TAORMINA. PRESENTATO IL LIBRO DELLA DR.SSA CAMINITI “ACUFENE, QUEL MALEDETTO FISCHIO”

TAORMINA. PRESENTATO IL LIBRO DELLA DR.SSA CAMINITI “ACUFENE, QUEL MALEDETTO FISCHIO” In evidenza

È stato presentato a Palazzo Duchi di Santo Stefano di Taormina il volume “Acufene, quel maledetto fischio. Le nuove frontiere per la diagnosi, la terapia e la riabilitazione”, edito dalla Maurfix, della dr.ssa Daria Caminiti, esperta in otorinolaringoiatria e allergologia e responsabile del Centro Siciliano Acufene (Csa).

«Il libro nasce da anni di studio, ricerca ed esperienza nel trattamento dell’acufene – ha detto la dr.ssa Daria Caminiti – Il Centro Siciliano Acufene dal 2010 ha sviluppato approcci all’avanguardia e innovativi protocolli farmaceutici, riabilitativi e chirurgici per migliorare la qualità della vita e liberare i pazienti acufenici dal quel “maledetto” fischio che disturba la vita. E dopo quasi 10 anni è giunto il momento di mettere nero su bianco anni di duro lavoro e tutta la nostra esperienza nei percorsi di cura e riabilitazione dell’acufene fornendo una guida per chi soffre di acufene, un aiuto a riconoscerne i sintomi e una esortazione a combatterlo perché dall’acufene si può guarire».

Insieme all’autrice, davanti ad un pubblico attento ed interessato, sono intervenuti anche gli altri specialisti che hanno che hanno contribuito alla redazione del volume: Maria Teresa D’Agostino, biologa nutrizionista; Cristina Vitale, specialista in ortognatodonzia; Gianluca Barca, osteopata; Milena Samperi, psicologa; Francesco Fiumara, specialista in radiodiagnostica; Barbara Valenti, specialista in radiodiagnostica.

Durante l’incontro l’autrice, Daria Caminiti, e l’editore, Maurizio Andreanò, hanno consegnato all’Assessore ai Servizi sociali, Istruzione e Cultura del Comune di Taormina, Francesca Gullotta, alcune copie del volume per essere donate alla biblioteca comunale. «Ringrazio la dr.ssa Caminiti  e l’editore per questo gentile omaggio alla città di Taormina – afferma l’assessore Francesca Gulllotta - che ancora una volta dimostra la sua sensibilità nei confronti dei più deboli e di chi soffre. Taormina non è solo turismo, iniziative come questa evidenziano che c’è anche una attenta attività culturale che acquista ancora più valore perché svolta da gruppo di giovani professionisti»

L’evento è stato promosso dal Centro Siciliano Acufene e organizzato da Maurfix, casa editrice del volume, con il patrocinio del Comune di Taormina. Erano presenti anche il vicesindaco del Comune di Taormina Enzo Scibilia, il presidente del Consiglio comunale Lucia Gaberscek e alcuni consiglieri comunali; oltre ai responsabili delle farmaceutiche e delle aziende che hanno consentito la realizzazione del progetto editoriale: Maurizio Aricò di Lofarma, Gianfranco Statello di Alk-Abellò, Daniele Incardona di Modica Ortodonzia, Enrico Sortino di Nuova Farmaceutica; Luisa Russo del Centro Analisi Biomediche Taormina.

Il libro presenta le cause, la diagnosi e il trattamento del disturbo attraverso un approccio multidisciplinare. «In ambito nutrizionale il trattamento dell’acufene – spiega Maria Teresa D’Agostino, biologa nutrizionista – segue dei protocolli innovativi che vanno ad identificare alcuni composti chimici che potenzialmente inducono il disturbo. La ricerca continua per personalizzare le terapie in base alle problematiche metaboliche del paziente». L’orecchio non è, dunque, l’unico responsabile dell’acufene: la causa spesso è legata a disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare. «Il trattamento dell’acufene dal punto di vista gnatologico afferma Cristina Vitale, specialista in ortognatodonzia – ancora oggi non è molto conosciuto. L’esperienza del libro, oltre ad approfondire alcuni aspetti di questo disturbo, è stata molto costruttiva perché ci ha permesso di crescere come team». Un lavoro di equipe che ha visto la collaborazione di vari specialisti per migliorare la qualità di vita dei pazienti acufenici. «Ogni professionista – spiega Gianluca Barca, osteopata – ha portato delle conoscenze nuove che abbiamo integrato nel tempo riuscendo a mettere a punto degli innovativi percorsi di cura e riabilitazione. L’obiettivo dell’osteopata è quello di ripristinare la corretta fisiologia. funzione di tutti quegli elementi che sono all’origine dell’acufene».

Documentato storicamente fin dall’antichità, il tinnitus continua ad essere causa di sofferenza accompagnata da ansia, irritabilità, stress che sfocia spesso in depressione. «Il ruolo dello psicoterapeuta cognitivo- comportamentale all’interno di una equipe per la cura dell’acufene – spiega Milena Samperi, psicologa –è desenzibilizzare il paziente dalla paura connessa all’acufene, paura di non riuscire più nelle normali attività quotidiane, di non essere capiti, che non esista cura, attraverso una graduale sostituzione del pensiero negativo». Diagnosticare le cause e le patologie responsabili del sintomo acufene è il primo passo per iniziare un percorso terapeutico riabilitativo. «La diagnostica per immagini – spiega il Francesco Fiumara, specialista in radiodiagnostica – fornisce delle informazioni importantissime sullo stato morfologico delle strutture coinvolte nell’acufene che aiutano a suggerire un approccio terapeutico idoneo».«È stato un onore aver collaborato alla stesura di questo libro - afferma Barbara Valenti, esperta in radiodiagnostica -perché l’acufene è un disturbo molto diffuso nella popolazione. Ed è importante conoscere il significato di questo disturbo che, a volte può nascondere problematiche più complesse, per poi rivolgersi ad uno specialista».

000
Letto 398 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. Ulteriormente ridotte le corse urbane di Asm

    Da domani (25 marzo) saranno ridotte le corse per il trasporto urbano. L'azienda servizi municipalizzata della città del centauro, diretta dal commissario, Antonio Fiumefreddo, informa la gentile Utenza che in ottemperanza ai Dpcm del 9 marzo e del 22 marzo 2020 e alle Ordinanze contingibili ed urgenti del Presidente della Regione Siciliana n. 5 del 13 marzo 2020 e n. 6 del 19 marzo 2020, a partire da mercoledì, saranno ulteriormente ridotte le corse giornaliere di tutti i servizi di trasporto urbano. Sarà possibile consultare le nuove tabelle orarie di "Linea rossa circolare", "Linea verde ospedale Madonna della Rocca", "sostitutivo funivia di Taormina - Mazzarò", "Linea Beachbus", "Linea verde Taormina centro - Trappitello", nel sito di Asm: "www.taorminaservizipubblici.it".

  • TAORMINA. IL LOCALE CIRCOLO DEL PD ESPRIME PREOCCUPAZIONE PER LA CONDIZIONE OCCUPAZIONALE DELLA CITTA’

    Preoccupazione per la condizione occupazionale e lavorativa della comunità di Taormina. In particolare per tutti i lavoratori del comparto turistico.  La esprime in una nota il circolo del Partito Democratico di Taormina.

    “In questo grave momento di stasi e preoccupazione per lo sviluppo degli eventi siamo chiamati all’osservanza ed al rispetto delle regole, non solo per la percettività degli obblighi imposti ma per il loro significato di presidio di solidarietà volto alla tutela dei più deboli. Ciò soprattutto per ricostruire, sin d’ora, un immediato domani economico, anch’esso oggetto di preoccupazione, con particolare riferimento alla condizione occupazionale e lavorativa della nostra comunità: guardiamo con innegabile apprensione, infatti, ai risvolti sull’intero comparto del turismo che Taormina rappresenta, soprattutto ai lavoratori stagionali, ai fruitori della NASpI, alle loro famiglie, che in questo momento vivono con grande inquietudine l’evolversi dell’emergenza, auspicandoci il rafforzamento di misure specifiche a sostegno del reddito e di promozione del settore che è oggi l’immagine di una Sicilia emancipata ed accogliente.”

    La nota del locale circolo del Pd prosegue ponendo l’attenzione sugli episodi di sensazionalismo e sciacallaggio che purtroppo si stanno registrando.

    “Constatiamo con amarezza, si legge,  che si sono diffuse, sin dai primi momenti, catene di false informazioni a carattere medico, del tutto inattendibili, notizie che speculano sui nostri crescenti diffusi timori e – peggio – complottismi che denunziano e sobillano contro malevoli poteri occulti, alimentando un dibattito politico a volte fuori luogo e spesso pretestuosamente anticomunitario. Tutto ciò confonde e disorienta: dobbiamo invece diffidare delle scorciatoie, anche intellettuali, ed affidarci alla competenza delle autorità politiche e sanitarie, attingendo dall’informazione proveniente dalle nostre istituzioni e da fonti verificate ed accreditate."

    Infine la vicinanza alle istituzioni chiamate in questo momento ad un ruolo così delicato.

    "Esprimiamo massima solidarietà alle Istituzioni civiche, che hanno prontamente dato corso alle prescrizioni emergenziali, attivando canali di comunicazione diretta ed un circuito di solidarietà – tramite il Centro Operativo Comunale – che invitiamo tutti i cittadini a sostenere; siamo consapevoli della necessità di ripartire, domani, con misure economiche peculiari, compatibili con le discipline vigenti ed il percorso di risanamento intrapreso, e con attività promozionali specifiche, rivolgendo al Tavolo tecnico l’invito alla massima collaborazione ed ascolto di tutte le parti sociali. Tra i molti dubbi di questi recenti giorni, ci rassicura la convinzione di essere un popolo in grado, per arte ed inventiva, di alimentarsi con inaspettate energie, perciò, con il contributo di ciascuno, non v’è alcun dubbio che ce la faremo.”

  • TAORMINA. Il Teatro Antico illuminato dalle luci del Tricolore d’Italia

    “Coraggio Italia!”. E’ il messaggio che arriva dalla Sicilia, dove il Parco Archeologico Naxos Taormina, ieri sera sabato 14 marzo, ha acceso il Teatro Antico con le luci del Tricolore sullo sfondo dell’Etna. “Nell’ora più buia – ha detto il direttore del Parco, l’archeologa Gabriella Tigano – un invito alla speranza da uno dei monumenti simbolo dell’arte e dell’ingegno dell’Umanità”.

    Definito da Goethe “il più bel palcoscenico del mondo”, il Teatro Antico di Taormina nei mesi scorsi ha registrato, insieme agli altri siti del Parco (Museo di Naxos e Isola Bella) un consistente aumento di visitatori: quasi 21mila a febbraio (+57% rispetto al 2019, quando si fermarono a 13.266, fonte Aditus). Un trend positivo interrotto solo dallo stop dell’emergenza sanitaria che ha azzerato il turismo su scala globale.

     Chiusi i siti e il museo – disinfestati e sanificati in questi giorni– il Parco Archeologico Naxos Taormina continua a raccontare i suoi monumenti attraverso i social, con focus giornalieri sui reperti del museo e sulla storia dei singoli siti archeologici.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI