Continua l’attività di informazione e sensibilizzazione della Polizia di Stato nelle scuole sui rischi legati all’utilizzo delle nuove tecnologie. I vari servizi della Rete, ed in particolare i social network, sono ormai uno strumento del tutto integrato nella quotidianità dei minori e, in virtù del numero sempre maggiore degli adolescenti presenti sul web, hanno determinato una crescita esponenziale dei minori vittime di reati ma anche di ragazzi che si rendono autori di condotte criminose.

Ieri, presso il Salone delle Bandiere del Comune di Messina, personale della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Compartimento di Catania ha incontrato centinaia di studenti dell’Istituto comprensivo “Mazzini”, accompagnati dai loro insegnanti. L’evento, organizzato dalla Questura di Messina, ha visto ragazzi e docenti coinvolti in due ore intense con i poliziotti che hanno attirato l’attenzione con racconti, consigli e risposte alle tante domande.

L’attività di prevenzione negli istituti scolastici della provincia di Messina vede un impegno sempre maggiore degli esperti della Polizia Postale. Lo scorso 18 febbraio i poliziotti si sono recati all’Istituto comprensivo “Salvo d’Acquisto”. E l’attività nelle scuole prosegue: oggi i poliziotti saranno a Merì e a San Filippo del Mela, per dialogare con gli alunni delle scuole medie. Domani il Primo Dirigente Marcello La Bella sarà a Capo d’Orlando per un convegno con gli studenti del Liceo “Lucio Piccolo”.

 

Pubblicato in Cronaca

Nuova allerta meteo per i comuni della fascia jonica della provincia di Messina.

La Protezione civile regionale ha diramato un livello d’allerta arancione per la giornata di domani venerdì 12 ottobre.  L’allarme scatta  già dal pomeriggio di oggi. precipitazioni da sparse a diffuse, a carattere di rovescio o temporale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità e frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Alla luce dell’allarme lanciato dalla protezione civile e dei numerosi disagi che si stanno registrando in queste ore in altre regioni d’Italia, molti comuni stanno  predisponendo la chiusura delle scuole.

Al momento l’ordinanza di chiusura dei plessi scolastici riguarda Santa Teresa di Riva, Nizza di Sicilia, Pagliara, Roccalumera, Furci,  Giardini Naxos e Taormina.

Ricordiamo le norme comportamentali in caso di allerta meteo e forti piogge :

Non sostare sui ponti o lungo gli argini o le rive di un corso d'acqua in piena

Non percorrere un passaggio a guado durante e dopo un evento piovoso, soprattutto se intenso, né a piedi né con un automezzo

Allontanarsi dalla località in caso si avvertano rumori sospetti riconducibili all'edificio (scricchiolii, tonfi) o in caso ci si accorga dell'apertura di lesioni nell'edificio

Allontanarsi dalla località in caso ci si accorga dell'apertura di fratture nel terreno o nel caso si avvertano rimbombi o rumori insoliti nel territorio circostante (specialmente durante e dopo eventi piovosi particolarmente intensi o molto prolungati)

Nel caso si debba abbandonare l'abitazione, chiudere il gas, staccare l'elettricità e non dimenticare l'animale domestico, se c'è

Non sostare al di sotto di una pendice rocciosa non adeguatamente protetta (sempre) o argillosa (durante e dopo un evento piovoso)

Allontanarsi dalle spiagge, dalle coste, dai moli durante le mareggiate

Non sostare, non curiosare in aree dove vi è stata una frana o un'alluvione: possono esserci rischi residui e si intralcia l'operazione dei tecnici e dei soccorritori

Pubblicato in Attualità

Conoscere l’ambiente ed imparare a rispettarlo, amare la natura nelle sue variegate forme e valorizzare gli elementi del creato. E’ questo il filo conduttore del progetto scuola-famiglia di riciclo creativo dal tema “Natural… Mente”, promosso dall’Istituto scolastico di Letojanni appartenente all’Istituto comprensivo di Taormina, diretto da Carla Santoro con il patrocinio del comune,  in cui sono impegnati gli alunni ed i docenti delle cinque classi della scuola Primaria con la collaborazione degli allievi e degli insegnanti della Scuola secondaria di Primo grado e dell’Infanzia di Letojanni, di cui è fiduciaria Liliana Fleres.

La singolare iniziativa prevede una fase di studio ed una successiva rappresentazione pratica dei contenuti circa le materie collegate all’ambiente, evidenziando l’importanza della raccolta differenziata e del reimpiego dei materiali.

Ed è proprio da questi oggetti, infatti, quali scarti di carta e cartone, tetrapak, buste di plastica, bottiglie, tappi, flacone dei detersivi, barattoli, sughero che hanno preso forma gli abiti che i piccoli studenti indosseranno in occasione della sfilata che aprirà il cartellone delle manifestazioni del Carnevale 2018, presentato dall’Amministrazione comunale, nel pomeriggio di giovedì con partenza alle 14,30 da piazza Corrado Cagli.

La sfilata sarà aperta dai piccoli allievi della Scuola dell’Infanzia (majorettes e banda musicale); seguiranno gli alunni della Prima classe (acqua, fiume, mare, pesci); seconda (inquinamento e differenziazione dei rifiuti); terza con le fasi del giorno  (sole e notte)  e clima (pioggia, vento, fuoco, neve, ghiaccio); quarta (alberi, fiori e frutti) e quinta (fauna).La realizzazione delle maschere e degli elementi di abbellimento, è stata invece affidata agli alunni della Scuola secondaria di Primo grado.

A coordinare il progetto, il vulcanico project art, Luca Curcuruto, che ha già prestato in passato la sua opera e le sue competenze professionali per altre manifestazioni come il presepe vivente che ha curato i vari aspetti della progettazione dei soggetti da creare attraverso l’impiego di materiale differenziato. Durante la sfilata saranno realizzate alcune coreografie curate dal maestro Alex Cubarico della Scuola Tropicana Dance Accademy, che sta svolgendo un progetto di danza durante l’anno scolastico con gli alunni della Primaria. L’evento è sponsorizzato dalla “Fondazione Germano Chincherinionlus”, sempre in prima linea per il sostegno dei più piccoli.

Pubblicato in Attualità

 Non si tratta di problemi recenti: come ha denunciato la dirigente Carla Santoro, nella sua lettera inviata quest'estate al Ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e rimasta vergognosamente senza risposta, è da oltre un ventennio che gli edifici scolastici di Taormina non sono oggetto di interventi strutturali e risultano sprovvisti di tutte le certificazioni obbligatorie. Le amministrazioni, che si sono succedute negli anni, hanno continuato ad eludere il problema sino a giungere alla drammatica situazione attuale.

E non è una questione di fondi ma di inefficienza e disinteresse: nel 2016 il Comune di Taormina è riuscito addirittura a perdere un finanziamento di 1,7 milioni di euro poiché non è stato capace neanche di affidare i lavori nei termini designati.

Durante tutto il 2017 l’amministrazione è rimasta bloccata nel suo immobilismo, attiva solo nelle continue, inutili, dichiarazioni dei suoi rappresentanti: un indecente succedersi di propagandistiche asserzioni di impegno, di scadenze regolarmente rinviate, di false giustificazioni e ancor più false promesse, mentre nessuna delle soluzioni proposte è stata intrapresa e gli alunni hanno nuovamente iniziato l’anno scolastico in ambienti fatiscenti e non a norma, privi dell’adeguamento antisismico. E ricordiamo che la mancanza dell’adeguamento qui è ancor più grave dato che Taormina è classificata come zona a rischio sismico 2, una delle più alte d'Italia.

Una politica che non sa prendersi cura dei propri figli garantendo il loro diritto allo studio e la loro sicurezza non è degna di governare: sono  questi i suoi  compiti fondamentali che vanno affrontati con responsabilità e pianificazione e certo non strumentalizzati alla vigilia delle elezioni.

 

Legambiente è sempre stata in prima linea nella lotta per la sicurezza e la difesa della qualità del sistema scolastico, come ha dichiarato Rossella Muroni, presidente nazionale di Legambiente: “In Italia gli interventi di adeguamento sismico ed energetico non sono una priorità, come è preoccupante che manchi un’analisi della situazione di rischio delle scuole e una regia nazionale sugli interventi. Per questo in occasione di Nontiscordardimé chiediamo che venga avviato al più presto un piano di messa in sicurezza di tutte gli edifici nelle aree 1 e 2 a rischio sismico, che venga definita una regia nazionale che concentri qui le risorse che oggi si disperdono in mille rivoli e che si completi l'anagrafe scolastica che consenta in breve tempo di avere una analisi ‎del rischio degli edifici, individuando problemi e priorità di intervento, altrimenti continueremo a restare in balia di eventi sismici e atmosferici e ad avere scuole vecchie e poco sicure”.

Pubblicato in Attualità

L’Amministrazione Comunale in collaborazione con la Parrocchia Santa Maria del Carmelo nei giorni 26 -27 e 28, ottobre 2017 in orario antimeridiano, ha organizzato tre giorni di animazione per gli alunni della scuola primaria dei cinque plessi scolastici, realizzando dei laboratori creativi per far scoprire loro che non bisogna essere dei grandi artisti per fare dell’arte. 

L’attività sarà animata e portata avanti da Don Dino Mazzoli, vice parroco  di Santa Maria Goretti di Frosinone, il quale insegnerà ai bambini la tecnica del “pop up”, utilizzando i materiali più disparati: carta, legno, giornali, tutto sulla linea del riciclo creativo.

Gli obiettivi del progetto sono: oltre il divertimento e la condivisione, la presa di coscienza dei bambini delle proprie capacità creative, sottolineando anche l’importanza della tutela dell’ambiente.

Don Dino Mazzoli in arte “ Din don art” trasmette delle puntate sulla sua arte creativa su Teleuniverso, Rai 2 d Tv 2000.

Tutti i video delle puntate di “ Din Don Art” si trovano anche su you tube.

 

Pubblicato in Intrattenimento

Si è svolto presso l’auditorium delle Ancelle Riparatrici di Santa Teresa di Riva il convegno su “La persona down: percorsi di integrazione e socializzazione”. Un’iniziativa promossa dal Comune di S. Teresa di Riva con la collaborazione della sezione di Roccalumera dell’associazione italiana Persone down e dell’Aipd di Milazzo e Messina. Un importante momento di confronto con gli studenti dell'Istituto Comprensivo, del Liceo Psicopedagogico Sacro Cuore e del Liceo Classico-Scientifico, fortemente voluto dall’assessore ai servizi sociali del comune di S. Teresa Annalisa Miano. “Sono davvero soddisfatta, ha affermato l’assessore Miano, perché ho visto i giovani studenti davvero coinvolti, e questo era il nostro obiettivo. Sono convinta, prosegue, che sia necessario puntare proprio sui più giovani, partendo dall’ambiente scolastico, per educarli all’integrazione e al rispetto della diversità.”  Il tema della disabilità e un tema importante e delicato che va affrontato nel modo giusto, insegnando cioè agli studenti cos’è un handicap e cosa significa disabilità ma anche insegnandogli il rispetto e a non avere remore sulla diversità. Argomenti affrontati dalle relatrici. La Dott.ssa Rosaria Magazzù, Responsabile unità operativa semplice di Neuropsichiatria infantile del Distretto di Taormina; Dott.ssa Gabriella Di Rosa, Ricercatore Neuropsichiatria infantile AOU Policlinico G. Martino di Messina; Dott.ssa Giulia Rigano, Neuropsicomotricità dell’età evolutiva; Dott.ssa Denisa Borgese, operatore di Arte Terapia. L’obiettivo del convegno era quello di spiegare non soltanto cos’è la sindrome di down ma anche come approcciarsi ai ragazzi che ne sono affetti affrontando il tema delle modalità inclusive nella vita di classe. 

Pubblicato in Attualità

Il 28 aprile si vota nelle scuole per il Consiglio Superiore della pubblica istruzione . Si tratta di un importante organo istituzionale che spesso si pronuncia sulle riforme in atto ed è presieduto dal ministro della pubblica istruzione. Il D. lgs 233/1999 attribuisce al Consiglio superiore della pubblica istruzione i ruoli di:  "garanzia dell'unitarietà del sistema nazionale dell'istruzione"; "supporto tecnico-scientifico per l'esercizio delle funzioni di governo in merito a  istruzione universitaria, ordinamenti scolastici, programmi scolastici, organizzazione generale dell'istruzione scolastica e stato giuridico del personale.” Il Consiglio formula pareri obbligatori sulle politiche del personale della scuola, sulla valutazione e sull'organizzazione generale del sistema scolastico nazionale, sugli standard nazionali dell'istruzione, è inoltre chiamato a dare un parere sulle proposte sottopostegli dal ministro in carica e ad esprimersi anche autonomamente su materie legislative riguardanti la pubblica istruzione e può commissionare indagini conoscitive. Potrà votare tutto il personale scolastico in servizio nelle scuole statali: docenti, ATA e dirigenti scolastici ( anche supplenti con nomina annuale o fino al termine delle lezioni. Non possono votare nè i titolari di supplenza breve nè quelli con scadenza antecedente al termine delle lezioni). Il personale della scuola assente per qualsiasi legittimo motivo dal servizio mantiene il diritto al voto. Gli elettori potranno esprimere il voto per la componente di cui fanno parte. I docenti con incarico di reggenza esercitano il voto per le elezioni della componente docente del cui ruolo fanno parte. Il personale educativo dei convitti nazionali ed educandati partecipa alle elezioni della componente docente della scuola primaria. Si vota presso la sede dell'istituzione scolastica in cui si presta servizio nel giorno delle elezioni. Il numero delle preferenze esprimibili varia a seconda del numero dei rappresentanti da eleggere per ciascuna componente.

 

 -per la componente personale docente scuola infanzia: 1 preferenza


- per la componente personale docente scuola primaria: 4 preferenze


- per la componente personale docente scuola primo grado: 4 preferenze


- per la componente personale docente scuola secondo grado: 3 preferenze


- per la componente personale dirigente scolastico: 2 preferenze


- per la componente personale ATA: 1 preferenza


- per la componente personale dirigente, docente e ATA per le scuole di lingua tedesca: 1 preferenza


- per la componente personale dirigente, docente e ATA per le scuole di lingua slovena: 1 preferenza


- per la componente personale dirigente, docente e ATA per le scuole della Valle d'Aosta: 1 preferenza

 Non si possono votare candidati di liste diverse da quella scelta.

 Nota Miur prot. 3523 del 21/04/2015 Liste definitive 

Anche la riviera jonica vede concorrere in lista una docente dell’Istituto Comprensivo di S. Teresa di Riva, Cettina Carnabuci. “Essere candidata al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, afferma Carnabuci, è per me allo stesso tempo, un onore e una sfida. Avere la possibilità di dare voce alla scuola dell’infanzia che , ormai oggi, si qualifica come ambiente di apprendimento a forte valenza educativa e sociale  rappresenta, per me, conclude Cettina Carnabuci, il principale motivo per essere eletta in modo che la scuola dei piccoli diventi grande.”

 

Pubblicato in Attualità

La Riviera Jonica ha  celebrato oggi, con qualche giorno d’anticipo, la Giornata Mondiale della Consapevolezza sull' Autismo istituita dall’Onu. Ogni anno il 2 aprile sono tantissimi gli eventi in tutto il mondo e i monumenti vengono illuminati di blu, il colore dell'autismo, colore della conoscenza e della sicurezza. La scelta di anticipare ad oggi le iniziative per celebrare questa giornata è stata dettata dalla volontà di rendere partecipi gli alunni delle scuole prima delle vacanze pasquali. A promuovere la giornata odierna l’Istituto Comprensivo di Santa Teresa di Riva diretto dalla prof.ssa Enza Interdonato e il Lions Club Santa Teresa di Riva presieduto dall’avv. Antonio Scarcella. Due i momenti importanti. Il primo si è svolto presso la scuola media Lionello Petri di S. Teresa di Riva dove gli studenti dell’ Istituto Comprensivo hanno incontrato la dottoressa Michela Garufi, U.O.C. di Neuropsichiatria Infantile del Policlinico di Universitario”Gaetano Martino”di Messina, che ha spiegato loro attraverso il supporto di video e schede esplicative cos’è l’Autismo , come comportarsi  quando in classe c’è un compagno affetto da autismo, come comunicare con lui, aiutarlo. Il secondo momento invece si è svolto presso l’Antica Filanda di Roccalumera. Un incontro che ha visto la partecipazione della direzione didattica e dell’Istituto d’ Istruzione Superiore Caminiti-Trimarchi di S. Teresa di Riva e dell’ Istituto Comprensivo di Roccalumera, e il cui scopo è stato quello di offrire un’occasione di approfondimento in merito ad un argomento molto delicato che coinvolge, con le sue complesse problematiche, bambini, ragazzi, genitori, scuola. Ad aprire i lavori il presidente Lions Club Santa Teresa di Riva Antonio Scarcella, che nel suo intervento partendo dalla propria esperienza personale ha evidenziato l’importanza di strutture specializzate come la Cittadella della Speranza di Nizza di Sicilia. “I ragazzi affetti da autismo -ha affermato l’avvocato Scarcella- sono ragazzi dolci che apprendono più di quanto pensiamo. Molte volte-ha proseguito-mi sono chiesto: e se il loro mondo fosse migliore del nostro? Se fossimo noi ad essere nel mondo sbagliato? Interrogativi -ha concluso- che gli interventi degli illustri relatori oggi presenti possono aiutarci a chiarire offrendo importanti  spunti di riflessione.” Particolarmente “sentito” anche l’intervento della Dott.ssa  Enza Interdonato che ha evidenziato come parlare ancora oggi della necessità di sensibilizzare ci porti in qualche maniera indietro nel tempo, alla fase arcaica. “ Dovremmo invece -ha affermato-essere già pronti ad accogliere i nostri ragazzi. Il mondo della scuola- ha poi aggiunto- è per fortuna un isola felice, perché noi a scuola ci attrezziamo e un modo lo troviamo sempre per  accogliere e accorciare le distanze, abbattere le barriere”. L'evento si è svolto con il patrocinio del comune di Roccalumera e del comune di Santa Teresa di Riva, rappresentato dall'assessore alle politiche sociali Annalisa Miano. Sono poi seguiti gli interventi dell’Ing. Giovanni Pioggia, Direttore del PHC  Responsabile Scientifico per il CNR del PHC dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR per la ricerca clinica, del Maestro Giacomo Arena, Musicoterapeuta  presso l’AvantGarde Music School e della Prof.ssa Antonella Gagliano, Direttore U.O.C. Neuropsichiatria infantile presso Policlinico Universitario “Gaetano Martino” di Messina. Le conclusioni sono state affidate alla dott.ssa Maria Elena Moschella, presidente zona 8 Lions. A moderare i lavori le professoresse Cettina Carnabuci e Domenica Sturiale.

 

Pubblicato in Salute

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI