Foto Taoclik Foto Taoclik

TAORMINA. Il gruppo “Taoclick” fa di nuovo centro con “Obiettivo Sicilia” In evidenza

Venerdì scorso, il 14 dicembre, sono andata all’inaugurazione dell’ultimo percorso espositivo dell’associazione “Taoclick”: un gruppo di fotografi “made” in Taormina.

Non amo le inaugurazioni; a me piace girar per mostre, lontano da chiacchiere e riflettori. Tuttavia, qui, è stato come andare a trovare gli amici, per far gli auguri prima delle feste e scambiare abbracci ed impressioni con un bicchiere di prosecco in mano.

Il clima inaugurale della mostra “Obiettivo Sicilia” però non poteva che essere accompagnato da un brindisi sincero insieme a questi “ragazzacci impertinenti”, che hanno deciso di invadere digitalmente, a partire dal 2014, ogni angolo possibile di questa “buttanissima Sicilia”, parafrasando Buttafuoco; avviando un progetto che, sin dal suo incipit, non ha visto né vuole avere scritta la parola “Fine”.

Chi come me, quel pomeriggio ha ascoltato il Sindaco Mario Bolognari – il quale sottolineato come “Taoclick” rappresenti l’odierna espressione di quel gruppo di fotografi che dalla fine del XIX secolo ha costituito un modello in città ed in Europa – non può che ritrovarsi in ciò che è stato, anche in altre occasioni, ribadito.

C’è qui, un ulteriore legante, che rende il tutto più denso e di sostanza come lo sono i fotografi di “Taoclick”: il senso di amicizia. Quel sentirsi, con ostinazione, appartenenti a una comunità locale, che consapevolmente affonda le mani nella terra di un’isola. Terra che l’assessore alla Cultura Francesca Gullotta, traendo ispirazione da un saggio di Gesualdo Bufalino, ha specificato essere “isola plurale”.

Dal 2014 al 2018, i fotografi di “Taoclick”, si sono lanciati in 21 uscite, per andare a occupare pacificamente – armatidelle loro macchine fotografiche – i luoghi e prendere di mira la gente. Gente come loro, come noi: siciliani che, negli occhi e sulla pelle del volto e delle mani, hanno migliaia di anni di storia marchiati addosso. Secoli di storia e vite di persone che si ramificano sottopelle: le vedi pulsare dai capillari sottili alle vene più grosse del collo. Ci sono cinque anni di lavoro, che Roberto Mendolia – una delle anime “in pena” di questo variegato gruppo – ha detto essere “in itinere”, ed aggiungo io anche “in fieri”, dato che se ne vede l’inizio ma si rimanda a data da destinarsi, la fine.

“Obiettivo Sicilia” è nato quando “i ragazzacci” hanno deciso di intraprendere questo viaggio per dare un contributo alla storia di questa terra. Il presidente Ernesto De Luna, lo vedrete in eterno movimento – sembra il pendolo di Foucault – pronto a darsi da fare. C’è, poi, il segretario organizzativo, Alfio Barca che con meticolosità certosina prepara le invasioni digitali; e ne sto citando solo alcuni perché vi consiglio di andare a vederla la mostra, per leggere non solo i nomi di tutti, ma anche i loro “racconti per immagini”.

Ci sono 69 fotografie, in un allestimento espositivo curato che invita a soffermarsi sul dettaglio e sulla visione d’insieme, per ritornare a decifrare la traccia lasciata da ciascuno di loro. Chi visiterà l’esposizione, vorrà tornarci. Leggere queste microstorie in un macro universo, richiede la volontà d’intraprendere un viaggio per compierne tanti; uno differente dall’altro. Il bianco e nero è la scelta obbligata per la stampa. Qui le parole sono fotogrammi, che rincorrono versi di antiche tradizioni. Il canto risulta essere corale e l’allestimento nell’ex chiesa del Carmine apre la scena su drammi e commedie. Si è sì spettatori, ma si esce che si è divenuti attori, in un teatro di vite umane come le nostre. Si percorrono gli spazi dell’allestimento e si sosta nelle piazze. Ci si ritrova a chiacchierare con la gente di quei luoghi, che sono i nostri luoghi: comunità nella comunità.

“Obiettivo Sicilia” è viaggio, nel senso di un andare lento e meditato; è percorso che avvia verso una destinazione che si sa bene non essere l’ultima e nemmeno la prima. È ritorno che già prelude a nuove partenze o necessita di altre ripartenze. Tutto in uno spirito di amicizia condivisa, con l’obiettivo di mettere a fuoco quella crepa che potrebbe trasformarsi in una finestra da cui ammirare nuvole basse ed erba che cresce. Pietre che rilasciano suoni di venti armoniosi. Sussurri sibilati da case e sguardi che appaiono apparentemente vuoti,e invece sono traboccanti di profezie.

“Obiettivo Sicilia” imprigiona in legacci di senso e sentimento la Sicilia che è stata; la rende libera di essere ciò che è. Infine, regala visioni di ciò che potrebbe essere. La Sicilia e i siciliani, da sempre, col bisogno di raccontare per non essere consegnati all’oblìo.

“Obiettivo Sicilia” è un lascito a chi c’è, e a chi ci sarà dopo. Questo dono che potreste trovare in una scatola di latta, dove i nostri cari conservavano lettere ingiallite e fotografie. Ricordi brancolanti alla ricerca di luce e di occhi che sappiano vedere. “Taoclick” e i suoi “ragazzacci” ci stanno regalando questo: una porzione della nostra comune memoria. Perché senza memoria non meritiamo di definirci umani. La memoria, tuttavia, necessita di un gran cuore che sappia custodirla, poiché senza il cuore non può esserci memoria. Dunque, senza cuore né memoria,saremmo destinati ad una vita priva di bellezza.

Lisa Bachis

000
Letto 355 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA, UNA NUOVA RIFLESSIONE SULLE POLITICHE TURISTICHE

    Da meta del Grand Tour a capitale del turismo, Taormina si offre come paradigma delle criticità che attanagliano il turismo nell’isola ma anche come possibile modello virtuoso per il rilancio del settore. Partendo dalla realtà locale il prof. Filippo Grasso nel volume “Turismo: governare il territorio, gestire le risorse, promuovere la destinazione”, edito dalla Maurfix, affronta i temi dello sviluppo di modelli di governance del complesso sistema turistico.L’editore Maurizio Andreanò e l’autore Filippo Grassohannovoluto omaggiare con una copia del volume l’assessore al Turismo di Taormina, Andrea Carpita. Un’altra copia è stata donata alla Biblioteca comunale.

    Nell’incontro con l’assessore al Turismo del comune di Taormina Andrea Carpita, svoltosi sabato scorso alla Biblioteca comunale, il prof. Filippo Grasso, consulente per il turismo presso vari enti locali, ha evidenziato l’impegno della città a promuovere un turismo sostenibile. «Si è aperto un dialogo – ha evidenziato il prof. Grasso - su come innovare le politiche turistiche a Taormina con uno sguardo proteso al futuro. Con l’assessore Andrea Carpita ci siamo confrontati sullo sviluppo del territorio e ho avuto modo di comprendere che il tema delle politiche turistiche sta veramente a cuore all'attuale governo della città. Esempio ne è l'obiettivo efficacemente raggiunto sulla risoluzione della "capacità di carico turistico".  Adesso al giovane assessore l'attende una nuova, quanto antica, sfida: lavorare alla diversificazione dell'offerta turistica nell'arco di tutto l'anno. Mi auguro che la lettura del volume possa essergli di stimolo per ricercare nuove risoluzioni e nuovi obiettivi da raggiungere».

    Il volume raccoglie le riflessioni del prof. Filippo Grasso, docente di analisi di mercato nel corso di laurea in Scienze del Turismo e delegato del Rettore dell’Università di Messina per le “iniziative scientifiche nello sviluppo del settore turistico”, sui temi dello sviluppo di governance del complesso sistema turistico nei territori, al fine di produrre efficienti politiche innovative, aperte alla tecnologia e alla qualità dei servizi resi alla persona, alla gestione delle risorse e alla promozione della destinazione.Una nuova visione di turismo capace di uscire dalle aule universitarie e diventare esperienza concreta accanto alle amministrazioni locali e agli operatori privati per strutturare una adeguata offerta turistica. Vuole essere una guida, un prezioso taccuino di appunti, per gli operatori turistici, per gli studenti, gli esperti e i cultori delle discipline turistiche.

    «Il turismo – ha detto l’assessore Andrea Carpita - è il volano dell’economia di Taormina e dell’intera Sicilia. Sono felice di ricevere di ricevere questo libro che affronta un tema a me caro e lo fa da un osservatorio privilegiato, quale quello del prof. Filippo Grasso. Il turismo è un settore in continua e rapida evoluzione e, quindi, richiede un aggiornamento continuo. Ben vengano, dunque, queste occasioni per divulgare le nuove conoscenze in materia».

     

     

     

     

     

  • Taormina. Gianluca Granieri apre l’edizione 2019 di “Un libro da bere”

    Domenica 24 marzo, alle 18:00, torna “Un libro da bere”, giunto alla sua seconda edizione. L’aperitivo letterario, a cura e con Lisa Bachis, tornerà ad ospitare nell’accogliente cornice offerta da Il Vicoletto Wine Bar, in Vico Zecca a Taormina, scrittori, artisti e appassionati della letteratura e del Bello. Il clima, quello di sempre: informale e intimo. Una chiacchierata con gli ospiti, sorseggiando un aperitivo.

    L’autore, che aprirà questa seconda edizione, è Gianluca Granieri. Catanese di adozione, poliziotto per professione. Un innamorato delle tradizioni storiche e culturali, non solo della città etnea ma dei luoghi in cui ama recarsi. Spinto da notevole curiosità e ricco di fervida immaginazione, a Taormina, presenterà il suo primo testo Un milanese a Catania, edito da Lampi di Stampa, e giunto alla terza edizione nel 2018.

    «Una narrazione che mescola autobiografia e report. In "Un milanese a Catania", l’autore sceglie di mettersi in gioco "in prima persona". Infatti il protagonista è lo scrittore medesimo, il quale durante una delle sue passeggiate mattutine a Catania – esercizio fisico e mentale – incontra Ambrogio, un signore milanese, anch’egli catanese d’adozione. Pur se Ambrogio, come si scoprirà presto, ha una visione “lombarda” di come debba trattarsi una città». Così scrive Lisa Bachis, che ha curato la prefazione alla terza edizione.

    Sponsor di “Un libro da bere”, èIl Vicoletto Wine Bar. L’evento gode, inoltre, del patrocinio dell’associazione “Etna ‘ngeniousa” e quello del Circolo letterario “Pennagramma”. Media partner è il giornale online “JonicaReporter”. Grafica e locandine sono a cura di Caterina Lo Presti “FDD”; l’amplificazione è a cura di Antonio Sterrantino.

  • A18 AUTOSTRADA ME/CT – SVINCOLO DI TAORMINA . CHIUSA LA RAMPA DI INGRESSO IN AUTOSTRADA DIREZIONE CT

    Al fine di consentire all'impresa incaricata di effettuare specifici lavori all’interno della Galleria Taormina, si rende necessario chiudere al traffico – per tempo limitato - la rampa di ingresso in autostrada, direzione Catania, secondo la seguente programmazione:

     

    • dalla ore 22.00 del 12 marzo 2019 alle ore 6:00 del 13.03.2019;

     

    • dalle ore 22.00 del 13.03.2019 alle ore 6:00 del 14.03.2019.

     

    In loco segnaletica con indicazione delle uscite obbligatorie.

     

    Ditta esecutrice ATI Impresa ELLEBI-S.T. srl e AUGUSTO snc di Della Camera Gianni e Danilo" di Gracciano di Montepulciano (SI)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI