Taormina.  Arrestato dai carabinieri, pusher del posto, trovato in possesso di una cospicua quantità di marijuana

Taormina. Arrestato dai carabinieri, pusher del posto, trovato in possesso di una cospicua quantità di marijuana In evidenza

I Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taormina, hanno arrestato P.A., taorminese,cinquantenne, già noto alle forze dell’ordine, ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

I militari,già da diverso tempo seguivano l’uomo, e a seguito di un servizio di osservazione sono entrati in azione fermandolo e sottoponendolo a perquisizione personale e domiciliare. All’esito della perquisizione, i Carabinieri hanno rivenuto e posto a sequestro circa 75 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale vario per il confezionamento.

L’indagato, espletate formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Messina “Gazzi”.

000
Letto 390 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Deferito in stato di libertà Taorminese per possesso ingiustificato di chiavi o grimaldelli e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere

    Nella giornata di ieri  durante le attività  di viabilità connesse a garantire il servizio antincendio nell’area di capo Taormina a causa del vasto incendio propagatosi nella tarda serata di ieri e protrattosi per molte ore la polizia locale di Taormina ha deferito in stato di libertà un cittadino taorminese C.A. di anni 55 per i reati di possesso ingiustificato di chiavi o grimaldelli e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere . Nella fattispecie la persona, a bordo di un ciclomotore, proveniente da spisone in direzione giardini, inveiva contro il Vice Comandante a causa dell’inibizione a transitare in direzione Catania. A questo punto il Vice Comandante dopo aver eseguito un controllo sulla persona (che risultava pluripregiudicata)accertava che lo stesso trovavasi in posssesso di una cesoia e di una tenaglia delle quali (essendo persona gravata da precedenti specifici) non ne giustifica il legittimo possesso. Gli oggetti venivano sottoposti a sequestro penale e la persona deferita in stato di libertà per i reati sopra indicati.

  • TAORMINA . TURISTI TROVANO PORTAFOGLIO E LO RESTITUISCONO

    Trovano per strada un portafoglio con circa 500 euro e si recano al comando della Polizia Locale per consegnarlo. E’ accaduto nel  tardo pomeriggio di ieri a Taormina. Tre turisti parigini in vacanza nella Perla dello Jonio stavano passeggiando sul centrale Corso Umberto quando si sono imbattuti in un portafoglio. Immediatamente, constatata anche la presenza di una cospicua somma di denaro, si sono recati al vicino comando della Polizia Locale per segnalare quanto accaduto.

    Gli agenti hanno subito avviato la ricerca del proprietario. Nel portafoglio oltre i soldi erano infatti presenti documenti d’identità intestati al presunto proprietario, un uomo torinese. Ed è stato grazie al documento e alla consultazione  del registro delle presenze alberghiere che gli agenti sono riusciti a ricavare le informazioni necessarie per contattarlo. L’uomo in soggiorno a Messina si era recato a Taormina per una passeggiata e non si era neanche accorto di aver perso il portafoglio. Solo alla telefonata degli agenti ha realizzato di aver smarrito documenti e soldi.

    Da evidenziare l’onestà dei tre turisti parigini che hanno immediatamente contattato la Polizia Locale.

  • TAORMINA. SALVINI DA TAORMINA: NON C’E’ PIU’ UN GOVERNO, NON C’E’ PIU’ UNA MAGGIORANZA

    “Non c’è più un governo, non c’è più una maggioranza. Chi ama l’Italia non perde tempo.” Così Matteo Salvini risponde ai giornalisti che stamani al Caparena a Taormina gli chiedono chiarimenti sul futuro del Governo.

    Il Ministro Salvini è così ufficialmente in campagna elettorale. Il suo tour prende una svolta diversa o forse tutto era previsto fin dal principio.

    A Taormina ad accoglierlo c’erano diversi simpatizzanti, alcuni volti noti della vecchia politica e l’arrivo in spiaggia è stato caratterizzato come da copione da strette di mano e selfie.

    “L’unica soluzione sincera e democratica, afferma Salvini,  è dare la parola agli italiani. Non capisco, prosegue, questo terrore di far votare gli italiani. Siamo in democrazia. Dovrebbe essere la cosa più bella del mondo far votare i cittadini. Non penso che i cittadini voterebbero mai un’accoppiata Renzi-Grillo però vediamolo. Facciamoglielo fare ad ottobre. A fine settembre vota l’Austria, a metà ottobre vota la Polonia, in autunno voterà anche la Spagna... non si capisce perché altri paesi europei  votino tranquillamente in autunno e gli italiani no. E’ l’attaccamento alla poltrona. Il potere della poltrona. L’Italia ha bisogno di un Governo stabile, serio, con le idee chiare per i prossimi 5 anni. Noi le idee le abbiamo e quindi fatemi lavorare per il futuro.”

    Ministro nel programma di Governo non c’erano le elezioni a  così breve scadenza. L’accusa nei suoi confronti è quella di voler capitalizzare il suo consenso.

    Salvini “ E’ chiaro che in nessun contratto di Governo ci sono le elezioni ma non c’erano neanche tutti i no che abbiamo sopportato. Troppi no. L’Italia ha bisogno di si, la Sicilia ha bisogno di si non di no. Grandi opere, infrastrutture.”

    E spunta il Ponte sullo Stretto e allora capisci che la campagna elettorale è davvero iniziata.

    “ Oggi ho preso il traghetto, spiega Salvini, ho parlato con i lavoratori della navigazione  e con i passeggeri. Nel futuro bisogno collegare la Sicilia alla terra ferma  più velocemente. Oggi la situazione non funziona.”

    Ministro c'è una parte del Sud che dopo le scorse elezioni Europee si è riscoperto leghista ma, c’è un’altra parte del Sud che non dimentica e non perdona la sua posizione nei confronti del Sud.

    Salvini: “La mia era una posizione nei confronti dei pessimi amministratori del sud.  Ieri ho girato la Calabria e ci sono strade ferme da cinquant’anni e la Lega non ha mai governato  neanche un condominio al sud. Evidentemente io me la prendevo e me la prenderò sempre con i pessimi amministratori del sud che hanno condannato milioni di italiani  ad avere una sanità di serie B e una situazione di infrastrutture indegna di un paese civile.”

    Al ministro vogliamo però ricordare, forse non lo sa,  che molti di quei pessimi amministratori a cui fa riferimento oggi si sono riscoperti leghisti e  sono nuovamente a caccia di poltrone!

     

    A BREVE VIDEO INTERVISTA

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI