TAORMINA. DISAGI AL PRONTO SOCCORSO. AVVIATA INDAGINE INTERNA. IN SETTIMANA SOPRALLUOGO DI PICCIOLO

TAORMINA. DISAGI AL PRONTO SOCCORSO. AVVIATA INDAGINE INTERNA. IN SETTIMANA SOPRALLUOGO DI PICCIOLO In evidenza

Continuano i disagi al Pronto soccorso di Taormina. Più volte denunciati dallo stesso personale medico e infermieristico costretto ad affrontare giornalmente una mole di lavoro eccessiva rispetto al numero di operatori presenti. Una situazione che si è aggravata con la chiusura del presidio ospedaliero di Giarre.  L’ultimo preoccupante episodio è di poche ore fa ed a denunciarlo è stato  Gianmarco Lombardo, medico e assessore del comune di S. Teresa di Riva.

In un post sul social network facebook il dott.re Lombardo racconta: “Accompagnando una persona al pronto soccorso di Taormina, ho assistito a una situazione assurda . La persona , già precedentemente infartuata e con pressione molto alta ( 200/120) lamentava forte dolore al petto , difficoltà respiratoria . Dopo aver fatto un elettrocardiogramma , alle 19:34 è stato fatto un prelievo con carattere di urgenza , per verificare se ci fosse un infarto in corso .dopo due ore , in cui la persona è rimasta su una sedia ad aspettare, ho perso le staffe e abbiamo scoperto che le provette non erano state mandate al laboratorio per un presunto disguido. E se in questi 120 minuti la persona avesse accusato un malore ? E fosse morta ? Chi avrebbe pagato ? Ora chiedo , a tutela dei pazienti , e dei medici stessi che lamentano carenza di personale che l'onorevole Beppe Picciolo, in qualità di deputato regionale , e membro della commissione sanità , faccia luce sulle vergognose vicende che interessano il pronto soccorso di Taormina. E suppongo anche molti alti pronto soccorso . E che vengano accertate eventuali responsabilità e carenze di personale . Per ciò che mi riguarda la questione non finisce qui . Perché è stata messa a grave rischio la salute di una persona malata . La porterò avanti fino a che non avrò una risposta . Perché un malato ne rappresenta 10 mila , e i medici a mio avviso hanno un carico di lavoro che non consente di svolgere bene e serenamente la propria professione . E ogni errore può costare una vita . E la vita é una sola .”

Immediata la replica del Primario del Pronto Soccorso Mauro Passalacqua che fa sapere di aver disposto un inchiesta interna per far luce su quanto denunciato da Lombardo.

“ La mole di lavoro, afferma il dott.re Passalacqua, è disumana per 2 medici e 2 infermieri in servizio. L’anno scorso,prosegue,  appena chiuso l’Ospedale di Giarre lanciai un appello accorato affinchè, su Taormina , si prendessero le opportune contromisure. La politica del comprensorio tacque totalmente. Solo il presidente del Consiglio di Giardini e il Sindaco di Castelmola si fecero sentire per appoggio morale, NESSUN ALTRO ! Sono contento, ha proseguito Passalacqua, che l’On Picciolo sia coinvolto e venga a vedere quali sono i problemi quotidiani che affrontiamo!”

Dal canto suo l’on. Picciolo ha subito dato la propria disponibilità programmando un sopralluogo per giovedì 7 luglio.

“L’On.Picciolo, fa sapere Lombardo,  ha garantito la sua presenza al pronto soccorso di Taormina per ascoltare le giuste richieste dei medici che non hanno la necessaria serenità per lavorare con la massima lucidità , la quale per un lavoro così delicato dovrebbe essere garantita , e dovrebbe essere un diritto. L’auspicio, ha concluso Lombardo, è che si possano affrontare con serenità tutte le problematiche e possa da questo incontro derivare un beneficio per la struttura , per i Medici e dunque per tutti i pazienti. E in ultimo, da medico,  spero che i vertici regionali possano rendersi conto delle condizioni precarie nelle quali siete ( siamo ) costretti a lavorare .”

 

 

000
Letto 1211 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. IL COMUNE NELLA CABINA REGIA DEL G20S

    Nel corso della prima giornata di lavori del G20s di Jesolo il network si è dato una nuova governance. Coordinatore è stata nominata la sindaca di Cavallino Treporti, Roberta Nesto, vice coordinatore la sindaca di Riccione, Renata Tosi, che nel 2022 ospiterà il quinto summit, in occasione del centenario della nascita del comune autonomo di Riccione. Nella cabina di regia, che affianca il coordinatore, c’è la presenza di sei comuni tra i quali Taormina.
    Si tratta di un giusto riconoscimento per una realtà che vive le stesse problematiche degli altri comuni costieri, ma che rappresenta anche difficoltà specifiche derivanti dall’essere collocato nel Mezzogiorno.
    "Ho definito una intesa con il collega di Sorrento, ha affermato il sindaco Mario Bolognari,  per uno scambio di esperienze tra le due località che condividono pregi e criticità dì località costiere, ma anche di destinazioni culturali e artistiche. Durante il prossimo inverno programmeremo visite incrociate per fare incontrare operatori e amministratori delle due località simbolo della attrattivita’ turistica del Sud. Oggi variamo la proposta di una legge che riconosca lo status di città costiera con tutte le problematiche di piccole realtà con flussi enormi di visitatori in periodi specifici dell’anno. Nei due giorni di Jesolo ho potuto constatare che i problemi vissuti da Taormina nel mese di agosto sono comuni a tutti i comuni di tutte le regioni d’Italia: viabilità e parcheggi, raccolta differenziata, consumo di acqua, sicurezza e ordine pubblico, mancanza di agenti della polizia locale e delle forse dell’ordine. Speriamo che forze politiche e parlamentari, ha concluso il sindaco,  raccolgano l’appello lanciato dai 26 sindaci convenuti a Jesolo."

  • Belliniana. Due concerti unici con l’Orchestra a Plettro città di Taormina protagonsita

    L’Orchestra a Plettro città di Taormina eccellenza siciliana nel mondo sarà protagonista di due concerti unici organizzati dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia: il 3 settembre all’Odeon di Taormina e il 4 settembre al Palazzo della Cultura di Catania, Corte Mariella Lo Giudice. Belliniana è il titolo dei due concerti dedicati interamente all’estro del noto compositore catanese Vincenzo Bellini.

     La forza e la poetica della musica di Bellini in un programma in tre parti, che prende le mosse da una sezione cameristica, in cui il soprano Francesca Adamo Sollima, accompagnata al piano dal Maestro Pellitteri, eseguirà alcune ariette da camera di Bellini. L’intera orchestra, invece, presenterà fantasie e trascrizioni che lo stesso direttore Pellitteri ha ricavato dalle note opere, La sonnambula, Norma, Beatrice di Tenda e I Puritani. In chiusura l’orchestra accompagnerà la proiezione del breve film muto La Norma (Italia, 1911) a testimonianza della versatilità dell’ensemble, aperto alle sperimentazioni degli esordi della settima arte.

     L’orchestra a Plettro Città di Taormina è nata agli inizi del 1900 ed è formata da musicisti che usano solo strumenti a plettro come mandolino, mandola, mandoloncello, chitarra e contrabbasso per questo è una delle più antiche e importanti formazioni a plettro italiane. La fama dell’orchestra è attestata dalla partecipazione al film di Michelangelo Antonioni L’avventura. Guidata per oltre un trentennio dal maratoneta e pianista- Chico Scimone, dal 2008 l’orchestra è diretta dal Maestro Antonino Pellitteri e annovera tra i primi mandolinisti Emanuele Buzi, titolare della cattedra di strumento al Conservatorio Alessandro Scarlatti di Palermo. L 'orchestra ha costruito la sua popolarità esibendosi continuamente in migliaia di concerti in tutto il mondo. Un grande riconoscimento all'orchestra è avvenuto nel giugno del 1999 quando la TV di stato giapponese ha girato un video documentario che ne racconta la storia. Il suo repertorio spazia dal classico, al sinfonico, dall’operistico al popolare, dalla canzone siciliana alla canzone napoletana.

  • Taormina. Controlli anticovid. La Polizia di Stato dispone la chiusura di 4 esercizi pubblici.

    Nei giorni scorsi, a Taormina, nelle zone della movida, sono stati intensificati i servizi anti-covid, volti al contrasto delle violazioni alla normativa vigente.

    Nel corso dei controlli, i poliziotti della Squadra Amministrativa del Commissariato di Taormina hanno rilevato che quattro bar del centro storico violavano le linee guida del protocollo per la riapertura delle attività economiche.

    Gli agenti hanno, pertanto, proceduto alla contestazione delle infrazioni riscontrate e alla chiusura provvisoria delle attività per 5 giorni, al fine di impedire la reiterazione dell’illecito.

    Nel corso della stagione estiva, verranno effettuati ulteriori controlli con l’obiettivo di prevenire e contrastare ogni forma di illegalità.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI