FORZA D'AGRÒ IN GIAPPONE. I RACONTI DEI BORGHI MERAVIGLIOSI PER UNA TV GIAPPONESE

FORZA D'AGRÒ IN GIAPPONE. I RACONTI DEI BORGHI MERAVIGLIOSI PER UNA TV GIAPPONESE In evidenza

Sono finite le riprese del programma della tv Giapponese, rimasta nel piccolo borgo collinare per una settimana a filmare la storia e le bellezze di Forza D’Agrò.
Protagonisti di questa nuova puntata, Vincenzo Gullotta e Carmelo Nicita, scelti nella rosa di 8 selezionati.
Storie del Borgo, storie di vite, di un angolo di Sicilia, dove natura, tradizioni e cultura, hanno molto da raccontare, da far vedere ai nostri amici del Sol Levante, puntata che andrà in onda nel prossimo mese di Dicembre nella tv Giapponese, che vedremo in differita, grazie alla cortesia e alla premura che distingue questo popolo.

L'amministrazione di Forza d'Agrò, nella persona del nostro Sindaco Fabio Di Cara, ha ricevuto con tutti gli onori la troupe televisiva, capitanata da Yuki Koikeda, inviata dalla BS NTV Nippon Television, mettendo a disposizione tutto il necessario, con la cortesia e l'ospitalità che distingue questa comunità.

Nel salutarli, il Sindaco ha ringraziato la troupe e la tv Nipponica, per aver preferito il borgo di Forza D’Agrò, "un grazie sentito e un saluto a tutto il Giappone, con l'impegno che questo incontro non abbia fine ma continui nel tempo”. Queste le parole conclusive del Sindaco Fabio Di Cara, alle quali tutta la comunità Forzese si unisce con un "arrivederci a presto"

000
Letto 1552 volte

Articoli correlati (da tag)

  • FORZA D'AGRO'. Convenzione tra Archeoclub e l'Istituto Ellenico. Nel nome dei... greci: “riscoprire le comuni radici”

    La sede siciliana dell'Istituto Ellenico di Diplomazia Culturale di Atene e Archeoclub Area Ionica hanno deciso di unire le proprie forze per promuovere eventi e iniziative in grado di valorizzare la cultura greca nel territorio jonico e in Sicilia.  Lo hanno fatto stipulando una convezione che i due presidenti, Stella Kalisperatou e Filippo Brianni, hanno sottoscritto proprio ieri, 1 marzo, presso il sito archeologico di Scifì di Forza d'Agrò.

    L’accordo formalizza una collaborazione avviata già da diversi mesi tra Archeoclub e l'I.E.D.C. con sede ad Atene (e sedi periferiche a Bruxelles, Svezia, Tunisi, Londra, Parigi e Ancona) di recente approdato anche a Catania.

    Il primo importante progetto a cui i due sodalizi hanno già iniziato a lavorare (“Magna Grecia, fiamma d'Europa”)  riguarda un ciclo di eventi dedicato all'impatto della cultura greco-sicula sull'Europa; un ciclo che punta a diventare anche un percorso didattico, culturale e turistico, attraverso alcuni luoghi simbolo della presenza greca in Sicilia. Il primo incontro, che coinciderà anche con la presentazione dell'Istituto, dovrebbe tenersi a maggio proprio nel territorio jonico, presso l'abbazia dei SS. Pietro e Paolo di Casalvecchio Siculo, un simbolo chiave della presenza basiliana nel comprensorio. In quell’occasione avrà luogo anche la presentazione ufficiale dell’I.E.D.C. Sicilia.

    Successivamente, grazie anche all'ausilio delle altre sedi Archeoclub siciliane, che sono coordinate dal gelese Francesco Russello, si svolgeranno anche eventi a Naxos (prima colonia greca in Sicilia), Siracusa, Agrigento e Morgantina-Aidone con consegna simbolica della “fiamma” a settembre in Grecia.

    “La scelta di firmare a Scifì questa convenzione non è casuale – hanno dichiarato Brianni e Kalisperatou – perchè qui abbiamo un'importante traccia della importante presenza bizantina sul territorio. Da qui vogliamo ripartire affinché il connubio Sicilia-Grecia sia sempre più protagonista anche nelle strategie degli operatori culturali e turistici siciliani” . 

  • Enti locali. 100 sindaci e amministratori scrivono a Provenzano "Salvare piccoli borghi"

    Ci sono anche gli amministratori dei comuni di Roccafiorita, Fiumedinisi, Nizza di Sicilia, e Sant’Alessio Siculo tra i firmatari della lettera aperta indirizzata al Ministro per la Coesione Territoriale Giuseppe Provenzano.

    Nel documento gli amministratori evidenziano le difficoltà legate al periodo di crisi economica   che l’Italia sta vivendo con particolare riferimento alla situazione in cui si trovano i lavoratori Asu.

    “Detassazione, Lavoro, Giovani, Ambiente, Mezzogiorno, Politiche europee e Famiglia sono tutti punti importanti che vanno affrontati con estrema delicatezza e studi approfonditi nell’esclusivo interesse della società in cui viviamo. Chi vi scrive, si legge nella missiva, vuole sollecitare la piena attuazione della legge 158/2017, la cosiddetta "Salva borghi" che permetterebbe a numerose realtà locali di prendere una seria boccata d’ossigeno oltre che una cura dei territori che metta al centro la custodia dei piccoli borghi. Inoltre, a nostro avviso, la completa stabilizzazione di tutto il personale precario in servizio anche presso quei Comuni che hanno fatto ricorso al piano di riequilibrio finanziario, con un’attenzione particolare anche ai lavoratori Asu che da fin troppo tempo attendono una stabilità lavorativa. Sicuramente merita attenzione la riqualificazione degli assi viari principali, di competenza statale, che necessitano di interventi urgenti al fine di tutelare l’incolumità di chi percorre giornalmente tali arterie stradali.

    Chi amministra i “piccoli comuni” si deve impegnare giornalmente con le diverse problematiche esistenti e far fronte alle innumerevoli emergenze, motivo per il quale riteniamo sia necessario un impegno costante al fine di porre in essere iniziative rivolte allo sviluppo, in modo tale da evitare lo spopolamento che stanno subendo tutte le piccole comunità.

    Siamo assolutamente favorevoli ad organizzare un incontro con la S.V. ed una delegazione di amministratori locali siciliani al fine di poter meglio focalizzare le esigenze dei nostri territori ed iniziare una proficua collaborazione nell’esclusivo interesse delle comunità che rappresentiamo. Riponiamo tanta fiducia nella Sua persona e le inviamo i migliori auguri di buon lavoro.”

  • FORZA D’AGRO’. DIVIETO D’INGRESSO NEL PAESE PER 2 CATANESI

    Il Questore di Messina Mario Finocchiaro ha adottato 9 misure di prevenzione personali.

    2 divieti di ritorno, nei confronti di due catanesi di 46 e 44 anni, responsabili in concorso tra loro del reato di furto aggravato commesso all’interno di una chiesa del comune di Forza d’Agrò (ME). I due non potranno ritornare senza preventiva autorizzazione nel territorio di quel comune per un periodo di 2 anni.

    5 avvisi orali, con cui 5 persone sono state invitate a tenere una condotta conforme alla legge, con l’avvertenza che in caso contrario potranno essere proposti per l’applicazione di più gravi misure di prevenzione.

    2 ammonimenti, nei confronti di un messinese di 37 anni ed un catanese di 48 anni per violenza domestica.

     

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI