Stampa questa pagina
Foto di Oreste Lo Basso Foto di Oreste Lo Basso

“Etna ‘ngeniousa” all’ultimo appuntamento 2018 di “Un libro da bere” In evidenza

Domenica 18 novembre, si è chiusa la stagione 2018 di “Un libro da bere”. I ragazzi de Il Vicoletto Wine Bar di Taormina, sono i primi che desidero ringraziare. Quando gli proposi l’idea di un aperitivo letterario, un po’ fuori gli schemi, in un luogo dove poter chiacchierare di libri, arte, cultura, seduti al tavolo di un localino, Francesco Privitera e Giovanni Elia hanno sostenuto il progetto. Desidero ringraziare Alessandra Caltabiano titolare di Narcisse Profumi Taormina. Anche lei entusiasta, perché ha visto quanta passione ci stessi mettendo. Ringrazio il circolo letterario “Pennagramma” per aver patrocinato l’iniziativa insieme all’associazione “Etna ‘ngeniousa”. Ringrazio Caterina Lo Presti per la grafica e le locandine, senza dimenticare Antonio Sterrantino che ha fornito l’amplificazione. Un “grazie speciale” va al giornale “JonicaReporter” e al direttore Valeria Brancato, amica dal cuore grande.

L’apertura di questo articolo è canonica, come introduzione va bene. Adesso però mi tocca cambiare registro perché raccontare ciò che è accaduto domenica 18, è compito di un narratore.

Ero nervosa, domenica. Non stavo neanche tanto bene fisicamente, e il mio fisico acciaccato dettava, in parte, i ritmi dell’umore. Per me “Un libro da bere” non è stato soltanto un modo per far tornare a sentire la mia voce, a Taormina, dopo un lungo periodo di assenza. Il mio, sin dall’inizio, è stato un regalo – l’ennesimo – alla mia Città. Desideravo offrire uno spazio a chi, noto e meno noto, desiderava aprirsi alla conversazione spontanea sul complesso mondo della letteratura, e non solo. Non volevo essere un impiccio per altri. Anzi, per evitare, polemiche e diatribe, ho scelto di investire energie e soldi miei per far partire il progetto. Non ho chiesto spazi pubblici e persino nella scelta del giorno – la domenica – e dei periodi, ho fatto in modo di non andare a inserire eventi, sovrapponendoli a quelli di altri. Ho mantenuto un atteggiamento rispettoso verso tutti. Il mio desiderio è sempre stato quello di dare un contributo. Devo dire che la formula proposta, è piaciuta tanto. Sono felicissima quando i miei ospiti mi dicono che si sono sentiti circondati da calore e gioia come fossero in famiglia. Si può parlare di libri e cultura, ovunque, io ho scelto di farlo a modo mio. “Un libro da bere”, partito a gennaio di quest’anno, è stato un percorso bellissimo, carico di umanità. Mamma mia, quanti cuori ho sentito battere durante gli incontri! Quante esperienze abbiamo condiviso. “Un libro da bere” tornerà, a marzo 2019, con un calendario già pieno. Io e i miei amici, quelli che mi sono accanto in questa avventura, abbiamo deciso di scommettere su questi incontri e sul luogo.

Il Vicoletto Wine Bar, per me, non è solo un locale accogliente in un angolo suggestivo di Taormina; è un punto di riferimento nel mio quotidiano. Un luogo del cuore. Vado a prenderci il caffè o l’aperitivo, oppure ci faccio uno spuntino veloce e sono tra amici. Ecco, ciò che desideravo! “Un libro da bere” è un modo per trasmettere amicizia e solidarietà. Condividere passioni e delusioni. La cultura e i libri non sono termini astratti, ma sono carne e sangue di persone. “Un libro da bere” è il mio contributo ad “Essere più Umani”.

Domenica era la chiusura. L’ultimo incontro. Ero contentissima perché i ragazzi di “Etna ‘ngeniousa” erano gli ospiti. Quanto affetto ho per queste meravigliose persone! Matilde Russo ed Oreste Lo Basso, la mamma e il papà di “Etna n’geniousa” ospiti a “Un libro da bere”. Matilde avrebbe introdotto, illustrando le attività dell’associazione. Oreste avrebbe preso spunto dall’Atlante Geografico De Agostini per parlarci del viaggio e dei viaggi come forma di conoscenza. Avevamo predisposto tutto. Il cocktail era un nero dell’Etna e c’era anche una sorpresa. Oreste ed io avremmo omaggiato lo scomparso Stan Lee, il papà di tanti supereroi, parlando del mondo dei fumetti.

Inviti a raffica; promemoria. Tanti assensi e numerose assenze. Stavolta, troppe! Inutile dire, che sì, ci sono rimasta male. Non per me, s’intende, ma per loro. Ho provato profonda vergogna. Mi sono scusata. E vi assicuro che anche Francesco e Gianni erano dispiaciutissimi. Quando ti aspetti tanta gente, perché sai che alla chiusura di un evento, ci saranno tutti. Quando sai che gli amici ci saranno, per forza, perché per te è importante. Quando sai…

Che fare? Ero dispiaciuta perché anche Matilde e Oreste, reduci da intense giornate di lavoro erano lì “perché mi vogliono bene” e per “la Bachis si fa”. Stavamo tutti male. Matilde con la tosse, Oreste raffreddato cotto. Io piena di dolori e con gli occhi lucidi di febbre. Sì, avevo la febbre domenica! Ridevamo perché sembravamo un lazzaretto e poi stavamo, lì, in attesa che qualcuno arrivasse.

Ho imparato che fa parte del gioco e che se ci si impegna e si offre un servizio, ci si deve essere fino alla fine. Sono stata ricompensata anche stavolta. È venuto Enrico, è venuta Sara e poi si è aggiunta Tanina. Eravamo pochi, ma eravamo giusti per apparecchiare una tavola. Ci siamo seduti insieme. Chi ha ordinato il vino, chi ha preso un digestivo, o la camomilla. Biscotti e stuzzichini, “Un libro da bere” ha preso ritmo. Io ho ordinato del Marsala. Le risate, le battute. Ci siamo raccontati, abbiamo condiviso percorsi di vita. La cultura si è sapientemente mescolata alle nostre umane esperienze. Eravamo amici felici di esserci. Matilde col vino e la bruschetta. Io che rubavo i biscotti con la Nutella a Oreste. Sara che faceva domande su tutto. Enrico che rideva, ci guardava e chiedeva informazioni. Francesco e Giovanni, solerti come sempre, che ridevano pure loro ai nostri aneddoti. Tanina che parlava dei suoi viaggi. Ad un certo punto, mi sono fermata ad osservarli. Quanto erano belli! Mi veniva da piangere per la contentezza. “Un libro da bere” era giunto all’ultima puntata del 2018. Una puntata che avrei dovuto assolutamente narrare. Il finale, poi, degno di una storia a parte. Tanina ha elencato le benefiche virtù dello sciroppo al Sambuco e ne ha fatto dono ad alcuni di noi. Vi assicuro che è un elisir miracoloso!

“Un libro da bere” è stato un successo che tornerà il prossimo anno. In nome dell’amicizia, della passione e di quella carica umana che salverà il mondo dall’arida superficialità. Grazie di esserci stati; ci ritroviamoalla prossima puntata!Stay tuned and Cia Putemu fari!

Lisa Bachis

000
Letto 294 volte

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI