Inizia anche a Nizza di Sicilia il percorso delle Agorà del PD promosso dal segretario nazionale Enrico Letta, aprendo i circoli a società civile e cittadini.
Le Agorà sono state pensate per aprire una fase di ascolto e di dialogo con il Paese, per rimettere il Partito dentro la società, spalancare le porte alle istanze che provengono dall’associazionismo, dal mondo del lavoro, dalla cultura, dalla politica e in generale dalla cittadinanza attiva.
Tra i vari temi che saranno promossi e dibattuti dal  Circolo:
politiche per la rigenerazione urbana; pari opportunità ; Europa e piccoli comuni; transizione ecologica/rigenerazione urbana (PNRR); ambiente e agricoltura; lavoro giovanile; spazi di sostegno e di integrazione per i diversamente abili.
"Abbiamo deciso di partire con un tema di grande attualità, spiega il coordinatore Gaetano Scarcella,  dal titolo “Le politiche per il sociale: emergenze e nuove povertà al tempo della pandemia”. Parleremo di reddito di cittadinanza, nuove fragilità, dispersione scolastica, oggi più centrali che mai, anche nel nostro territorio. L'espressione nuove povertà può essere riferita ad una condizione di vulnerabilità intesa come senso di insicurezza e di instabilità in cui si ritrova il soggetto con un percorso individuale incrinato dalla precarietà e fragilità tanto a livello lavorativo quanto nelle relazioni sociali. In quest'ottica risulta fondamentale considerare che la dimensione economica non è la discriminante essenziale ma al contrario che la povertà è strettamente legata ad una complessità di fattori che contribuiscono ad estendere la fascia di vulnerabilità, il forte senso di insoddisfazione e di incertezza fra gli individui che la compongono”.
Ampio e qualificato il parterre, introdurrà i lavori la dott.ssa Antonella Scarcella, le diverse relazioni vedranno alternarsi dirigenti scolastici, insegnanti, assistenti sociali, parteciperanno anche l’on. Chiara Gribaudo, della segreteria Nazionale, il segretario regionale PD Anthony Emanuele Barbagallo, e il segretario provinciale PD Nino Bartolotta, che sta coordinando il lavoro dei circoli di tutta la provincia di Messina.
È un evento aperto a tutti che si svolgerà sabato 11 dicembre alle ore 17 nell'aula consiliare del comune di Nizza, per prendervi parte bisognerà essere muniti di green pass, ma sarà possibile seguire anche da casa tramite piattaforma Zoom.
Pubblicato in Politica

Preoccupazione per la condizione occupazionale e lavorativa della comunità di Taormina. In particolare per tutti i lavoratori del comparto turistico.  La esprime in una nota il circolo del Partito Democratico di Taormina.

“In questo grave momento di stasi e preoccupazione per lo sviluppo degli eventi siamo chiamati all’osservanza ed al rispetto delle regole, non solo per la percettività degli obblighi imposti ma per il loro significato di presidio di solidarietà volto alla tutela dei più deboli. Ciò soprattutto per ricostruire, sin d’ora, un immediato domani economico, anch’esso oggetto di preoccupazione, con particolare riferimento alla condizione occupazionale e lavorativa della nostra comunità: guardiamo con innegabile apprensione, infatti, ai risvolti sull’intero comparto del turismo che Taormina rappresenta, soprattutto ai lavoratori stagionali, ai fruitori della NASpI, alle loro famiglie, che in questo momento vivono con grande inquietudine l’evolversi dell’emergenza, auspicandoci il rafforzamento di misure specifiche a sostegno del reddito e di promozione del settore che è oggi l’immagine di una Sicilia emancipata ed accogliente.”

La nota del locale circolo del Pd prosegue ponendo l’attenzione sugli episodi di sensazionalismo e sciacallaggio che purtroppo si stanno registrando.

“Constatiamo con amarezza, si legge,  che si sono diffuse, sin dai primi momenti, catene di false informazioni a carattere medico, del tutto inattendibili, notizie che speculano sui nostri crescenti diffusi timori e – peggio – complottismi che denunziano e sobillano contro malevoli poteri occulti, alimentando un dibattito politico a volte fuori luogo e spesso pretestuosamente anticomunitario. Tutto ciò confonde e disorienta: dobbiamo invece diffidare delle scorciatoie, anche intellettuali, ed affidarci alla competenza delle autorità politiche e sanitarie, attingendo dall’informazione proveniente dalle nostre istituzioni e da fonti verificate ed accreditate."

Infine la vicinanza alle istituzioni chiamate in questo momento ad un ruolo così delicato.

"Esprimiamo massima solidarietà alle Istituzioni civiche, che hanno prontamente dato corso alle prescrizioni emergenziali, attivando canali di comunicazione diretta ed un circuito di solidarietà – tramite il Centro Operativo Comunale – che invitiamo tutti i cittadini a sostenere; siamo consapevoli della necessità di ripartire, domani, con misure economiche peculiari, compatibili con le discipline vigenti ed il percorso di risanamento intrapreso, e con attività promozionali specifiche, rivolgendo al Tavolo tecnico l’invito alla massima collaborazione ed ascolto di tutte le parti sociali. Tra i molti dubbi di questi recenti giorni, ci rassicura la convinzione di essere un popolo in grado, per arte ed inventiva, di alimentarsi con inaspettate energie, perciò, con il contributo di ciascuno, non v’è alcun dubbio che ce la faremo.”

Pubblicato in Politica

Il Circolo del Partito Democratico di Taormina ha incontrato Sabato scorso la Giornalista e Deputata europea Michela Giuffrida, candidata nelle liste del P.D. per il rinnovo dell’Europarlamento del prossimo 26 maggio.

All’incontro hanno preso parte oltre ai componenti del direttivo locale, anche il Sindaco del Comune di Taormina ed attuale Presidente della Direzione Provinciale P.D, Mario Bolognari, e la delegata ionica all’Assemblea Nazionale Pina Camuglia, recentemente eletta alle primarie del 3 marzo insieme alla Taorminese Lucia Gaberscek.

L’ Eurodeputata Michela Giuffrida, che si è distinta per il lavoro in Europa nella Commissione per lo sviluppo regionale e Commissione agricoltura, ha sottolineato come la consultazione elettorale rappresenti l’occasione decisiva per difendere i valori della solidarietà e cooperazione ed arginare l’attuale deriva sovranista. Ha ribadito inoltre il ruolo dell’Europa per la promozione delle politiche a difesa del lavoro, della formazione, dei diritti e per il superamento delle differenze economiche e sociali.

Il Sindaco Bolognari ha invece sottolineato l’importanza della finanza europea per attivare politiche di coesione e sviluppo del territorio, anche sostegno degli enti e delle comunità locali. Il Coordinatore del Circolo di Taormina, Piero Benigni, ha invece posto l’accento sull’impegno del Segretario Zingaretti a ripartire dai Circoli, per superare le diatribe interne e difendere il ruolo del P.D. quale fronte politico per la solidarietà e per l’Europa.

Le elezioni del 26 maggio rinnoveranno la composizione del Parlamento europeo ed i siciliani saranno chiamati ad esprimere le loro preferenze per eleggere i deputati assegnati alla circoscrizione Italia Insulare. Michela Giuffrida si candida per proseguire il lavoro svolto e continuare a rappresentare l’area ionica, con le sue diversità e complessità per un Europa più vicina.

Pubblicato in Politica

A seguito delle segnalazioni pervenute da cittadini che quotidianamente transitano in via Francesco Crispi i componenti del Partito Democratico Furci Siculo “Tino Parisi” esprimono il loro disappunto.  Ecco la nota ufficiale:

“Lungo il tratto compreso tra il ponte ferroviario e Via A. Spinelli si nota  come il manto stradale risulti essere notevolmente dissestato. Vero è come molte vie interne del nostro paese risultino essere in uno stato non di certo migliore rispetto alla zona sopra indicata, e per le quali si necessita indubbia attenzione nel ripristino di uno stato di sicurezza, ma è tuttavia altrettanto vero come il breve tratto di strada che conduce alle strutture scolastiche sia transitato ogni giorno da un numero di pedoni superiore rispetto al resto del territorio furcese per motivi lavorativi e formativi: ragazzi, bambini e genitori ne sono infatti i maggiori fruitori. Proprio ai più piccoli va dato a maggior ragione modo di raggiungere le scuole garantendone assoluta tutela. In virtù dei motivi appena citati esortiamo l’Amministrazione Comunale, e nella fattispecie l’assessorato alla manutenzione e gli uffici preposti, a dare seguito alla richiesta di intervenire celermente per il riassetto del tratto stradale indicato.”   

 

 

Pubblicato in Politica
Sabato, 16 Gennaio 2016 13:49

TAORMINA. CARMELO VALENTINO ADERISCE AL PD

Nuovo acquisto per il Partito Democratico che registra in queste ore l’adesione del consigliere comunale Carmelo Valentino. La campagna promossa dal commissario Ernesto Carbone inizia a dare i primi risultati.

L’adesione e’ avvenuta durante un incontro a cui hanno  partecipato tra gli altri, Giacomo D’Arrigo, Lisa Bachis, Sergio Cavallaro, Mauro Passalacqua, Mario Bolognari,  e i consiglieri comunali Graziella Longo e Piero Benigni, oltre ovviamente a Carmelo Valentino.

I consiglieri comunali Longo, Benigni e Valentino, formalizzeranno la costituzione del nuovo gruppo consiliare nel corso della prossima seduta del consiglio comunale.

Soddisfazione e’ stata espressa da Lisa Bachis : “ Si tratta, ha affermato Bachis, di una scelta espressione di un partito inclusivo e aperto all’apporto positivo anche del consigliere Valentino . Il Pd, ha aggiunto bachis, si conferma un partito che lavora per progetti e vuole incidere fattivamente per la soluzione dei problemi della città e del comprensorio.”

Pubblicato in Politica

Non si placano le polemiche a Furci dopo il rimasto della giunta voluto dal primo cittadino Sebastiano Foti. Ancora una volta le scelte del sindaco sembrano aver lasciato tutti scontenti… o quasi. Certamente non condividono la scelta del turn over quanti in questi anni per un motivo o per un altro sono stati messi alla porta.
Durissima in queste ore la presa di posizione dell’ex assessore Raffaella Anastasi che smentisce qualunque tipo di accordo preelettorale parlando piuttosto di una mera distribuzione di poltrone, proprio come ha fatto il locale circolo del Pd.
“Dopo ben due anni, sei mesi e un giorno della sua legislatura, afferma Raffaella Anastasi, il Sindaco Foti, da buon medico, ha trovato la pozione magica per curare tutti i mali del Paese e risolvere definitivamente (si spera) i problemi che attanagliavano la propria Amministrazione! Ed ecco uscire dal suo dispensario la tanto ricercata medicina….la determina sindacale n. 24 del 10.12.2015 con la quale, come d’incanto, e senza minimamente informare gli interessati che hanno appreso la notizia dai quotidiani locali, venivano revocati tutti e quattro gli assessori, adducendo come “credibile” (sicuramente per lui) motivazione che, essendo trascorsa metà legislatura, si è ritenuto corretto e necessario dare seguito a precedenti impegni politici su alcuni avvicendamenti assessoriali nell’esecutivo finalizzati ad una più ampia partecipazione delle rappresentanze politiche in seno alla vita amministrativa dell’Ente. A rinforzare la cura la successiva determina di nomina con la quale venivano sostituiti gli assessori Palato ed Anastasi dai Consiglieri Ucchino e Ralli. Ma veramente, incalza la Anastasi, il Sindaco crede che i cittadini di Furci, rapiti chissà da quale torpore, credano ancora alle favole?!”
Poi l’ex assessore rincara la dose svelando quelle che dal suo punto di vista sarebbero le reali ragioni che hanno guidato la scelta del primo cittadino.
“ Innanzitutto, spiega l’avv. Anastasi, i fantomatici accordi preelettorali, di cui lo stesso parla, erano sconosciuti ai più fatta eccezione che per la prof.ssa Ucchino e il Sindaco (tant’è che, stando così le cose, gli assessori non designati, una volta nominati, non sarebbero stati certamente così “fessi” da dimettersi dalla carica di Consigliere Comunale!); Il Presidente del Consiglio, che non aveva bisogno di un assessore di riferimento ma piuttosto di un “cameriere” in Giunta, dopo due anni di battaglie andava finalmente accontentato! Il “difetto di comunicazione”, attacca ancora l’ex assessore, una bufala per raggiungere l’unico vero obiettivo, una nuova spartizione delle poltrone e delle tanto agognate indennità di carica! Certo, prosegue Anastasi, in tutte queste contraddanze qualcuno sarà rimasto scontento…ma poco male, rimangono ancora altri due anni e mezzo alla fine della legislatura, e chissà se da qui ad allora non ci scappi qualche giro di giostra anche per qualcun altro! D’altronde, ad opinione del Sindaco Foti, “QUESTA E’LA POLITICA”!!!! E così Tutti vissero Felici e Contenti! Tutti, conclude Raffaella Anastasi, tranne i Cittadini che, si spera, abbiano “MPIDUGLIATO” davvero per l’ultima volta!”.

Pubblicato in Politica

“La Sicilia attraversa una fase difficile e piena di tensioni sociali: quello che è successo è un segnale inquietante che non deve essere sottovalutato”. Lo dice Giovanni Panepinto, vicepresidente del gruppo PD all’Ars, che esprime solidarietà al segretario regionale del PD Fausto Raciti destinatario di una lettera con esplicite minacce di morte. “Ci auguriamo che si chiariscano presto i contorni di questo episodio – aggiunge Panepinto – siamo certi che Raciti continuerà a lavorare con lo stesso impegno di sempre, in Sicilia e per la Sicilia”.

Solidarietà al segretario Raciti è espressa anche dagli altri deputati del gruppo PD all’Ars Mario Alloro, Giuseppe Arancio, Anthony Barbagallo, Marika Cirone Di Marco, Antonello Cracolici, Pippo Digiacomo, Nello Dipasquale, Baldo Gucciardi, Giuseppe Laccoto, Giuseppe Lupo, Mariella Maggio, Bruno Marziano, Antonella Milazzo, Raffaele Nicotra, Filippo Panarello, Concetta Raia, Paolo Ruggirello, Luca Sammartino, Valeria Sudano, Gianfranco Vullo.

Pubblicato in Politica

Il PD che vorrei… se n’è discusso ieri sera a S. Alessio Siculo nel corso di un incontro al quale hanno preso parte l’On.le Ernesto Carbone, attuale commissario provinciale Pd di Messina, e l’On.le Ferdinando Aiello, in qualità di responsabile organizzativo.
Un momento di confronto voluto per riunire tutte le forze del partito e tentare di trovare insieme la strada verso un percorso condiviso. L’obiettivo è quello di costruire un movimento provinciale aperto che vada oltre le recenti contrapposizioni e liti interne, capace di riappropriarsi del rapporto con il territorio e con la gente. Un modo per fare pace in famiglia. Per tentare di ricompattare le varie aree del partito democratico.
Tanti gli esponenti politici presenti, da amministratori, a segretari di circoli a semplici simpatizzanti… ognuno ha voluto esprimere la propria opinione.
“ Il Pd che vorrei, ha affermato l’on.le Ernesto Carbone, è un partito fondato su tre principi fondamentali. Credo in un partito unito, leale e davvero democratico. Confrontiamoci sulle idee perché è proprio dal confronto, ha affermato Carbone, che possiamo ripartire e riuscire a superare anche le diverse aree di appartenenza e ricominciare insieme un percorso che porti alla nascita di un nuovo cammino.”
“ Da qui stasera, ha gli ha fatto eco l’On.le Ferdinando Aiello, parte il nuovo Pd della provincia di Messina. Vogliamo tutti un Pd nuovo. Noi, ha affermato Aiello, siamo qui a giocare da arbitri.”
Al centro del dibattito la necessità di dialogare, di ripartire dai circoli perché un partito, è stato detto da più parti, deve essere costituito tenendo conto delle esigenze del territorio. E proprio il fatto che il primo incontro si sia svolto in provincia, come ha evidenziato nel proprio intervento Giacomo D’Arrigo, presidente Agenzia Giovani, è un segnale importante.
Certamente un suggerimento da seguire è quello indicato dal Prof. Mario Bolognari : “ Litighiamo una volta, diciamoci tutto quello che dobbiamo dirci e poi ricominciamo.” Perché un partito logorato da divisioni interne o come ha affermato, Giovanni Frazzica, il partito delle carriere non può funzionare. Non più.
“ Noi, ha affermato Bolognari, abbiamo bisogno di un partito che somigli il più possibile, senza avere esagerate aspirazioni in proposito, a quello nazionale; a quello di tutto il resto d’Italia; a quello che normalmente costruisce i propri contenuti, le proprie idee programmatiche, che le propone, che ha delle procedure proprie che si è dato democraticamente e che segue regolarmente per arrivare alle decisioni. Poi si può discutere sulla bontà di queste decisioni, si può discutere sulla procedura stessa ma non c’è dubbio, ha aggiunto Bolognari, che una procedura ci vuole.”
Soddisfazione per l’esito dell’incontro che ha consentito di gettare le basi per un dialogo tra le varie anime del Pd è stata espressa da Nino Bartolotta, sindaco di Savoca ed ex assessore regionale alle infrastrutture.
“ Credo, ha affermato Bartolotta, sia stato un buon inizio. Abbiamo visto quanto meno dei buoni propositi; delle manifestazioni d’intenti che viaggiano veramente nella direzione giusta ovvero con l’obiettivo di ricompattare il partito.”

Pubblicato in Politica

Si svolgerà oggi pomeriggio alle ore 18:00 presso la sala congressi dell’Elihotel, in Sant’Alessio Siculo, l’incontro dibattito: “il PD che vorresti” con l’obiettivo di riunire tutte le forze del partito verso un percorso condiviso: costruire un movimento provinciale aperto che vada oltre le recenti contrapposizioni e liti interne, capace di riappropriarsi del rapporto con il territorio e con la gente. Hanno aderito all’iniziativa, l’on.re Ernesto Carbone, attuale commissario provinciale Pd di Messina, e l’on.le Ferdinando Aiello, in qualità di responsabile organizzativo.

Pubblicato in Politica

Una giunta autorevole e qualificata. E’ quanto chiedono i consiglieri comunali del Partito  Democratico Piero Benigni  e Graziella Longo attraverso una nota stampa diramata in queste ore. “Mentre la stagione estiva è alle porte ed incombono questioni di  cruciale importanza, affermano i due consiglieri, l'amministrazione GIARDINA è ormai da tempo paralizzata dalle manovre di palazzo. Gli appetiti dei singoli pongono in secondo piano l'esigenza di procedere celermente all'adozione di scelte ponderate ed efficaci in ambito economico-finanziario così come nel campo della programmazione. Le cronache raccontano ormai quotidianamente di una corsa alla poltrona che accomuna soggetti politici di primo piano, ambiziosi gregari e persino qualche ex assessore, evidentemente vittima di una sorta di "sindrome di Stoccolma". Questa interminabile guerra di trincea, si legge ancora,  lascerà sul terreno parecchie velleità, trascinandosi dietro frustrazioni e rancori che contribuiranno a rendere il quadro politico ulteriormente indecifrabile e rissoso. Piuttosto che porre le basi di una scontata ingovernabilità della sua compagine, concludono Benigni e Longo, il sindaco GIARDINA farebbe bene a valutare la possibilità di nominare una giunta autorevole e qualificata, del tutto autonoma ed indipendente da gruppi e gruppetti e dunque affrancata dalle miopi logiche spartitorie locali.”

 

 

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 2

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI