Sant'Alessio Siculo, sequestrata dalla polizia metropolitana un'estesa discarica d'amianto

Sant'Alessio Siculo, sequestrata dalla polizia metropolitana un'estesa discarica d'amianto In evidenza

Continua l'attività della polizia metropolitana volta al controllo dell'intero territorio per la prevenzione e repressione dei reati ambientali.

Nel corso di una dettagliata perlustrazione operata nel territorio del Comune di Sant'Alessio Siculo, al confine con il Comune di Forza d'Agrò, gli agenti guidati dal Comandante Antonino Triolo hanno individuato un vero e proprio deposito di amianto abbandonato in un terreno.

Nel frattempo è stata data comunicazione del ritrovamento alla Procura della Repubblica e si attende la convalida del sequestro.

Di conseguenza sono scattate le indagini per risalire ai proprietari dell'area ed individuare i responsabili del grave reato.

Il fenomeno dello smaltimento abusivo sta assumendo proporzioni di notevole rilevanza e rappresenta fonte di rischio per la salute, soprattutto per via delle polveri d’amianto che, trasportate dal vento, vanno a depositarsi sulle colture dei campi circostanti inquinando il terreno e le falde acquifere.

“L’abbandono dei rifiuti – afferma il Comandante Triolo – non è solo un atto di totale mancanza di rispetto delle normative ambientali ma, spesso, è opera di una strategia malavitosa volta ad eludere i costi ed i controlli dello smaltimento, soprattutto quando si tratta di rifiuti pericolosi per la salute dell'uomo”.

000
Letto 91 volte

Articoli correlati (da tag)

  • SAVOCA. DISCARICA ABUSIVA. INDIVIDUATI I RESPONSABILI

    Nella costante azione di tutela del territorio da parte degli agenti del nucleo ambientale della polizia Metropolitana, è stata individua una discarica abusiva in C.da Balardo -Pizzo Cucco nel comune di Savoca con rifiuti di vario tipo, in prevalenza derivati da attività di demolizione edilizia con presenza di sfabbricidi , materiale plastico, ma anche suppellettili e sacchi di plastica contenenti rifiuti di vario tipo.

    Dopo una intensa attività di indagine, anche con appostamenti, è stato individuato il responsabile che è stato sanzionato ai sensi degli artt. 192 e 255 del d.l. 152/2006 ed obbligato al ripristino dello stato dei luoghi.

    L’attività di controllo del territorio e repressione dei reati ambientali sarà ulteriormente intensificata in tutta l’area di competenza della Polizia Metropolitana.

  • SAVOCA. SEQUESTRO DI DISCARICA ABUSIVA CON MATERIALI PERICOLOSI

    Durante un servizio di monitoraggio e controllo del territorio finalizzato alla individuazione e alla repressione di reati ambientali, in data 6 febbraio u.s. gli ufficiali di P.G. della Poliza Metropolitana, Arito Luigi e Bitto Giuseppe, coadiuvati dagli agenti Panarello A., Lombardo F. e Magazzu’ G. con il coordinamento del Comandante Antonino Triolo, hanno riscontrato la presenza di tre distinte discariche ricadenti sulla sponda sinistra del torrente Abramo del Comune di Savoca.

    Dai controlli è emerso che nella discarica  erano depositati in modo incontrollato materiali di varia natura fortemente pericolosi per la salute pubblica: elevate quantità di amianto, in lastre parzialmente rotte ed in fase di polverizzazione; cumuli di inerti: pneumatici fuori uso, mobili vecchi ed altro. Della circostanza è stato avvertito il P.M. di turno della Procura della Repubblica di Messina., dott.ssa Casabona, che ha disposto il sequestro delle aree in quanto è stato acclarato il reato di cui all'art. 192, comma 1, D.Lgs 152/06: “deposito incontrollato di rifiuti pericolosi”, sussistendo il pericolo reale e concreto di alterazione, dispersione o modificazione delle cose, tracce o luoghi.

    Trattandosi di rifiuti pericolosi non trasportabili e non conservabili negli Uffici Giudiziari, l’intera area sequestrata è stata affidata in custodia giudiziale al responsabile dell'ufficio tecnico del Comune di Savoca.

  • SANT’ALESSIO SICULO. SOLIDARIETÀ IN CONSIGLIO COMUNALE A CATENO DE LUCA DA NINO LO MONACO

    Il consigliere Nino Lo Monaco del gruppo politico Sicilia Vera ha inteso esprimere solidarietà  all’On. Cateno De Luca nel corso dell’ultimo consiglio comunale.

    “Desidero esprimere ufficialmente, ha esordito Lo Monaco,  la mia solidarietà e vicinanza sia politica che personale all'onorevole Cateno De Luca che, da qualche tempo, è diventato oggetto di ignobili attacchi personali e politici a causa delle vicende giudiziarie degli ultimi giorni che lo hanno visto balzare agli onori della cronaca nazionale. Cateno de Luca è uno dei politici che i messinesi hanno scelto, senza alcun vincolo, liberamente e democraticamente, per essere rappresentati nella prossima legislatura del parlamento regionale siciliano. Non lo hanno scelto a caso, gli hanno dato fiducia per l'ennesima volta perché lo ritengono persona onesta, capace ed equilibrata, lo ritengono uno di loro, uno come loro, uno che si è sempre speso per lo sviluppo delle comunità che ha amministrato, e che sono sicuro, continuerà a fare per l'intero territorio.

    Cateno De Luca, come dice sempre un mio amico, è un capo popolo, un trascinatore, un fine politico, una tra le persone più oneste e corrette che io conosca e nulla di ciò che ha detto o fatto mette in discussione questa mia convinzione. E' colui che potrà davvero portare il cambiamento, un cambiamento reale nel modo di fare politica e combattere il malaffare che regna sovrano in questa nostra martoriata terra di Sicilia.

    Gravi, a mio parere,  ha proseguito Lo Monaco, sono stati gli attacchi spropositati alla sua persona da parte di gente senza scrupoli, da parte anche di alcuni saltimbanco che occupano oggi la scena politica locale, regionale e nazionale, da parte di certa stampa , di alcuni avvoltoi che hanno speculato su un momento di difficoltà dell'uomo, del politico, e non hanno pensato minimamente al dramma dello stesso, della sua famiglia, della moglie, dei figli minori, degli anziani genitori.

    Noi ci crediamo siamo con lui senza se e senza ma,  ha concluso il consigliere Lo Monaco,  crediamo nella sua azione politica, crediamo nel suo progetto che porterà la Sicilia ed i siciliani ad un risveglio culturale, sociale ed economico, e che ridarà a noi ed ai nostri figli la speranza di una Sicilia libera da padri e padroni e soprattutto libera dalle zavorre del passato che le hanno negato lo sviluppo.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI