Giornalismo e Comunicazione, il professor Francesco Pira ritira il Premio Karkinos 2018

Giornalismo e Comunicazione, il professor Francesco Pira ritira il Premio Karkinos 2018 In evidenza

Stasera abbiamo avuto la certezza che Agrigento ha le eccellenze per essere un città ponte al centro del Mediterraneo. Può guardare l’Europa. Quell’Europa dei Popoli che voleva raccontare Antonio Migalizzi, un giornalista che era riuscito a realizzare il suo sogno ucciso da un fanatico assassino”.  Il lungo applauso dopo queste sentite parole fa emozionare ancora di più il professor Francesco Pira, sociologo, docente universitario e giornalista, che ha ritirato sabato 15 dicembre 2018 ad Agrigento il Premio Karkinos 2018 per la sezione Giornalismo e Comunicazione ad Agrigento, nello Spazio Temenos della Chiesa di San Pietro, in via Pirandello, nel cuore della città dei Templi  Il Premio Karkinos è stato assegnato  alle eccellenze del territorio che si sono affermate anche fuori dai confini della provincia agrigentina.

I premiati 2018 che sono sfilati sul palco sono: Sport Stefano Castronovo, Teatro e Cinema Nino Bellomo, Imprenditoria Fratelli Cimino, Musica, Daniele Magro. Giornalismo e Comunicazione, Francesco Pira,  Arti Figurative, Sergio Criminisi; Medicina, Giovanni Ruvolo; Legalità Questore Maurizio Auriemma, Premio Speciale Solidarietà e Impegno Sociale ad Aldo Lo Curto.

Menzioni special sono state attribuite ad Antonio Bellanca, campione italiano Bia Cous Cous, e a Sara Gallo e Mattias Lo Pilato del “Centro storico di Agrigento”.

Incalzato dalla conduttrice Elettra Curto, brava, disinvolta e capace di sostenere una serata ricca di emozioni e di energia, il sociologo Pira ha anche lanciato un appello ai genitori ricevendo un altro scrosciante applauso : “Non preoccupatevi soltanto quando i vostri figli escono da casa perché molti pericoli sono nascosti nello smartphone. Possiamo usare nel miglior modo le tecnologie ma le stiamo usando per tirare fuori tutta la nostra cattiveria”. Occhi rossi del professor Francesco Pira quando la motivation speaker Arianna Tornambè, al nono mese di gravidanza encomiabile e puntuale nel suo ruolo, ha scandito le bellissime parole della motivazione: “Per gli eccellenti risultati conseguiti nel suo campo in ambito nazionale e internazionale. Francesco Pira è un siciliano doc che ama la Sicilia e Agrigento che ha scelto di tornare nella sua terra per mettere a disposizione del territorio la sua esperienza. Nella sua carriera di docente universitario e giornalista ha saputo trasmettere la passione a numerosi allievi e ha affrontato in modo accessibile e assolutamente innovativo le problematiche della nostra società, avvicinandosi al grande pubblico con la sua capacità di comunicare in modo moderno e competente. Attento e scrupoloso studioso dei fenomeni legati all’uso ed all’abuso delle nuove tecnologie come il cyberbullismo e il sexting e l’allarme fake news. Non ha mai dimenticato il suo primo amore il giornalismo. Ha saputo creare con grandi capacità una rete positiva legata al mondo dell’informazione e costituisce un esempio di giornalismo libero e coerente nella nostra terra”.

A consegnare il Premio Karkinos a Pira l’onorevole Margherita La Rocca Ruvolo, parlamentare regionale.

Il premio Karkinos è organizzato dall’associazione culturale “Antiche tradizioni popolari” presieduta da Carmelo Cantone che al termine si è detto molto soddisfatto della riuscita dell’evento. Nel corso dell’evento per la consegna dei Premi suggestivi gli interventi artistici della cantante Alisia e dell’attrice Annagrazia Montalbano. Molto toccanti gli interventi di tutti i premiati che hanno raccontato storie straordinarie di impegno, passione e dedizione e ribadito il grande amore verso la Sicila.

 

 

000
Letto 164 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAOBUK. ANCHE IL SOCIOLOGO FRANCESCO PIRA TRA GLI OSPITI DEL FESTIVAL LETTERARIO

    Anche il saggista Francesco Pira, sociologo e professore di comunicazione all’Università di Messina, sarà tra gli scrittori ospiti del Festival Internazionale Taobuk di Taormina in programma dal 21 al 25 giugno 2019. Presenterà il suo ultimo lavoro PIRATERIE (Medinova) lunedì 24 giugno 2019 alle ore 11 presso la sede della Fondazione Mazzullo, Palazzo dei Duchi di Santo Stefano.

    “Sono felice di condividere questa soddisfazione con l'editore Antonio Liotta, con il Direttore del quotidiano La Sicilia, Antonello Piraneo, che firma la prefazione e con la docente e giornalista, Cristina Graziano che firma la postfazione. Ma soprattutto con tutte le persone che hanno comprato e letto il libro e lo hanno trovato interessante. Lo spazio a me riservato s'intitola "Il dediderio di esserci" ( https://www.taobuk.it/eventi/il-desiderio-di-esserci/ ) . Ringrazio il Direttore Artistico Antonella Ferrara (nella foto) per questa opportunità di parlare delle nuove tecnologie in una società in continuo mutamento. Converserò con il giornalista Emilio Pintaldi che ringrazio per la disponibilità. Taobuk è una vetrina internazionale di grandissimo prestigio e sono felicissimo di partecipare”. I diritti d’autore del libro PIRATERIE saranno devoluti alla LCIF Lions International Foundation per l’acquisto di vaccini per i bambini del Terzo Mondo.

    Il libro

    Le pagine dei giornali ed i servizi televisivi riportano quotidianamente episodi di cronaca, legati soprattutto alle conseguenze legate ad  un uso improprio della rete e delle nuove tecnologie. Eppure accade di rado che vengano proposti servizi, attraverso i quali  creare delle valide occasioni per riflettere su quanto esse abbiano effettivamente condizionato e/o modificato la quotidianità di ciascuno. Internet, Facebook, Instagram  e gli smartphone hanno  fornito nuovi codici e nuovi linguaggi che di fatto hanno impostato la comunicazione su ritmi prima impensabili ed impostato le relazioni su modalità di interazione, dettate dal qui ed ora, dal tutto e subito.

    In questo panorama, arriva come una meteora Francesco Pira, autore di “ PIRATERIE – riflessioni brevi di vita social” (Medinova pp. 136, euro 11), che in questo ultimo  libro ha raccolto 81 articoli, pubblicati  dal 17 gennaio 2017 al 16 settembre 2018, sul quotidiano “La Sicilia” in un’apposita rubrica, denominata PIRAterie, che ogni domenica si è meritata la Terza Pagina del giornale. E’ il primo volume che Pira pubblica con Medinova, l’intraprendente casa editrice di Favara, presieduta da Antonio Liotta. I due sono legati da una splendida amicizia che si è concretizzata anche in eccellenti collaborazioni culturali. La copertina è già tutto un programma. Appare la faccia di un PIRA..TA dagli occhi buoni magistralmente disegnato da uno dei più grandi artisti siciliani, Nicolo D’Alessandro, palermitano collaboratore di Repubblica, vero Maestro d’arte ed eccellente intellettuale. E’ riuscito a nascondere dietro la faccia di questo PIRATA l’autore, giocando con il suo cognome. La foto della quarta di copertina di Pira è una bravissima fotografa ed autrice di reportage straordinari in giro per il mondo, la taorminese Lidia Bolognari.

    Un testo che nella sua prefazione porta la firma del giornalista Antonello Piraneo, Direttore Responsabile Quotidiano La Sicilia, il quale sottolinea “l’importanza di questo volume che rappresenta non solo la compiuta raccolta di un anno di PIRAterie, ma soprattutto il momento di sintesi di un percorso intellettuale ed umano, nel quale chi legge si sente pienamente coinvolto. Un saggio interessante  ed originale per questo suo modo di porre la nostra società 2.0 e di porsi senza falsa retorica: le nuove tecnologie sono ormai parte di noi, caratterizzano la nostra quotidianità e garantiscono la fruizione personalizzata dei contenuti -sono le sue parole-. Francesco Pira da bucaniere «globalizzato» diviene protagonista di incursioni dell’intelletto che, con brio e un pizzico di ilarità, inducono  il lettore ad interrogarsi  sul suo rapporto con  i mezzi di comunicazione,  con gli smartphone, le applicazioni  per andare  insieme oltre il dato oggettivo che, supportato da solide basi teoriche, diviene occasione di una più approfondita analisi sociologica da vivere e condividere. Il piglio giornalistico regala istantanee nelle quali ciascuno ha la possibilità di rivedersi e, sorridendo, porsi delle domande”.

    Il testo è suddiviso in dodici sezioni che sottolineano i tratti salienti del mutamento sociale in atto, commentando gli articoli che vengono riportati, in modo da  offrire per ogni macro-area  una chiave di lettura per mezzo della quale invitare   il lettore a riflettere sui suoi comportamenti e in questo modo magari porsi in maniera critica nei confronti delle nuove tecnologie e della rete.

    “Ho ritenuto utile il contributo  che da giornalista oltre che da studioso e ricercatore -afferma  Francesco Pira-, ho potuto offrire attraverso degli articoli che siano capaci di restituire in modo semplice ed immediato gli oggetti delle mie ricerche così da scattare delle istantanee sulla nostra quotidianità, focalizzando l’attenzione su temi di grande interesse e che condizionano, seppure noi spesso non ne abbiamo consapevolezza,i nostri comportamenti e la nostra esistenza non solo di singoli individui, ma soprattutto le relazioni interpersonali”.

    E le ricadute sul tessuto sociale sono evidenti, come ha evidenziato Cristina Graziano, docente di Lettere e giornalista che firma la post-fazione: “il fatto di cronaca, il dato scientifico, una ricerca condotta in qualsiasi parte del mondo sono stati “vissuti” quali occasioni di approfondimento sociologico da restituire alle “masse” con un piglio giornalistico di effetto grazie ad un uso fluido della scrittura  e ad un tono a tratti scanzonato che, costruendo con padronanza situazioni comunicative leggere, porta il lettore, pure quello distratto, a riflettere. E così il professore Pira, da novello Orazio, “denuncia” i vizi umani con l’obiettivo di concorrere a sviluppare un nuovo ispirato ai criteri dell’equilibrio e della misura nell’impiego delle nuove tecnologie. D’altronde «In medio stat virtus» sostenevano già i latini e la propensione a guardare avanti, dettata dal progresso e dall’individualismo, talora ci induce a perdere il nostro «essere umano»”.

  • Quella piazza che accoglie in un abbraccio i sussurri della gente

    Piazza IX aprile a Taormina è un luogo d’incanto. La mattina presto lo è maggiormente. Non è del tutto deserta perché partecipa attivamente al risveglio della città ma c’è un sentire più attutito, come se si camminasse a piedi nudi su un morbido tappeto. Sul Corso inizial’attività umana, la piazza invece è un’oasi riparata e accogliente. I bar somigliano ad occhi sonnacchiosi, stropicciati dai camerieri all’opera, per servire caffè o colazione a chi decide una sosta prima di recarsi al lavoro. Tutto si mostra rallentato e sospeso in quest’angolo, che appare un’offerta votiva agli dei.

    «Il fianco orientale dell’Etna che vi si prospetta davanti, nevoso e fumante alla vetta: scosceso e nero per torrenti di lava nel pendio; poi a metà, intensamente verde per i boschi e le campagne che lo rivestono e che si digradano fino all’ombrosa valle dell’Alcantara, il cui solo nome ricorda il lungo soggiorno che v’ebbero gli Arabi. Poi ad occidente è tutto il prospetto della ‘Ntinnammari, dalla quale il Tauro si stacca colla vetta arsa e capricciosa, e a mezzodì, tutto il semicerchio della costa siciliana sul Jonio, da Giarre ad Acireale, a Catania e giù, giù, sino a Siracusa, oltre la quale talvolta, nella limpidezza di quell’orizzonte orientale si mostra la punta estrema del Capo Passero. E dopo, e sempre, e tutto all’intorno il mare; il mare immenso, senza limiti, vinto dalla immensità sconfinata del cielo!».

    Gustavo Chiesi pubblicava questo reportage per il “Secolo” nel 1889. Da allora, la costa ha intensificato la sua urbanizzazione e nonostante ciò, il profilo e la fisionomia di quel paesaggio hanno mantenuto intatta l’essenza dei luoghi. Luoghi che ancora oggi quella piazza, che accoglie in un abbraccio i sussurri della gente, offre al mondo. Si percepisce un’accoglienza materna, la mattina. Seduta sulla panchina scelgo di volgere le spalle al paesaggio per osservare il resto. Accoglie gli edifici circostanti, la piazza. La torre di mezzo col suo orologio; la chiesa di San Giuseppe; l’ex convento agostiniano sede della biblioteca e dell’archivio storico. Accoglie la ragazza che ha deciso di fare yoga ringraziando il Sole. Si mostra benevola nei confronti degli anziani che prima di andare al mercato a fare la spesa, si affacciano per un saluto al mare e qualche parola sugli ultimi accadimenti della politica nostrana. Pure il giorno della festa del Santo patrono Pancrazio, essa da buona madre accoglie i devoti che fanno affacciare il santo, per ricongiungere l’umano col divino, in riti collettivi senza tempo. Ha una grande anima questa piazza, che s’anima di speranze e raccoglie sussurri e silenzi. Nei borghi, nei luoghi della provincia, il sentimento popolare perdura a dispetto del tempo che passa. Qui i vicchiareddi ancora si siedono ‘ntochianu – la piazza – mentre i carusitti giocanoin mezzo ai turisti, che fanno a gara per postare il selfie migliore sui social. Qui,trovi stretti in un vincolo gli innamorati in un cerchio magico dentro una bolla sospesa sulla piazza. La piazza è generosa, accoglie e protegge. Di mattina si prepara. Anche gli alberi sono spettatori discreti della vita che si insinua tra i lastroni della pavimentazione e le superfici della ringhiera. Nella bella foto di Andrea Jakomin li si vede sull’attenti come gendarmi che stanno a far la guardia. Questi alberi, testimoni e custodi di memorie. C’è anima qui tutt’attorno a me. La luce del mattino non solo rischiara ma riscalda zone d’ombra che noi tutti ci portiamo dentro, chiuse a chiave.

    Lo scrittore Luigi la Rosa, spesso ha dichiarato che «Taormina gli ricorda le atmosfere parigine» e in particolare quelle che respira attorno a questa piazza. Lui lo dice ogniqualvolta viene in città: «Taormina è un luogo del cuore».

    Emanuela Ersilia Abbadessa ha scelto Taormina come ambientazione del suo ultimo romanzo,È da lì che viene la luce, ispirato alla vita di Von Gloeden e che sancisce il legame tra l’autrice e la città, in un anello di affetti che la accompagnano sin da bambina.

    La luce della Piazza cambia durante il giorno, e giorno dopo giorno non è mai la stessa. La foto di Jakomin la rivela in trasparenza. Una piazza in cui, di domenica, si sentono i respiri dormienti delle persone.

    Piazza IX aprile ha sempre accolto tutti, da buona donna del Sud. Li rivedo ancora quei due amici – che affacciati per guardare attraverso il cannocchiale – parlavano come solo loro sapevano fare.

    Un momento prima, Antonio ne tirava fuori una delle sue, sulla filosofia della “Beat generation” e provava a convincere Sergio della validità delle proprie argomentazioni, facendosi immancabilmente mandare a quel paese dall’amico di una vita. Perché tra amici veri, è così che si fa. Ci si sopporta amorevolmente. Li vedochiari e definiti nel ricordo, perché la piazza accoglie il mio e il ricordo di noi tutti; quelli che sono rimasti qui a raccontare e quelli che hanno scelto di andarsene, lasciandoci parole scritte.

    A me piace pensare che la piazza di tanto in tanto – dipende dalla luce e dal giorno – mi restituirà quelle immagini e quelle voci.

    Dedicato a Sergio Claudio Perroni.

    Lisa Bachis

  • Taormina. Riaperta al pubblico la cripta dell’ex chiesa del Carmine

    Giovedì 21 marzo, una nuova inaugurazione è avvenuta all’interno dell’ex chiesa del Carmine a Taormina. La cripta presente nell’edificio dove sono i resti del Putridarium è stata restituita alla pubblica fruizione.  Questa inaugurazione è stata preceduta da un’altra, quella della mostra fotografica di Gios Bernardi – medico e appassionato fotografo – che in “Gente cha va – Storie di emigrazione”, ha narrato, attraverso i suoi malinconici e struggenti scatti, il flusso migratorio del Sud Italia verso le terre promesse del Nord e di altri luoghi europei, quali la Germania o la Svizzera. Un reportage realizzato tra gli anni Cinquanta e Sessanta del XX secolo, nello svolgimento in “tre tempi”: partenza con “truscie e valige di cartone” dai luoghi d’origine, sino alle mete dove il sole è un lusso di luce pallida, e il profumo del mare – che trasporta cristalli di sale e aromi di alghe e pesci – diviene ricordo da appuntare dentro gli abiti, insieme alle fotografie dei propri cari. Le nostre regioni a Sud erano strette in un abbraccio di mani che si sfinivano di saluti, e occhi che si interrogavano sul futuro; i volti segnati da denti chiusi per lasciare spazio a pensieri pesanti e lacrime. La casa è casa, e mai come qui al Sud siamo radicati fitti fitti, attorcigliati attorno ai nostri rami che si fanno radici e si immergono nella terra e dentro il mare. Rami che si protendono e diventano mani per acchiappare il cielo. Perché il cielo, il mare e la terra, da noi, hanno colori netti e densi, tanto che si fa fatica ad affondarci dentro. Sono talmente forti e spessi che sembrano rimandarti indietro, ma noi siamo abituati a strappare briciole di pane dai granelli di sabbia e la nostra gente, in partenza, le radici se l’è strette al cuore anche se in quei momenti somigliavano a spine che bruciavano il costato. La mostra, a cura di Paola Bernardi, oltre alle immagini riporta parole: quelle del poeta Mario Beber ed è coallestita da Paola Bernardi e Manuela Baldracchi. L’esposizione sarà aperta fino all’8 aprile dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13, e dalle 15 alle 19.

    L’inaugurazione del 21 marzo scorso ha, dunque in un certo senso, completato un viaggio. Dalle scene di vita di generazioni di nostri parenti e amici, al viaggio “ultimo”; atto finale di un percorso esistenziale che ci ricorda come tutti siamo pulvis et umbra e che quelle radici, che non vogliamo sradicare, saranno nutrite da ciò che resta di noi. Ma sebbene, finito e mortale, l’uomo ha da sempre avuto l’esigenza di “essere” anche dopo la morte attraverso memorie e resti. La riapertura della cripta, è la restituzione alla fruizione di un’importante testimonianza del rapporto con i defunti e rende d’obbligo la riflessione sulla vita oltre la morte durante il corso degli eventi storici. «L’ex chiesa del Carmine» – ha sottolineato il Sindaco Mario Bolognari –, «è un edificio, del XVII secolo, in uso ai frati Carmelitani; distrutto durante i bombardamenti del luglio 1943, e restaurato negli anni ottanta del XX secolo, dopo che il Cavalier Zuccaro lo aveva acquistato per donarlo alla Città di Taormina». L’importanza di questa riapertura è stata ribadita anche dall’assessore alla Cultura Francesca Gullotta e dall’archeologa, la dottoressa Cettina Rizzo, che ne ha curato l’iter di restituzione. Inoltre l’auspicio e l’intendimento è proprio quello di avviare un percorso di recupero e valorizzazione delle altre cripte presenti in vari edifici religiosi cittadini, in collaborazione con l’arcipretura rappresentata da Monsignor Lupò. Si pensi alle cripte di Santa Caterina o a quella del Varò. Un percorso, che possa creare un nuovo circuito culturale, visto l’interesse per i Putridaria e la tradizione presente nell’isola, dove esempio a noi vicino è quello di Savoca.

    Un viaggio, quindi, che consenta di riportare alla luce un altro tassello della memoria storica di questa città dalle numerose stratificazioni.

    Interessante, a tal proposito, è quanto esposto dalla dottoressa Rizzo e che è stato puntualmente riportato sul pannello espositivo, posto nei pressi dell’ingresso alla cripta:

    La pratica funeraria delle sepolture nelle Cripte delle Chiese che si diffuse nell’Italia del Sud tra il XVII ed il XVIII secolo (e perdurò in alcuni casi anche nei secoli successivi), riservava un’attenzione speciale al trattamento prolungato dei corpi, procrastinando l’avvento della sepoltura definitiva.

    Alla piccola cripta posta al di sotto della pavimentazione della Ex Chiesa del Carmine, si accede attraverso delle scalette che introducono ad un piccolo ambiente rettangolare con copertura a volta. Esso mostra lungo le pareti una serie di nicchie provviste di sedili in muratura (colatoio a seduta) in cui venivano murati dei cantari (vasi a forma cilindrica) ciascuno dotato di un foro centrale. Il cadavere del defunto era collocato in posizione seduta in modo da far confluire i liquami prodotti dalla putrefazione direttamente all’interno del foro collegato ad una canaletta di scolo. Una volta che il processo di scolatura fosse terminato, che la decomposizione avesse fatto il proprio corso lasciando le ossa libere dalla parte putrescibile, i resti scheletrici del post craniale erano spostati nell’ossario, mentre il cranio, simbolo dell’individualità del defunto, era posizionato su di una mensola.

    Nello stesso ambiente è presente un altare, che testimonia come occasionalmente all’interno della cripta vi fossero celebrate funzioni religiose.

    Per chi volesse visitare la chiesa e la cripta, gli orari sono dal martedì alla domenica, 10-13 e 15-19. L’ingresso è libero, non si paga ticket, e si può accedere alla cripta in piccoli gruppi, non più di quattro o cinque persone.

    Lisa Bachis

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI