( Nella foto i tre cani uccisi) ( Nella foto i tre cani uccisi)

SAVOCA. TRE CANI AVVELENATI IN POCHE ORE In evidenza

Si chiamavano Biscotto, Lilly e Spyke. Erano stati salvati dalla strada dalle volontarie della Lida Jonica e affidati ad alcune famiglie che con amore li avevano accolti nelle loro case.
I tre cani, due cuccioli di sei mesi e la madre, erano accuditi, sfamati, docili e non davano fastidio a nessuno. Nelle ore serali venivano lasciati liberi di gironzolare nei pressi delle loro abitazioni, un giro veloce per poi fare ritorno alle loro cucce.
Così ogni sera fino a due giorni fa. Biscotto, Lilly e Spyke non fanno ritorno a casa. Da qui la ricerca e l’amara scoperta. Sono stati avvelenati. Il primo ad essere ritrovato morto in uno dei vicoli vicino la casa in cui era ospitato è Biscotto. Ieri mattina poi il ritrovamento anche di Spyke e Lilly.
Un atto vile che va condannato con forza. Inaccettabile che possano esistere  persone che senza alcuna pietà avvelenano i nostri amici a quattro zampe.
L’episodio si è verificato a Rina, frazione di Savoca. Invitiamo quanti abitano in quel quartiere e possiedono un cane a prestare la massima attenzione quando li portano a passeggio e a segnalare alle autorità competenti qualunque elemento utile a risalire al responsabile dell’avvelenamento di Biscotto, Lilly e Spyke.
Ricordiamo inoltre che il maltrattamento di animali, la loro uccisione, l'abbandono e la detenzione incompatibile con le loro caratteristiche etologiche sono comportamenti vietati e puniti dal nostro Codice penale. Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni.

 

000
Letto 1095 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Savoca. Maltratta la madre per costringerla a dargli i soldi. Arrestato 41enne dai Carabinieri.

    Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno arrestato, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione di misura cautelareun 41enne, già noto alle forze dell’ordine, originario di Messina per i reati di maltrattamenti in famiglia ed estorsione continuata. 

    Pochi giorni prima, i militari della stazione di Sant’Alessio Siculo (ME) erano intervenuti in un’abitazione del comune di Savoca su richiesta della vittima, che esausta per i reiterati maltrattamenti subiti e intimorita dall’atteggiamento violento del figlio, aveva trovato il coraggio di rivolgersi ai Carabinieri per denunciare le vessazioni subite.  

    Le indagini immediatamente avviate dagli uomini dell’Arma, coordinati dalla procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina, hanno permesso di ricostruire in tempi rapidi come l’uomoormai dal 2018, maltrattava ripetutamente la madre e la minacciava per costringerla a consegnargli consistenti somme di denaro per acquistare alcolici e sostanze stupefacenti, andando in escandescenza in caso di rifiuto, al punto che già in altre circostanze erano intervenute le forze dell’ordine per impedire al prevenuto di commettere azioni irreparabili nei confronti della madre 

    Le attività investigative condotte dai militari dell’Arma hanno, in sintesi, permesso di ricostruire lo stato di avvilimento e disagio in cui la donna è stata costretta a vivere per anni, durante i quali ha subito minacce e continue aggressioni, vivendo in un clima di sottomissione e paura. Il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Messina, condividendo il quadro probatorio acquisito e valutata la gravità dei fatti, ha disposto l’applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari per il 41 enne, ritenendolo responsabile dei reati di maltrattamenti verso familiari e conviventi ed estorsione continuata.  

    Le denunzie da parte delle vittime di violenza di genere e nei confronti di minori sono di fondamentale importanza per gli organi deputati a perseguire tali tipologie di delitti poiché conducono ad un immediato intervento in loro tutela. L'immediatezza della risposta della Polizia Giudiziaria si ricollega anche ad una specifica preparazione professionale nell’affrontare tali reati, sollecitata e coordinata dalla Procura della Repubblica di Messina che ha stabilito precise modalità operative per giungere quanto più rapidamente possibile a tutelare tutte le vittime vulnerabili. 

  • SAVOCA. NIENTE LUMINARIE PER PAGARE DIPENDENTI CANTIERE

    L’Amministrazione Comunale di Savoca in queste festività natalizie ha deciso di stare vicino alla cittadinanza e far sentire la propria presenza soprattutto per le fasce più deboli. Nella giornata di lunedì 21 il Sindaco e gli Amministratori hanno consegnato agli alunni delle scuole del territorio Savocese i panettoni facendo loro gli auguri natalizi. Nella stessa giornata sono state messe a dimora le stelle natalizie nelle varie piazze, nei due cimiteri e in alcuni spazi comunali, grazie alla collaborazione tra i dipendenti addetti alla manutenzione del verde e gli amministratori che in prima persona si stanno spendendo per il bene della comunità. Un pensiero è stato riservato anche agli ospiti della casa di riposo E. Trimarchi di Cantidati, in cui l’Amministrazione porterà della focaccia e una torta, oltre agli auguri di un sereno Natale.

    Inoltre si è pensato anche ai meno giovani del Comune, ovvero gli anziani over 65, e grazie alla disponibilità di alcuni volontari del territorio, sono stati collezionati dei pensieri realizzati a mano a cui l’Amministrazione ha allegato delle mascherine e il calendario 2021, che quest’anno avrà come tema la Savoca di una volta.

    Infine, sarebbe stato bello vedere il territorio di Savoca illuminato in ogni dove con varie luminarie e scritte augurali, ma il Sindaco e l’Amministrazione, per queste festività hanno deciso di non fare niente di tutto ciò, in quanto le somme che potevano essere destinate ad abbellire le vie del Borgo medioevale, sono state destinate al pagamento dei lavoratori del cantiere lavoro di Savoca centro; cantiere che ha visto la riqualificazione della via Chiesa Madre in Savoca Centro, iniziato ad agosto del 2020 ed ultimato ad ottobre dello stesso anno, e che ad oggi è andato avanti e si è concluso senza percepire nemmeno un euro da parte della Regione Siciliana; il Comune ha di fatti pagato la mensilità di luglio per un importo di € 8.500,00, agosto per € 8.434,44 (pagato sabato 19-12-2020) e settembre per € 10.709,41 (pagato lunedì 21-12-2020).

    L’Amministrazione ad oggi ha anticipato, solo per il personale impiegato € 27.643,85, per conto dell’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, ma con questo gesto ha di fatto voluto essere vicino ai propri concittadini, evidenziando però il forte ritardo nell’erogazione delle somme pubbliche che sarebbero dovute essere trasferite nelle casse comunali ad inizio lavori ed invita la Regione, con in testa il Presidente Musumeci e l’Assessore al Lavoro Antonio Scavone a prendere dei seri provvedimenti in merito per evitare che questo enorme disagio si prolunghi oltremodo.

  • SAVOCA. ATTESA PER RISULTATI TAMPONI AI SOGGETTI IN QUARANTENA. IL SINDACO: NESSUNA CERTEZZA SUI TEMPI

    Nessun riscontro in merito ai risultati dei tamponi rinofaringei somministrati ai soggetti posti in quarantena nel nostro territorio. A comunicarlo è il sindaco di Savoca Nino Bartolotta che spiega: “dalla interlocuzione tenutasi in data odierna con il personale referente dell’ASP 5, si è riuscito soltanto a definire modalità di trasmissione/comunicazione dei risultati, ma ancora nessuna certezza sui tempi di consegna degli stessi. E’ stato chiarito che i risultati negativi dei tamponi somministrati giovedì u.s. saranno comunicati esclusivamente e direttamente ai recapiti telefonici e agli indirizzi di posta elettronica forniti dagli interessati; degli eventuali risultati di positività al Covid-19 sarà informato anche il Sindaco n.q. di autorità sanitaria locale e di protezione civile.  L’ amministrazione, prosegue Bartolotta,  si è attivata e continuerà ad adoperarsi nelle prossime ore a sollecitare e chiedere l’intervento delle autorità competenti, al fine di sbloccare nel più breve tempo possibile una situazione a dir poco paradossale!! In riscontro alle numerose richieste pervenutemi dai soggetti in isolamento domiciliare che nella giornata di giovedì scorso hanno effettuato il previsto esame del “tampone rinofaringeo”, si precisa che gli stessi, pur avendo completato il prescritto periodo di isolamento, per come prescritto dall’autorità sanitaria competente non possono lasciare la propria abitazione prima di aver ricevuto l’esito negativo dell’esame effettuato. Il ritardo nella comunicazione dei risultati – come precisato dal DG dell’ASP di Messina - è prioritariamente dovuto alla insufficienza degli “estrattori” rispetto ai numerosi tamponi già somministrati. Ogni giorno, sottolinea Bartolotta, insieme a tanti altri sindaci, sollecitiamo le autorità competenti in merito alla notifica dei risultati dei “tamponi rinofaringei”. Ciononostante rivolgo l’invito, ai soggetti interessati presenti nel territorio comunale che da tempo hanno completato il previsto periodo di isolamento, a pazientare e a tenere nella giusta considerazione che tutte le istituzioni, ivi comprese quelle sanitarie, stanno affrontando uno stato emergenziale senza precedenti. Sarà cura dell’amministrazione, conclude Bartolotta,  informare prontamente gli interessati sull’evolversi della situazione.”

    Ricordiamo che a Savoca le persone sottoposte in isolamento domiciliare monitorate sono 54.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI