AEROPORTO DI CATANIA: GUARDIA DI FINANZA E AGENZIA DELLE DOGANE SEQUESTRANO 80 CAPI D’ABBIGLIAMENTO CONTRAFFATTI PROVENIENTI DA CASABLANCA

AEROPORTO DI CATANIA: GUARDIA DI FINANZA E AGENZIA DELLE DOGANE SEQUESTRANO 80 CAPI D’ABBIGLIAMENTO CONTRAFFATTI PROVENIENTI DA CASABLANCA In evidenza

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nell’ambito degli ordinari controlli doganali svolti presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa, hanno sottoposto ad ispezione un passeggero originario del Marocco, di rientro dal suo paese con volo proveniente da Casablanca, il quale trasportava nella valigia confezioni di capi di abbigliamento contraffatti.

In particolare, nel voluminoso bagaglio da stiva i militari ed i funzionari hanno rinvenuto 80 capi di vestiario che falsamente riproducevano i marchi e loghi registrati di note griffe internazionali, costituiti da polo “Armani”, “Calvin Klein” ed “Harmont & Blaine”, calzature sportive ”Nike” nonché altri accessori di abbigliamento. I prodotti, di pregevole fattura e tali da ingannare gli ignari acquirenti sulla reale provenienza illecita, sono stati sottoposti a sequestro e il cittadino straniero, regolarmente residente nel territorio italiano, in particolare nella provincia di Siracusa, è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria etnea per illecita introduzione nel territorio dello Stato di merci contraffatte.I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania, unitamente ai Funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, nell’ambito degli ordinari controlli doganali svolti presso l’aeroporto di Catania Fontanarossa, hanno sottoposto ad ispezione un passeggero originario del Marocco, di rientro dal suo paese con volo proveniente da Casablanca, il quale trasportava nella valigia confezioni di capi di abbigliamento contraffatti.

In particolare, nel voluminoso bagaglio da stiva i militari ed i funzionari hanno rinvenuto 80 capi di vestiario che falsamente riproducevano i marchi e loghi registrati di no

te griffe internazionali, costituiti da polo “Armani”, “Calvin Klein” ed “Harmont & Blaine”, calzature sportive ”Nike” nonché altri accessori di abbigliamento. I prodotti, di pregevole fattura e tali da ingannare gli ignari acquirenti sulla reale provenienza illecita, sono stati sottoposti a sequestro e il cittadino straniero, regolarmente residente nel territorio italiano, in particolare nella provincia di Siracusa, è stato denunciato a piede libero all’Autorità Giudiziaria etnea per illecita introduzione nel territorio dello Stato di merci contraffatte.

000
Letto 99 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Presunto sbarco migranti a Villagonia. Indagano i carabinieri

    Notte movimentata quella appena trascorsa per gli uomini delle forze dell'ordine di Taormina. Il mare in tempesta avrebbe spinto un'imbarcazione con alcuni migranti a bordo ad arenarsi al largo di Villagonia. La scoperta nella tarda nottata. Immediato l'intervento della guardia costiera di Giardini Naxos che ha intercettato un uomo a bordo di un gommone. L'uomo, presumibilmente di nazionalità  russa,  è al momento posto a fermo presso la caserma dei carabinieri di Taormina che mantengono il massimo riserbo. Carabinieri e Guardia costiera stanno attendendo l'arrivo dei mezzi navali della guardia di finanza per tentare di raggiungere la barca a vela e verificare la presenza a bordo di altre persone. Le operazioni sono rese difficoltose dalle avverse condizioni meteo.

     AGGIORNAMENTO ore 11.31

    La Guardia di finanza è riuscita a raggiungere l'imbarcazione ancorata al largo di Villagonia trasportandola fino al porto di Riposto. A bordo sarebbero state trovate 6 persone. I militari, coordinati dal capitano della GICO (gruppo investigazione criminalità organizzata) Pablo Leccese, stanno procedendo all'identificazione delle persone che si trovavano a bordo della barca.

     

    SEGUONO AGGIORNAMENTI 

  • MESSINA: ARRESTATI DUE CORRIERI DELLA DROGA E SEQUESTRATI OLTRE 6 CHILI DI MARIJUANA

    I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno sequestrato presso gli imbarcaderi dei traghetti che collegano con la Calabria oltre 6 chilogrammi di marijuana trasportata all’interno di due bagagli di passeggeri in transito, che sono stati tratti in arresto.

    La sostanza stupefacente era abilmente nascosta in 6 involucri di cellophane, sigillati con nastro da imballaggio e imbevuti di profumo, nel tentativo di sfuggire ad un eventuale controllo dei cani antidroga. L’operazione è stata eseguita nel corso dei controlli effettuati dalle Fiamme Gialle sui mezzi in transito nella città dello Stretto, grazie all’esperienza investigativa maturata dai finanzieri ed al prezioso ausilio dei cani anti droga.

    In tale ambito i militari hanno individuato e sottoposto a controllo due pullman provenienti dal Nord Italia, al cui interno sono stati rinvenuti, grazie al fiuto dei cani Sara e Dandy, i bagagli contenenti la sostanza stupefacente. I corrieri della droga, un uomo e una donna di origine africana, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato per traffico di sostanze stupefacenti e successivamente tradotti in carcere in attesa di giudizio.

    L’operazione testimonia il continuo e quotidiano impegno delle Fiamme Gialle a tutela della legalità ed ha consentito di impedire l’immissione sul mercato dello spaccio di un considerevole quantitativo di droga, la cui vendita avrebbe potuto fruttare notevoli guadagni illeciti.

  • Taormina. Intensificati i controlli della Guardia di Finanza. Dalla baia di Giardini Naxos alle vie del centro di Taormina è caccia agli abusivi.

    Continuano i controlli delle Fiamme Gialle nei confronti delle attività commerciali abusive nelle aree costiere e balneari della perla. Ieri mattina il blitz dei militari del Comando Provinciale e della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Messina contro gli abusivi delle gite turistiche in barca.

    Le Fiamme Gialle hanno constatato complessivamente n. 44 mancate emissioni di scontrini fiscali, effettuato nr. 18 controlli in materia di sommerso di lavoro rilevando n. 6 lavoratori in nero e controllato 14 natanti, verbalizzandone n. 12, che esercitavano l’attività di noleggio per gite turistiche lungo il litorale senza le prescritte autorizzazioni e le dovute dotazioni di sicurezza a bordo, condotte, in taluni casi, da personale addirittura sprovvisto della patente nautica e comunque non in regola con le previste normative previdenziali e assicurative. I n. 6. lavoratori in nero sono stati tutti scoperti all’opera ed impiegati a bordo o presso gli stand che sul lungo mare di Giardini Naxos (ME) promuovono gite turistiche in barca lungo il litorale della perla dello Jonio, omettendo tra l’altro, come riscontrato dai finanzieri di Taormina (ME) con la constatazione di ben 44 casi di mancata emissione, il rilascio dello scontrino o della ricevuta fiscale.

    L’operazione è stata condotta anche via mare con l’ausilio di 2 vedette classe 2000 del Comparto Aereonavale della Guardia di Finanza a cui dal 2017, è stata affidata la “sicurezza del mare”, assegnandole compiti di ordine e sicurezza pubblica che si aggiungono alle consolidate attività di polizia economico finanziaria, proprie della Guardia di Finanza. Il fenomeno del mancato rilascio del documento fiscale e del lavoro “nero” ed “irregolare”, nonché le connesse manifestazioni di illegalità, è una realtà che maggiormente nella stagione estiva, attesa l’elevatissima vocazione turistica del litorale ionico, va ad inquinare il mercato e l’economia legale, a discapito di tutti i cittadini e le aziende che operando nel rispetto della legalità, subiscono più direttamente il costo sociale di tali comportamenti illeciti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI