MESSINA. CADAVERE RINVENUTO SULLA SPIAGGIA A TUSA. ESEGUITA AUTOPSIA

MESSINA. CADAVERE RINVENUTO SULLA SPIAGGIA A TUSA. ESEGUITA AUTOPSIA In evidenza

Il 7 gennaio 2020 sulla battigia di Castel di Tusa (ME) è stato ritrovato un cadavere da alcune persone che stavano facendo dei lavori di giardinaggio presso una villetta. Il cadavere indossava una muta da sub e delle scarpe da ginnastica e si presentava in avanzato stato di decomposizione con le parti non coperte dalla muta (testa e mani) completamente scarnificate. Sul posto sono intervenuti i militari della Compagnia Carabinieri di Mistretta (ME) e della Capitaneria di Porto di Santo Stefano di Camastra (ME) e Sant’Agata di Militello (ME). Non è stato possibile identificare il cadavere data l’assenza dei tratti somatici del volto, di documenti e delle impronte papillari. La salma è stata trasportata presso l’ospedale “Barone Romeo” di Patti (ME) per l’esame autoptico. Dall’autopsia, eseguita nel primo pomeriggio del 9 gennaio 2020, è emerso che il cadavere è di sesso maschile ed il corpo presenta alcuni tatuaggi. In particolare un “tribale” sull’avambraccio sinistro, la sagoma di un pipistrello con alcune lettere illeggibili tra le scapole ed una lettera “M” sul braccio destro. L’esame autoptico non ha evidenziato lesività traumatiche. Per giungere all’identificazione del cadavere, i Carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Patti, stanno svolgendo ulteriori indagini, anche mediante l’estrazione del profilo genotipico della salma da comparare con quelli presenti nella banca dati delle persone scomparse.

000
Letto 235 volte

Articoli correlati (da tag)

  • GIARDINI NAXOS. Coltivano piante di Cannabis. Arrestati dai Carabinieri

    Nella mattina del 24 settembre, i Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno arrestato, in flagranza di reato, due cittadini italiani originari di Giardini Naxos, M.M. 52enne e M.A. 21enne, entrambi già noti alle forze dell’ordine, per coltivazione e produzione illecita di sostanza stupefacente di tipo marijuana.

    Durante l’attività di controllo e prevenzione del territorio, i Carabinieri della Sezione Operativa, supportati dai Carabinieri della Stazione di Letojanni (ME) da alcuni giorni monitoravano la località Mastrissa del Comune di Castelmola, ed in particolare tenevano sotto osservazione un terreno agricolo recintato con all’interno un casolare, ove avevano notato movimenti sospetti di persone. Nella mattinata di ieri i Carabinieri hanno pertanto effettuato un’irruzione all’interno della proprietà e la perquisizione domiciliare ha permesso di scoprire che il terreno era stato adibito ad una vera e propria piantagione di canapa indiana in cui era stato realizzato anche un impianto d’irrigazione ed il casolare era utilizzato ad hoc come essiccatoio e per il confezionamento delle dosi. Sono state rinvenute in totale 7 piante di canapa alte poco meno di 3 metri, abilmente occultate tra i filari delle piante di fagiolo, circa 5 kg. di infiorescenze di marijuana già “lavorate” ed in fase di essiccazione ed oltre 2 kg. di foglie di marijuana predisposte per l’essiccazione, per un totale di circa 18 kg. di marijuana. Il blitz improvviso dei Carabinieri, avvenuto attraverso una feritoia ricavata nella recinzione per il passaggio dei conigli selvatici, ha permesso di sorprendere due uomini, padre e figlio, già con precedenti specifici, mentre erano intenti nella lavorazione dello stupefacente utilizzando una pressa idraulica. Pertanto i due uomini sono stati arrestati, in flagranza di reato, per coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, e tradotti presso la Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa della celebrazione del rito direttissimo.

    La sostanza stupefacente è stata sottoposta a sequestro ed inviata al Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Messina per le analisi di laboratorio.

  • Taormina. Si insedia il nuovo Comandante della Compagnia dei Carabinieri

    Si è insediato oggi al Comando della Compagnia Carabinieri di Taormina il Capitano Giovanni Riacà, che succede dopo quattro anni al Capitano Arcangelo Maiello che andrà a comandare il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Monza.

    Il Capitano Giovanni Riacà ha frequentato 220° corso della Scuola Militare Nunziatella e il 192° corso dell’Accademia Militare di Modena, conseguendo la laurea in Giurisprudenza e Scienze della Sicurezza interna ed esterna. L’ufficiale, quasi trentenne, di origine calabrese, proviene dalla Compagnia Roma Centro dove ha retto il Comando del Nucleo Operativo dal 2018. Nei due anni trascorsi nella Capitale si è occupato di indagini finalizzate al contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, nonché ai reati predatori e reati gravi contro la persona.

     

  • Taormina. Rubano un motociclo caricandolo su un furgone. Arrestati dai Carabinieri

    Nel pomeriggio del 23 Agosto, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taormina, hanno arrestato, in flagranza di reato, M.S. 57enne e L.G. 27enne, già noti alle forze dell’ordine, entrambi originari di Catania, ritenuti responsabili di furto aggravato in concorso e porto di arnesi atti allo scasso.

    Durante l’attività di controllo e prevenzione del territorio, in località Villagonia, una pattuglia del Nucleo Radiomobile ha controllato un furgone che viaggiava in direzione Catania, con a bordo due uomini. I militari dell’Arma hanno ispezionato il veicolo, rinvenendo nel cassone un motociclo sul quale i due non hanno saputo fornire utili indicazioni circa la proprietà e la provenienza. I Carabinieri hanno pertanto approfondito le verifiche sul motociclo, rintracciando il proprietario ed accertando che aveva appena scoperto che, poco prima, il mezzo gli era stato rubato mentre era parcheggiato sulla strada prospicente l’Isola Bella. Inoltre, all’interno del furgone, i Carabinieri hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro arnesi da scasso ed alcuni coltelli.

    Il motociclo è stato restituito al proprietario ed i due uomini sono stati arrestati in flagranza di reato per furto aggravato e tradotti presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi, a disposizione della Procura della Repubblica di Messina.

    Nella giornata di ieri, i due arrestati sono comparsi davanti al Giudice del Tribunale di Messina che ha convalidato l’arresto effettuato dai Carabinieri ed ha applicato ai due catanesi la misura cautelare degli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI