NIZZA DI SICILIA. IN MANETTE UN UOMO CON LE ACCUSE DI MALTRATTAMENTI.  MINACCE GRAVI ALLA MOGLIE E AL SUO AVVOCATO

NIZZA DI SICILIA. IN MANETTE UN UOMO CON LE ACCUSE DI MALTRATTAMENTI. MINACCE GRAVI ALLA MOGLIE E AL SUO AVVOCATO In evidenza

Nella giornata di oggi il gip del tribunale di Messina, Monica Marino ha convalidato l’arresto eseguito dai carabinieri di S. Teresa di Riva, nella notte tra il 7 e 8 settembre nei confronti di C.F. di Nizza di Sicilia a seguito dei maltrattamenti reiterati nei confronti della moglie.

Questi i fatti:

L’uomo non ha accettato la decisione della moglie di volersi separare, decisione dettata dai reiterati maltrattamenti subiti negli anni e del carattere irascibile e violento del marito. Di fronte alla scelta della moglie l’uomo, oltre alle liti violente in casa, ha iniziato a seguirla e pedinarla , anche nelle ore notturne, presentandosi addirittura più volte sul posto di lavoro, umiliandola con continue scenate e minacciandola di rovinarla se lo avesse denunciato. Nei giorni scorsi C.F.  aveva anche seguito la moglie mentre si recava presso lo studio del suo avvocato, a Roccalumera, proprio per formalizzare la domanda di separazione. L’uomo ha fatto irruzione nello studio della professionista minacciando ed insultando sia la moglie, sia l’avvocato, una professionista donna che si occupa di violenza sulle donne. L’avvocato ha dovuto, a fatica, costringere l’uomo ad andare via dallo studio, provando a chiamare i carabinieri della locale Stazione di Roccalumera, ed informandoli dell’aggressione verbale subita con violazione del proprio domicilio. Come se non bastasse, la donna, uscita dallo studio mentre si recava alla propria auto, parcheggiata nella vicina piazza Mazzullo, si è ritrovata nuovamente il marito, appostato con il motorino che l’aspettava. Fortunatamente la donna era stata accompagnata dal suo avvocato, proprio per il timore, rivelatosi fondato, che il marito fosse fuori ad aspettarla. Di fronte alle nuove minacce dell’uomo che continuava a ripetere che “sarebbe finita male e che entrambe l’avrebbero pagata cara” l’avvocata ha richiesto nuovamente l’intervento dei carabinieri. Anche in presenza dei Carabinieri, nel frattempo intervenuti sul posto, e di numerosi passanti l’uomo ha continuato ad insultare e a minacciare le due donne con gravi e pesanti espressioni.

I militari in quell’occasione si sono però limitati ad invitare l’uomo ad allontanarsi, sottovalutando evidentemente il rischio per la donna che nel frattempo aveva formalizzato in caserma la denuncia per i reiterati maltrattamenti subiti e le minacce. Nonostante ciò i carabinieri hanno rilasciato l’uomo che ha proseguito nelle ore successive a seguire la moglie. Spaventata e stremata dai continui appostamenti ed inseguimenti per la donna la parola fine l’hanno scritta i carabinieri della compagnia di Santa Teresa di Riva che sabato, 7 settembre, sono intervenuti traendo in arresto il marito violento C.F. per il quale sono stati confermati gli arresti domiciliari. La donna è seguita dal Centro Antiviolenza “Al Tuo Fianco” di Roccalumera che l’ha assistita durante questo travagliato iter che ha portato all’arresto del marito.

000
Letto 1537 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Notevole partecipazione alle campagne di sensibilizzazione sull’uso delle plastiche tenute a Taormina

    Si è svolto il 4° appuntamento della campagna di sensibilizzazione “Io sono ambiente 2019″. Il progetto è stato promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ed è stato realizzato dall’Arma dei Carabinieri per promuovere la sensibilizzazione contro l’abbandono della plastica e per il disincentivo della plastica monouso. La campagna di educazione ambientale “lo sono ambiente” ha avuto luogo nella Città di Taormina lo scorso fine settimana con l’installazione di uno stand in piazza IX aprile. L’evento è stato curato in particolare dal Comando Unità Forestale Ambientale e Agroalimentare dell’Arma dei Carabinieri che si è avvalso della collaborazione dei Reparti Biodiversità di Reggio Calabria, Martina Franca e Cosenza e, in ultimo, di Pieve di Santo Stefano. Gli eventi sono stati realizzati con la collaborazione della Stazione Carabinieri di Taormina e del Nucleo Carabinieri Cites di Catania e la disponibilità del Comune di Taormina. La postazione ha consentito di fornire al pubblico informazioni sul tema del riciclo, riutilizzo e riduzione della plastica, della tutela della biodiversità, fornendo indicazioni sulle buone pratiche a difesa dell’ambiente. Purtroppo si registra un aumento della quantità di rifiuti di plastica che finiscono in mare. Si stima una produzione annuale mondiale intorno a 300 milioni di tonnellate di plastiche, di cui almeno 8 milioni finiscono nell’oceano; una seria minaccia per le specie marine e gli ecosistemi, ma anche un rischio per la salute umana, con implicazioni significative su settori come il turismo, la pesca e l’acquacoltura. Specie animali come balene, delfini, tartarughe marine quando riscontrate morte e spiaggiate mostrano all’interno accumuli di plastiche ingerite che se non sono causa primaria di morte sicuramente finiscono nella catena alimentare. La norma ha bandito da alcuni mesi i contenitori in plastica non biodegradabili, invece dallo scorso gennaio sono vietati i cotton fioc e dal gennaio 2020 sono vietati i cosmetici contenenti microplastiche. Una normativa UE mette al bando dal gennaio 2020 invece le stoviglie e i piatti in plastica. Vengono invece consentite le bottiglie in plastica di cui però si incentiva il riciclaggio ad una quota di percentuale molto elevata, ma con obbligo di contenimento di quantità idonee di plastica riciclata.

  • Giardini Naxos. I Carabinieri arrestano un giovane extracomunitario per spaccio di sostanze stupefacenti

    Nell’ultimo fine settimana, nel corso di servizi di prevenzione finalizzati al contrasto dello spaccio di stupefacenti, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taormina hanno arrestato, in flagranza di reato,il 19 enne cittadino marocchino M.A.ritenuto responsabile del reato dispaccio di sostanze stupefacenti.

    Nel corso del servizio, sul lungomare di Giardini Naxos, tra la strada ed un muro poco distante dalla spiaggia, i militari seguivano i movimenti sospetti del giovane extracomunitario che poco dopo intraprendeva un dialogo con una seconda persona che si concludeva con un rapido scambio di un involucro.

    I Carabinieri intervenivano subito ed accertavano che il giovane extracomunitario aveva appena ceduto una dose di cocaina. Sottoposto a perquisizione personale indosso al 19e nne è stata rinvenuta una dose di marijuana, mentre un ulteriore dose di cocaina era occultata all’interno di un buco nel muro.

    La sostanza stupefacente è stata sequestrata ed il giovane marocchino è stato arrestato poiché ritenuto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

    Nella mattinata odierna, l’arrestato è stato condotto dinnanzi al Giudice del Tribunale di Messina che, dopo aver convalidato l’arresto operato dai Carabinieri,ha disposto per il giovane la misura degli arresti domiciliari.

  • NIZZA DI SICILIA. L’ASD SHOTOKAN SCENDE IN PIAZZA E CON I SUOI ATLETI CONQUISTA TUTTI

    Si è svolta domenica scorsa a Nizza di Sicilia l’esibizione degli atleti della palestra Asd Shotokan del maestro Salvatore Romeo.

    Numeroso e caloroso il pubblico presente per assistere alle dimostrazioni di abilità dei giovanissimi sportivi esperti di karate-do, una particolare disciplina  che rientra tra le arti marziali e che  non utilizza armi. Grazie alle sue tecniche, è infatti possibile neutralizzare un attacco improvviso. Il suo scopo e l’auto difesa.

    Gli atleti, età compresa tra i 5 e i 20 anni si sono alternati sul palco dimostrando le varie tecniche imparate. Attraverso l’allenamento il karate contribuisce ha forgiare la disciplina e il carattere dell’atleta. Ai bambini in particolare il karate insegna il rispetto delle regole e la disciplina, sviluppa le capacità psicomotorie e gli permette, soprattutto, di acquisire fiducia in se stessi.

    Nel karate-do non esiste il primo attacco, chi fa karate non attacca mai per primo. L’asd Karate Nizza Di Sicilia  ha scelto dunque di dimostrare al pubblico lo SHOTOKAN e alcuni dei suoi kata.

    Facendo conoscere così al grande pubblico anche i propri atleti, alcuni dei quali hanno raggiunto già risultati importanti al CAMPIONATO ITALIANO 2019 WUKA.

    • Ceccio Lara, campionessa italiana kata categoria 6-8 anni;
    • Nicoleta Grigorovic, campionessa italiana Kata e Kumite categoria seniores donna;
    • Simone Del Bono, atleta azzurrabile della nazionale WUKA, si conferma per il secondo anno consecutivo campione italiano categoria cadetti cintura nera.

     L’allenatore Alessandro Grosso  ha invece rappresentato la nazionale WUKA ai campionati mondiali KWF svolti nel 2017 a Malta. Al termine della manifestazione il maestro Salvatore Romeo ha espresso parole di ringraziamento nei confronti della Pro Loco, dell’amministrazione comunale di Nizza e dei suoi atleti esaltandone l’impegno delle ultime settimane, insieme ai genitori dei ragazzi  sempre presenti e disponibili.

     La palestra Asd Shotokan del maestro Salvatore Romeo è pronta ad accogliervi con nuovi corsi a Nizza di Sicilia.

     

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI