“CENTO SICILIE”, DOMANI 24 SETTEMBRE, ALLE ORE 11, NEL SALONE DEGLI SPECCHI DI PALAZZO DEI LEONI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA RASSEGNA IN PROGRAMMA AL MONTE DI PIETÀ

“CENTO SICILIE”, DOMANI 24 SETTEMBRE, ALLE ORE 11, NEL SALONE DEGLI SPECCHI DI PALAZZO DEI LEONI CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLA RASSEGNA IN PROGRAMMA AL MONTE DI PIETÀ

Il Monte di Pietà ospiterà l'edizione 2015 di "Cento Sicilie", la rassegna che dal 25 al 30 settembre proporrà una serie di appuntamenti che si propongono di valorizzazione le eccellenze artistiche e letterarie siciliane.

 In particolare la kermesse, nata nel 2011, sarà caratterizzata da due aspetti principali: gli incontri sui grandi siciliani (Luigi Pirandello, Vincenzo Consolo, Filippo Cianciafara, Nino Ferraù) ed il workshop su temi culturali quali la comunicazione, l'editoria, il cine-turismo, il marketing territoriale, l'imprenditoria, la riqualificazione delle periferie, la gestione di eventi quali elementi attrattori di economia per i territori.

 Nel corso delle giornate si confronteranno docenti, esperti, responsabili di Enti ed Istituzioni pubbliche e private, editori, direttori di festival, referenti di progetti di marketing territoriali e giornalisti.

 In programma anche incontri con gli autori di narrativa e videoproiezioni rare legate ai temi trattati. Il percorso sarà inaugurato al Monte di Pietà venerdì 25 settembre, alle 17.00, alla presenza dei rappresentanti delle Istituzioni coinvolte e si snoderà per tutti i rimanenti giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 19.00. L'iniziativa è curata da Milena Romeo per “Cara Beltà-Sicilia”, da anni impegnata in progetti di valorizzazione e promozione della cultura siciliana. La rassegna è patrocinata dalla Regione Siciliana, dalla Città Metropolitana di Messina, dal Comune di Messina, dall'Università degli Studi, dalla Biblioteca regionale, dalla Fondazione “Bonino-Pulejo”, dalla Confcommercio, dalla Fondazione “Piccolo di Calanovella” di Capo d'Orlando e da una cordata di associazioni come la Fondazione “Crimi”, l'associazione “Antonello da Messina”, “Naxoslegge”, l'associazione “Maria Cristina di Savoia”, l' “Archeoclub” ed il circolo culturale “Il Sole”.

Anche le scuole, a cui il progetto è particolarmente rivolto, sono in partnership attiva con il progetto, come l'Istituto superiore “Antonello” ed il Collegio “S. Ignazio”. 

Tra i tanti appuntamenti, si segnala lunedì 28 settembre l'omaggio al giornalista palermitano prematuramente scomparso Francesco Foresta, direttore della Rivista "I Love Sicilia", e martedì 29 settembre l'incontro che analizzerà l’importanza scientifica ed accademica del ritrovamento di un testo inedito di Luigi Pirandello nel fondo dell’agente letterario Gherson, dal titolo "Just like that" (“Proprio così”, la cui prima versione è in francese), opera che doveva andare in scena a Broadway e diventare una commedia musicale per il cinema.

 

All'interno della rassegna è ospitata una mostra di giovani artisti dal titolo ”Segni e sogni. Mostra di pittori post-simbolisti", curata da Laura Mauro, che sarà fruibile dal 4 all'11 ottobre, tutti giorni con visite guidate gratuite per le scuole.

 

000
Letto 1212 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Letojanni. “LibriAmoci 2019”, il 10 maggio si parte con la prima edizione

    Quattro incontri letterari in altrettanti week-end. Quattro autori tutti siciliani. Quattro libri da gustare in un mese di maggio che aprirà definitivamente le porte alla bella stagione. Si alzerà il sipario venerdì 10 maggio, alle ore 18.00, sulla prima edizione di “LibriAmoci”, evento culturale organizzato dai ragazzi del Servizio Civile del Comune di Letojanni e dall’Archeoclub Area Jonica in collaborazione con il Comune di Letojanni) che si concluderà venerdì 31 maggio e che si terrà presso la sala “Blu” del Palazzo della Cultura del centro rivierasco. Una rassegna letteraria che prevedrà, come accennato prima, la presentazione di quattro libri di scrittori e scrittrici siciliani che hanno dedicato gli ultimi mesi alla stesura delle loro nuove opere. Libri come quello dell’editor taorminese Lisa Bachis, che il 10 maggio sarà a Letojanni per la presentazione della sua “Breve guida fotopoetica, Taormina e altri luoghi di Sicilia”(Algra Editore) che sarà presentato dal giornalista Enrico Scandurra e dall’ex assessore alla Cultura del Comune di Letojanni, Daniela Fileti. Un libro che è un viaggio. Un viaggio nei colori: dal blu cobalto delle coste, al verde intenso dei boschi; dal mielato delle facciate barocche, alle nuances delle vedute taorminesi. Un viaggio che attraversa paesaggi naturali quasi incontaminati, di straordinaria bellezza, ma si sofferma anche sui contesti urbani e antropizzati dei borghi e delle città, ricorrendo talvolta ai campi lunghi, talaltra ai primi piani, altra ancora ai dettagli, che evocano pensieri, ripiegamenti intimi, riflessioni metafisiche". Si continuerà poi il 17 maggio con il romanzo di Mario Cunsolo, “L’orizzonte nascosto della bellezza” (Leonida Editore): ad intervenire ci sarà la stessa Lisa Bachis che parlerà di un romanzo a metà strada tra il thriller con declinazioni psico-sociologiche e il noir, dove il confine tra buoni e cattivi diviene labile, sino a confondersi. Perché il nucleo attorno a cui ruota l’intera vicenda è il senso del limite e il suo superamento con le inevitabili ma sorprendenti conseguenze. Il 24 maggio sarà poi la volta del saggio storico di Valentina Certo, “Il tesoro di Federico II. Potere e cultura a corte” (Giambra Editore) che sarà recensito dall’avvocato Filippo Brianni. Quest’ultimo interverrà delineando il profilo di un testo che tratta la rinascita artistica e culturale voluta e promossa dallo Stupor Mundi, ovvero l’imperatore, studioso, estimatore, collezionista di manufatti e gioielli che si servì dell’arte per esplicare il suo programma etico e politico. La rassegna si chiuderà il 31 maggio con “Istintu di jinestra” (Etabeta Editore), raccolta di poesie in lingua siciliana della poetessa Rosalda Schillaci che verrà presentato dalla studentessa universitaria Maria Pia Crisafulli. Poesie che colpiscono subito per la valenza e per il linguaggio usato particolarmente ostico ma allo stesso tempo incisivo e capace di suscitare emozioni intense. Uno stile in cui si riscontra quell’istinto grezzo e primordiale che caratterizza i siciliani, simile alla ginestra che troviamo in abbondanza sulle pendici dell’Etna. Quattro testi interessanti, dunque, su cui si aprirà poi un dibattito con il pubblico, prima dei ringraziamenti finali e dell’arrivederci alla prossima edizione.

  • CULTURA. RESTITUIRE E RIGENERARE BELLEZZA LA MOSTRA INEDITA DI ANTONIO PRESTI DAL 3 OTTOBRE AL CASTELLO DI SPADAFORA. LUNEDÌ 28 SETTEMBRE ALLE 10.30 ALLA PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA LA PRESENTAZIONE

    Si svolgerà lunedì 28 settembre alle 10.30 presso il Salone degli Specchi della Provincia Regionale di Messina la conferenza stampa di presentazione della Mostra di Antonio Presti Restituire e rigenerare bellezza.

    L’inedito progetto sarà inaugurato sabato 3 ottobre alle 19.00 al Castello di Spadafora,  nell’ambito della Rassegna Contemporary Art in Sicily - Spadafora.

    All’incontro con i giornalisti, cui saranno invitati anche i dirigenti scolastici degli Istituti d’Arte di Messina e Provincia, parteciperanno lo stesso Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara d’Arte; il sindaco di Spadafora, Giuseppe Pappalardo; il consigliere comunale  di Spadafora e supervisore di Contemporary Art in Sicily, Antonio D’Amico; l’ideatore della Rassegna, Ranieri Wanderlingh.

     Con l’esposizione Restituire e rigenerare bellezza per la prima volta in assoluto la vita tutta dedicata all’Arte del mecenate Antonio Presti, uscirà dai confini fisici in cui è divenuta famosa in tutto il mondo, per raggiungere soprattutto le nuove generazioni, in un percorso in cui l’Arte diviene strumento etico e la bellezza occasione di confronto e di crescita.

    Restituire e rigenerare bellezza ospiterà, infatti, suggestive gigantografie raffiguranti le principali tappe del genio creativo e altruista di Antonio Presti: il Parco scultoreo di Fiumara d’Arte di Tusa; il museo-albergo Atelier sul mare, a Castel di Tusa; Librino, quartiere di Catania, manifestazione tangibile di quella politica della bellezza intrapresa da Presti. Accanto alle fotografie, inoltre, troveranno spazio alcune delle opere realizzate dai giovani di Librino: tele dipinte, fotografie, testimonianze del viaggio alla ricerca della bellezza, pronte a raccontare una storia fatta di impegno e condivisione, di arte e vita. 

    Guarda l'intervista ad Antonio Presti

  • GIARDINI NAXOS. AD ANGELA NAPOLI IL PREMIO LA TELA DI PENELOPE NELL’AMBITO DI NAXOSLEGGE

    "L'antimafia dei fatti si fa a proprie spese e con coraggio. Si fa con denunce, rivelando nomi e cognomi e senza mai coprire malefatte, collusioni o corruzioni. Da qualunque parte esse provengano". Così Angela Napoli, calabrese, già deputata nazionale per 20 anni, oggi consulente della Commissione nazionale antimafia e presidente dell'Associazione Risveglio Ideale, parla di quello che da decenni è il suo impegno politico, civile e morale. Un impegno raccontato nel libro-inchiesta "Angela Napoli, l'antimafia dei fatti", realizzato in parte sotto forma di intervista dal giornalista Orfeo Oristefano. Il libro è stato presentato sabato 12 settembre nell'ambito della tre giorni "Le donne non perdono il filo" organizzata da Fulvia Toscano, direttrice artistica di Naxoslegge. Angela Napoli ha ricevuto il premio “La tela di penelope” assieme a Marinella Fiume, già sindaco di Fiumefreddo di Sicilia e presidente dell'associazione Antiracket Associazione Antiracket e Antiusura Carlo Alberto Dalla Chiesa e a Leoluchina Savona. Due siciliane e una calabrese impegnate a vario titolo nel rispetto della legalità e nella lotta alle mafie legate dal filo sapiente del saper fare contrapposto a quella che Angela Napoli chiama “l’antimafia parolaia” «Molte associazioni – dice - comuni cittadini e politici si riempiono la bocca di antimafia e poi aggirano la legalità e finiscono con il favorire la criminalità, fino a essere, addirittura, collusi».  

    L’INTERVISTA A CURA DI FULVIA TOSCANO.

    Napoli come è nato il impegno trentennale contro le mafie?

    «Vivo in Calabria da quando avevo sei anni. Dopo il matrimonio andai a vivere a Taurianova dove mi fu proposto di candidarmi a consigliere comunale. Parliamo del primo comune italiano sciolto per associazione mafiosa e oggi sciolto per la terza volta. Lì ho cominciato la mia vita politica e, parallelamente, rendendomi subito conto della collusione tra politica e ‘ndrangheta, ho iniziato le mie battaglie contro questa connivenza. Nel ’94, diventando parlamentare sono entrata nella commissione parlamentare antimafia e mi sono resa conto di tante situazioni che mi hanno portata a intraprendere, ancora più caparbiamente, la mia battaglia per liberare il territorio». 

    Una battaglia che la obbliga da 14 anni a vivere sotto scorta. Non si sente mai dire chi te l'ha fatto fare?

    «Me lo chiedono in molti e me lo sono chiesta anch'io nei momenti di maggiore paura. Quello che mi ha portato a chiedermi se valesse davvero la pena continuare è stato l'isolamento da parte della coalizione politica cui appartenevo (Popolo delle libertà/Futuro e Libertà, ndr). Poi, però, non ho voluto annullare il lavoro fatto negli anni, né disperdere i piccoli grandi risultati che avevo conseguito».

    Lei ha un passato da insegnante e dirigente scolastico. Come si insegna ai giovani la cultura dell'antimafia.

    «I giovani non hanno bisogno di passerelle ma devono sapere che ci sono in atto programmi per garantire il loro futuro. Devono avere esempi di legalità e hanno bisogno, come dico nel libro, che chi guida le comunità lavori per aiutarli a sperare»

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI