PALAZZO CIAMPOLI TRA ARTE E STORIA. TESTIMONIANZE DELLA CULTURA FIGURATIVA MESSINESE DAL XV AL XVI SECOLO, SUL PATRIMONIO ARTISTICO DEI SEGUACI DI ANTONELLO DA MESSINA

PALAZZO CIAMPOLI TRA ARTE E STORIA. TESTIMONIANZE DELLA CULTURA FIGURATIVA MESSINESE DAL XV AL XVI SECOLO, SUL PATRIMONIO ARTISTICO DEI SEGUACI DI ANTONELLO DA MESSINA In evidenza

Martedì 29 dicembre 2015 è stata presentata la mostra Palazzo Ciampoli tra arte e storia. Testimonianze della cultura figurativa siciliana dal XV al XVI secolo, ed è stato aperto alla pubblica fruizione dopo trent’anni il bellissimo palazzo restaurato grazie ai fondi P.O. FESR 2007/2013.

La cerimonia di inaugurazione ha visto l’afflusso di numerosi studiosi, intenditori e curiosi che hanno assistito alla presentazione del progetto di restauro e della mostra curata della Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali di Messina e hanno potuto godere dell’eccezionale visita guidata dalla dottoressa Grazia Musolino.

Prestigiosi gli interventi sul progetto della mostra, da parte dell’Assessore Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Carlo Vermiglio, e del Soprintendente per i Beni Culturali e Ambientali di Messina, Rocco Giovanni Scimone, commosse ed entusiaste le parole del Vescovo di Acireale e Amministratore Apostolico di Messina - Lipari - S. Lucia del Mela, S.E. Rev.ma Mons. Antonio Raspanti.

Dopo i saluti del Sindaco di Taormina, Eligio Giardina, che ha messo in rilievo l’importanza dellla restituzione del palazzo come sede espositiva, il Direttore dei Lavori di restauro di Palazzo Ciampoli, dirigente responsabile dell’U.O. 2 del Museo Regionale di Messina, Rosario Vilardo, ha messo in luce l’importante opera attuata sulla struttura storica e infine, la curatrice e progettista della mostra, dirigente responsabile dell’U.O. 9 della Soprintendenza di Messina, Grazia Musolino ha tratteggiato l’accurata opera di progettazione del percorso espositivo, l’attenta scelta delle opere selezionate e la dedizione nella realizzazione di un catalogo che rappresenta un volume sullo stato dell’arte degli studi sul patrimonio artistico post antonelliano, in corso di stampa edito da Rubbettino. È stata inoltre distribuita ai presenti un’elegante guida breve di 32 pagine, esplicativa della mostra che documenta le opere più rappresentative e sviluppa il percorso delle sette sezioni in esposizione.

 

La dottoressa Musolino ha accompagnato gli ospiti istituzionali e i visitatori lungo le sale che dal piano terra si snodano fino al primo piano descrivendo lo sviluppo della cultura pittorica e scultorea da Antonello da Messina in poi, attraverso l’opera dei suoi diretti discendenti ed epigoni con un entusiastico riscontro da parte del pubblico che ha affollato la mostra fino alla chiusura serale.

Moltissimi i visitatori e i curiosi che continuano a affluire al palazzo, aperto con ingresso gratuito tutti i giorni, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00 fino al 30 gennaio, incuriositi dalla rara occasione di poter guardare da vicino, in un’unica sede, i migliori dipinti del Quattrocento e Cinquecento siciliano.

Grazie alla generosità di enti prestatori come il Museo Regionale di Messina, la Curia Arcivescovile di Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela, la Curia Vescovile di Patti, la Curia Arcivescovile di Siracusa, la Curia Vescovile di Acireale, il Museo Civico si Castello Ursino di Catania, il Comune di Mistretta, alcune collezioni private e il Museo dell’Opera del Duomo di Messina, infatti le opere sono esposte per la prima volta dopo la storica mostra del 1953 e quella successiva del 1981, a cui l’evento è idealmente legato ma da cui si differenzia per gli specifici obiettivi progettuali.

 

 

La mostra è visitabile gratuitamente tutti i giorni, dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.00. Taormina, Palazzo Ciampoli.

000
Letto 832 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. IL COMUNE NELLA CABINA REGIA DEL G20S

    Nel corso della prima giornata di lavori del G20s di Jesolo il network si è dato una nuova governance. Coordinatore è stata nominata la sindaca di Cavallino Treporti, Roberta Nesto, vice coordinatore la sindaca di Riccione, Renata Tosi, che nel 2022 ospiterà il quinto summit, in occasione del centenario della nascita del comune autonomo di Riccione. Nella cabina di regia, che affianca il coordinatore, c’è la presenza di sei comuni tra i quali Taormina.
    Si tratta di un giusto riconoscimento per una realtà che vive le stesse problematiche degli altri comuni costieri, ma che rappresenta anche difficoltà specifiche derivanti dall’essere collocato nel Mezzogiorno.
    "Ho definito una intesa con il collega di Sorrento, ha affermato il sindaco Mario Bolognari,  per uno scambio di esperienze tra le due località che condividono pregi e criticità dì località costiere, ma anche di destinazioni culturali e artistiche. Durante il prossimo inverno programmeremo visite incrociate per fare incontrare operatori e amministratori delle due località simbolo della attrattivita’ turistica del Sud. Oggi variamo la proposta di una legge che riconosca lo status di città costiera con tutte le problematiche di piccole realtà con flussi enormi di visitatori in periodi specifici dell’anno. Nei due giorni di Jesolo ho potuto constatare che i problemi vissuti da Taormina nel mese di agosto sono comuni a tutti i comuni di tutte le regioni d’Italia: viabilità e parcheggi, raccolta differenziata, consumo di acqua, sicurezza e ordine pubblico, mancanza di agenti della polizia locale e delle forse dell’ordine. Speriamo che forze politiche e parlamentari, ha concluso il sindaco,  raccolgano l’appello lanciato dai 26 sindaci convenuti a Jesolo."

  • Belliniana. Due concerti unici con l’Orchestra a Plettro città di Taormina protagonsita

    L’Orchestra a Plettro città di Taormina eccellenza siciliana nel mondo sarà protagonista di due concerti unici organizzati dalla Fondazione Taormina Arte Sicilia: il 3 settembre all’Odeon di Taormina e il 4 settembre al Palazzo della Cultura di Catania, Corte Mariella Lo Giudice. Belliniana è il titolo dei due concerti dedicati interamente all’estro del noto compositore catanese Vincenzo Bellini.

     La forza e la poetica della musica di Bellini in un programma in tre parti, che prende le mosse da una sezione cameristica, in cui il soprano Francesca Adamo Sollima, accompagnata al piano dal Maestro Pellitteri, eseguirà alcune ariette da camera di Bellini. L’intera orchestra, invece, presenterà fantasie e trascrizioni che lo stesso direttore Pellitteri ha ricavato dalle note opere, La sonnambula, Norma, Beatrice di Tenda e I Puritani. In chiusura l’orchestra accompagnerà la proiezione del breve film muto La Norma (Italia, 1911) a testimonianza della versatilità dell’ensemble, aperto alle sperimentazioni degli esordi della settima arte.

     L’orchestra a Plettro Città di Taormina è nata agli inizi del 1900 ed è formata da musicisti che usano solo strumenti a plettro come mandolino, mandola, mandoloncello, chitarra e contrabbasso per questo è una delle più antiche e importanti formazioni a plettro italiane. La fama dell’orchestra è attestata dalla partecipazione al film di Michelangelo Antonioni L’avventura. Guidata per oltre un trentennio dal maratoneta e pianista- Chico Scimone, dal 2008 l’orchestra è diretta dal Maestro Antonino Pellitteri e annovera tra i primi mandolinisti Emanuele Buzi, titolare della cattedra di strumento al Conservatorio Alessandro Scarlatti di Palermo. L 'orchestra ha costruito la sua popolarità esibendosi continuamente in migliaia di concerti in tutto il mondo. Un grande riconoscimento all'orchestra è avvenuto nel giugno del 1999 quando la TV di stato giapponese ha girato un video documentario che ne racconta la storia. Il suo repertorio spazia dal classico, al sinfonico, dall’operistico al popolare, dalla canzone siciliana alla canzone napoletana.

  • Taormina. Controlli anticovid. La Polizia di Stato dispone la chiusura di 4 esercizi pubblici.

    Nei giorni scorsi, a Taormina, nelle zone della movida, sono stati intensificati i servizi anti-covid, volti al contrasto delle violazioni alla normativa vigente.

    Nel corso dei controlli, i poliziotti della Squadra Amministrativa del Commissariato di Taormina hanno rilevato che quattro bar del centro storico violavano le linee guida del protocollo per la riapertura delle attività economiche.

    Gli agenti hanno, pertanto, proceduto alla contestazione delle infrazioni riscontrate e alla chiusura provvisoria delle attività per 5 giorni, al fine di impedire la reiterazione dell’illecito.

    Nel corso della stagione estiva, verranno effettuati ulteriori controlli con l’obiettivo di prevenire e contrastare ogni forma di illegalità.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI