STUDENTI A SCUOLA DI LEGALITÀ. LA POLIZIA POSTALE INCONTRA GLI STUDENTI

STUDENTI A SCUOLA DI LEGALITÀ. LA POLIZIA POSTALE INCONTRA GLI STUDENTI In evidenza

Continua l’attività di informazione e sensibilizzazione della Polizia di Stato nelle scuole sui rischi legati all’utilizzo delle nuove tecnologie. I vari servizi della Rete, ed in particolare i social network, sono ormai uno strumento del tutto integrato nella quotidianità dei minori e, in virtù del numero sempre maggiore degli adolescenti presenti sul web, hanno determinato una crescita esponenziale dei minori vittime di reati ma anche di ragazzi che si rendono autori di condotte criminose.

Ieri, presso il Salone delle Bandiere del Comune di Messina, personale della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Compartimento di Catania ha incontrato centinaia di studenti dell’Istituto comprensivo “Mazzini”, accompagnati dai loro insegnanti. L’evento, organizzato dalla Questura di Messina, ha visto ragazzi e docenti coinvolti in due ore intense con i poliziotti che hanno attirato l’attenzione con racconti, consigli e risposte alle tante domande.

L’attività di prevenzione negli istituti scolastici della provincia di Messina vede un impegno sempre maggiore degli esperti della Polizia Postale. Lo scorso 18 febbraio i poliziotti si sono recati all’Istituto comprensivo “Salvo d’Acquisto”. E l’attività nelle scuole prosegue: oggi i poliziotti saranno a Merì e a San Filippo del Mela, per dialogare con gli alunni delle scuole medie. Domani il Primo Dirigente Marcello La Bella sarà a Capo d’Orlando per un convegno con gli studenti del Liceo “Lucio Piccolo”.

 

000
Letto 131 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MALTEMPO. ALLERTA METEO. DOMANI SCUOLE CHIUSE IN MOLTI COMUNI

    Nuova allerta meteo per i comuni della fascia jonica della provincia di Messina.

    La Protezione civile regionale ha diramato un livello d’allerta arancione per la giornata di domani venerdì 12 ottobre.  L’allarme scatta  già dal pomeriggio di oggi. precipitazioni da sparse a diffuse, a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità e frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

    Alla luce dell’allarme lanciato dalla protezione civile e dei numerosi disagi che si stanno registrando in queste ore in altre regioni d’Italia, molti comuni stanno  predisponendo la chiusura delle scuole.

    Al momento l’ordinanza di chiusura dei plessi scolastici riguarda Santa Teresa di Riva, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccalumera, Furci,  Giardini Naxos e Taormina.

    Ricordiamo le norme comportamentali in caso di allerta meteo e forti piogge :

    Non sostare sui ponti o lungo gli argini o le rive di un corso d'acqua in piena

    Non percorrere un passaggio a guado durante e dopo un evento piovoso, soprattutto se intenso, né a piedi né con un automezzo

    Allontanarsi dalla località in caso si avvertano rumori sospetti riconducibili all'edificio (scricchiolii, tonfi) o in caso ci si accorga dell'apertura di lesioni nell'edificio

    Allontanarsi dalla località in caso ci si accorga dell'apertura di fratture nel terreno o nel caso si avvertano rimbombi o rumori insoliti nel territorio circostante (specialmente durante e dopo eventi piovosi particolarmente intensi o molto prolungati)

    Nel caso si debba abbandonare l'abitazione, chiudere il gas, staccare l'elettricità e non dimenticare l'animale domestico, se c'è

    Non sostare al di sotto di una pendice rocciosa non adeguatamente protetta (sempre) o argillosa (durante e dopo un evento piovoso)

    Allontanarsi dalle spiagge, dalle coste, dai moli durante le mareggiate

    Non sostare, non curiosare in aree dove vi è stata una frana o un'alluvione: possono esserci rischi residui e si intralcia l'operazione dei tecnici e dei soccorritori

  • LETOJANNI. CARNEVALE. GIOVEDI’ 8 PROTAGONISTI I BAMBINI CON LA SFILATA ISPIRATA ALL’ AMBIENTE

    Conoscere l’ambiente ed imparare a rispettarlo, amare la natura nelle sue variegate forme e valorizzare gli elementi del creato. E’ questo il filo conduttore del progetto scuola-famiglia di riciclo creativo dal tema “Natural… Mente”, promosso dall’Istituto scolastico di Letojanni appartenente all’Istituto comprensivo di Taormina, diretto da Carla Santoro con il patrocinio del comune,  in cui sono impegnati gli alunni ed i docenti delle cinque classi della scuola Primaria con la collaborazione degli allievi e degli insegnanti della Scuola secondaria di Primo grado e dell’Infanzia di Letojanni, di cui è fiduciaria Liliana Fleres.

    La singolare iniziativa prevede una fase di studio ed una successiva rappresentazione pratica dei contenuti circa le materie collegate all’ambiente, evidenziando l’importanza della raccolta differenziata e del reimpiego dei materiali.

    Ed è proprio da questi oggetti, infatti, quali scarti di carta e cartone, tetrapak, buste di plastica, bottiglie, tappi, flacone dei detersivi, barattoli, sughero che hanno preso forma gli abiti che i piccoli studenti indosseranno in occasione della sfilata che aprirà il cartellone delle manifestazioni del Carnevale 2018, presentato dall’Amministrazione comunale, nel pomeriggio di giovedì con partenza alle 14,30 da piazza Corrado Cagli.

    La sfilata sarà aperta dai piccoli allievi della Scuola dell’Infanzia (majorettes e banda musicale); seguiranno gli alunni della Prima classe (acqua, fiume, mare, pesci); seconda (inquinamento e differenziazione dei rifiuti); terza con le fasi del giorno  (sole e notte)  e clima (pioggia, vento, fuoco, neve, ghiaccio); quarta (alberi, fiori e frutti) e quinta (fauna).La realizzazione delle maschere e degli elementi di abbellimento, è stata invece affidata agli alunni della Scuola secondaria di Primo grado.

    A coordinare il progetto, il vulcanico project art, Luca Curcuruto, che ha già prestato in passato la sua opera e le sue competenze professionali per altre manifestazioni come il presepe vivente che ha curato i vari aspetti della progettazione dei soggetti da creare attraverso l’impiego di materiale differenziato. Durante la sfilata saranno realizzate alcune coreografie curate dal maestro Alex Cubarico della Scuola Tropicana Dance Accademy, che sta svolgendo un progetto di danza durante l’anno scolastico con gli alunni della Primaria. L’evento è sponsorizzato dalla “Fondazione Germano Chincherinionlus”, sempre in prima linea per il sostegno dei più piccoli.

  • TAORMINA. Il circolo di Legambiente Taormina/Alcantara al fianco dei genitori e dei ragazzi nella loro protesta per la scandalosa situazione degli edifici scolastici della città di Taormina.

     Non si tratta di problemi recenti: come ha denunciato la dirigente Carla Santoro, nella sua lettera inviata quest'estate al Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e rimasta vergognosamente senza risposta, è da oltre un ventennio che gli edifici scolastici di Taormina non sono oggetto di interventi strutturali e risultano sprovvisti di tutte le certificazioni obbligatorie. Le amministrazioni, che si sono succedute negli anni, hanno continuato ad eludere il problema sino a giungere alla drammatica situazione attuale.

    E non è una questione di fondi ma di inefficienza e disinteresse: nel 2016 il Comune di Taormina è riuscito addirittura a perdere un finanziamento di 1,7 milioni di euro poiché non è stato capace neanche di affidare i lavori nei termini designati.

    Durante tutto il 2017 l’amministrazione è rimasta bloccata nel suo immobilismo, attiva solo nelle continue, inutili, dichiarazioni dei suoi rappresentanti: un indecente succedersi di propagandistiche asserzioni di impegno, di scadenze regolarmente rinviate, di false giustificazioni e ancor più false promesse, mentre nessuna delle soluzioni proposte è stata intrapresa e gli alunni hanno nuovamente iniziato l’anno scolastico in ambienti fatiscenti e non a norma, privi dell’adeguamento antisismico. E ricordiamo che la mancanza dell’adeguamento qui è ancor più grave dato che Taormina è classificata come zona a rischio sismico 2, una delle più alte d'Italia.

    Una politica che non sa prendersi cura dei propri figli garantendo il loro diritto allo studio e la loro sicurezza non è degna di governare: sono  questi i suoi  compiti fondamentali che vanno affrontati con responsabilità e pianificazione e certo non strumentalizzati alla vigilia delle elezioni.

     

    Legambiente è sempre stata in prima linea nella lotta per la sicurezza e la difesa della qualità del sistema scolastico, come ha dichiarato Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente: “In Italia gli interventi di adeguamento sismico ed energetico non sono una priorità, come è preoccupante che manchi un’analisi della situazione di rischio delle scuole e una regia nazionale sugli interventi. Per questo in occasione di Nontiscordardimé chiediamo che venga avviato al più presto un piano di messa in sicurezza di tutte gli edifici nelle aree 1 e 2 a rischio sismico, che venga definita una regia nazionale che concentri qui le risorse che oggi si disperdono in mille rivoli e che si completi l'anagrafe scolastica che consenta in breve tempo di avere una analisi ‎del rischio degli edifici, individuando problemi e priorità di intervento, altrimenti continueremo a restare in balia di eventi sismici e atmosferici e ad avere scuole vecchie e poco sicure”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI