Taormina. La Professoressa Calabrese inaugura “Gli incontri sul Mediterraneo”

Taormina. La Professoressa Calabrese inaugura “Gli incontri sul Mediterraneo” In evidenza

Sabato 6 ottobre, nella saletta conferenze dell’archivio storico di Taormina, la Professoressa Maria Concetta Calabrese ha presentato, con dovizia di particolari, al pubblico intervenuto, la sua ultima fatica storiografica: Figli della città. Consoli genovesi a Messina in età moderna, Franco Angeli, 2018. L’evento è il primo di una serie di incontri che l’assessorato alla Cultura della Città di Taormina, retto dalla Professoressa Francesca Gullotta, dedica al Mediterraneo, come centro e crocevia di popoli e culture.

L’incontro della Professoressa Calabrese ha ricevuto il patrocinio del Comune di Taormina, quello della Camera di Commercio della Sicilia Orientale (Catania, Ragusa, Siracusa) e la sponsorizzazione da parte dell’Associazione Albergatori Taormina, presieduta da Italo Mennella.

L’assessore Gullotta ha aperto i lavori, mossa dall’intenzione di riattivare la sede dell’archivio storico – luogo importante per la città. Ricettacolo e custode di memorie unitamente alla biblioteca –, sito con una ricca e preziosa documentazione storica e bibliografica. Il ciclo di incontri-studio sul Mediterraneo sarà l’occasione per riavviare un dialogo tra gli studiosi, i cultori di storia patria e tutti coloro, che sono appassionati di storia e cultura. Le collaborazioni avverranno tra le varie università e gli enti, che scientificamente curano il recupero, la tutela e la possibilità di fruire delle memorie storiche e dei saperi del Mediterraneo. Importante a tal proposito, quanto espresso dalla Professoressa Calabrese ad introduzione: «Desidero un Mediterraneo aperto e navigabile. Luogo di confronto ed incontro tra le varie culture». Considerazione che ha dato l’opportunità al Prof. G. Vecchio, Direttore del Dipartimento di Studi politici e sociali dell’Università di Catania, di introdurre il testo della Calabrese, soffermandosi su taluni aspetti storico-giuridici: in particolare, quello dell’enfiteusi, posto in essere anche in Sicilia, come impulso ad un’imprenditoria agricola in cui il contributo dei genovesi è stato importante. Ospiti di riguardo, che in qualità di relatori hanno arricchito di spunti e riflessioni il pomeriggio all’archivio, sono stati: il Prof. Carlo Bitossi, Ordinario di Storia Moderna all’Università di Ferrara, nonché punto di riferimento per la ricerca archivista su Genova e il Dott. Gioacchino Barbera, già Direttore della Galleria Abatellis di Palermo. Il Prof. Bitossi che ha coadiuvato la professoressa Calabrese nella ricerca delle preziose fonti dell’archivio genovese, ha mostrato l’essenza di questo lavoro storiografico: un accesso imprescindibile su nuovi scenari sull’importanza e il contributo politico-economico, sociale e culturale che i genovesi diedero all’isola ed in particolare, alla fiorente città di Messina. La presenza genovese quindi non è solo in altre isole, quali ad esempio la Sardegna ma anche in Sicilia. Presenza confermata, già a partire dal XII secolo, che via via è andata intensificandosi, giungendo alla massima espressione, appunto tra il XVI e il XVII secolo. Una città Messina, importante snodo commerciale con l’Italia e gli altri luoghi del Mediterraneo. Messina, in perenne contesa con la capitale politica Palermo, ma non meno importantee nevralgica di quest’ultima.

Il medesimo concetto è statoribadito nella sua relazione dal Dott. Barbera, il quale ha mostrato attraverso l’arte e le committenze del periodo, il potere e l’influenza dei consoli genovesi. Il Dott. Barbera ha coadiuvato la Professoressa Calabrese anche nella scelta dell’immagine di copertina: la Madonna con Bambino di Cesare da Sesto (Il Milanese), opera del periodo che evidenzia un tema iconografico caro ai Genovesi: San Giorgio.

Il saggio di Maria Concetta Calabrese, docente di Storia Moderna presso il Dipartimento di studi politici e sociali dell’Università di Catania, è un itinerario puntuale sul consolato genovese a Messina, istituto politico al centro di una fitta rete di relazioni familiari ed economiche locali e sovralocali. Nel Cinquecento e nel Seicento l’espansione commerciale dei Genovesi fu, infatti, capillare in tutto il Mediterraneo e anche nella strategica Messina, porto fondamentale per l’esportazione della seta greggia, poi lavorata a Genova e in tutta Europa. Tra i vari consoli, è ricordato anche il genovese Francesco Cicala, che intrattenne stretti rapporti finanziari con il nobile taorminese Ascanio Marziani, giurato e fautore, nel 1609, della costruzione dell’ospedale di Taormina.

Il Mediterraneo e con esso la Sicilia appaiono pertanto, sotto l’aspetto geopolitico, fondamentali per approfondire ed aprire nuove vie alla ricerca della cultura d’Occidente, senza mai dimenticare la giusta visione ad Oriente.

Lisa Bachis

 

000
Letto 894 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Ulteriormente ridotte le corse urbane di Asm

    Da domani (25 marzo) saranno ridotte le corse per il trasporto urbano. L'azienda servizi municipalizzata della città del centauro, diretta dal commissario, Antonio Fiumefreddo, informa la gentile Utenza che in ottemperanza ai Dpcm del 9 marzo e del 22 marzo 2020 e alle Ordinanze contingibili ed urgenti del Presidente della Regione Siciliana n. 5 del 13 marzo 2020 e n. 6 del 19 marzo 2020, a partire da mercoledì, saranno ulteriormente ridotte le corse giornaliere di tutti i servizi di trasporto urbano. Sarà possibile consultare le nuove tabelle orarie di "Linea rossa circolare", "Linea verde ospedale Madonna della Rocca", "sostitutivo funivia di Taormina - Mazzarò", "Linea Beachbus", "Linea verde Taormina centro - Trappitello", nel sito di Asm: "www.taorminaservizipubblici.it".

  • TAORMINA. IL LOCALE CIRCOLO DEL PD ESPRIME PREOCCUPAZIONE PER LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DELLA CITTA’

    Preoccupazione per la condizione occupazionale e lavorativa della comunità di Taormina. In particolare per tutti i lavoratori del comparto turistico.  La esprime in una nota il circolo del Partito Democratico di Taormina.

    “In questo grave momento di stasi e preoccupazione per lo sviluppo degli eventi siamo chiamati all’osservanza ed al rispetto delle regole, non solo per la percettività degli obblighi imposti ma per il loro significato di presidio di solidarietà volto alla tutela dei più deboli. Ciò soprattutto per ricostruire, sin d’ora, un immediato domani economico, anch’esso oggetto di preoccupazione, con particolare riferimento alla condizione occupazionale e lavorativa della nostra comunità: guardiamo con innegabile apprensione, infatti, ai risvolti sull’intero comparto del turismo che Taormina rappresenta, soprattutto ai lavoratori stagionali, ai fruitori della NASpI, alle loro famiglie, che in questo momento vivono con grande inquietudine l’evolversi dell’emergenza, auspicandoci il rafforzamento di misure specifiche a sostegno del reddito e di promozione del settore che è oggi l’immagine di una Sicilia emancipata ed accogliente.”

    La nota del locale circolo del Pd prosegue ponendo l’attenzione sugli episodi di sensazionalismo e sciacallaggio che purtroppo si stanno registrando.

    “Constatiamo con amarezza, si legge,  che si sono diffuse, sin dai primi momenti, catene di false informazioni a carattere medico, del tutto inattendibili, notizie che speculano sui nostri crescenti diffusi timori e – peggio – complottismi che denunziano e sobillano contro malevoli poteri occulti, alimentando un dibattito politico a volte fuori luogo e spesso pretestuosamente anticomunitario. Tutto ciò confonde e disorienta: dobbiamo invece diffidare delle scorciatoie, anche intellettuali, ed affidarci alla competenza delle autorità politiche e sanitarie, attingendo dall’informazione proveniente dalle nostre istituzioni e da fonti verificate ed accreditate."

    Infine la vicinanza alle istituzioni chiamate in questo momento ad un ruolo così delicato.

    "Esprimiamo massima solidarietà alle Istituzioni civiche, che hanno prontamente dato corso alle prescrizioni emergenziali, attivando canali di comunicazione diretta ed un circuito di solidarietà – tramite il Centro Operativo Comunale – che invitiamo tutti i cittadini a sostenere; siamo consapevoli della necessità di ripartire, domani, con misure economiche peculiari, compatibili con le discipline vigenti ed il percorso di risanamento intrapreso, e con attività promozionali specifiche, rivolgendo al Tavolo tecnico l’invito alla massima collaborazione ed ascolto di tutte le parti sociali. Tra i molti dubbi di questi recenti giorni, ci rassicura la convinzione di essere un popolo in grado, per arte ed inventiva, di alimentarsi con inaspettate energie, perciò, con il contributo di ciascuno, non v’è alcun dubbio che ce la faremo.”

  • TAORMINA. Il Teatro Antico illuminato dalle luci del Tricolore d’Italia

    “Coraggio Italia!”. E’ il messaggio che arriva dalla Sicilia, dove il Parco Archeologico Naxos Taormina, ieri sera sabato 14 marzo, ha acceso il Teatro Antico con le luci del Tricolore sullo sfondo dell’Etna. “Nell’ora più buia – ha detto il direttore del Parco, l’archeologa Gabriella Tigano – un invito alla speranza da uno dei monumenti simbolo dell’arte e dell’ingegno dell’Umanità”.

    Definito da Goethe “il più bel palcoscenico del mondo”, il Teatro Antico di Taormina nei mesi scorsi ha registrato, insieme agli altri siti del Parco (Museo di Naxos e Isola Bella) un consistente aumento di visitatori: quasi 21mila a febbraio (+57% rispetto al 2019, quando si fermarono a 13.266, fonte Aditus). Un trend positivo interrotto solo dallo stop dell’emergenza sanitaria che ha azzerato il turismo su scala globale.

     Chiusi i siti e il museo – disinfestati e sanificati in questi giorni– il Parco Archeologico Naxos Taormina continua a raccontare i suoi monumenti attraverso i social, con focus giornalieri sui reperti del museo e sulla storia dei singoli siti archeologici.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI