Taormina e gli “Incontri del Mediterraneo”. Caravaggio a Messina di Valentina Certo

Taormina e gli “Incontri del Mediterraneo”. Caravaggio a Messina di Valentina Certo In evidenza

L'Assessorato alla Cultura della Città di Taormina, il 16 Novembre scorso, presso la sala conferenze dell’ex convento di S. Agostino, ha proposto il secondo degli "Incontri del Mediterraneo". Un ciclo di conferenze, e approfondimenti sulla storia del Mediterraneo, organizzato dal Comune di Taormina e in particolare dalla Professoressa Francesca Gullotta, assessore alla Cultura, in sinergia con studiosi, università ed enti di ricerca. Valentina Certo, ha offerto agli intervenuti il suo Caravaggio a Messina. All’incontro, era presente l’editore Pierangelo Giambra.

Il Mediterraneo si attesta, una volta di più,come crocevia di popoli e culture. Non solamente “mare”, ma strada che apre a nuovi collegamenti durante le varie epoche storiche. La Sicilia per la sua strategica posizione geopolitica, è isola e ponte tra Oriente e Occidente; luogo imprescindibile per qualunque analisi storiografica. L’incontro con Valentina Certo è una delle tappe all’interno di un viaggio che si snoderà toccando storia, arte, letteratura. Viaggio inaugurato dalla professoressa Maria Concetta Calabrese e che proseguirà con il contributo di altri studiosi. L’indagine della dottoressa Certo – condotta con dovizia oratoria e trasmessa con passione ed entusiasmo – si è concentrata sulle peregrinazioni, in lungo e in largo per il Mediterraneo, fatte da Michelangelo Merisi, detto “Il Caravaggio”. Ma soprattutto, ha offerto, al pubblico, spunti di riflessione sui motivi che hanno spinto il pittore – sul finire del 1608 – in fuga da Malta, a giungere in Sicilia, soggiornando prima a Siracusa e poi fermandosi per quasi un anno a Messina.

La dottoressa Certoha tratteggiato la complessa figura di Caravaggio, definito “pittore dal cervello stravolto”. Espressione ritrovata in un documento privato di uno dei suoi committenti di Messina, Nicolò Di Giacomo, usata dalla studiosa, per sottolineare come il temperamento dell'artista nella città di Messina fosse inquieto, di uomo tormentato e in fuga; tanto da imprimere nelle tele il suo dramma, la sua voglia di salvezza, tramutata in un continuo contrasto tra la vita e la morte, il nero e la luce.

Caravaggio, anima in fuga dal 1606, in estremo tormento per le condizioni di una vita errante, da latitante fuggiasco, è stato un artista rivoluzionario nonché un genio maledetto:questo, il suo destino.  Lo studio della Certo, sul soggiorno messinese, ha gettato nuova luce sul rapporto tra il pittore e la Sicilia; ed in particolare,sul lascito di Caravaggio a Messina. La “Città dello Stretto” – centro di economia fiorente nel XVII secolo e vivaio culturale – è punto nevralgico per scambi commerciali e umani. Una bellezza che gioca in rivalità con Palermo, rende Messina luogo ambito per uomini d’affari, mecenati e artisti. Caravaggio ha avuto sempre punti di contatto affettivo e intellettuale con la Sicilia, sin da quando andava a bottega come apprendista, da un maestro di origini siciliane, oppure nel suo incontro col giovane artista ed allievo siracusano,Mario Minniti, che gli fece da modello per il suo Bacco e che lo ospiterà durante il soggiorno siracusano. La dottoressa Certo ha valorizzato la figura del Merisi, mettendo in luce i suoi rapporti con la generosità meridionale e siciliana. Descrivendo un luogo che per sua essenza è aperto all’accoglienza dell’altro. Caravaggio, la cui fama lo precede, è richiestissimo per la sua opera,distruttrice dei canoni della pittura nata con la Controriforma. Lui è l’uomo della “pittura a risparmio”, dove dai fondali della mestica affiorano figure di umili e derelitti, che chiedono dignità per il dolore a cui la vita li ha sottoposti. I suoi santi ed i suoi martiri, le sue Madonne e le sue figure d’eroe, sono strappati con forza dalle tele dell’idealismo religioso, per essere scaraventati nel gorgo della vita che corrompe e decompone ogni cosa. Caravaggio è un naturalista; egli è un “Galileo” della pittura. Mostratutta la santità dell’uomo umile; che ha dentro di sé la scintilla del divino, nascosta sotto un costato pesto e martoriato. Caravaggio a Messina, di Valentina Certo, ci restituisce una parte fondamentale del percorso umano e artistico compiuto dal Merisi, spesso tralasciato, oppure affrontato marginalmente dagli studi sino ad oggi condotti. Caravaggio a Messina, Giambra Editori, vede l’artista, impegnato nell’esecuzione di commissioni anche per i ricchi mercanti genovesi, presenti a pieno titolo in quel periodo, e certifica l’attenzione degli ambienti culturali e politici verso l’antica Zancle.

Lisa Bachis

000
Letto 460 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Il Piccolo Coro Città di Taormina ha festeggiato con il pubblico 14 anni di meraviglie

    Un compleanno festeggiato con tutta la CittàDomenica 7 Agosto 2022, la sala ‘A’ del Palazzo dei Congressi di Taormina, era piena di persone allegre e festanti, in perfetta sintonia con un giorno augurale.

    Il Piccolo Coro Don Bosco ha dominato la scena con il tradizionale appuntamento musicale, il CONCERTO D’ESTATE, per festeggiare il suo 14º anno di attività. Lo spettacolo che ha avuto luogo, non è stato un semplice concerto canoro ma un’esplosione di giubilo e bravura da parte degli allievi, diretti come sempre magistralmente dal Maestro Ivan lo Giudice.

    L’evento inoltre ha ospitato una raccolta di fondi a favore dei bambini e delle scuole della Guinea Bissau.

    Senza scordare la puntuale ed effervescente conduzione dell’attrice Anna Maria Raccuja e della cantante Laura Lo Re, entrambe madrine di questo appuntamento, entrato di diritto nella tradizione cittadina.

     

    Un lavoro lungo 14 anni colmo di successi – L’attività del Piccolo Coro è stata un lungo e laborioso percorso di un insieme di persone – dagli allievi avvicendatisi a quelli in ingresso – che ha visto crescere e maturare nella voce e nella formazione personale tanti bimbi divenuti adolescenti che, visti dall’esterno, appaiono armoniosi come un unico organismo. Bravura, metodo, disciplina, unite alla gioia della condivisione al crescere dell’amicizia, al saper fare squadra e al saper stare insieme agli altri. Una sfida continua che il Maestro Ivan Lo Giudice ha saputo e sa portare avanti con pazienza e determinazione come un padre farebbe con i propri figli.

    Sì, perché il Piccolo Coro è una grande famiglia. Cambia è vero, ma nell’animo resta tale e indivisibile nonostante nuove nascite e altrettante partenze. Una famiglia che coinvolge tutti, dai bambini ai genitori, da chi dirige, a chi lavora dietro le quinte, per dare modo a tutti noi di battere le mani, ballare e cantare insieme a loro. Una festa del cuore. Un cuore immenso quello del Piccolo Coro, esso rappresenta una delle belle realtà della nostra Città di cui andare fieri.

    Taormina ha sempre avuto un tessuto fatto di trame di teatro, di danza, di musica e di canto. Le nostre radici sono fatte di voci e di note e dunque non possiamo che essere felici di vedere i nostri bimbi e i nostri ragazzi offrirsi nel canto.

    Il Piccolo Coro Don Bosco Città di Taormina, ha portato in giro il cuore di noi tutti sino a far commuovere, con una toccante esibizione dell’Inno d’Italia, quello del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nella sua ultima visita a Taormina durante il Taobuk Festival.

     

    Il potente valore pedagogico della musica e del cantoMaria Montessori soleva dire: «Il più grande segno di successo per un insegnante è poter dire: i bambini stanno lavorando come se io non esistessi».

    Ecco che l’insegnante, in questo caso Ivan Lo Giudice, ha saputo dare lungo il corso di questi 14 anni un metodo che sarà d’ausilio per il resto delle vite degli allievi. Senso di responsabilità e crescita affinché i semi di oggi germoglino, dando i frutti di domani. Sempre la Montessori diceva che «il bambino è una sorgente d'amore; quando lo si tocca, si tocca l'amore».

    Questi giovani frutti hanno trasmesso messaggi di amore per la terra, per il mondo e tutti gli esseri viventi; amore per i propri affetti e grande senso dell’amicizia. Hanno cantato i temi della solidarietà e del rispetto per l’altro e per le differenze che ci rendono tutti speciali. Hanno ballato per omaggiare le mamme e i loro cari. Sono di esempio soprattutto per noi cosiddetti “adulti”, che troppo spesso scordiamo il nostro autentico lato fanciullo e ci allontaniamo dagli autentici valori che ci rendono degni di essere considerati esseri umani.

    Chi ha avuto modo di assistere ai concerti del Piccolo Coro, sa quanto amore ci sia in ciascuno di questi piccoli scrigni. Essi sono la parte migliore di noi. Anche Don Bosco era convinto che «l’educazione è cosa del cuore» e va trasmessa con dedizione e gioia, poiché «la gioia è la più bella creatura uscita dalle mani di Dio dopo l’amore». Egli esortava i suoi ragazzi e amava dire: «Camminate coi piedi per terra e col cuore abitate in cielo».

    Tanti tanti auguri Piccolo Coro, donaci ancora sorrisi e speranze!

     

    I partner del Piccolo Coro che hanno contribuito alla realizzazione del concerto sono:

    Banca Credito Cooperativo Pachino; Associazione Albergatori Taormina; Jonica 2001; Pharmawell; Flumen Alley; Rosaria Trimarchi Events; Secom; NAXOS FOODS; RhinoCorp.

  • Dal 19 al 24 luglio si accendono i riflettori sull’edizione 2022 di TAOMODA WEEK

    TAORMINA - Si accendono i riflettori sull’edizione 2022 della TAOMODA WEEK, in programma a Taormina dal 19 al 24 luglio, patrocinata, tra gli altri, dal Ministero della Transizione Ecologica, da Confindustria Cisambiente, dalla Regione Siciliana e dagli Assessorati regionali delle Attività Produttive, del Turismo, Sport e Spettacolo, dei Beni Culturali, dalla Camera Nazionale della Moda Italiana, da CBI Camera Italiana Buyer–The Best Shop, dal Comune di Taormina, dal Parco Archeologico Naxos Taormina e dall’Università di Catania.

     

    Ricco il calendario degli eventi della rassegna, che culmineranno nella notte dei Tao Awards il 23 luglio in occasione del Gala in programma al Teatro Antico di Taormina.

     

    Conferenza d’apertura il 19 luglio a Taormina nella sala affreschi di Palazzo Calanna-La Baronessa.

     

    Si proseguirà il 20 luglio con Voci di donne a confronto – I vini dell’Etna attrattiva turistica del territorio, talk ospitato al Museo Palazzo Ciampoli. L’incontro, oltre a celebrare i cinquant’anni di Fisar (Federazione Italiana Sommelier) alla presenza del presidente Luigi Terzago, darà voce al mondo dell’imprenditorialità femminile. Tra i panel, a seguire, la presentazione del libro “Emirati nulla è impossibile – Guida al nuovo centro mondiale del business” di Giovanni Bozzetti, vicepresidente nazionale Confindustria Cisambiente.

     

    Il 21 luglio, sempre a Palazzo Ciampoli, sarà la volta del Sustainability Day, seconda edizione della giornata della sostenibilità istituita in Sicilia nel 2021: in mattinata la masterclass che coinvolgerà gli studenti dell’Università di Catania in un dibattito dove si alterneranno gli esponenti del mondo accademico, delle istituzioni e delle aziende impegnate sul fronte green. Nel pomeriggio in programma una tavola rotonda, tra i relatori Maria Rita Grieco (RAI TG2), tra gli ospiti Ludovica Casellati Founder Luxurybikehotels.com e Antonio Quirici Presidente Cuoio di Toscana.

     

    Il 22 luglio debutterà, nella terrazza della biblioteca comunale di Taormina, Taomoda Caffè Confidential, nell’ambito del quale i giornalisti e influencer Andrea Batilla e Mariella Milani presenteranno i loro rispettivi libri “L’alfabeto della moda - Il mondo della moda di oggi in 26 lettere” e “Fashion confidential. Quello che nessuno vi ha mai raccontato sul mondo della moda”.

    La giornata si chiuderà con il Charity Dinner promosso dalla Fondazione Onlus “Smile House”.

     

    La sera di sabato 23 luglio l’atteso Gala Taomoda Awards al Teatro Antico, presentato dalla giornalista di La7 Cinzia Malvini, durante il quale saranno consegnati i Tao Awards riservati ai personaggi della moda, della musica, del giornalismo, della televisione, della medicina e per la prima volta i Sustainabilty Awards, lo speciale riconoscimento dedicato al tema della sostenibilità.

     

    Tra le anticipazioni, per moda, insigniti quest’anno con il TAO Fashion Digital Award Cividini, Mario Dice e Alessandro Enriquez. Questi brand, che hanno già calcato in passato il palcoscenico del Teatro Antico per Taomoda, hanno scelto di ritornare sul palcoscenico del prestigioso evento per mostrare dal vivo le proprie collezioni dopo aver optato lo scorso febbraio per un format digitale inserito nel calendario ufficiale della fashion week milanese.

     

     

     

     

    Ad Alessandro Enriquez, che farà sfilare come Cividini in anteprima la SS 23, spetterà il compito di aprire la serata nel segno della continuità, avendo chiuso l’edizione precedente del Gala.

     

    Presenti anche i marchi selezionati per il TAOMODA SICILY, un incubatore di eccellenze che riunisce i brand potenzialmente in grado rappresentare al meglio ed esportare il Made in Sicily, il craftmanship tipico dell’isola e le sue secolari tradizioni artigianali.

     

    Tra i TAO AWARDS, anticipati i nomi di alcuni dei premiati: Mariella Milani per la carriera, Luca Dini – Direttore F- per il giornalismo, Noemi per la musica, Gilda Bojardi - Direttore di Interni – per il design, Valentina Curzi e Cuoio di Toscana per il Sustainability Day, Francesca Vaccaro – Coutū, per la moda sostenibile e Max Vadukul per la fotografia. Gli altri premiati saranno resi noti a Taormina nella conferenza d’apertura del 19 luglio.

     

    “Ci aspetta un’edizione all’insegna della consapevolezza e della ripartenza – commenta Agata Patrizia Saccone, Presidente di TAOMODA – un format rinnovato, che porrà al centro l’empowerment femminile e la sostenibilità. Come donna sono orgogliosa di poter mettere a disposizione di altre donne un palcoscenico d’eccezione come questo. Oggi più che mai è importante supportare i nuovi talenti e un settore come la moda che, pur in sofferenza, continua a lottare per un futuro più green e che ha saputo reinventarsi con orgoglio, puntando sul valore del Made in Italy”.

     

    Il progetto di promozione turistica TAOMODA ON BOARD vedrà inoltre le celebrity e gli ospiti della manifestazione veleggiare verso l’isola Bella a bordo dell’esclusiva barca a vela Ashley Rose per godere appieno della riserva naturale e dei paesaggi che circondano la Perla della Jonio.

     

     

    THANKS TO: Regione Siciliana Assessorato delle Attività Produttive, Regione Siciliana Assessorato regionale Turismo Sport e Spettacolo, Regione Siciliana Assessorato Beni Culturali, Parco Archeologico Naxos Taormina, Comune Taormina, Confindustria Cisambiente, Ministero della Transizione Ecologica, Università degli Studi di Catania, Camera Nazionale della Moda Italiana, Camera Buyer Italia-The Best Shop, Cuoio di Toscana, Wella, Orografia, Plastica Alfa, Grand Hotel Miramare, Villa Fiorita Boutique Hotel, Hotel Metropole, Baronessa Taormina, Associazione Albergatori Taormina, Parisi Taormina, Fondazione Smile House, CDO Sicilia, Menea, Fisar, Fildis, Mondadori Bookstore Piazza Roma Catania, AshleyRose110, Magic Travel, Frida Viaggi, Altrameta, Tenuta Monte Gorna, Vivera, Irene Badalà, Palmento Costanzo, Cantine Russo, Barbadoro, Osteria Villa Zuccaro.

    Photocredits: Gabriele Argentino e Daniele Di Costa.

     

     

    Per maggiori informazioni e accreditation request:

    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  • Taomoda celebra i Tao Awards il 23 luglio 2022 al Teatro Antico diTaormina
    TAORMINA - Il 23 luglio TAOMODA consegna i TAO AWARDS.
    Celebrities della moda, del design, della fotografia, del giornalismo, della televisione, della cultura si incontrano su uno dei palcoscenici più ambiti e suggestivi al mondo per celebrare i prestigiosi TAO AWARDS durante l'esclusiva serata di Gala al Teatro Antico di Taormina.
    Un evento di due ore intervallato da momenti di premiazione, con la consegna dei TAO AWARDS, spettacolo e momenti moda con le sfilate degli stilisti protagonisti della Milan Fashion Week che giungeranno appositamente a Taormina per presentare sul palcoscenico di Taomoda le preview delle collezioni.
     
    PRESENTA Cinzia Malvini
     
    Prenota qui il tuo invito per garantirti il tuo posto nella storica gradinata del Teatro Antico di Taormina e accedere gratuitamente all’evento.
     
     
    Comunicato da ufficio stampa Taomoda

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI