Il Circolo P.D. di S.Teresa di Riva, vuole affrontare un tema, che tra qualche mese, sarà di grande attualità’ per tutta la cittadinanza, quello della viabilità cittadina e dei parcheggi, che tante criticità produce, in termini di vivibilità ed ambiente all’intero territorio comunale.

"Da tanti anni ,soprattutto nei mesi di luglio e agosto, si legge nella nota a firma del segretario Angelo Casablanca, la cittadinanza ha subito l’assalto di un turismo in gran parte mordi e fuggi, che ha lasciato poco in termini di economia, ma ha creato gravi disagi a tutta la cittadinanza residente,  e un aggravio di costi per il bilancio comunale, con una viabilità caotica ,uno stress continuo alla ricerca di parcheggi, che non si trovano e che spesso vengono occupati, dai bagnanti non residenti.

Una serie di proposte operative e di buon senso, per dare ai residenti, ma anche ai turisti , una città ordinata e vivibile. Tre anni fa, chiedemmo l’istituzione del pass gratuito per i residenti nei mesi di luglio e agosto, la proposta fu bocciata con argomentazioni risibili dalla maggioranza consiliare e senza discutere una  possibile soluzione condivisa."

Oggi il locale circolo del Pd prova ad esporre nuovamente le proposte pensate per agevolare la vita dei cittadini residenti durante i caotici mesi estivi:

"Fornire ai cittadini residenti la possibilità di poter parcheggiare gratuitamente quantomeno, per un tempo maggiore, negli stalli a pagamento e nel lungomare ed gratuitamente per le intere giornate di sabato e per il mese di agosto  attraverso il rilascio di un pass parcheggio residenti. I non residenti ed i turisti potranno usufruire dei pass a ore a pagamento per un certo numero di posti disponibili. In alternativa utilizzare le aree di piazza Mercato, dello spazio fiera e degli spazi utilizzati di recente dal Circo, con abbonamenti ,forniti anche dalle strutture ricettive.  Utilizzare bus navetta scoperti ( per una maggiore copertura anticovid) e bici per raggiungere la spiaggia, peraltro facilmente raggiungibile. E’ evidente ,che questi spazi parcheggi scarseggiano nella zona nord della città, però un certo numero di posti si potrebbero ricavare ,con una attenta rimodulazione  nella zona antistante la caserma dei carabinieri . Per incentivare l’utilizzo delle bici ,anche elettriche e dei monopattini, da parte dei cittadini residenti pensiamo può essere una buona proposta istituire il CASHBACK MOBILITA’ , attraverso l’utilizzo di diversi sistemi tecnologici, Gps,App ect, collegati alla bicicletta che l’ente comunale consegnerà e previa iscrizione al sito comunale, darà  la possibilità di ottenere un guadagno a km ,che contribuirà a formare un Cashback con un tetto massimo stabilito .  che entro fine anno anno potrà essere speso presso gli esercizi commerciali del Comune, che tanto hanno sofferto per la crisi pandemica, coniugando ambiente e solidarietà. Offrire una via alternativa di viabilità al lungomare, cosa fondamentale da fare a medio termine, attraverso la predisposizione di un progetto per realizzare una bretella che colleghi, la strada di via Sparagonà alta al lungomare di Bucalo per bypassare una buona parte di traffico sulla strada panoramica, che rappresenta l’unica alternativa possibile. Con colpevole ritardo, incalza il locale circolo del Pd,  si rilascia adesso il pass gratuito per docce ai residenti ed a pagamento per gli altri, dopo che per ben quattro anni il nostro consigliere PD Antonio Scarcella aveva chiesto questa giusta soluzione .Dopo anni di sprechi a favore di un turismo di scarsa  qualità che ha portato aggravi alla casse comunali. Il  nostro auspicio, conclude la nota,  è che adesso, l’Amministrazione Comunale volti pagina e ascolti le nostre proposte concrete e di buon senso, attraverso un confronto serio e leale in Consiglio Comunale che produca soluzioni a favore dei cittadini."

Pubblicato in Politica

Il Circolo del Partito Democratico di Taormina ha incontrato Sabato scorso la Giornalista e Deputata europea Michela Giuffrida, candidata nelle liste del P.D. per il rinnovo dell’Europarlamento del prossimo 26 maggio.

All’incontro hanno preso parte oltre ai componenti del direttivo locale, anche il Sindaco del Comune di Taormina ed attuale Presidente della Direzione Provinciale P.D, Mario Bolognari, e la delegata ionica all’Assemblea Nazionale Pina Camuglia, recentemente eletta alle primarie del 3 marzo insieme alla Taorminese Lucia Gaberscek.

L’ Eurodeputata Michela Giuffrida, che si è distinta per il lavoro in Europa nella Commissione per lo sviluppo regionale e Commissione agricoltura, ha sottolineato come la consultazione elettorale rappresenti l’occasione decisiva per difendere i valori della solidarietà e cooperazione ed arginare l’attuale deriva sovranista. Ha ribadito inoltre il ruolo dell’Europa per la promozione delle politiche a difesa del lavoro, della formazione, dei diritti e per il superamento delle differenze economiche e sociali.

Il Sindaco Bolognari ha invece sottolineato l’importanza della finanza europea per attivare politiche di coesione e sviluppo del territorio, anche sostegno degli enti e delle comunità locali. Il Coordinatore del Circolo di Taormina, Piero Benigni, ha invece posto l’accento sull’impegno del Segretario Zingaretti a ripartire dai Circoli, per superare le diatribe interne e difendere il ruolo del P.D. quale fronte politico per la solidarietà e per l’Europa.

Le elezioni del 26 maggio rinnoveranno la composizione del Parlamento europeo ed i siciliani saranno chiamati ad esprimere le loro preferenze per eleggere i deputati assegnati alla circoscrizione Italia Insulare. Michela Giuffrida si candida per proseguire il lavoro svolto e continuare a rappresentare l’area ionica, con le sue diversità e complessità per un Europa più vicina.

Pubblicato in Politica

E’ Piero Benigni il nuovo coordinatore del Pd cittadino. La scelta è avvenuta nel corso nel coordinamento del locale circolo del partito democratico che si è riunito in seduta straordinaria per prendere atto delle dimissioni irrevocabili presentate dal coordinatore Sergio Cavallaro.

Il segretario uscente ha ritenuto che, in vista dell'apertura della stagione congressuale, fosse necessario attivare un tavolo di confronto anche nel coordinamento cittadino, per condividere un'ampia e serena analisi sulle prospettive di conduzione del partito.

 Il coordinamento intero ha ribadito la piena riconoscenza per il lavoro svolto da Sergio Cavallaro, con particolare riferimento alla vicenda elettorale che, pochi mesi fa, ha segnato il cambio al vertice dell'amministrazione cittadina.

Nel corso della stessa seduta, è stato quindi eletto nuovo coordinatore Piero Benigni, già consigliere comunale e storico militante del centrosinistra taorminese.

Tale decisione unitaria è stata ritenuta quella più adatta a ribadire con forza il ruolo propositivo del PD nelle scelte amministrative della città, ove il partito è fortemente impegnato.

 Il nuovo segretario ha dichiarato il suo impegno su temi importanti quali socialità, solidarietà, economia e prospettive di sviluppo, riaffermando il ruolo del partito quale promotore di soluzioni e di confronto democratico.

Il nuovo coordinatore traghetterà il partito verso il congresso, rappresentando la volontà del direttivo locale di mettere a disposizione della città le proprie idee ed il proprio impegno. Lucia Lo Giudice è stata indicata quale vice-coordinatore.

Pubblicato in Politica

La logica dei numeri ha dettato le regole nella composizione della squadra di governo.

Tutto secondo copione per premiare l’impegno di ciascun candidato per il raggiungimento del risultato elettorale che ha determinato la vittoria della lista La Nostra Taormina.

E così ecco che in giunta  si sono ritrovati Andrea  Carpita 364 voti, Vincenzo Scibilia 238 voti, Francesca Gullotta 341 ,  Giuseppe Caltabiano, rappresentante del gruppo politico che fa riferimento all’uscente consigliere di minoranza Alessandra Caltabiano che di preferenze ne ha incassate  329.

Lucia Gaberscek, la più votata con 712 preferenze,  sarà proposta per ricoprire la carica di Presidente del Consiglio.

Resta fuori Graziella Longo che di preferenze ne ha incassate 424 , risultando così la seconda più votata dopo la Gaberscek.

Proprio per Graziella Longo,  Pietro Benigni, consigliere comunale uscente ed esponente del Pd, auspica un ruolo di primo piano.

“ Anche le altre cariche, afferma Benigni , dovrebbero seguire a questo punto la logica dei numeri. Mi aspetto dunque un incarico per Graziella Longo molto importante all’interno del consiglio. Lei potrà fare da trait-d'union con tutti gli altri consiglieri comunali. Potrà dare il suo contributo perché l’esperienza maturata glielo consente sicuramente.”

Un’altra questione  da affrontare è quella legata alle possibili dimissioni da consiglieri comunali dei tre  assessori nominati. Nel caso in cui infatti Scibilia, Carpita e Gullotta decidessero di dimettersi dal consiglio per ricoprire unicamente la carica di assessore farebbero largo tra i banchi della maggioranza  a Giuseppe Sterrantino, Ruggero Lombardo  e Piero Benigni . Proprio con Benigni abbiamo affrontato, tra gli altri, questo argomento.

ASCOLTA INTERVISTA

Pubblicato in Politica

“La Sicilia attraversa una fase difficile e piena di tensioni sociali: quello che è successo è un segnale inquietante che non deve essere sottovalutato”. Lo dice Giovanni Panepinto, vicepresidente del gruppo PD all’Ars, che esprime solidarietà al segretario regionale del PD Fausto Raciti destinatario di una lettera con esplicite minacce di morte. “Ci auguriamo che si chiariscano presto i contorni di questo episodio – aggiunge Panepinto – siamo certi che Raciti continuerà a lavorare con lo stesso impegno di sempre, in Sicilia e per la Sicilia”.

Solidarietà al segretario Raciti è espressa anche dagli altri deputati del gruppo PD all’Ars Mario Alloro, Giuseppe Arancio, Anthony Barbagallo, Marika Cirone Di Marco, Antonello Cracolici, Pippo Digiacomo, Nello Dipasquale, Baldo Gucciardi, Giuseppe Laccoto, Giuseppe Lupo, Mariella Maggio, Bruno Marziano, Antonella Milazzo, Raffaele Nicotra, Filippo Panarello, Concetta Raia, Paolo Ruggirello, Luca Sammartino, Valeria Sudano, Gianfranco Vullo.

Pubblicato in Politica

Il PD che vorrei… se n’è discusso ieri sera a S. Alessio Siculo nel corso di un incontro al quale hanno preso parte l’On.le Ernesto Carbone, attuale commissario provinciale Pd di Messina, e l’On.le Ferdinando Aiello, in qualità di responsabile organizzativo.
Un momento di confronto voluto per riunire tutte le forze del partito e tentare di trovare insieme la strada verso un percorso condiviso. L’obiettivo è quello di costruire un movimento provinciale aperto che vada oltre le recenti contrapposizioni e liti interne, capace di riappropriarsi del rapporto con il territorio e con la gente. Un modo per fare pace in famiglia. Per tentare di ricompattare le varie aree del partito democratico.
Tanti gli esponenti politici presenti, da amministratori, a segretari di circoli a semplici simpatizzanti… ognuno ha voluto esprimere la propria opinione.
“ Il Pd che vorrei, ha affermato l’on.le Ernesto Carbone, è un partito fondato su tre principi fondamentali. Credo in un partito unito, leale e davvero democratico. Confrontiamoci sulle idee perché è proprio dal confronto, ha affermato Carbone, che possiamo ripartire e riuscire a superare anche le diverse aree di appartenenza e ricominciare insieme un percorso che porti alla nascita di un nuovo cammino.”
“ Da qui stasera, ha gli ha fatto eco l’On.le Ferdinando Aiello, parte il nuovo Pd della provincia di Messina. Vogliamo tutti un Pd nuovo. Noi, ha affermato Aiello, siamo qui a giocare da arbitri.”
Al centro del dibattito la necessità di dialogare, di ripartire dai circoli perché un partito, è stato detto da più parti, deve essere costituito tenendo conto delle esigenze del territorio. E proprio il fatto che il primo incontro si sia svolto in provincia, come ha evidenziato nel proprio intervento Giacomo D’Arrigo, presidente Agenzia Giovani, è un segnale importante.
Certamente un suggerimento da seguire è quello indicato dal Prof. Mario Bolognari : “ Litighiamo una volta, diciamoci tutto quello che dobbiamo dirci e poi ricominciamo.” Perché un partito logorato da divisioni interne o come ha affermato, Giovanni Frazzica, il partito delle carriere non può funzionare. Non più.
“ Noi, ha affermato Bolognari, abbiamo bisogno di un partito che somigli il più possibile, senza avere esagerate aspirazioni in proposito, a quello nazionale; a quello di tutto il resto d’Italia; a quello che normalmente costruisce i propri contenuti, le proprie idee programmatiche, che le propone, che ha delle procedure proprie che si è dato democraticamente e che segue regolarmente per arrivare alle decisioni. Poi si può discutere sulla bontà di queste decisioni, si può discutere sulla procedura stessa ma non c’è dubbio, ha aggiunto Bolognari, che una procedura ci vuole.”
Soddisfazione per l’esito dell’incontro che ha consentito di gettare le basi per un dialogo tra le varie anime del Pd è stata espressa da Nino Bartolotta, sindaco di Savoca ed ex assessore regionale alle infrastrutture.
“ Credo, ha affermato Bartolotta, sia stato un buon inizio. Abbiamo visto quanto meno dei buoni propositi; delle manifestazioni d’intenti che viaggiano veramente nella direzione giusta ovvero con l’obiettivo di ricompattare il partito.”

Pubblicato in Politica

Si svolgerà oggi pomeriggio alle ore 18:00 presso la sala congressi dell’Elihotel, in Sant’Alessio Siculo, l’incontro dibattito: “il PD che vorresti” con l’obiettivo di riunire tutte le forze del partito verso un percorso condiviso: costruire un movimento provinciale aperto che vada oltre le recenti contrapposizioni e liti interne, capace di riappropriarsi del rapporto con il territorio e con la gente. Hanno aderito all’iniziativa, l’on.re Ernesto Carbone, attuale commissario provinciale Pd di Messina, e l’on.le Ferdinando Aiello, in qualità di responsabile organizzativo.

Pubblicato in Politica

Sono in corso in questo momento le operazioni di smontaggio della pista di pattinaggio in Piazza IX Aprile. A distanza di giorni ormai dalla revoca dell’autorizzazione,  l’associazione Woodstock , precedentemente autorizzata a montare l’installazione, sta togliendo letteralmente le tende. La vicenda ha monopolizzato il dibattito politico. La scelta infatti di autorizzare l’installazione di una struttura del genere nella principale piazza della città ha suscitato il malumore dei cittadini e la reazione delle varie componenti politiche. Tanto da convincere il primo cittadino Eligio Giardina a revocare immediatamente l’autorizzazione invitando la ditta a montare la pista, in alternativa, nella terrazza del parcheggio di Porta Catania. Un passo indietro che rischia di costare al comune l’ennesimo contenzioso. E sarà questo molto probabilmente, una volta liberata la piazza, l’argomento che animerà il dibattito politico. Ad iniziare dal consiglio comunale che tornerà a riunirsi stasera. Il primo cittadino sarà chiamato a dare spiegazioni e a chiarire l’intera vicenda. Anche se, come ha ribadito nei giorni scorsi, dal suo punto di vista la reazione della città e dei vari gruppi politici è stata esagerata. “Non capisco, aveva detto pochi giorni fa, il perché di tanto clamore. In città, aveva poi aggiunto ci sono tanti altri problemi di cui occuparsi.” Pronta la replica del locale circolo del Pd che più di tutti aveva fatto sentire la propria voce contro la “vasca” in piazza. “Ci è stato detto, scrive la coordinatrice Lisa Bachis, che abbiamo puntato troppo l'attenzione e diretto troppo la nostra indignazione sulla pista di pattinaggio montata a piazza IX aprile, ed abbiamo scordato che i problemi di Taormina sono altri. No, aggiunge,  non abbiamo dimenticato nulla, anzi abbiamo preso nuovi appunti sulla superficialità con cui viene amministrata la città. Il fatto è, spiega Lisa Bachis, che quando ogni giorno, c'è qualcosa che non va bene, e le segnalazioni, si aggiungono ad altre segnalazioni, quando ci dicono che non dovremmo "gridare allo scandalo" e dov'eravamo per tutto il resto, io replico dicendo che siamo sempre stati in campo e che stavolta, è stata un po' più dura, come "la goccia che ha fatto traboccare il vaso". Piazza IX aprile è il cuore pulsante di Taormina; ecco, conclude il coordinatore del locale circolo del Pd,  ci siamo sentiti colpiti dritti al cuore!”

 

Pubblicato in Attualità

Si svolgerà a Nizza il 23 aprile a partire dalle ore 18,30 nella piazzetta dei Caduti il question time sulle opere pubbliche, con un confronto pubblico tra sindaco e cittadini. Si tratta di un iniziativa voluta dal locale circolo del Pd per facilitare il dialogo tra gli amministratori e la cittadinanza. Il Question time infatti, appuntamento fisso in molti comuni d’Italia, rappresenta uno degli strumenti a disposizione del cittadino per partecipare attivamente alla vita politica ed amministrativa della città.  Ma come si svolgerà? A spiegarlo è il coordinatore del circolo Franco Parisi. “ Dopo i saluti istituzionali, afferma Parisi, il primo cittadino Giuseppe Di Tommaso relazionerà sullo stato delle opere pubbliche realizzate ed in via di realizzazione. Subito dopo si aprirà il dibattito con gli interventi da parte del pubblico. Ogni cittadino avrà a disposizione 2 minuti mentre il sindaco dovrà rispondere nel tempo massimo di 5 minuti. Finito il primo giro di domande sarà possibile al pubblico replicare o porre nuove questioni. E' inoltre possibile, fa sapere Parisi, preparare anticipatamente le domande e presentarle già scritte al  circolo. Sarà poi il moderatore a porle in pubblico.” La conclusione dell’incontro è prevista alle ore 21.00.

Pubblicato in Politica

Sulla vicenda Taormina Arte si registra in queste ore anche la presa di posizione del deputato regionale del PD e  componente della commissione Cultura all’Ars Filippo Panarello. “Taormina Arte, ha dichiarato Panarello, deve essere salvata, perciò ho chiesto al governo regionale di continuare anche per il 2015 a destinare le risorse necessarie a garantire le attività e il personale”.  “Lo stralcio operato dalla Presidenza dell’Ars della norma prevista nella finanziaria – continua Panarello - non può tradursi in un azzeramento del contributo regionale. Il percorso che deve portare alla nascita della Fondazione con una presenza organica della Regione Siciliana è giusto e va perseguito in tempi rapidi. Ma nel frattempo bisogna garantire le risorse al comitato Taormina Arte: l’assessore Li Calzi mi ha assicurato la sua disponibilità a sostenere questa proposta ed il suo impegno, nell’ambito della costituzione della Fondazione, a rilanciare il ruolo di Taormina Arte al servizio dell’offerta culturale e dello sviluppo turistico in Sicilia. Per questo raggiungere obiettivo – conclude Panarello – è necessario  incrementare e qualificare le iniziative di questa importante istituzione culturale, e assicurare una prospettiva ai dipendenti”. Una posizione quella dell’onorevole Panarello condivisa anche dal Circolo Pd Taormina. “Ci stiamo impegnando e stiamo lavorando -afferma il coordinatore Lisa Bachis- insieme ai consiglieri comunali Longo e Benigni nell'ottica "del fare sistema" per trovare soluzioni efficaci alla salvaguardia di Taormina Arte e delle professionalità in essa presenti; impegno assunto anche dall'assessore Cleo Li Calzi.” Proprio nelle scorse ore infatti l’assessore regionale al turismo Cleo Li Calzi replicando ad una nota del pd taorminese ha garantito il proprio sostegno e ribadendo che la volontà del Governo Regionale è intesa proprio a <fare sistema> superando tutte le criticità ( vedi articolo http://www.jonicareporter.it/politica/item/622-taormina-l-appello-dell-assessore-regionale-al-turismo-cleo-li-calzi-facciamo-sistema.html ).

Pubblicato in Politica

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI