Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere comunale Alessandro Costantino:

 

Lo scorso lunedì, ho inoltrato un dettagliato esposto alla Procura della Repubblica di Messina ed al Prefetto, per denunciare un fatto disdicevole che mi ha riguardato.

Il 25 novembre 2016 ho presentato una richiesta per chiedere che mi venissero messi a disposizione tutti gli atti relativi ad un insediamento in costruzione in C.da Lombardo, a Giardini Naxos; fino a quel momento avevo potuto visionare solo parte degli atti, in quanto gli stessi si trovavano presso uffici diversi, e non è stato possibile reperirli tutti.

Immediatamente la Segretaria Generale del Comune assegnava la mia richiesta al dirigente dell’Ufficio tecnico ma, nonostante ciò, la stessa rimaneva inevasa.

Successivamente scopro che, incredibilmente, l’assessore alla Trasparenza Carmelo Giardina, aveva inviato una PEC al Dirigente dell’Ufficio Tecnico, con la quale considerava la mia richiesta troppo generica e quindi non accoglibile.

Ad oggi, non ho ancora avuto la fortuna di visionare gli atti richiesti, quindi ho ritenuto di dovermi rivolgere alle autorità competenti per segnalare sia l’abuso dell’ufficio, ma anche l’atteggiamento ambiguo dell’Assessore alla trasparenza che, senza averne alcun titolo, si intromette in un procedimento non per favorire la libera consultazione degli atti da parte di un consigliere, ma per impedirlo; ho tenuto a denunciare anche il grave conflitto di interessi dello stesso assessore, in quanto gli atti che chiedevo, si riferivano ad un intervento edilizio proposto da una cooperativa, i cui soci sono parenti ed affini dell’Assessore Giardina.

Ho inviato l’esposto anche al Sindaco, per capire se ritiene di confermare la fiducia ad un assessore alla trasparenza che impedisce l’accesso agli atti, e più in particolare a quelli che riguardano la sua famiglia.

A questo punto attendo fiducioso l’esito del lavoro della magistratura e auspico anche l’intervento del Sig. Prefetto di Messina, doverosamente informato sull’accaduto.

 

Pubblicato in Politica

In un soleggiato sabato mattina, un gruppo di volontari coordinato ed organizzato dal giovane Valerio Gullotta ha deciso di mettersi al servizio del proprio paese liberando l’arenile in contrada San Giovanni da una grande quantità di rifiuti che vi si erano depositati, alcuni dopo le mareggiate degli ultimi giorni, altri dovuti all’inciviltà di alcuni concittadini. Del gruppo di lavoro hanno fatto parte alcuni membri della locale Associazione Culturale “Idee In Movimento” che ha voluto sostenere l’iniziativa ed in particolare: Claudia Vinciguerra, Daniele Saglimbeni, Giuseppe Leotta. A dare una mano sono giunti in soccorso anche Giuseppe Cacciola e Federico Vecchio. Come dimostrano le foto scattate per documentare la giornata, sono stati raccolti rifiuti di tutti i tipi, dal metallo al vetro passando per le classiche bottiglie gettate in spiaggia il sabato sera. I sei si sono detti contenti dell’iniziativa che li ha impegnati dalle 10 alle 12 di sabato 5 novembre, “Auspichiamo” hanno continuato “che, considerato il discreto flusso di turisti che ancora interessa la nostra cittadina, l’amministrazione voglia prendere in considerazione un servizio di pulizia “una tantum” delle spiagge per il mese di Novembre. Il modo in cui ci presentiamo agli occhi del mondo ha certamente un impatto non indifferente sulla possibilità di incrementare i flussi turistici futuri” hanno concluso.

Pubblicato in Attualità

Il SUPERMARECROSS si prepara alla sfida finale che vale un’intera stagione: dopo cinque gare belle e combattute disputate sulle spiagge di nord, centro e sud Italia, l’appuntamento di sabato 29 e domenica 30 ottobre sarà, infatti, decisivo per l’assegnazione di tutti i titoli dei Campionati Internazionali d’Italia di Motocross su Sabbia “Trofeo Gaetano di Stefano”. Benché circoscritti a pochi piloti al vertice della classifica, i giochi sono ancora tutti aperti per le classi MX1, MX2, 300cc, 125cc e Minicross (ovvero tutte le classi del Supermarecross eccetto i quad, che comunque non disputeranno questa gara), nonché per la classifica Supercampione! 

Ad ospitare l’importante gara sarà Giardini Naxos, stupenda località affacciata sulla baia del Golfo di Taormina, che ormai da qualche anno accoglie il tradizionale appuntamento finale del campionato. L’organizzazione dell’evento sarà curata dal Moto Club Taormina New sotto l’attenta regia del presidente del sodalizio Marco Mainardi, figura carismatica e trainante, in passato protagonista del Supermarecross anche in veste di pilota.
La pista, sviluppata sull’arenile di Lido di Naxos, avrà uno sviluppo di circa un chilometro e sarà realizzata dall’esperto track designer Angelo Cinquemani, vera garanzia per un tracciato tecnico e spettacolare.
Il programma di questo sesto e ultimo round del Supermarecross prevede sabato 29 ottobre la tradizionale gara di contorno riservata ai Veteran con moto d’Epoca e la prima manche della gara dei piloti della categoria Amatori. Si inizierà con le prove per le due classi alle 13.30 ed un’ora dopo, alle 14.30, si abbasserà il cancello per la manche unica della Veteran Open. La categoria Amatori disputerà invece una manche il sabato, subito dopo la Veteran, ed una manche la domenica.
Tutte concentrate nella giornata di domenica, invece, le gare valide per i titoli SUPERMARECROSS: un timing fitto che porterà alla chiusura con l’attesissima manche SUPERCAMPIONE, al termine della quale verranno consegnate al titolare dello scettro SUPERCAMPIONE 2016 le chiavi della vettura in premio, una FIAT Panda che ritirerà successivamente in occasione dell’evento MX RAVE, grande festa organizzata dal promoter FXAction il 17 e 18 dicembre.
Durante l’intenso fine settimana sarà inoltre possibile visitare la mostra di moto d’epoca ed incontrare campioni di ieri e di oggi.
Per un evento così ricco ed entusiasmante è atteso il grande pubblico: probabilmente il tutto esaurito come accaduto già in passato per l’appuntamento siciliano. Pubblico che sarà a Giardini Naxos anche per tifare i locali piloti isolani, forti sulla sabbia e sicuramente pronti a dare spettacolo sulla pista di casa.

 

GUARDA IL VIDEO REALIZZATO DA ANDREA JAKOMIN

Pubblicato in Sport

E’ ancora la discussione in merito alla realizzazione del proto turistico a Giardini Naxos ad animare il dibattito politico. Mentre si aspetta ancora il pronunciamento della commissione VIA-VAS sul progetto TECNIS, il sindaco di Giardini, Pancrazio Lo Turco, ha gettato nel calderone mediatico prima la possibilità che dai fondi del G7 arrivino dei finanziamenti per il porto, successivamente ha tirato in ballo una recente delibera di giunta regionale che inserisce il molo di Giardini all’interno di un elenco di opere finanziabili nell’ambito del “Corridoio core Scandinavo – Mediterraneo (Sezione Gioia Tauro – Palermo – La Valletta)”.

Sulla vicenda è intervenuto il “Comitato Civico: Per Salvare la Baia di Naxos”. “Ci piacerebbe conoscere, in prima battuta, se esiste già un elenco organico di opere prioritarie per il G7 del prossimo maggio ed in che modo ed in che misura il Porto di Giardini rientrerebbe in tale elenco. I cittadini hanno diritto ad una maggiore trasparenza sul tema in questione che è così determinante per la competitività futura del territorio” ha affermato il portavoce Leotta “Inoltre, vogliamo ricordare al sindaco Lo Turco che la delibera di Giunta di Governo Regionale n.223 del 22/06/2016 che ha inserito Giardini nell’ambito di una serie di interventi mirati alla <<manutenzione e potenziamento delle infrastrutture portuali e della PICCOLA PORTUALITA’>>, parla di un intervento di appena 3 milioni di euro, che andrà in finanziamento soltanto nel 2019 e di cui non esiste, per ovvietà di cose, alcun progetto preliminare” ha continuato Leotta. “Ci sfugge pertanto in che modo entrambe le ipotesi possano essere compatibili o complementari con il progetto TECNIS, un progetto da 56 milioni di euro senza contributi pubblici che stravolgerebbe in maniera permanente l’attuale conformazione della baia. La sensazione è che questa amministrazione voglia continuare, contro ogni regola del buonsenso e della razionalità, a forzare la mano sulla costruzione dell’opera evitando ogni confronto con la società civile” hanno concluso i membri del comitato. 

Pubblicato in Attualità

Sabato 15 ottobre, alle ore 18.30, presso l'Aula Magna del Liceo "Caminiti-Trimarchi" di Giardini Naxos, organizzato dall’Associazione Azione Cattolica di Giardini Naxos,  si terrà il primo incontro pubblico dell'itinerario di riflessione orientato alla formazione ad una cittadinanza consapevole.    "Referendum costituzionale: la responsabilità di un voto consapevole   sarà il tema dell'incontro in programma che, per l'appunto, tratterà il tema proposto dalla consultazione referendaria del prossimo 4 dicembre. Interverranno:  Prof. Luigi D'Andrea, Ordinario di Diritto costituzionale presso l'Università di Messina e il Prof. Alessandro Morelli, Ordinario di Diritto costituzionale presso l'Università di Catanzaro.                                                           

I due docenti si confronteranno sulle due posizioni in campo: quella per l’approvazione e quella per il rigetto della Riforma Costituzionale.

Pubblicato in Attualità

Prima trasferta e prima vittoria per il team guidato da mister Alessandro Strano. Sul campo della matricola Zaccagnini, la squadra naxiota impone il proprio gioco ed un risultato che non lascia spazio a dubbi. Con un perentorio 7-3 i giardinesi si confermano a punteggio pieno nelle zone alte della classifica. A sbloccare le marcature è il solito Intelisano prima del momentaneo pareggio dei padroni di casa. Poi ancora Intelisano su schema pregevole e Alessandro Puglisi con una momentanea doppietta mettono la partita in discesa. Piero Sturiale da bomber navigato marca il momentaneo 5-1 in tap-in con un goal alla Pippo Inzaghi. Gli ospiti trovano in contropiede il goal del 5-2 prima che un tiro al volo ad incrociare di Intelisano porti il risultato sul 6-2, euro-goal e tripletta personale per il numero 11 migliore in campo ancora una volta. Nel finale, arriva prima il 6-3 dei padroni di casa ed infine il definitivo 7-3 sempre ad opera di Puglisi, anche per lui tripletta personale, che approfittando di uno svarione difensivo segna indisturbato a porta vuota. Pregevoli anche le prestazioni dell’estremo difensore Melita, entrato nel secondo tempo, e del capitano Walter Rizzo al rientro dalla squalifica. “Questo risultato conferma le buone indicazioni dell’esordio” ha affermato il segretario Leotta a fine gara “il gruppo è forte e coeso, ora pensiamo soltanto al prossimo impegno casalingo contro i messinesi del SIAC, consapevoli di potercela giocare a viso aperto con tutti”. 

Pubblicato in Sport

Verrà presentato venerdì 23 settembre (ore 18.30) presso il Castello di Schisò a Giardini Naxos il volume di Fabrizio Fonte «L’inchiesta Merra - La prima operazione antimafia nella Sicilia autonoma». Alla presentazione prenderanno parte Fabio Granata e Nello Musumeci (Presidente della Commissione Reg.le Antimafia), coordinerà Giuseppe Leotta. L’evento culturale si inserisce nella sesta edizione di Naxoslegge che vede nelle vesti di direttore artistico la poliedrica Fulvia Toscano. In particolare la presentazione de «L’inchiesta Merra» è stata inserita nella sezione «Naxoslegge … la legalità».

«Nel 1959, a seguito dell’«inchiesta Merra» (fortemente voluta dal primo «Governo Milazzo»), si registrò un deciso cambiamento di rotta nella gestione dell’«Ente per la riforma agraria siciliana» (Eras). Il 99% dei funzionari dell’Ente era stato, infatti, assunto per chiamata diretta e rispondeva spesso agli interessi della mafia, che regolarmente frequentava, con alcuni suoi uomini di spicco, gli uffici centrali di Palermo per rimarcare tutto il suo peso nella gestione della riforma agraria. Con l’avvento del nuovo corso politico «milazziano» fu, invece, possibile estromettere alcuni capimafia dai Consigli di amministrazione dei Consorzi di bonifica e di istituire una Commissione, presieduta per l’appunto dal giudice Pietro Merra, sulla gestione dell’Eras. La Commissione nel giro di soli tre mesi porterà alla luce una diffusa mala gestio, avallata ovviamente dai vertici dell’Ente, a partire dall’acquisto di terreni per la riforma agraria a quattro o cinque volte il loro reale prezzo di mercato. I risultati della Commissione portarono immediatamente alla sostituzione della governance dell’Eras, ma vennero, politicamente prima e penalmente dopo, insabbiati. Il riportare alla memoria le vicende legate all’«inchiesta Merra» è certamente funzionale per abbattere alcuni stereotipi e, soprattutto, per mettere in risalto un esempio positivo di quando la politica siciliana ha voluto contrastare con efficacia la mafia».

 

Fabrizio Fonte, giornalista, è laureato in «Scienze della Comunicazione». È autore di diversi saggi e di numerosi articoli di natura politica, economica e culturale per diverse testate giornalistiche regionali e nazionali. È stato insignito del Premio alla Cultura «G.M. Calvino» nel 2014 e del Premio letterario «La Campana di Burgio» nel 2015. Presiede, infine, dal 2014 il «Centro Studi Dino Grammatico».

Pubblicato in Cultura

I Carabinieri della Compagnia di Taormina dopo una notte di ininterrotto lavoro hanno tratto in arresto Nunzio Scarcella, pregiudicato di 48 anni, sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Gravi sono le accuse formulate  nei confronti dell' uomo, che deve rispondere di sequestro di persona e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. I fatti risalgono alla serata precedente quando l'uomo, con atteggiamento minaccioso e alla presenza di testimoni, ha costretto un minorenne del luogo, ad entrare nella sua autovettura e lo ha condotto presso la propria abitazione con il preciso intento di terrorizzare alcuni amici del giovane, accusati di aver rinvenuto un portafogli smarrito  e di non voler restituire la somma di 700 euro contenuta al suo interno. Immediata è giunta la segnalazione al 112 che ha inviato a casa dell'arrestato la pattuglia della Radiomobile. Gli operanti hanno trovato a casa dello Scarcella il minorenne che era intimorito ma comunque privo di lesioni. Le parti in causa sono state condotte tutte presso la Stazione dei Carabinieri di Giardini Naxos che in piena notte appariva illuminata e piena di gente. Nelle ore successive i carabinieri  della Stazione hanno condotto una azione certosina, sentito tutti i testimoni e ricostruito l'intera vicenda. L'uomo, già noto alle forze di polizia, è stato tratto in arresto ed ora si trova in carcere a Messina, a disposizione dell' Autorità Giudiziaria che nei prossimi giorni deciderà della convalida e di eventuali misure da adottare.

Pubblicato in Cronaca

Naxoslegge 2016 ha preso ufficialmente il via  al Parco archeologico di Naxos, con la sezione Le donne non perdono il filo, dedicata ai saperi femminili, nell'ambito della quale si colloca il Premio "La tela di Penelope” consegnato quest’anno a Chiara Vigo, ultimo maestro del bisso.

Il primo incontro del festival letterario, diventato ormai un punto di riferimento nel panorama culturale siciliano,  ha affrontato il tema "Patrimoni immateriali, giacimenti della memoria, saperi" .

All’incontro hanno preso parte Marinella Fiume, Natale Giordano, Vera Greco e Chiara Vigo. In questa occasione Fulvia Toscano e Giuseppe Leotta, hanno invece illustrato il programma di Naxoslegge 2016.

Forte ed univoco il messaggio lanciato all’inaugurazione del Festival letterario da parte degli illustri relatori: più spazio alla cultura, salvaguardia della bellezza  e un grido d’allarme affinché venga scongiurata  la chiusura  indiscriminata di numerosi musei in Sicilia.

L’incontro ha rappresentato l’occasione anche per conoscere meglio Chiara Vigo l'ultima pescatrice e tessitrice di bisso al mondo, che nella serata di sabato 3 settembre presso Palazzo Paladino di Schisò (Giardini Naxos), è stata insignita della Tela di Penelope ai Saperi delle donne.

Una prima serata dunque molto ricca che ha messo in luce anche le potenzialità del Parco di Naxos quale location per eventi di alto profilo culturale.

Particolarmente suggestivo in chiusura il concerto del Duo di arpe delle gemelle Palazzolo, offerto dal Conservatorio statale di Musica "A. Corelli"di Messina.

Il festival si chiuderà il 2 ottobre a Motta Camastra (Me), con la giornata conclusiva della nuova sezione “Vox Populi”, realizzata in collaborazione con il Comune e dedicata alle tradizioni demo etno antropologiche. Tra gli ospiti che popoleranno il borgo alcanterino, in concomitanza con la  tradizionale festa della noce,  tra il 30 settembre e il 2 ottobre, ricordiamo: Ignazio  Buttitta, Arianna Attinasi,  Franz Riccobono,  Sergio Todesco, Mario Sarica, Biagio Guerrera, Mauro Geraci, Fortunato Sindoni, Mimmo Rando, Carlo Muratori, VitoTeti, Anna Mallamo, Mario Bolognari, gli scrittori del progetto Il borgo delle storie, Licia Cardillo,  Giorgio D' Amato, Clelia Lombardo, Cristina Marra, Diversi gli editori presenti, dalla Sicilia e dalla Calabria, regione ospite. In programma anche laboratori con diversi professionisti, coordinati da Vincenza di Vita e Giusy Patanè, in collaborazione con Marranzano World Fest e Associazione musicale etnea ( info su fb naxoslegge e voxpopuli).

Pubblicato in Cultura

I lavori di ristrutturazione e messa a norma del Palazzo Municipale sono fermi da mesi.

 Nel lontano Giugno 2015, la ditta MA.VAN di Mussomeli si aggiudicava i lavori per la ristrutturazione del palazzo municipale, per un importo di poco superiore alle 142.000 euro ma, dopo pochi mesi, i lavori si sono misteriosamente interrotti e la ditta è scomparsa, lasciando il palazzo avvolto da una imponente impalcatura ed un cantiere pieno di calcinacci ed immondizia.

 

“Riteniamo che, nell’immediato, incalza il gruppo consiliare Giardini Bene Comune, sia necessario ripulire il cantiere che insiste su parte di Piazza Abate Cacciola; è inconcepibile che la piazza del municipio di Giardini Naxos possa presentarsi in queste indecorose condizioni, anche in considerazione del fatto che in queste sere si stanno susseguendo in quella piazza, una serie di spettacoli per i festeggiamenti di S. Maria Raccomandata, Patrona di Giardini Naxos.”

 

Inoltre il gruppo consiliare ha predisposto un’interrogazione per chiedere al Sindaco di conoscere i motivi per i quali i lavori sono stati sospesi, quando era prevista la fine dei lavori (vista anche la mancanza dell’apposito cartello in cantiere) e, soprattutto, se i lavori svolti sono conformi a quelli previsti dal progetto che la Giunta Municipale ha approvato con propria delibera n°94 del 14/10/2014.

Pubblicato in Politica

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI