MAFIA. PERMESSO PREMIO A MANDANTE OMICIDIO GIUDICE ROSARIO LIVATINO

MAFIA. PERMESSO PREMIO A MANDANTE OMICIDIO GIUDICE ROSARIO LIVATINO In evidenza

Mentre ci si prepara alle cerimonie di commemorazione per il trentennale dell’assassinio di Rosario Livatino c’è una notizia oggi che stride fortemente con il clima di commozione che la memoria del Giudice ragazzino, così come l'allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga lo definì, suscita.

La notizia è che a Giuseppe Montanti, 64 anni di Canicattì, condannato all’ergastolo perché ritenuto uno dei mandanti dell’omicidio del giudice Rosario Livatino, in carcere dal 13 aprile del 2000 dopo essere stato per anni latitante ad Acapulco, è stata concessa una giornata premio fuori dal carcere.

Una notizia che non può che suscitare perplessità e indignazione.  In testa, come in un film, girano le immagini della sua Ford Fiesta di colore rosso crivellata di colpi.

Rosario Livatino viene assassinato il 21 settembre del 1990 lungo la Strada statale 640 nei pressi di Canicattì mentre si recava in tribunale ad Agrigento.

Per la sua uccisione sono stati condannati all’ergastolo gli esecutori Paolo Amico, Domenico Pace, Gaetano Puzzangaro, Salvatore Calafato, Gianmarco Avarello e i mandanti Antonio Gallea, Salvatore Parla e Giuseppe Montanti.

Proprio Giuseppe Montanti ha beneficiato, dopo 20 anni trascorsi in regime di carcere duro, di un’intera giornata fuori dalla struttura penitenziaria.

Ieri Montanti ha lasciato la cella per recarsi in una struttura protetta. Qui, secondo alcune fonti, ha incontrato i familiari e ricevuto telefonate.

A firmare il provvedimento il giudice di sorveglianza del tribunale di Padova.  Una decisione, ci spiega il giudice, assunta dopo un’attenta valutazione. È composto da dieci pagine il provvedimento che ha portato Montanti fuori dal carcere seppur per alcune ore. Provvedimento che non è stato impugnato dal pubblico ministero.

Un modo per dire che “non c’è stata alcuna sottovalutazione del profilo criminale della persona”. La decisione è maturata tenendo presente che alla base dell’ordinamento giuridico italiano c’è la rieducazione dei detenuti. A giocare un ruolo importante anche la recente sentenza della consulta che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’ergastolo ostativo.

Solo una casualità il fatto che tutto questo sia avvenuto proprio nella settimana in cui ricorre l’anniversario della morte del giudice Rosario Livatino.

“Non lo sapevo” afferma il giudice di sorveglianza che ha firmato il provvedimento quando le facciamo notare la tempistica beffarda.

Noi lo sappiamo invece. Conosciamo ogni tragica data che ha segnato la storia della nostra Terra. Non possiamo e non vogliamo dimenticare.

I morti, ci dice il giudice, non potrà mai farli tornare  indietro nessuno ma l'espiazione della pena deve anche ispirarsi alle finalità che la Costituzione prevede.  Non è escluso che in futuro possano esserci altri permessi, altri premi.  

Senza alcuna polemica...  non è escluso che ci si indigni ancora. 

 

 

000
Letto 218 volte

Articoli correlati (da tag)

  • QUANDO LA MAFIA DIVENTA UN BRAND. DAL CINEMA ALLA REALTÀ. IL TURISMO SULLE TRACCE DEL “PADRINO”

    Il brand “Mafia” suscita polemiche.  Stavolta sono alcuni dolcetti soprannominati "mafiosi al pistacchio" e “cosa nostra alle mandorle” in vendita in una pasticceria di Taormina a scatenare le proteste.

    D’improvviso tutti indignati per l’uso brandizzato del  termine mafia. Come se gadget, tour, tshirt e altro ancora a tema fino a questo momento non fossero mai esistiti. E invece esistono… a Taormina come in altri comuni della Sicilia. Nei mesi scorsi ho affrontato la questione con riferimento al comune di Savoca.  Proprio la foto del Bar Vitelli, all’ingresso di Savoca, piccolo borgo collinare in provincia di Messina, trova infatti spazio sulla brochure turistica di numerose compagnie di crociera. “In the Godfathers Footsteps” è il nome dell’escursione proposta ai tanti turisti stranieri che raggiungono la Sicilia a bordo delle lussuose navi e scelgono di visitare Savoca per ripercorrere i luoghi in cui sono state girate alcune delle scene del celebre film “Il Padrino” di Francis Ford Coppola. Protagonista è il giovane Michael Corleone interpretato da Al Pacino. “The Godfather Tour” è il nome invece della linea turistica regionale che collega i comuni di Letojanni, Forza d’Agrò, Sant’Alessio Siculo, Savoca e Casalvecchio Siculo, inaugurata nel maggio del 2016 a Letojanni alla presenza dell’allora assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo. Per i turisti che arrivano la maggiore attrazione è dunque il tour sulle orme del film. Si inizia dal famoso Bar Vitelli dove vennero girate le scene chiave dell’incontro tra Micheal Corleone e il padre della futura moglie. Il tour prosegue alla Chiesa di San Nicolò che fa da sfondo al matrimonio tra Michael e Apollonia. I piccoli ritrovi del paese espongono souvenir in tema come t-shirt, tazze, grembiuli da cucina. “The Godfather” è un brand. Per il piccolo borgo collinare di Savoca, eletto tra i più belli d’Italia, a prescindere dalla storia cinematografica che l’ha reso famoso nel mondo, è boom di presenze. Il binomio Sicilia/mafia grazie al contributo della tradizione cinematografica è servito. Il volto di Don Vito Corleone stampato su decine di souvenir finisce per rappresentare la Sicilia nel mondo, ma molti siciliani sono stanchi ormai di questo accostamento. Anche Fulvio Alfano, figlio del giornalista Beppe ucciso dalla mafia, è intervenuto tempo fa sulla polemica. Più volte Fulvio Alfano si è detto “ basito di come il nome della mafia continui ad essere un marchio pubblicitario. In qualsiasi parte del mondo non si può fare ameno di vedere t-shirt con la scritta “ The Godfather” – Il Padrino … Io pretendo solo che certa gente capisca che la mafia è la vergogna del nostro Paese e il cancro della nostra regione.”

    Anche la Regione Siciliana però approfitta della forza del brand legato al concetto di mafia e al film ed ecco che lancia la linea turistica regionale The Godfather Tour. Un turismo discutibile, certamente non immune da critiche, ma in grado di arrivare a scomodare anche la stampa estera. Il quotidiano inglese Daily Mail tempo fa ha dedicato largo spazio al fenomeno che nonostante tutto affascina. Addirittura la compagnia statunitense Overseas Adventure Travel propone un tour che comprende un incontro con Angelo Provenzano, figlio del boss Bernardo Provenzano. Perché, si legge nel sito, la Sicilia è conosciuta per la mafia e per il cibo. Anche molti siti di e-commerce come aliexpress.com e alibaba.com vantano una vasta collezione di gadget a tema. Dalla t-shirt con la scritta “mafia member” (membro della mafia) agli steackers “insured mafia” (assicurato dalla mafia). Tra tutti c’è né uno in particolare sul quale voglio soffermarmi. Si tratta di una toppa per t-shirt o jeans che ritrae una famiglia. Mamma, papà e due bambini. Il look è inequivocabile. È la riproduzione di una “Italy Mafia family” . Ma la mafia stride con il concetto di famiglia. La mafia le famiglie le ha distrutte, uccidendo padri e madri innocenti ed in molti, troppi casi anche bambini. Il fenomeno mafioso è stato stereotipato senza comprenderne le reali conseguenze. Da anni contro l’uso del brand mafia si batte la Rete 100 passi che già in passato ha lanciato la petizione su change.org “Io non sono mafioso” chiedendo di ritirare dal mercato gadget e articoli a tema. La famosa immagine di Al Pacino nei panni del giovane Michael Corleone appare anche in un articolo pubblicato il 20 marzo 2017 sul sito della Cnn nella sezione travel. Il titolo del pezzo di Lisa Gerard-Sharp “Andare in Sicilia? 10 cose da sapere prima del viaggio”. “E la mafia?” Si legge ad un certo punto. “Se la incontri, prosegue l’articolo, non la riconoscerai. La mafia non si veste come Al Pacino nel film, ma questo non significa che i mafiosi se ne siano andati.” L’articolo prosegue invitando i turisti a scegliere i locali "free pizzo", non prima però di averli rassicurati circa il fatto che “difficilmente saranno toccati direttamente dalla violenza della mafia.” Il riferimento è all’iniziativa lanciata da Addiopizzo che ha deciso di promuovere e sostenere un turismo etico per chi dice no alle mafie con il progetto Addiopizzo Travel. Tra le tappe proposte Savoca c’è. Ed è giusto che ci sia. L’obiettivo è iniziare un percorso che porti a svuotare di significato quel “Godfather” che aleggia come un fantasma sul paese, spogliarlo dal suo alone di mistero. Per fare questo Savoca dovrebbe chiedere ai tour operator di modificare le escursioni, dovrebbe smettere di far veicolare gadget. Dovrebbe pretendere di inserire come tappa, accanto al Bar Vitelli, piazza G. D’Annunzio dove si erge il monumento alla legalità “Luna crescente” del maestro Nino Ucchino, dedicato a “Rocco Chinnici, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e a tutti i caduti in difesa della giustizia e della libertà”. Bisognerebbe spiegare ai turisti che ogni anno visitano Savoca che non c’è nulla di affascinante nell’immagine della mafia, perché come disse Peppino Impastato “la mafia è una montagna di merda!” Deciso a seguire questa strada il sindaco del comune Nino Bartolotta che afferma “nella celebre opera cinematografica de "Il Padrino" Savoca rappresenta solo una suggestiva location. Siamo contro la mafia e contro ogni forma di "mitizzazione" della stessa e la scultura "luna crescente" dedicata a Chinnici, Falcone, Borsellino rappresenta l'emblema del nostro comune, anche e soprattutto per i visitatori!"

    Il prossimo passo dovrebbe essere quello di sostituire tutti i souvenir legati al mito mafioso con i prodotti realizzati nelle terre confiscate alla mafia. Su questo dovrebbero puntare gli amministratori locali dei comuni siciliani.  

  • TAORMINA. LE MANI DELLA MAFIA SUL BUSINESS BARCHE DA DIPORTO A ISOLA BELLA

    Blitz della Guardia di finanza di Catania contro il clan mafioso Cintorino, legato alla cosca Cappello e attivo a Calatabiano e nel Messinese tra Giardini Naxos e Taormina. Militari delle Fiamme gialle stanno eseguendo un'ordinanza cautelare nei confronti di 31 indagati: 26 in carcere e 5 ai domiciliari.
        Tra i destinatari del provvedimento anche gli attuali reggenti del gruppo. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, estorsioni, usura trasferimento fraudolento di valori e narcotraffico. E' in corso un sequestro di beni riconducibili al gruppo Cappello-Cintorino e alla 'famiglia' Santapaola-Ercolano per un milione di euro: una società di noleggio di acquascooter, un bar e un lido balneare di Giardini Naxos e una ditta attiva nel settore dei lavori edili. Nella rete di attività economiche più redditizie del clan la Dda di Catania indica il business delle escursioni turistiche con barche da diporto nel tratto di mare antistante Isola Bella di Taormina.

  • LOTTA ALLA MAFIA. SEQUESTRATI BENI PER CIRCA 27 MILIONI DI EURO RICONDUCIBILI AL CLAN MAZZEI, ANCHE A S. ALESSIO SICULO

     I finanzieri del Comando Provinciale di Catania, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del locale Tribunale su richiesta della DDA, hanno sottoposto a sequestro il patrimonio, di circa 27 milioni di euro, illecitamente accumulato da Francesco Ivano Cerbo (54 anni), arrestato nell’aprile del 2014 e rinviato a giudizio per associazione a delinquere di stampo mafioso nell’ambito della nota indagine “Scarface” condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria di Catania nei confronti del clan Mazzei (“Carcagnusi”). In tale contesto, era emerso il ruolo di Francesco Ivano Cerbo non soltanto quale partecipe all’associazione mafiosa Mazzei, ma altresì quale intestatario fittizio dei beni riconducibili al clan (tra cui la nota discoteca “Boh”) e curatore delle relative attività economiche. Ed è proprio in relazione a tale circostanza che la Procura della Repubblica di Catania ha, sin da subito, delegato al Nucleo di Polizia Tributaria di Catania lo svolgimento di mirate indagini patrimoniali nei confronti del Cerbo e del proprio nucleo familiare, finalizzate all’applicazione di misure di prevenzione patrimoniale e volte a verificare la coerenza del patrimonio posseduto e del tenore di vita con i redditi dichiarati. Tutto ciò nella consapevolezza che tra le misure più efficaci di contrasto alla criminalità organizzata vi è certamente quella dell’aggressione, a mezzo della disciplina in materia di misure di prevenzione, dei profitti derivanti dalle attività illecite già immessi nel circuito economico legale. Le investigazioni – condotte anche attraverso l’utilizzo di sofisticati software sviluppati dalla Guardia di Finanza per l’analisi di tutte le informazioni disponibili nelle banche dati – hanno consentito di individuare beni mobili e immobili illecitamente accumulati da Francesco Ivano Cerbo e di proporne alla competente A.G. il sequestro. La Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale, nell’accogliere la proposta formulata dalla Procura della Repubblica di Catania, ha motivato il provvedimento di sequestro sottolineando, da un lato, la forte sproporzione tra i redditi dichiarati ai fini fiscali e il valore dei beni acquisiti e, dall’altro, la pericolosità sociale del Cerbo. L’ordinanza tiene anche conto delle pronunce del Tribunale del Riesame e della Corte di Cassazione in ordine alle misure personali e reali adottate nei confronti dell’uomo nell’aprile del 2014. È stato così disposto il sequestro di significative quote di 13 società, in Sicilia [a Catania, Comiso (RG) e Sant’Alessio Siculo (ME)], in Italia centrale [a Roma e ad Aprilia (LT)] e al Nord [Bergamo, Buccinasco (MI), Castelfranco Veneto (TV) e Palmanova (UD)], operanti in diversi settori: dall’editoria all’intrattenimento, dall’edilizia al comparto alimentare. Il sequestro ha, altresì, riguardato 28 immobili per lo più concentrati ad Anzio (Roma) e a Ragusa, 2 automezzi, oltreché titoli e conti correnti bancari e postali. Il patrimonio oggetto di sequestro ha un controvalore complessivo valutabile intorno ai 27 milioni di euro.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI