GIARDINI NAXOS. OPERAZIONE MARE SICURO. CONTROLLI A GESTORI STABILIMENTI BALNEARI

GIARDINI NAXOS. OPERAZIONE MARE SICURO. CONTROLLI A GESTORI STABILIMENTI BALNEARI In evidenza

Come ogni anno nell’ambito dell’operazione “Mare Sicuro”, predisposta dal Comando generale delle Capitanerie di porto volta a garantire la corretta fruizione del mare e uno svolgimento in sicurezza delle attività ludiche e ricreative ad esso collegate, il personale della Guardia Costiera di Giardini Naxos, sotto le direttive della Capitaneria di Porto di Messina, ha avviato una serie di controlli, assicurando la pronta disponibilità per le emergenze, supportano i presidi di sicurezza esistenti, verificando i dispositivi di pronto intervento e di salvaguardia della vita umana in mare. I controlli espletati sono stati finalizzati in particolar modo al rispetto delle norme contenute nell’Ordinanza di sicurezza balneare verificando, negli stabilimenti balneari la regolarità del servizio di salvataggio e monitorando le unità da diporto ed in particolare gli acquascooter. Particolare interesse è stata posta nei riguardi delle attività commerciali del diporto, attività che caratterizza in maniera significativa il tratto di litorale di Giardini e Taormina. Nel corso dell’attività sino adesso svolta, sono stati elevati 36 verbali amministrativi per un importo totale di circa 5300 euro. 37 sono state le unità da diporto ispezionate da cui sono emerse 28 irregolarità. Le sanzioni amministrative più frequenti riguardano la navigazione nello specchio acqueo riservato alla balneazione, il trasporto di persone oltre il consentito e varie irregolarità nell’esercizio dell’attività di locazione e noleggio. Nove sono stati gli acquascooter sanzionati. Durante l’attività sono stati elevati 2 verbali amministrativi per un importo totale di Euro 2064, ad altrettanti gestori di stabilimenti balneari a Giardini Naxos, per l’inosservanza delle prescrizioni di cui all’Ordinanza di Sicurezza Balneare in materia di disposizioni di cui al servizio di salvamento. I controlli effettuati hanno interessato altresì l’area del porto di Giardini Naxos dove sono state elevate numerose sanzioni alle autovetture in sosta senza autorizzazione.

000
Letto 60 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. CONTRASTO ALLA PESCA DI FRODO

    Durante i consueti controlli sul territorio finalizzati a tutelare l'ambiente marino e il rispetto delle leggi sulla pesca i militari della Guardia Costiera di Giardini Naxos dopo una attività di osservazione durata alcuni giorni, hanno bloccato due persone che, con l’ausilio di un natante da diporto, esercitavano la pesca subacquea con bombole all’interno dell’Isolabella.

    I due, che alla vista dei militare tentavano di nascondere l’attrezzatura, sono stati bloccati a Letojanni con il pescato prima che questo venisse immesso sul mercato della ristorazione. La successiva ispezione consentiva di recuperare l’attrezzatura subacquea utilizzata che, con il pescato, veniva sottoposta a sequestro.
    L’Autorità marittima, in considerazione che la pesca subacquea non è consentita con l’utilizzando di autorespiratori provvedeva ad elevare un verbale amministrativo di 1000 euro, mentre iI prodotto ittico, dopo verifica da parte del ASP, è stato donato ad un istituto religioso del posto.

  • Giardini Naxos. Controlli dei Carabinieri all’interno dei Cannabis light shop. Denunciato il titolare di una rivendita di tabacchi

    Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Giardini Naxos, nel corso di servizi finalizzati al contrasto della vendita di sostanze stupefacenti,hanno denunciato un 49enne del luogo, ritenuto responsabile della violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti e/o psicotrope.

    I militari, durante una verifica aduna tabaccheria di proprietà dell’uomo, all’interno dell’attività  hanno notato indicazioni pubblicitarie circa la vendita di prodotti a base di marijuana ed hanno, pertanto, deciso di procedere al controllo delle varie confezioni rinvenendo:12 vasetti in vetro con tappo in sughero non sigillato, 31 vasetti in vetro sigillati  con tappo di metallo, 2 flaconi di olio in vetro con tappo conta gocce; 28 bustine da 1 grammo e 9 pacchetti in cartone rigido da 1 grammo, tutti contenenti sostanza vegetale del tipo “marijuana”.

    Tutti i prodotti sono stati sequestrati ed il titolare della tabaccheria è stato deferito in quanto ritenuto responsabile della violazione della normativa sulle sostanze stupefacenti e/o psicotrope.

  • GIARDINI.Contrattazione decentrata e rinnovo CCNL negli enti locali. La FP CGIL “dialoga” con i propri RSU e delegati e chiede interventi normativi risolutivi

    I Comuni del territorio stanno sfidando le norme che presiedono alla negoziazione. Le risorse del trattamento accessorio non sono una concessione delle Amministrazioni.

    Si è tenuta nei giorni scorsi, a Giardini Naxos, una partecipatissima assemblea alla presenza del coordinatore nazionale FP CGIL degli enti locali, Alessandro Purificato e dei segretari generali della FP Messina e FP Catania, rispettivamente Francesco Fucile e Salvatore Cubito, in occasione della quale gli RSU e i delegati FP CGIL della città di Messina e della zona ionica e della FP CGIL Catania, hanno espresso tutte le criticità riscontrate nei posti di lavoro a causa della mancata applicazione di quanto previsto dal CCNL.

    Nel corso dell’incontro sono stati affrontati i temi più importanti in merito alla contrattazione decentrata e per il rinnovo del Contratto Nazionale di Lavoro 2019-21. I vari delegati dei posti di lavoro hanno presentato al coordinatore nazionale le principali difficoltà che si riscontrano negli enti rispetto alla esigibilità dei Contratti Collettivi Decentrati Integrativi (CCDI) e alle rivendicazioni per il pagamento degli istituti contrattuali del CCNL. Il segretario della FP di Messina ha delineato un quadro complessivo della situazione sul territorio dell’area ionica e della città di Messina, con punti di caduta molto problematici soprattutto con riferimento a Comuni che da più di cinque anni non avviano la trattativa per l’applicazione del contratto decentrato. «La presenza della FP CGIL sul territorio – ha affermato Fucile - cerca di porre rimedio a tale stato di cose, nonché a questa evidente negazione dei diritti ai lavoratori, ma senza il supporto di una normativa nazionale che renda tali diritti rivendicabili con forza, è chiaro che tutto sarà più difficile. A tal proposito, la Funzione Pubblica CGIL di Messina sta predisponendo un dettagliato dossier che metterà in evidenza la situazione di tutte quelle Amministrazioni in cui l’avvio della contrattazione decentrata è ferma».

    L’assemblea si inserisce nel quadro più generale degli interventi formativi ed informativi sul territorio che la FP CGIL Nazionale ha avviato per giungere, sempre più capillarmente, nei singoli posti di lavoro. Solo attraverso il contributo dei dipendenti all’elaborazione della piattaforma per il rinnovo del CCNL19-21, infatti, si potranno migliorare e risolvere i problemi che in questi anni hanno attanagliato i singoli Comuni per il rinnovo dei CCDI. Molti gli interventi dei dipendenti che denunciano anni di mancati rinnovi dei contratti decentrati e della costituzione dei fondi per il trattamento accessorio. I lavoratori hanno chiesto ai vertici del sindacato in fase di trattazione nazionale di insistere per ottenere norme che garantiscano maggiormente il diritto ad aver il salario accessorio, norme che impongano agli enti di istituire il fondo per il trattamento accessorio e avviare la contrattazione per il CCDI entro tempi certi e non derogabili.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI