NIZZA DI SICILIA.  INCENDIO IN ABITAZIONE. MORTE 2 SORELLE.  DOMANI LUTTO CITTADINO

NIZZA DI SICILIA. INCENDIO IN ABITAZIONE. MORTE 2 SORELLE. DOMANI LUTTO CITTADINO In evidenza

Sono due sorelle, Cosima Pellizzeri di 97 anni e Sara Manoti di 90, le vittime dell’incendio scoppiato all’alba di stamattina in un’abitazione sul lungomare di Nizza di Sicilia.

Erano da poco trascorse le 5 quando le fiamme hanno avvolto la piccola casa nella quale vivevano tre sorelle. Soltanto una di loro è riuscita a mettersi in salvo scappando da una finestra, per le altre due ultranovantenni, una addirittura allettata e cieca non c’è stato purtroppo nulla da fare.

La vecchia casa con le travi in legno si è trasformata velocemente in una trappola di fiamme e fumo. Sono in corso le indagini per stabilire le cause dell’incendio, presumibilmente alla base ci sarebbe un corto circuito.

L’intera comunità di Nizza di Sicilia è sconvolta da quanto accaduto. Le due donne erano conosciute in paese e ben volute.

“La tragedia di oggi, afferma il sindaco Pietro Briguglio, non ha colpito solo le famiglie Manoti e Pellizzeri ma tutta la comunità di Nizza di Sicilia. Si rimane sempre attoniti al cospetto della morte, non si è mai preparati. È il dolore di un intero paese che si stringe alle famiglie in questo triste e tragico evento. Esprimo insieme all’amministrazione il cordoglio alle famiglie per le gravissime perdite, un abbraccio forte. Domani 13 febbraio 2020 è stato indetto lutto cittadino dalle ore 12 alla fine delle esequie.”

000

Video

Letto 405 volte

Articoli correlati (da tag)

  • NIZZA DI SICILIA. CHIUSURA PONTE NISI. IL SINDACO BRIGUGLIO : CITTADINI ESASPERATI. LETTERA ALL'ASSESSORE FALCONE

    Il primo cittadino di Nizza di Sicilia Piero Briguglio ha inviato nelle scorse ore una nota all’assessorato alle infrastrutture e mobilità chiedendo chiarimenti in merito alla prolungata chiusura del ponte Nisi.

    La chiusura del ponte che collega i comun di Nizza di sicilia ed Alì terme come ricorderete era stata disposta dall’Anas nel settembre dello scorso anno.

    Ad oggi però il ritardato appalto dei lavori e il conseguente mancato avvio dei lavori di demolizione e ricostruzione del ponte causano notevoli disagi e pregiudicando la situazione economica delle attività commerciali di Nizza di Sicilia.

    La situazione attuale infatti a seguito del dirottamento del transito veicolare dalla ss114 sulla via Lungomare penalizza le attività commerciali.

    “Stiamo registrando, afferma Briguglio, gravi perdite per i nostri commercianti con conseguenti pesanti ricadute socialmente negative per tutti i cittadini. Sono amareggiato e preoccupato per il disagio che tale chiusura sta provocando sia in termini di viabilità che in ordine ai disservizi subiti. Per questo, prosegue Briguglio, ritengo che sia arrivato il momento che l’Anas e l’assessorato mi informino sull’iter procedurale dei lavori. Vogliamo sapere i tempi di esecuzione dei lavori e la conseguente riapertura del ponte Nisi.”

    A breve, come ha anticipato il sindaco di Nizza di Sicilia,  sarà indetta una riunione unitamente al comune di Alì Terme e a tutte le forze politiche, le associazioni, i commercianti e i cittadini affinché si faccia chiarezza su tempi e modalità di esecuzione dei lavori.

  • NIZZA DI SICILIA. IN MANETTE UN UOMO CON LE ACCUSE DI MALTRATTAMENTI. MINACCE GRAVI ALLA MOGLIE E AL SUO AVVOCATO

    Nella giornata di oggi il gip del tribunale di Messina, Monica Marino ha convalidato l’arresto eseguito dai carabinieri di S. Teresa di Riva, nella notte tra il 7 e 8 settembre nei confronti di C.F. di Nizza di Sicilia a seguito dei maltrattamenti reiterati nei confronti della moglie.

    Questi i fatti:

    L’uomo non ha accettato la decisione della moglie di volersi separare, decisione dettata dai reiterati maltrattamenti subiti negli anni e del carattere irascibile e violento del marito. Di fronte alla scelta della moglie l’uomo, oltre alle liti violente in casa, ha iniziato a seguirla e pedinarla , anche nelle ore notturne, presentandosi addirittura più volte sul posto di lavoro, umiliandola con continue scenate e minacciandola di rovinarla se lo avesse denunciato. Nei giorni scorsi C.F.  aveva anche seguito la moglie mentre si recava presso lo studio del suo avvocato, a Roccalumera, proprio per formalizzare la domanda di separazione. L’uomo ha fatto irruzione nello studio della professionista minacciando ed insultando sia la moglie, sia l’avvocato, una professionista donna che si occupa di violenza sulle donne. L’avvocato ha dovuto, a fatica, costringere l’uomo ad andare via dallo studio, provando a chiamare i carabinieri della locale Stazione di Roccalumera, ed informandoli dell’aggressione verbale subita con violazione del proprio domicilio. Come se non bastasse, la donna, uscita dallo studio mentre si recava alla propria auto, parcheggiata nella vicina piazza Mazzullo, si è ritrovata nuovamente il marito, appostato con il motorino che l’aspettava. Fortunatamente la donna era stata accompagnata dal suo avvocato, proprio per il timore, rivelatosi fondato, che il marito fosse fuori ad aspettarla. Di fronte alle nuove minacce dell’uomo che continuava a ripetere che “sarebbe finita male e che entrambe l’avrebbero pagata cara” l’avvocata ha richiesto nuovamente l’intervento dei carabinieri. Anche in presenza dei Carabinieri, nel frattempo intervenuti sul posto, e di numerosi passanti l’uomo ha continuato ad insultare e a minacciare le due donne con gravi e pesanti espressioni.

    I militari in quell’occasione si sono però limitati ad invitare l’uomo ad allontanarsi, sottovalutando evidentemente il rischio per la donna che nel frattempo aveva formalizzato in caserma la denuncia per i reiterati maltrattamenti subiti e le minacce. Nonostante ciò i carabinieri hanno rilasciato l’uomo che ha proseguito nelle ore successive a seguire la moglie. Spaventata e stremata dai continui appostamenti ed inseguimenti per la donna la parola fine l’hanno scritta i carabinieri della compagnia di Santa Teresa di Riva che sabato, 7 settembre, sono intervenuti traendo in arresto il marito violento C.F. per il quale sono stati confermati gli arresti domiciliari. La donna è seguita dal Centro Antiviolenza “Al Tuo Fianco” di Roccalumera che l’ha assistita durante questo travagliato iter che ha portato all’arresto del marito.

  • NIZZA DI SICILIA. L’ASD SHOTOKAN SCENDE IN PIAZZA E CON I SUOI ATLETI CONQUISTA TUTTI

    Si è svolta domenica scorsa a Nizza di Sicilia l’esibizione degli atleti della palestra Asd Shotokan del maestro Salvatore Romeo.

    Numeroso e caloroso il pubblico presente per assistere alle dimostrazioni di abilità dei giovanissimi sportivi esperti di karate-do, una particolare disciplina  che rientra tra le arti marziali e che  non utilizza armi. Grazie alle sue tecniche, è infatti possibile neutralizzare un attacco improvviso. Il suo scopo e l’auto difesa.

    Gli atleti, età compresa tra i 5 e i 20 anni si sono alternati sul palco dimostrando le varie tecniche imparate. Attraverso l’allenamento il karate contribuisce ha forgiare la disciplina e il carattere dell’atleta. Ai bambini in particolare il karate insegna il rispetto delle regole e la disciplina, sviluppa le capacità psicomotorie e gli permette, soprattutto, di acquisire fiducia in se stessi.

    Nel karate-do non esiste il primo attacco, chi fa karate non attacca mai per primo. L’asd Karate Nizza Di Sicilia  ha scelto dunque di dimostrare al pubblico lo SHOTOKAN e alcuni dei suoi kata.

    Facendo conoscere così al grande pubblico anche i propri atleti, alcuni dei quali hanno raggiunto già risultati importanti al CAMPIONATO ITALIANO 2019 WUKA.

    • Ceccio Lara, campionessa italiana kata categoria 6-8 anni;
    • Nicoleta Grigorovic, campionessa italiana Kata e Kumite categoria seniores donna;
    • Simone Del Bono, atleta azzurrabile della nazionale WUKA, si conferma per il secondo anno consecutivo campione italiano categoria cadetti cintura nera.

     L’allenatore Alessandro Grosso  ha invece rappresentato la nazionale WUKA ai campionati mondiali KWF svolti nel 2017 a Malta. Al termine della manifestazione il maestro Salvatore Romeo ha espresso parole di ringraziamento nei confronti della Pro Loco, dell’amministrazione comunale di Nizza e dei suoi atleti esaltandone l’impegno delle ultime settimane, insieme ai genitori dei ragazzi  sempre presenti e disponibili.

     La palestra Asd Shotokan del maestro Salvatore Romeo è pronta ad accogliervi con nuovi corsi a Nizza di Sicilia.

     

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI