Redazione

Redazione

06 aprile nella sala riunioni del Comune di Taormina, l'On. Valentina Zafarana M5S incontrava i rappresentanti del Genio Civile di Messina, il Sindaco di Taormina, l'Assessore ai Lavori Pubblici e alcuni rappresentanti dell'Acquedotto taorminese per discutere della problematica acqua potabile nella frazione di Trappitello.

Sono passati 5 mesi da quell'incontro, i problemi mai risolti riemergono, fango e disservizi idrici sono sempre presenti per i cittadini, già dalle prime forti piogge di inizio mese.

Il Meetup Taormina a cinque stelle ha deciso di chiedere formalmente spiegazioni sull'operato dell'Amministrazione Comunale, sulle motivazioni che hanno spinto l'Assessore Gaetano Carella a non mantenere gli impegni presi con i rappresentanti della Regione, ed al Sindaco Eligio Giardina chiarimenti sulle modalità di depurazione delle acque dato che le analisi effettuate dall'Università di Messina hanno certificato una carica batterica anomala nei pozzi in C.da Santa Filomena (in Allegato le analisi effettuate il 14/07/2016).

“In questi giorni, afferma il responsabile alla comunicazione Rosario Puglia,  abbiamo letto di eventuali costruzioni di nuovi pozzi da cui attingere l'acqua potabile e possibili nuovi contratti con aziende private per la fornitura del prezioso liquido. Non abbiamo altresì mai letto nulla sull'accertamento delle cause e sui responsabili (ove ce ne fossero). Tantissime promesse mai una certezza. Il sistema è chiaro, i pozzi non sono mai stati ispezionati, come chiesto dal Genio Civile di Messina e l'ordinanza  di quest'estate di chiudere il pozzo più vecchio, anche senza una certezza della causa nel periodo di massima contaminazione non è stata rispettata. I Rappresentanti della città, conclude la nota,  devono chiarezza e trasparenza a tutti i cittadini che vivono nella frazione taorminese e che lamentano l'impossibilità di godere a pieno di un bene primario come l'acqua.

Ancora nuove adesioni alla fiaccolata di solidarietà del 18 settembre organizzata dall’associazione TraOrmina forum “Io sto con le donne, gli uomini scendono in piazza per dire stop al femminicidio. Dopo l’annuncio da parte dell’associazione al Tuo fianco presieduta dall’avv. Cettina La Torre anche l’associazione Taorlove sta collaborando fattivamente all’ organizzazione dell’iniziativa. La manifestazione, promossa dall’Associazione “Tra-Ormina Forum”, vedrà una spettacolare e suggestiva fiaccolata e un corteo che, percorrendo il Corso Umberto, giungerà in piazza IX Aprile, dove si svolgerà un intenso momento, denso testimonianze e momenti di spettacolo.

“Siamo particolarmente emozionati e gratificati – dice Leila Correnti, che, assieme agli altri associati di TAORLOVE, è particolarmente impegnata nell’organizzazione dell’iniziativa - per il gran numero di adesioni e per la partecipazione di parecchi personaggi noti con i quali siamo entrati in contatto direttamente o, grazie al rapporto personale esistente con la taorminese Erminia Ferrari, moglie di Nino Manfredi, straordinaria donna da sempre tenacemente impegnata nel sociale che, anche stavolta, non ha voluto far mancare il suo prezioso contributo.”

“Questa iniziativa – dice il presidente dell’Associazione TAORLOVE, Giuseppe Zuccarello – ha per noi, aldilà del suo inestimabile valore sociale, un significato particolare, poiché rappresenta la prima di una serie d’iniziative che stiamo già programmando e che si svolgeranno in futuro a Taormina.”

“Quella del prossimo 18 settembre – prosegue Zuccarello - rappresenta l’occasione per avviare un proficuo dialogo e una stretta collaborazione con le varie associazioni che sono attive nella città e nell’intero hinterland. L’auspicio è che possa essere un punto di partenza per la realizzazione di tante altre iniziative.”

Siamo stati tra i primi – conlude Zuccarello, con un certo orgoglio – a cogliere il valore dell’iniziativa e a sposarne pienamente la potenzialità del messaggio, nel momento in cui l’Associazione Tra-Ormina Forum, attraverso il suo presidente, Alessandro Cardente, ci ha esposto il progetto, chiedendoci di collaborare fattivamente. A fronte del nostro lavoro e di quello di tutti coloro che sono impegnati nell’organizzazione, l’augurio che l’iniziativa “Io sto con le donne” possa avere un grande successo partecipativo, in grado di amplificare a dismisura un messaggio che ripudi e bandisca per sempre ogni forma di violenza sulle donne.”

Anche la Riserva naturale orientata Isola Bella è stata inserita nell’elenco dei “Siti di interesse geologico” che saranno istituiti come Geositi.

Con decreto del 20 luglio scorso (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana il 2 settembre), l’assessore per il Territorio e Ambiente Maurizio Croce ha approvato le “Procedure per l’istituzione e norme di salvaguardia e tutela dei Geositi della Sicilia” con allegato l’elenco dei “Siti di interesse geologico” in cui figura anche la riserva naturale gestita dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania con i geositi denominati “Capo Sant’Andrea-Unità di Capo Sant’Andrea” e “Isola Bella Sequenza Meso-Cenozoica dell’Unità di Longi-Taormina”.

I due geositi sono finalizzati a tutelare parte della riserva che si estende complessivamente per 10,49 ettari e include l’Isola Bella (zona A) e il Capo di Sant'Andrea ed il Capo Taormina (zona B). La successione litologica esposta nell’area della riserva appartiene a due distinte unità tettoniche denominate Unità di Taormina e Unità di Capo Sant’Andrea appartenenti al Complesso geologico “Kabilo - Calabride”.

Aree che rappresentano l’ossatura dell'Arco Calabro-Peloritano e geograficamente si identifica con i Monti Peloritani.

Le due unità tettoniche sono costituite da antichissime rocce metamorfiche con al tetto rocce sedimentarie prevalentemente carbonatiche. Le rocce metamorfiche di base sono costituite da Scisti cloritici-sericitici, e rappresentano un antico basamento cristallino di età Paleozoica che affiorano nelle aree più interne della riserva.

Il litosoma maggiormente presente (che costituisce anche l’Isola Bella, i faraglioni circostanti e il promontorio di Capo Taormina) sono i “Calcari e Dolomie” del Giurassico Inferiore.

Si tratta di Calcari detritici e calcari algali di colore bianco-grigiastro deposti sul fondo di un vasto bacino oceanico chiamato Tetide, ormai scomparso a causa della convergenza e della successiva collisione occorsa tra il continente africano e il continente europeo nel Tortoniano (circa 10 milioni di anni fa). Le rocce più “giovani” dell’area sono rappresentate dai calcari Micritici rossi in facies di “Maiolica” di età Giurassico superiore - Eocene Inferiore affioranti presso Capo Sant’Andrea.

Sono geositi quelle località o territori in cui è possibile riscontrare un interesse geologico, geomorfologico, paleontologico, mineralogico o altri interessi connessi con la natura geologica dei luoghi.

L'Isola Bella, considerata la "Perla del Mediterraneo", rappresenta un'area di straordinaria bellezza, dichiarata, nel 1984, monumento di interesse storico-artistico di particolare pregio, mentre nel 1998 è stata istituita la Riserva naturale orientata “Isola Bella” al fine di tutelarne il particolare valore paesaggistico.

Nel 2005 è stata inclusa tra i Siti di Interesse Comunitario (SIC). Il SIC denominato “Isola Bella, Capo Taormina, Capo Sant’Andrea”, esteso 21 ettari, è stato proposto in quanto “zona costiera di notevole valore paesaggistico con falesie che ospitano una tipica vegetazione rupicola ricca di endemismi”. Si estende su tutta la zona costiera calcarea, da Capo Taormina a Capo Castelluccio.  Anche il tratto di mare prospiciente la riserva è stato individuato come Sito di Interesse Comunitario, denominato “Fondali di Taormina – Isola Bella”, caratterizzato da praterie sottomarine di Posidonia oceanica, habitat prioritario di conservazione.

 

Visita speciale al Palabucalo per le ragazze allenate da Antonio Jimenez. È' venuto a trovarle un tifoso d'eccezione, un atleta che ha portato in alto nel mondo il nome di S. Teresa sportiva. Stiamo del campione di judo Elios Manzi, santateresino doc molto legato alla squadra di pallavolo femminile della sua cittadina anche perché è' il nipote della vice presidente Rosaria Cundari. Elios è' una promessa nella sua disciplina ed in molti giurano su un futuro ricco di successi a livello internazionale. Con i suoi venti anni è' stato il più giovane judoka del gruppo olimpico azzurro a Rio 2016. Specialista nella categoria 60 kg, dopo aver transitato per la 50 e la 55. Ha già ottenuto parecchi successi e fatto collezione di medaglie. Nonostante un fastidiosissimo infortunio che lo ha accompagnato nel 2015 ed in parte del 2016 è' riuscito a qualificarsi in extremis per i giochi olimpici appena conclusisi. Tra i suoi traguardi più importanti un titolo continentale a Tallin nel 2013 dopo essersi laureato campione italiano nei 55 kg. Nel 2014, passato nella categoria 60, conquista due medaglie d'oro in ambito nazionale. Il giovane campione ha voluto conoscere le giocatrici e lo staff tecnico ed ha formulato a tutti il classico bocca al lupo. Queste le sue parole prima di andare via " sono contento di aver potuto toccare con mano un'altra bella pagina di sport locale. Ho visto un bel gruppo. Le ragazze mi sono sembrate affiatate e sono sicuro che quest'anno faranno bene. Io tifo per loro."

 

I Carabinieri della Compagnia di Taormina dopo una notte di ininterrotto lavoro hanno tratto in arresto Nunzio Scarcella, pregiudicato di 48 anni, sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Gravi sono le accuse formulate  nei confronti dell' uomo, che deve rispondere di sequestro di persona e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. I fatti risalgono alla serata precedente quando l'uomo, con atteggiamento minaccioso e alla presenza di testimoni, ha costretto un minorenne del luogo, ad entrare nella sua autovettura e lo ha condotto presso la propria abitazione con il preciso intento di terrorizzare alcuni amici del giovane, accusati di aver rinvenuto un portafogli smarrito  e di non voler restituire la somma di 700 euro contenuta al suo interno. Immediata è giunta la segnalazione al 112 che ha inviato a casa dell'arrestato la pattuglia della Radiomobile. Gli operanti hanno trovato a casa dello Scarcella il minorenne che era intimorito ma comunque privo di lesioni. Le parti in causa sono state condotte tutte presso la Stazione dei Carabinieri di Giardini Naxos che in piena notte appariva illuminata e piena di gente. Nelle ore successive i carabinieri  della Stazione hanno condotto una azione certosina, sentito tutti i testimoni e ricostruito l'intera vicenda. L'uomo, già noto alle forze di polizia, è stato tratto in arresto ed ora si trova in carcere a Messina, a disposizione dell' Autorità Giudiziaria che nei prossimi giorni deciderà della convalida e di eventuali misure da adottare.

Cresce l’attesa per il 1° Triathlon Città di Sant’Alessio specialità Sprint in programma domenica 18 settembre. L’appuntamento, indetto dalla FI.Tri. Sicilia e organizzato dall’A.D. Polisportiva Odysseus Messina, prevede le prove di nuoto, bici e corsa. Alle ore 8 l’apertura della zona cambio, mentre alle 9 prenderà il via la competizione. L’evento sportivo non transiterà da Forza d'Agrò per problemi tecnico-logistici, ma si svolgerà interamente a Sant'Alessio Siculo e sarà tutto pianeggiante. Per la frazione di nuoto, che consiste in un giro unico di 750 metri, è stato scelto lo specchio acqueo balneabile della baia del Capo Sant’Alessio. Alla prova di ciclismo farà poi da scenario il lungomare di Sant’Alessio Siculo, con un circuito completamente chiuso al traffico di 2,400 km, da ripetere 8 volte, per un totale di 19,200 km. Atleti infine in gara nella corsa, chiamati a percorrere un giro completamente chiuso al traffico di 0,800 km, ripetuto 6 volte, nella città vecchia e sul lungomare di Sant’Alessio Siculo. Il servizio di cronometraggio sarà a cura della TDS (Timing Data Service) attraverso l’utilizzo dei chip.

La data di scadenza per le iscrizioni è improrogabilmente fissata per giovedì 8 settembre, come previsto dal regolamento FITri per le gare RANK. Alla gara potranno partecipare tutti i triatleti di ambo i sessi, purché regolarmente tesserati alla F.I.TRI. settore agonistico per il 2016 e gli atleti stranieri regolarmente tesserati alla Federazione di appartenenza. Possono partecipare, inoltre, coloro che non sono tesserati alla F.I.TRI. (atleti giornalieri e staffettisti) per le categorie Youth B - Junior – Senior –Master, in possesso di certificato medico di tipo agonistico per il “Triathlon”, sottoscrivendo un “Tesseramento Giornaliero“ rilasciato dalla F.I.Tri. Nel programma vi è anche la gara a staffetta. Le squadre potranno essere maschili, femminili o miste e formate da tre diversi atleti: un nuotatore, un ciclista, un podista; oppure due atleti, uno dei quali competerà in due discipline sia consecutive (nuoto + bici oppure bici + corsa) che alternate (nuoto + corsa). La premiazione, che avrà inizio alle ore 12, si svolgerà sul lungomare di Sant’Alessio nei pressi della zona cambio. L’organizzazione potrà contare sul prezioso supporto della Polizia Municipale del Comune di Sant’Alessio e di tutte le Associazioni di Volontariato. (Messina, 7 settembre 2016)

 COME ARRIVARE A SANT’ALESSIO SICULO

- Da Catania Autostrada A 18, uscire a Taormina e proseguire sulla S.S. 114 in direzione Messina (8 Km), passando per Letojanni, seguendo le indicazioni per Sant’Alessio Siculo.

- Da Messina Autostrada A 18 uscire a Roccalumera e proseguire sulla S.S. 114 in direzione Catania (Km 4) passando per Furci Siculo, Santa Teresa di Riva, seguendo le indicazioni per Sant’Alessio Siculo.

C’è voluto un commissario ad acta, il dott. Vincenzo Lauro, inviato dall’Assessorato Regionale agli Enti Locali, per spingere finalmente l’amministrazione comunale a portare in aula il rendiconto di gestione relativo all’anno 2015.

L’importante documento, la cui mancata approvazione aveva portato appunto alla nomina del commissario,  ha incassato 6 voti favorevoli della maggioranza, si sono astenuti invece i  4 consiglieri del gruppo di opposizione mentre erano assenti il consigliere Silipigni, chegià da tempo ha manifestato un netto allontanamento dalla linea politica dell’amministrazione e della maggioranza, e la consigliera Garufi.

Dura la presa di posizione delle consigliere comunali del gruppo “ Continuiamo Insieme per Alì”.

Presa visione del rendiconto della gestione relativa all’anno 2015 presentato dall’amministrazione Comunale con il fiato sul collo del commissario Regionale che è il terzo nella gestione di questa amministrazione (che rischia di battere tutti i primati in materia di commissariamento) osservano che la sterile elencazione di numeri contenuta nel rendiconto, rappresenta l’attività amministrativa svolta dall’amministrazione comunale.

“Il rendiconto della gestione, affermano all’unisono Agata Raneri, Cristina Interdonato, Giusy Pantò e Grazia Magazzù, pur rispettando il profilo di legittimità richiesto dalla legge non è altro che la fotografia delle inadempienze, delle incompiute e della incapacità dell’amministrazione comunale di dare risposte concrete alle esigenze della collettività.

Pur annoverando considerevoli cifre spese nel corso dell’anno, infatti, questo rendiconto si chiude con una differenza negativa tra riscossioni e pagamenti di oltre 400 mila euro a dimostrazione dell’incapacità di questa amministrazione comunale manifestata sul fronte delle riscossioni.

Per quanto riguarda i servizi al di là dei numeri presentati, proseguono le consigliere,  abbiamo vissuto il 2015 all’insegna del degrado assoluto. Nessuna capacità di avere finanziamenti dalla Regione o dallo Stato con la conseguenza che nessuna opera pubblica è stata finanziata nel 2015. Il quadro complessivo è pessimo, come pessima è la gestione corrente che non tiene conto delle tante esigenze che riguardano i giovani, gli anziani, le famiglie e la cura dell’ambiente in un contesto storico di grande difficoltà per tutti.

Insomma, si va avanti per forza di inerzia, come dire che non si è avvertita la presenza di questa amministrazione comunale se non per le cose negative.

La nostra valutazione politica, pertanto, concludono le consigliere Raneri, Interdonato, Pantò e Magazzù,  è negativa su tutti i fronti e  proprio da questa valutazione negativa deriva la decisione di astenerci al voto per l’approvazione del rendiconto della gestione per l’anno 2015.”

Intanto è già stato nominato un altro commissario (probabilmente lo stesso dott. Vincenzo Lauro) per sollecitare l’approvazione del bilancio di previsione per l’anno 2016.

Il saggio "Social Gossip" scritto a quattro mani dai sociologi, Francesco Pira e Antonia Cava, approda a "Naxoslegge 2016" il prestigioso evento, di cui è Direttore Artistico Fulvia Toscano, dedicato ai libri giunto alla sesta edizione che è iniziato il 2 settembre e si concluderà il 2 ottobre. Dopo le presentazioni a Messina, Roma, Napoli, Verona, Catania, Palermo, Agrigento ed in altre città della Sicilia, e dopo aver incassato critiche molto lusinghiere dai media italiani e addirittura dal quotidiano on line statunitense Huffington Post, il libro edito da Aracne, dedicato al pettegolezzo sarà presentato un uno degli eventi della rassegna giovedì 22 settembre quando i due autori si confronteranno anche con studenti delle superiori. In libro ripercorre la funzione socio-comunicativa del pettegolezzo interpretando i media come spazio pri¬vilegiato del voyeurismo verbale. Due sociologi della comunicazione, Antonia Cava e Francesco Pira, sfidano il pregiudizio che lega il chiacchiericcio al frivolo, invitandoci a prenderlo sul serio. Attraverso l'analisi dei linguaggi televisivi e delle narrazioni del web il libro restitu¬isce l'importanza dei rumor come pratica collettiva che coinvolge l'intero corpo sociale nella produzione di significati. "Il pettegolezzo – spiegano Antonia Cava e Francesco Pira – nel tempo ha cambiato forma, linguaggi, strumenti di trasmissione ed è diventato soprattutto sui social network parte della costruzione della propria identità".

 GenerAzioni. La storia siamo noi, è il titolo scelto per la VI edizione di Naxoslegge che, come di consueto, declinerà le diverse sezioni nel corso dell'intero mese di settembre (a partire da sabato 2), coinvolgendo associazioni, scuole, fondazioni e luoghi vari e mantenendo in Giardini Naxos il suo cuore propulsore. "Il tema centrale – spiega la direttrice artistica Fulvia Toscano – intende aprire una finestra sulla necessità della memoria storica intesa, anche, come trasmissione di saperi e confronto tra generazioni. Non a caso quasi tutti gli incontri saranno gestiti a più voci, con la presenza di giovani e giovanissimi interlocutori, alcuni provenienti dalle fila della associazione partner Idee in movimento, altri reclutati tra gli studenti del liceo Caminiti, partner storico del festival, e di altre scuole presenti, oppure giovani giornalisti e scrittori che converseranno con i diversi ospiti". Il festival, autoprodotto, grazie al sostegno di tante aziende private e cittadini, si articolerà nelle classiche sezioni Naxoslegge la Storia, Naxoslegge la Poesia, Naxoslegge la Legalità e ospiterà importanti autori del panorama siciliano e nazionale.

Con la visita presso il  Policlinico G.Martino Messina si è conclusa stamani la camminata in Sicilia di Chris.

Partito da Bassano del Grappa il 2 Aprile 2016,  data nella quale sarebbe dovuto nascere il suo  piccolo Leonardo, ha  deciso di girare l’Italia a piedi, da nord a sud, per far conoscere bellezze italiane spesso poco note così come malattie tanto rare quanto gravi per le quali neppure il governo riesce a finanziare abbastanza la ricerca per trovarne la cura.

Settimanalmente Chris  raggiunge gli ammalati e gli ospedali che trattano la Fibrosi Cistica, grave malattia (che affligge un bambino su 2500), con il fine di sensibilizzare la donazione.

“Ho scelto questa patologia, spiega Chris nel suo blog,  perché si manifesta già dai primi mesi di vita dell’ammalato e la sofferenza dei nostri piccoli angioletti deve per lo meno alleviarsi.”

Il viaggio di Chris, #Marta4kids, è il viaggio di un ragazzo che ha saputo convertire il peso di un grande dolore in un progetto speciale, e che ha fatto di un dramma della sua vita lo stimolo per ricavare del bene.

Stamani la tappa al Policlinico di Messina. “Regalare un sorriso agli ammalati di Fibrosi Cistica, ha scritto Chris commentando la visita al presidio ospedaliero,  mi nasce dal cuore, portar loro il messaggio che non sono soli è la mia missione e di tutti quelli che credono a #marta4kids. Grazie a tutti ragazzi, grazie per starmi vicino.”

E sul suo cammino verso Messina Chris ha incontrato molti amici ad attenderlo. La sezione Fidapa di S.Teresa Valle d’Agrò in collaborazione con la Fidapa di Taormina, l’associazione “ Atletica Savoca”, i Lions S.Teresa di Riva ,  i Leo S. Teresa di Riva e  l’assessore alle politiche sociali Annalisa Miano hanno infatti atteso Chris  accompagnandolo in un tratto di percorso. Un modo per far sentire concretamente la vicinanza al suo progetto, per condividere quello che è diventato un viaggio verso la speranza.

“E' stata una giornata indimenticabile, ha affermato Antonella Maimone Past presidente della Fidapa Val DAgrò,  incontrare Christian e i suoi amici, che ormai da mesi gira l'Italia portando il suo messaggio d'amore per aiutare i malati di Fibrosi Cistica, vedere i bambini dell'Atletica Savoca giocare e camminare per bambini meno fortunati di loro, vedere amici ed amiche della Fidapa S.Teresa valle d'Agrò e di altre associazioni Leo S.Teresa, Lions, Al Tuo Fianco onlus camminare insieme non ha prezzo, è solo amore per il prossimo , un sentimento che ancora malgrado il degrado che ci circonda c'è! Grazie a Chris che ci ha permesso di vivere un pomeriggio unico, grazie al Sindaco di S.Teresa di Riva De Luca, all'assessore alle Pari Opportunità Annalisa Miano, alla Polizia Municipale, alla Protezione Civile e a quanti ancora credono e si fidano degli altri. Grazie ai medici dei centri di diagnosi e cura della Fibrosi Cistica e a quanti lottano per combattere questa malattia. NOi ci crediamo!”

E a chi chiede a Chris : “Dove trovi la forza?” Chris risponde: “E’ forse la forza di chi sa di fare la cosa giusta, la forza di chi sceglie di aiutare il prossimo.”

Venerdì prossimo presso il suggestivo sito del Castello Rufo Ruffo si terrà una conferenza sul tema “Arti, mestieri e tradizione tra storia, cultura e sviluppo” organizzata dal Lions Club Santa Teresa di Riva con il patrocinio del comune di Scaletta Zanclea.

Alla manifestazione, che avrà come relatori il prof. Franz Riccobono e l’ing. Franco Arcovito, presenzieranno numerose e importanti personalità provinciali e regionali lionistiche, istituzionali e politiche.

Parteciperanno all’incontro tra gli altri l’Assessore regionale al turismo, sport e spettacolo Anthony Barbagallo, il presidente dell’ARS Giovanni Ardizzone, numerosi deputati regionali e nazionali, il rettore Pietro Navarra, il Commissario della Provincia Regionale Filippo Romano, il Soprintendente ai BB. CC. E AA. Orazio Micali, l’Ingegnere Capo del Genio Civile Leonardo Santoro ed i presidenti degli Ordini professionali provinciali messinesi, i sindaci e numerose associazioni culturali del comprensorio jonico.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI