ITALA: Individuati ed arrestati i tre rapinatori catanesi responsabili di un colpo ai danni della filiale della banca Agricola Popolare di Ragusa

ITALA: Individuati ed arrestati i tre rapinatori catanesi responsabili di un colpo ai danni della filiale della banca Agricola Popolare di Ragusa In evidenza

All’alba di oggi, in esecuzione di un’ordinanzadi applicazione di misura cautelare in carcere emessa dal Gip presso  il Tribunale di Messina, su richiesta della locale Procura della Repubblica, i Carabinieri della Compagnia di Messina Sud, in collaborazione con i militari delle Compagnie di Gravina di Catania, Catania Fontanarossa e Paternò, hanno arrestato i pregiudicati G.V. e G.F. rispettivamente di 37 e 46 anni ed il 26 enne incensurato D.M.S., ritenuti responsabili di essere gli autori della rapina commessa nella mattinata del 13 novembre 2018 ai danni della filiale di Itala(ME) della Banca Popolare di Ragusa.

Le indagini svolte dai militari della stazione Carabinieri di Scaletta Zanclea e del Nucleo Operativo della Compagnia di Messina Sud sono state avviate a seguito della rapina commessa da due individui, armati di taglierino presso l’istituto di credito. Il primo si era introdotto a volto scoperto all’interno della “Banca Popolare di Ragusa”di Itala(ME) e, sotto la minaccia della lama, aveva costretto un dipendente a sbloccare la porta a bussola della filiale per consentire l’accesso al complice travisato. Dopo essersi appropriati della somma in contanti di oltre 45.000 euro, i due rapinatori si erano dati alla fuga a bordo di un’auto condotta da un terzo complice. 

Dalla visione dei sistemi di videosorveglianza della banca nonché di quelli installati lungo le strade del comune di Itala e dei comuni limitrofi, i militari sono riusciti a ricostruire le fasi della rapina, accertando gli spostamenti del veicolo utilizzato dai malfattori sia prima che dopo il reato. I militari sono così risaliti ad un’autovettura, intestata ad una società di autonoleggio avente sede nel catanese, di cui i criminali si sono serviti e che era stata noleggiata da una donna.

Sulla scorta dei primi elementi raccolti nell’immediatezza, le indagini sono state indirizzate su pregiudicati della provincia di Catania. Grazie alla diramazione delle immagini della rapina ai comandi territoriali dell’Arma, capillarmente distribuiti sul territorio, sono stati individuati i possibili sospetti. In particolare gravi indizi sono stati raccolti su G.V. , la cui utenza telefonica era presente nei pressi della società di autonoleggio sia il giorno precedente il reato quando l’auto era stata ritirata ed ancora poche ore dopo la rapina quando era stata riconsegnata. Ricostruendo la rete dei contatti di G.V. sono stati individuati i suoi due complici.

La Compagnia di Messina Sud ha proseguitole indagini approfondendo gli accertamenti sui tre sospetti di cui ha effettuato alcune videoriprese da comparare con le immagini dei rapinatori.

All’esito delle comparazioni svolte dal Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina sono emersi forti elementi dai quali emerge che il rapinatore a volto scoperto possa identificarsi in D.M.S. e quello travisato possa essere individuato in G.F.

Ai tre “pendolari” di origine etnea, arrestati per rapina aggravata e rinchiusi nel carcere di Catania piazza Lanza, è stato altresì contestato il porto di armi bianche al fine di commettere la rapina.   

000
Letto 419 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Taormina. Oltre 1kg di droga in casa. In manette un 36enne

    Nella serata del 10 luglio scorso, in Taormina, nell’ambito dei servizi di controllo e di contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taormina hanno arrestato, in flagranza di reato, il 36enne taorminese B.A. ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

    A destare i sospetti dei militari erano stati movimenti rilevati, nel corso degli ultimi giorni, intorno all’abitazione dell’uomo. Pertanto, nella giornata del 10 luglio scorso, è stato svolta una perquisizione domiciliari nell’abitazione dell’uomo nel corso della quale i Carabinieri hanno rinvenuto 1,3 kilogrammi di sostanza stupefacente tipo marijuana contenuta in sacchetti di cellophane, 9 grammi di sostanza stupefacente tipo hashish, un bilancino di precisione, materiale vario per il confezionamento delle dosi e la somma di 700 euro provento di attività illecita.

    La sostanza stupefacente, il bilancino ed il denaro sono stati sequestrati e l’uomo è stato arrestato in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

    Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Messina in attesa dell’udienza di convalida.  

  • FIUMEDINISI. PREGIUDICATO ARRESTATO DAI CARABINIERI PER MALTRATTAMENTI IN FAMIGLIA

    I militari della Stazione Carabinieri di Fiumedinisi hanno arrestato per il reato di maltrattamenti in famiglia un 44enne del luogo, in esecuzione di ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Messina, su conforme richiesta dell’Ufficio di Procura che ha coordinato le indagini.

    Il provvedimento restrittivo scaturisce da un’attività che ha consentito di raccogliere, a seguito della querela presentata da una 46enne, gravi elementi circa la sussistenza di una serie reiterata di condotte vessatorie, violente e minacciose poste in essere  nei suoi confronti dal marito, concretizzatesi in continui insulti, maltrattamenti e minacce di morte perpetrate anche mediante l’uso di un coltello. Nel corso dell’ultimo litigio l’uomo è arrivato addirittura a percuotere con un bastone la moglie  e ad uccidere di fronte ai suoi occhi un gatto domestico.  La sempre più pressante ed immotivata violenza unita alle sofferenze morali patite, hanno aperto gli occhi alla donna e l’hanno finalmente convinta  a denunciare tutto ai carabinieri. Gli uomini dell’Arma, coordinati dall’Ufficio di Procura,  hanno ricostruito il clima di terrore in cui la vittima  è stata costretta a vivere ed ora sul 44enne grava la pesante accusa di maltrattamenti in famiglia per la quale è stato emesso il provvedimento cautelare. Va evidenziato che tale risultato è stato reso possibile dalla fiducia riposta dalla vittima nei confronti dell’Autorità Giudiziaria e delle FF.OO, che ha consentito un rapido intervento a sua tutela, scongiurando il rischio di conseguenze ancor più gravi in danno della sua integrità fisica e morale.

  • Giardini Naxos. Controlli dei Carabinieri all’interno dei Cannabis light shop. Denunciato il titolare di una rivendita di tabacchi

    Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Giardini Naxos, nel corso di servizi finalizzati al contrasto della vendita di sostanze stupefacenti,hanno denunciato un 49enne del luogo, ritenuto responsabile della violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti e/o psicotrope.

    I militari, durante una verifica aduna tabaccheria di proprietà dell’uomo, all’interno dell’attività  hanno notato indicazioni pubblicitarie circa la vendita di prodotti a base di marijuana ed hanno, pertanto, deciso di procedere al controllo delle varie confezioni rinvenendo:12 vasetti in vetro con tappo in sughero non sigillato, 31 vasetti in vetro sigillati  con tappo di metallo, 2 flaconi di olio in vetro con tappo conta gocce; 28 bustine da 1 grammo e 9 pacchetti in cartone rigido da 1 grammo, tutti contenenti sostanza vegetale del tipo “marijuana”.

    Tutti i prodotti sono stati sequestrati ed il titolare della tabaccheria è stato deferito in quanto ritenuto responsabile della violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti e/o psicotrope.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI