La Polizia di Stato arresta ladri in azione sulla A20. Avevano rubato merce da un tir in sosta.

La Polizia di Stato arresta ladri in azione sulla A20. Avevano rubato merce da un tir in sosta. In evidenza

Sono scattate le manette stanotte, intorno alle 03.00, per i catanesi TOMASELLI Alfio, di anni 38 e PATROCELLI Francesco, di anni 36. 

L’arresto è opera dei poliziotti della Sezione e della Sottosezione A20 della Polizia Stradale di Messina che, da giorni, erano sulle tracce degli autori di numerosi furti messi a segno nel tratto autostradale compreso tra i caselli di Tremestieri e l’area di servizio Agip di Divieto. Il modus operandi dei malviventi si ripeteva ad ogni colpo: ad esser presi di mira mezzi pesanti adibiti al trasporto di merce in sosta per il previsto tempo di riposo, di cui i ladri approfittavano, agendo indisturbati, per fare razzia di prodotti di ogni genere.

Stanotte il mezzo preso di mira era un autotreno in sosta sulla rampa che collega la chiocciola del porto di Tremestieri all’area di servizio “On the Run”. Avevano tagliato il telone laterale del camion scaricando una pedana di merce di 113 colli di cui 13 erano stati già caricati su un FIAT Doblò.

Sorpresi dai poliziotti i ladri hanno tentato la fuga: il primo, Tomaselli, è stato inseguito e bloccato sulla SS114; il secondo, Patrocelli, è stato arrestato dopo una breve colluttazione.

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, i due arrestati, entrambi pregiudicati, sono stati trattenuti in attesa di rito direttissimo previsto per stamani. Proseguono le indagini per individuare eventuali ed ulteriori responsabilità.

000
Letto 578 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. Ubriaco in autostrada. La Polizia di Stato denuncia automobilista. Patente ritirata e auto sottoposta a sequestro.

    Viaggiava sulla A18, con un tasso alcolemico superiore a quanto consentito e in evidente stato di alterazione psico-fisica.

    È stato notato ed invitato ad accostare in un’area di sosta dai poliziotti della Sottosezione Polizia Stradale di Giardini Naxos dopo aver rischiato di investire un’altra auto in transito e sbandato pericolosamente e ripetutamente lungo il tratto autostradale.

    L’uomo, appena sceso dal veicolo sul quale viaggiava con la moglie, equilibrio precario ed eloquio incerto, ha raccontato di essere un imprenditore nel settore vinicolo e di aver proposto alcuni vini al titolare di un ristorante.

    Dopo aver appurato il tasso alcolemico con etilometro, i poliziotti hanno proceduto al deferimento all’Autorità Giudiziaria e al ritiro della patente. L’auto è stata sequestrata ai fini della confisca.

    Si rammenta che l’assunzione di alcolici o di droghe è tra le prime cause di incidente e di morte su strade e autostrade. Mettersi alla guida dopo aver bevuto alcolici o assunto sostanze stupefacenti significa mettere a repentaglio la vita propria e quella altrui.

  • PAGLIARA. La Polizia di Stato sequestra un’area abusivamente utilizzata per recupero rifiuti pericolosi e veicoli dismessi

    Personale della squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di Messina ha proceduto al sequestro preventivo di un’area di circa 2000 mq in contrada Piana nel comune di Pagliara (ME), ove il titolare di una società avrebbe effettuato, senza alcuna autorizzazione, un’attività di raccolta, recupero di rifiuti pericolosi e, in particolare, di veicoli dismessi. La vicenda nasce nel 2015 allorché, durante un controllo amministrativo della Polizia Stradale, venivano rinvenuti numerosi veicoli, targati e non, motori e parti di essi, pneumatici e varie parti di carrozzerie.

    A seguito di una mirata attività di indagine coordinata dalla locale Procura della Repubblica, si accertava la totale assenza delle necessarie autorizzazioni alla demolizione o alla gestione dei rifiuti, oltre che un progetto mai autorizzato di raccolta e messa in sicurezza dei rifiuti speciali pericolosi.

    Nel 2016, un ulteriore controllo permetteva di appurare la parziale rimozione di alcuni rottami senza però effettuare una bonifica dei luoghi continuando a riversare sostanze inquinanti nel sottosuolo. Da quest’ultimo controllo sarebbe ulteriormente emersa la sussistenza degli elementi integranti fattispecie di reato previste dal codice dell’ambiente.

    Una precedente condanna del titolare dell’azienda per la medesima fattispecie emessa dal Tribunale di Messina nel 2011 e la necessità di impedire il protrarsi dell’attività criminosa ai fini della salvaguardia dell’ambiente, hanno consentito al Giudice delle Indagini Preliminari di disporre il Sequestro Preventivo dell’area del Comune di Pagliara eseguito a cura della Polizia Stradale di Messina.

  • Maltempo. Disposta la parziale chiusura dell'A18

    A seguito degli intensi fenomeni meteorologici avversi delle ultime ore, il Comitato Operativo per la Viabilità , riunitosi stamattina in Prefettura, ha disposto l'interdizione del transito veicolare alle auto sulla A18, nel tratto ricompreso fra gli svincoli di Giardini Naxos e Roccalumera in direzione Messina.

    La misura si è resa necessaria a seguito della formazione di alcune buche lungo la carreggiata Catania - Messina, nel predetto tratto, già caratterizzato dal doppio senso di marcia.

    I mezzi leggeri provenienti da Catania usciranno dallo svincolo di Giardini Naxos e, percorrendo la S.S. 114, potranno reimmettersi nell'A18 attraverso lo svincolo di Roccalumera.

    I mezzi pesanti continueranno a percorrere l'autostrada, con l'istituzione di un senso unico alternato che sarà disciplinato con l'ausilio della Polizia Stradale e di personale del Consorzio Autostrade Siciliane. Il senso unico alternato interesserà tutto il traffico proveniente da Messina e diretto a Catania. La misura si è resa necessaria per effettuare gli interventi urgenti di ripristino del manto stradale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI