Naxos si è svolta domenica 29 ottobre la prova conclusiva del   Campionati Internazionali d’Italia su sabbia Supermarecross Trofeo Gaetano di Stefano: organizzata

magistralmente dal Moto Club Taormina New coordinato dal presidente Marco Mainardi, la gara – sesta del calendario stagionale – è stata determinante per l’assegnazione di tutti i titoli 2017. Splendido sole e tanto pubblico per una sfida che ha visto al via poco meno di cinquanta partenti.

Dopo l'apertura del sabato con la gara spettacolo dedicata alle moto d’epoca, vinta da Vincenzo Lombardo su Honda, il Supermarecross ha acceso le polveri la domenica per una gara finale dai grandi contenuti.

Nella categoria Minicross il nuovo Campione Italiano è Matteo Vantaggiato: il giovane pilota pugliese che corre su KTM per i colori del Moto Club Montalbano Jonico non si è risparmiato ed è andato a segno vincendo in Sicilia altre due manche dopo le due vinte nella Prova di Paola; alle sue spalle, due volte secondo nelle due frazioni di giornata, Giovanni Lippolis (KTM Team Pardi).
Sale ancora una volta sul podio, ma questa volta al terzo posto, la veloce e determinata Giorgia Blasigh (Husqvarna MC Mxone), che risale la classifica e chiude la sua stagione Supermarecross 2017 in quarta posizione assoluta.
Per quanto riguarda la classifica di campionato, dietro al neo-campione Matteo Vantaggiato, si piazza in seconda posizione Andrea Adamo (Honda Team Pardi), mentre il terzo in classifica è Francesco Pio Oppedisano su KTM (Moto Club Paolo Rossi Cina).

La classe 125 ha incoronato il pilota laziale Luca Milani (KTM Team Milani), il quale partiva con un vantaggio di oltre 400 punti sugli inseguitori ed ha messo al sicuro il titolo già nella prima manche chiusa al sesto posto. Nella seconda manche ha centrato il secondo posto arrivando quarto quarto di giornata, ad un passo dal podio. A vivacizzare la sfida delle 125 a Giardini Naxos è stato uno scatenato terzetto formato da Michele Gaballo (TM Salentino Otranto), Carmelo Ferla (Husqvarna Messina Factory) e Giuseppe Arangio: i tre si sono misurati in una sfida durata l’intera giornata, dove a spuntarla è stato il pilota siciliano Carmelo Ferla che è salito sul podio più alto confermando la sua crescita nel corso di una bella stagione che lo vede vicecampione di classe. Secondo di giornata e terzo nel campionato 2017 il pugliese Michele Gaballo e terzo gradino di Giardini Naxos per Giuseppe Arangio. 

Come da facile pronostico, il titolo MX2 è andato ad un insaziabile Antonio Mancuso (Husqvarna Messina Factory) che, già incoronato campione al termine della vittoriosa e formidabile galoppata della prima manche, davanti ai suoi numerosi fan presenti a bordo pista ha messo a segno anche la vittoria nella manche successiva e nella Supercampione. Il pilota messinese chiude così, con una giornata memorabile, una bellissima stagione agonistica che gli ha fruttato il quinto titolo tricolore Supermarecross. Alle sue spalle sul podio siciliano il pilota di Gioia Tauro Pasquale Carbone (Husqvarna SRT Saccà Racing Team) che conclude con questo buon risultato una stagione a tratti difficile. 
Ottima gara per Gianluca Di Marziantonio (KTM DMX Motorsport) che, grazie al miglior risultato nella Supercampione, riesce a piazzarsi terzo assoluto di giornata e terzo assoluto in campionato.
Il vicecampione MX2 è il giovane Gabriele Oteri (Husqvarna AM Aretina), quarto in questa gara e protagonista di una stagione ai vertici della classifica che lo ha visto sul podio in quattro dei sei appuntamenti.

Grazie al vantaggio di punti accumulato dopo la penultima prova, Manuel Iacopi (Yamaha Marradi) ha centrato il titolo 300 pur scegliendo di disertare la gara di Giardini Naxos. I punti conquistati qui in Sicilia con la vittoria di classe ed il buon piazzamento nella Supercampione – 313 in tutto - non sono bastati ad Antonio Gizzi (KTM Cianfrocca) per insidiare la leadership di Iacopi. Gizzi chiude così la stagione al secondo posto con un distacco di 188 punti dal campione 2017. Terzo in classifica Luigi Zaurrini (Yamaha Team Pardi Royal Pat), salito sul secondo gradino del podio a Giardini Naxos.

Titolo subito a segno nella prima manche anche per la classe MX1, che ha incoronato per la settima volta in carriera Giovanni Bertuccelli (Honda Team Pardi Royal Pat). Autore di una stagione Supermarecross strepitosa che lo ha visto sistematicamente sul podio con quattro vittorie, un secondo ed un terzo posto, Bertuccelli, che quest’anno ha conquistato anche il titolo MX1 Over 21, ha costruito i suoi successi con determinazione grazie al grande appoggio del suo Team, il Team Pardi, condotto da  Giuliano e Daniele i quali lo hanno seguito con professionalità in tutte le gare.

Dopo la vittoria nella prima manche di Giardini Naxos, appagato e commosso, Bertuccelli si è lasciato andare nella frazione successiva in qualche piccolo errore, ma ha comunque saputo dare spettacolo con formidabili rimonte che lo hanno portato al secondo posto sia della seconda manche sia della Supercampione ed infine alla vittoria di giornata. Vincitore della seconda manche MX1 è stato Caruso Manfredi (Honda) che ha chiuso la tappa siciliana al secondo posto ed il campionato al terzo. Terzo gradino di giornata per Salvatore Runcio (Yamaha Intrepid Offroad) che chiude il 2017 con la corona di vicecampione MX1.

Si conclude così un altro anno positivo per il Supermarecross che fatto registrare anche per il 2017 un sempre elevato numero di iscritti a tutte le gare, un grande seguito di pubblico e ottima visibilità sui media. Accolto sui alcuni dei litorali più belli d’Italia, il Supermarecross ha vissuto un’altra stagione di grande spettacolo all’insegna della passione per il motocross.

L’appuntamento è, come sempre, per i primi mesi del prossimo anno per riaprire la stagione crossistica firmata FXAction proprio con i primi appuntamenti di Supermarecross.

Pubblicato in Sport

Lo spettacolo del Supermarecross si avvia alla chiusura della stagione con l’atteso appuntamento Giardini Naxos di questo fine settimana, 28 e 29 ottobre: come tradizione da ormai quindici anni, il circus dei Campionati internazionali d’Italia su sabbia Trofeo Gaetano Di Stefano farà tappa sulla spiaggia delle splendida località siciliana dove andrà in scena la due giorni organizzata dal Moto Club Taornina New sotto l’attenta regia del suo presidente Marco Mainardi.

Sulla spiaggia di Lido di Naxos, gli ombrelloni lasceranno dunque spazio ad una pista di circa 900 metri che sarà modellata da  Angelo Cinquemani, l’abile track builder capace di garantire con la sua ruspa la realizzazione di un tracciato tecnico e scorrevole ed altamente spettacolare.

Dopo l’ultima prova di Paola di domenica scorsa, questa gara in Sicilia ha assunto una valenza importantissima per il Supermarecross 2017: nessuno dei titoli attesi è stato assegnato in anticipo sulla spiaggia calabrese, ed il punteggio di Giardini Naxos sarà pertanto determinante per la consegna di tutti i titoli in palio

Sono ad un soffio dalla conquista del titolo i due piloti di casa, i messinesi Giovanni Bertuccelli (Honda Team Pardi Royal Pat) ed Antonio Mancuso (Husqvarna Messina Factory): Bertuccelli guida la classifica della MX1 con un vantaggio di 511 punti sul secondo piazzato Salvatore Runcio (Yamaha MC Roccavaldina), gli basterà pertanto partire e concludere la prima manche – ipoteticamente anche in ultima posizione –  per aggiudicarsi matematicamente il trono 2017; stessa situazione per Antonio Mancuso, leader della MX2, che di punti da colmare per la conferma matematica ne ha solo 16.

Ha già praticamente tra le mani lo scettro della classe 300 Manuel Iacopi (Yamaha Marradi), che gode di un vantaggio di 501 punti su Antonio Gizzi (KTM Cianfrocca), unico avversario ancora matematicamente in gioco per il titolo. Anche per Iacopi basterà chiudere a punti la prima manche per conquistare la stagione 300.

Nella 125 la matematica lasca spazio a tre contendenti, ma il leader di classifica Luca Milani (KTM Milani), grazie ad un vantaggio di 429 punti su Carmelo Ferla (Husqvarna Messina Factory), potrà agguantare facilmente il titolo già dalla prima manche infilando un quinto posto pari a 120 punti. Gli inseguitori ancora in gioco sono Carmelo Ferla e Michele Gaballo (TM), staccato quest’ultimo di 513 punti.

L’unico spareggio ancora aperto è quello della categoria minicross, dove Matteo Vantaggiato (KTM Montalbano Jonico) , passato al comando grazie alla vittoria nell’ultima gara di Paola, se la dovrà vedere con  Andrea Adamo (Honda – Team Pardi Royal Pat), scivolato in seconda posizione causa sua assenza in Calabria, ed ora staccato di soli 161 punti.

Nutrito il programma del fine settimana a Giardini Naxos: sabato, dopo le verifiche del mattino,  scenderanno in pista le moto cross d’epoca con le gare Veteran open; alle 14,15 le prove libere e crono, poi una  manche secca alle 15,15 che decreterà il vincitore assoluto. È prevista anche un’esposizione delle moto d’epoca ed entreranno in pista moto storiche e piloti che hanno fatto la storia del Supermarecross. Sempre sabato, dalle 16 alle 19, sarà il momento delle verifiche tecniche dei campionati Internazionali, che proseguiranno il mattino della domenica dalle 7:30 alle 9:00.

Domenica il ricco ed intenso programma prevede l’inizio alle ore 9:00; durante la giornata i piloti si alterneranno in pista ben 20 sessioni  tra prove libere, prove cronometrate, gara 1 e gara 2  e l’attesa Supercampione prevista alle 16,30 circa. Nel programma è inserita anche la gara riservata agli Amatori e Promorace Open.

Pubblicato in Sport

I risultati delle attività di studio e di ricerca nei siti archeologici di Naxos e Francavilla di Sicilia sono stati illustrati dagli archeologici Yari Pakkanen, dell’Istituto Finlandese di Ricerca in Archeologia e Topografia antica, e Kristian Göransson, direttore dell’Istituto svedese di Studi Classici a Roma, nel corso della conferenza “Terza e quarta dimensione in archeologia” organizzata dal Parco Archeologico di Naxos. «Prosegue il percorso di valorizzazione del prezioso patrimonio culturale affidato al Parco Archeologico di Naxos per consentire a tutti di percepirlo come proprio». Il direttore Vera Greco ha introdotto, in una le relazioni sui lavori di scavo pluriennale degli archeologi Kristian Goransson e JariPakkanen sui siti archeologici di Francavilla e Naxos. «Grazie all’intenso lavoro degli archeologi Pakkanen e Göransson riusciremo a riportare alla luce il passato di Francavilla e ad avere a breve una prima planimetria 3D dell’antica Naxos».

Gli studi sulla prima colonia greca di Sicilia sono stati condotti da JariPakkanen, direttore dell’Istituto Finlandese di Ricerca in Archeologia e Topografia antica, che ha sottolineato l’importanza dell’antica Naxos per l’archeologia contemporanea. «Gli scavi degli ultimi quattro anni – spiega Pakkanen - hanno consentito di creare la prima pianta completa geo-referenziata della città». Durante la conferenza lo studioso finlandese ha mostrato uno schema modulare di Naxos riproducente una visione dettagliata della planimetria dell’antica città. «Le prospezioni geo-fisiche eseguite tra il 2014 ed il 2016, con la collaborazione di un team greco, ha spiegato Pakkanen, hanno permesso di capire la struttura della pianta urbana del V sec a.C. e di verificare l’estensione della città antica». La relazione di Pakkanen si è anche focalizzata sulla scoperta di un pithos con annesso Pozzo avvenuta nel 2015 all’interno dell’abitato di Naxos. Lo studio impiega modelli tridimensionali di manufatti e architetture realizzati mediante la moderna tecnologia photo scanner 3D.

«Lo scopo principale dell’indagine è fare luce sulla relazione del sito archeologico di Francavilla con la città di Naxos per chiarire l’influenza culturale dei greci sull’entroterra dalla Valle dell’Alcantara fino alla zono circostante a Francavilla». L’archeologo Kristian Göransson, direttore dell’Istituto svedese di Studi Classici a Roma, ha iniziato il suo intervento con una cronistoria degli scavi archeologici nel comune di Francavilla partendo dal lontano 1979, passando per gli scavi di Umberto Spigo degli anni Novanta, fino ai più recenti interventi degli anni Duemila quando anche la Regione Sicilia, accortasi dell’importanza scientifica degli scavi, espropriò i terreni necessari alla loro prosecuzione. I progetti di scavo più recenti sono cominciati nel 2014, con grande merito delle dott.ssa Maria Costanza Lentini, e con l’avallo del Parco di Naxos e del Comune di Francavilla. In platea era presente anche il sindaco di Francavilla di Sicilia, Vincenzo Pulizzi, a dimostrazione di questa collaborazione. «Gli obiettivi del progetto - sottolinea Göransson - riguardano la verifica dell’ipotesi della coincidenza del sito degli scavi con la posizione dell’antica città di Kallipolis, menzionata in numerosi manoscritti storici come in quelli di Strabone, la determinazione del periodo di fondazione, la verifica della supposta estensione dell’abitato sul versante Nord e la verifica di eventuali legami storici con l’antica Naxos tramite indagini geofisiche  a cui ha contribuito la “British School At Rome”».

Un lavoro di studio e di ricerca dal quale sono emersi importanti contributi per la conoscenza di due siti del Parco Archeologico di Naxos. «Vogliamo rendere il Parco alla portata di tutti affinché questo patrimonio possa essere compreso, amato e difeso – sottolinea il direttore Vera Greco-  Per comunicare l’antico ai fruitori del parco abbiamo bisogno di sviluppare sinergie virtuose con gli architetti: l’archeologia è un’architettura che non usiamo più. L’architettura del paesaggio, in particolare, permette di restituire spazialità all’antico, di garantire ai fruitori una percezione concreta pur nella sua immaterialità». La conferenza è stata un’occasione per fare il punto sui risultati degli scavi archeologici di Naxos e Francavilla, ma anche per illustrare le prossime iniziative del Parco Archeologico di Naxos. «Abbiamo in programma innumerevoli attività per il futuro – afferma il direttore Vera Greco – nei prossimi giorni saremo presenti alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum per promuovere le nostre risorse culturali ed archeologiche». Presente all’incontro anche l’archeologa Maria Costanza Lentini, cofondatrice insieme a Paola Pelagatti del Parco della prima colonia greca in Sicilia, che ha sottolineato l’importanza delle nuove tecnologie nelle campagne di scavo ed ha auspicato l’avvio di progetti didattici ed una mostra dei reperti ritrovati negli ultimi anni.         

Pubblicato in Cultura

 

Martedì 24 ottobre, alle 18, al Museo Archeologico di Naxos gli archeologici Yari Pakkanen, dell’Istituto Finlandese di Ricerca in Archeologia e Topografia antica, e Kristian Göransson, direttore dell'Istituto svedese di Studi Classici a Roma, terranno un a conferenza dal titolo “Terza e quarta dimensione in archeologia” per illustrare i risultati delle missioni archeologiche di Francavilla e Naxos. «I risultati delle attività di studio – afferma Vera Greco - in due siti del Parco Archeologico di Naxos, frutto di una ricerca sempre viva, verranno comunicati alla cittadinanza per proseguire quel processo di valorizzazione del nostro territorio».

Continuano anche quest’anno le attività di studio e ricerca archeologica che il Parco di Naxos, sotto la direzione dell’arch. Vera Greco, conduce in collaborazione con l’Istituto Finlandese di Ricerca per l’Archeologia e la Topografia Antica, con sede ad Atene, e l’Istituto Svedese di Studi Classici con sede a Roma. A Naxos, il Prof. JariPakkanen, direttore dell’Istituto Finlandese, coordina i suoi studenti durante le attività di studio e documentazione dei materiali provenienti da un pozzo già scavato nel 2015 all’interno dell’abitato di Naxos. Lo studio impiega con profitto modelli tridimensionali di manufatti e architetture realizzati mediante la moderna tecnologia photo scanner 3D. A Francavilla di Sicilia, l’indagine archeologica è guidata dal Prof. Kristian Göransson, direttore dell’Istituto Svedese, con la partecipazione degli archeologi svedesi Henrik Boman e Monica Nilsson e di alcuni studenti. Il nuovo progetto di scavo a Francavilla di Sicilia, nato da una collaborazione tra l’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, il Parco Archeologico di Naxos e il Comune di Francavilla, ha avuto inizio nel 2016 grazie a un contributo della Reale Accademia Svedese di Belle Lettere con un’indagine geofisica condotta in collaborazione con esperti della British School at Rome. I primi risultati di queste ricerche verranno presentati martedì 24 ottobre al Museo Archeologico di Naxos. Il prof. Kristian Göransson relazionerà su “Lo scavo dell’istituto svedese a Francavila di Sicilia. Ultime novità”, mentre il prof. Yari Pakkanen terrà un intervento da titolo “Documentazione tridimensionale di manufatti in architettura a Naxos”. Coordina il direttore del Parco Archeologico di Naxos, Vera Greco.

«Il Parco Archeologico di Naxos nell’ultimo anno – sottolinea il direttore Vera Greco - nonostante le condizioni disagiate in cui si trova la struttura amministrativa, ha raggiunto obiettivi importanti che rasentano l’impossibile. Il che significa che stiamo marciando a pieno ritmo come dimostrano i fatti, cioè le cose già realizzate, in corso e di prossima attuazione». Dal 27 al 30 ottobre, il Parco Archeologico di Naxos, assieme ai comuni di Francavilla, Giardini Naxos e Taormina, alla Fondazione Taormina Arte e alla società “The Key”, sarà presente alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum. Il 14 novembre, come incipit del G7 delle Pari Opportunità, verrà presentato al pubblico il libro “Lifting Theatre: la straordinaria risposta al G7 di Taormina”, edito da Electa Mondadori, con autorevoli contributi e distribuzione su scala nazionale. Il Parco Archeologico di Naxos, inoltre, è diventato partner del progetto "Generazione Cultura", ideato e sostenuto da Il Gioco del Lotto, insieme al MiBACT (Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), in collaborazione con la LUISS Business School e Strateghia. Un percorso formativo e professionale, dedicato ai giovani neolaureati, con lo scopo di valorizzare il patrimonio artistico e culturale del nostro Paese che comporterà la presenza per sei mesi di due stagisti al Parco Archeologico di Naxos per sperimentare progetti innovativi. Inoltre, Il Parco ha aderito con ENEA al progetto PON di ricerca denominato "EXPERIA", capofila Università di Bari, che fra l'altro propone, oltre a molteplici attività di fruizione, un intero OR dedicato alla sicurezza dei beni culturali e specificamente sul rilevamento e sugli effetti delle onde sonore degli spettacoli nel Teatro Antico.

 

 

Pubblicato in Cultura

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI