MESSINA.  LE MANI DELLE DONNE. PENSIERI, MUSICA, MANUFATTI, IMMAGINI. COSÌ  IL CLUB SOROPTIMIST CELEBRA LA DONNA

MESSINA. LE MANI DELLE DONNE. PENSIERI, MUSICA, MANUFATTI, IMMAGINI. COSÌ IL CLUB SOROPTIMIST CELEBRA LA DONNA In evidenza

Si è svolta giovedì 7 marzo la manifestazione organizzata dal club Soroptimist di Messina presieduto dalla Prof.ssa Rossella Musolino in collaborazione con il Teatro Vittorio Emanuele.

Un importante momento dedicato alle donne e ai loro saperi in occasione della giornata internazionale della Donna.

Il foyer del Teatro V. Emanuele ha accolto per l’occasione una mostra ispirata alle mani della donna. Pensieri, musica, manufatti, immagini che hanno raccontato attraverso un viaggio a ritroso l’arte femminile. Ad inaugurare l’esposizione il prefetto S.E. Maria Carmela Librizzi e l’assessore ai servizi sociali del comune di Messina Alessandra Calafiore.

“L’idea, ha spiegato Patrizia Billè nella sua introduzione, è nata aprendo un cassetto nel quale mia madre custodiva la sua biancheria. Ho trovato un antico copriletto realizzato a mano ed ho pensato alle mani delle donne, a quanta fatica ci fosse dietro la sua realizzazione, quanto lavoro. Un’antica coperta scovata per caso ha dato l’avvio ad una riflessione di più ampio respiro. Ho pensato a quelle donne che potevano esprimersi solo nel microcosmo delle loro case, nel silenzio e nell’oscurità. A quelle donne che hanno avuto nelle loro mani la forma di sostentamento primario.”

E’ nata così dunque l’idea di mettere in scena una mostra tesa a valorizzare gli antichi saperi delle donne, la loro precisione manifatturiera. Una sorta di riscatto rispetto all’epoca in cui quelle donne non avevano potuto scegliere di fare altro.

Delle mani che cambiano e del confronto con le generazioni passate si è occupato il Prof. Mario Bolognari, antropologo e direttore del Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne.

“Oggi, ha affermato Bolognari, le donne hanno conquistato nuovi ruoli, nuove conoscenze. Il numero di donne laureate e diplomate è superiore a quello degli uomini. Nonostante ciò il progresso sembra essere solo apparente e non colpire i reali processi di crescita. Le mani fortemente lavorative di un tempo oggi sono mani esposte, fotografate, mani che giocano sulla scena sociale. E parlando degli antichi saperi delle donne, ha proseguito Bolognari, il rischio è di consegnare all’oblio un pezzo di storia dell’800.”

La mostra ha rappresentato un momento per recuperare storie e tradizioni e celebrare i saperi delle donne partendo dalla consapevolezza che oggi le donne hanno la libertà di scegliere di riappropriasi di quei saperi.

Le mani che curano è stato il tema dell’intervento della Prof.ssa Marianna Gensabella, ordinario di Filosofia morale presso il Dipartimento di Civiltà antiche e moderne dell'Università degli Studi di Messina. Nel suo intervento la Prof.ssa Gensabella ha ripercorso il legame tra mani e cura, riportandoci al rapporto intimo tra donna e cura e alle mani della madre, che rappresentano quel grande altro che da un senso alla nostra vita.

Soddisfazione è stata espressa dalla Presidente Rossella Musolino che ha concluso i lavori con una riflessione sulla necessità di riappropriarsi delle proprie scelte evidenziando ancora una volta come l’evento sia stato pensato quale omaggio alle donne fuori da ogni stereotipo per un 8 marzo non solo celebrativo ma costruttivo, con il cuore ed il pensiero ad Alessandra, l’ennesima vittima di femminicidio.

000
Letto 345 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. LA PERLA DELLO JONIO CHIAMA CUBA. DIALOGO IN CORSO

    L’Ambasciatore della Repubblica di Cuba in Italia, Jose Carlos Rodriguez Ruiz, è in visita di lavoro a Taormina. È stato ricevuto al Palazzo dei Giurati dal Sindaco Mario Bolognari per uno scambio di informazioni sulle possibilità di scambi culturali e commerciali tra Cuba e la Sicilia. L’Ambasciatore era accompagnato dal Ministro Consigliere Jorge Luis Alfonso Ramos. Nei prossimi mesi si è ipotizzato di realizzare una mostra a Taormina come primo atto di relazioni che potranno essere sviluppate in seguito.

  • TAORMINA. BOLOGNARI TRACCIA UN BILANCIO DELL’ ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA DEL 2019: “ABBIAMO LAVORATO ALACREMENTE”.

    Con le 75 delibere della Giunta municipale di fine anno la produttività dell’amministrazione comunale taorminese si è elevata di parecchio, chiudendo il 2019 con 410 provvedimenti. Rispetto al 2017, quando furono esitate complessivamente 291 delibere, l’incremento è del 40%, mentre rispetto al 2018, chiuso con 361 delibere, l’incremento è del 13%.

    “Sappiamo perfettamente, afferma Bolognari, che la produttività di un organo di governo non è data soltanto dal numero di provvedimenti, ma comunque si tratta di un dato significativo.”

    Tra i provvedimenti più importanti va senz’altro evidenziata la manovra di fine anno, compiuta in quattro sedute, effettuate il 24, il 27, il 30 e il 31 dicembre. Si tratta, infatti, dell’attivazione di oltre 6 milioni di euro. Le cifre più consistenti riguardano spazzamento, raccolta e conferimento in discarica dei rifiuti (oltre 3 milioni e mezzo) e il pagamento dell’acqua fornita da Siciliacque (948.000 mc per oltre 500 mila euro).

    “Un importante capitolo, spiega il sindaco Bolognari,  riguarda i servizi sociali per i quali sono stati messi a disposizione 740 mila euro. Si tratta di importanti servizi a sostegno di affidi familiari per minori, ricovero disabili psichici, aiuto domestico a persone con disabilità grave, assistenza domiciliare agli anziani, assistenza economica a soggetti bisognosi, assistenza agli alunni diversamente abili non autosufficienti, ricoveri presso la casa C. Zuccaro. Un complesso di interventi che caratterizzano la nostra Amministrazione per spirito di solidarietà e percezione dei bisogni dei cittadini più svantaggiati.”

    Un altro importante capitolo riguarda le scuole e l’asilo nido, per i quali sono stati stanziati 425 mila euro destinati a interventi manutentivi, arredi scolastici, mensa gratuita, materiale di consumo, buoni libro, controlli igienico-sanitari e come abbiamo riferito nell’articolo di ieri ( https://www.jonicareporter.it/the-star/item/3233-taormina-buoni-propositi-per-il-2020-280-mila-euro-per-recuperare-la-vittorino-da-feltre.html)  al cofinanziamento per i lavori della Vittorino da Feltre.

    Altri provvedimenti sono stati finanziati per il mantenimento e il recupero dei cani randagi, la manutenzione degli impianti sportivi, la segnaletica e la viabilità, la manutenzione del verde, la messa a norma degli impianti elettrici degli spazi espositivi e culturali, le manifestazioni turistiche, la bitumazione delle strade a Trappitello e al centro, il rafforzamento della erogazione dell’acqua a Bruderi, alcune manutenzioni a Mazzeo.

    Infine, sono stati previsti interventi per migliorare la dotazione tecnologica dei diversi uffici e la meccanizzazione di molti procedimenti amministrativi. Prevista anche una piccola dotazione per la formazione del personale.

  • TAORMINA. DIFFERENZIATA. BOLOGNARI: “GRAZIE ALLA DIFFERENZIATA ABBIAMO RISPARMIATO 180 MILA EURO”

    Appena archiviato il 2019 il sindaco di Taormina  Mario Bolognari traccia un bilancio del servizio della raccolta differenziata.

    “Il 2019, afferma Bolognari,  si è caratterizzato per l’avvio della raccolta differenziata sull’intero territorio comunale di Taormina. Il mese di dicembre ha chiuso con una percentuale del 67,44, che porta ulteriormente avanti la media annuale, penalizzata, come più volte detto, dal fatto che la differenziata è partita soltanto il 1 aprile. Da rilevare è anche il dato relativo ai costi in discarica.

    Nel 2018 il costo totale del conferimento nelle diverse discariche (indifferenziata, umido, carta e cartone, vetro, plastica) è stato di € 964.735. Nel 2019 abbiamo chiuso con un costo inferiore di quasi 80 mila euro. Inoltre, sottolinea Bolognari, il comune di Taormina ha incassato dal conferimento di vetro, carta e plastica, nei soli primi otto mesi, € 74.758, stimabili alla fine dell’anno in oltre 120 mila euro. Cioè, 50.000 euro in più del 2018 e 100 mila in più del 2017.”

    Nonostante ciò il comune ha dovuto però pagare una penalità per il mancato raggiungimento del 65% di differenziata negli anni 2016, 2017 e 2018, per un totale di circa 100 mila euro, penalità che però non saranno più applicabili per il 2019 e per gli anni seguenti.

    La buona notizia è invece che il comune di Taormina grazie alla raccolta differenziata, nel 2019 ha totalizzato circa 180 mila euro di economie, tra risparmi e nuove entrate, sul 2018.

    “Nel 2020, conclude Bolognari, l’obiettivo è di incrementare ulteriormente queste economie, migliorando la percentuale di differenziata, ma anche la sua qualità, per esempio separando la carta dal cartone da imballaggio, cosa che porterà a ulteriori più consistenti entrate e risparmi.”

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI