Taormina. Riaperta al pubblico la cripta dell’ex chiesa del Carmine ERNESTO DE LUNA

Taormina. Riaperta al pubblico la cripta dell’ex chiesa del Carmine In evidenza

Giovedì 21 marzo, una nuova inaugurazione è avvenuta all’interno dell’ex chiesa del Carmine a Taormina. La cripta presente nell’edificio dove sono i resti del Putridarium è stata restituita alla pubblica fruizione.  Questa inaugurazione è stata preceduta da un’altra, quella della mostra fotografica di Gios Bernardi – medico e appassionato fotografo – che in “Gente cha va – Storie di emigrazione”, ha narrato, attraverso i suoi malinconici e struggenti scatti, il flusso migratorio del Sud Italia verso le terre promesse del Nord e di altri luoghi europei, quali la Germania o la Svizzera. Un reportage realizzato tra gli anni Cinquanta e Sessanta del XX secolo, nello svolgimento in “tre tempi”: partenza con “truscie e valige di cartone” dai luoghi d’origine, sino alle mete dove il sole è un lusso di luce pallida, e il profumo del mare – che trasporta cristalli di sale e aromi di alghe e pesci – diviene ricordo da appuntare dentro gli abiti, insieme alle fotografie dei propri cari. Le nostre regioni a Sud erano strette in un abbraccio di mani che si sfinivano di saluti, e occhi che si interrogavano sul futuro; i volti segnati da denti chiusi per lasciare spazio a pensieri pesanti e lacrime. La casa è casa, e mai come qui al Sud siamo radicati fitti fitti, attorcigliati attorno ai nostri rami che si fanno radici e si immergono nella terra e dentro il mare. Rami che si protendono e diventano mani per acchiappare il cielo. Perché il cielo, il mare e la terra, da noi, hanno colori netti e densi, tanto che si fa fatica ad affondarci dentro. Sono talmente forti e spessi che sembrano rimandarti indietro, ma noi siamo abituati a strappare briciole di pane dai granelli di sabbia e la nostra gente, in partenza, le radici se l’è strette al cuore anche se in quei momenti somigliavano a spine che bruciavano il costato. La mostra, a cura di Paola Bernardi, oltre alle immagini riporta parole: quelle del poeta Mario Beber ed è coallestita da Paola Bernardi e Manuela Baldracchi. L’esposizione sarà aperta fino all’8 aprile dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13, e dalle 15 alle 19.

L’inaugurazione del 21 marzo scorso ha, dunque in un certo senso, completato un viaggio. Dalle scene di vita di generazioni di nostri parenti e amici, al viaggio “ultimo”; atto finale di un percorso esistenziale che ci ricorda come tutti siamo pulvis et umbra e che quelle radici, che non vogliamo sradicare, saranno nutrite da ciò che resta di noi. Ma sebbene, finito e mortale, l’uomo ha da sempre avuto l’esigenza di “essere” anche dopo la morte attraverso memorie e resti. La riapertura della cripta, è la restituzione alla fruizione di un’importante testimonianza del rapporto con i defunti e rende d’obbligo la riflessione sulla vita oltre la morte durante il corso degli eventi storici. «L’ex chiesa del Carmine» – ha sottolineato il Sindaco Mario Bolognari –, «è un edificio, del XVII secolo, in uso ai frati Carmelitani; distrutto durante i bombardamenti del luglio 1943, e restaurato negli anni ottanta del XX secolo, dopo che il Cavalier Zuccaro lo aveva acquistato per donarlo alla Città di Taormina». L’importanza di questa riapertura è stata ribadita anche dall’assessore alla Cultura Francesca Gullotta e dall’archeologa, la dottoressa Cettina Rizzo, che ne ha curato l’iter di restituzione. Inoltre l’auspicio e l’intendimento è proprio quello di avviare un percorso di recupero e valorizzazione delle altre cripte presenti in vari edifici religiosi cittadini, in collaborazione con l’arcipretura rappresentata da Monsignor Lupò. Si pensi alle cripte di Santa Caterina o a quella del Varò. Un percorso, che possa creare un nuovo circuito culturale, visto l’interesse per i Putridaria e la tradizione presente nell’isola, dove esempio a noi vicino è quello di Savoca.

Un viaggio, quindi, che consenta di riportare alla luce un altro tassello della memoria storica di questa città dalle numerose stratificazioni.

Interessante, a tal proposito, è quanto esposto dalla dottoressa Rizzo e che è stato puntualmente riportato sul pannello espositivo, posto nei pressi dell’ingresso alla cripta:

La pratica funeraria delle sepolture nelle Cripte delle Chiese che si diffuse nell’Italia del Sud tra il XVII ed il XVIII secolo (e perdurò in alcuni casi anche nei secoli successivi), riservava un’attenzione speciale al trattamento prolungato dei corpi, procrastinando l’avvento della sepoltura definitiva.

Alla piccola cripta posta al di sotto della pavimentazione della Ex Chiesa del Carmine, si accede attraverso delle scalette che introducono ad un piccolo ambiente rettangolare con copertura a volta. Esso mostra lungo le pareti una serie di nicchie provviste di sedili in muratura (colatoio a seduta) in cui venivano murati dei cantari (vasi a forma cilindrica) ciascuno dotato di un foro centrale. Il cadavere del defunto era collocato in posizione seduta in modo da far confluire i liquami prodotti dalla putrefazione direttamente all’interno del foro collegato ad una canaletta di scolo. Una volta che il processo di scolatura fosse terminato, che la decomposizione avesse fatto il proprio corso lasciando le ossa libere dalla parte putrescibile, i resti scheletrici del post craniale erano spostati nell’ossario, mentre il cranio, simbolo dell’individualità del defunto, era posizionato su di una mensola.

Nello stesso ambiente è presente un altare, che testimonia come occasionalmente all’interno della cripta vi fossero celebrate funzioni religiose.

Per chi volesse visitare la chiesa e la cripta, gli orari sono dal martedì alla domenica, 10-13 e 15-19. L’ingresso è libero, non si paga ticket, e si può accedere alla cripta in piccoli gruppi, non più di quattro o cinque persone.

Lisa Bachis

000
Letto 432 volte

Articoli correlati (da tag)

  • TAORMINA. AMMINISTRAZIONE E SINDACATI A CONFRONTO. APERTURA A NUOVE ASSUNZIONI

    Ieri si è svolto un incontro dell’Amministrazione con le organizzazioni sindacali del personale dipendente per un primo confronto interlocutorio sul Programma Triennale del Fabbisogno di Personale per il triennio 2020-2022.

    Il dott. Antonino Bartolotta, nella qualità di responsabile dell’area amministrativa oltre che di segretario generale del comune, ha illustrato una bozza che prevede una ampia manovra per rispondere alle esigenze della macchina comunale. Da parte di tutti i sindacati è stato espresso un chiaro apprezzamento per l’iniziativa, soprattutto perché essa interviene dopo dieci anni dall’ultima manovra riguardante il personale. Dal 2010 a oggi sono andati in pensione ben 55 unità di personale, senza alcuna nuova assunzione. Il blocco, dovuto alle note difficoltà finanziarie del Comune di Taormina, va adesso superato e ieri è stato fatto un primo passo.

    Ad oggi la capacità assunzionale ammonta a oltre 800 mila euro e nel prossimo biennio arriverà, a normativa invariata, fino a quasi un milione e 400 mila euro. Questo “tesoretto” nel Programma esposto viene così destinato nel biennio 2020-2021: 25 stabilizzazioni dei lavoratori socialmente utili già in servizio presso l’ente e per i quali il Comune inoltrerà apposita istanza per l’ottenimento del contributo regionale e statale previsto dalla normativa vigente; 14 concorsi esterni, di cui 11 per Istruttori di vigilanza, due funzionari direttivi per l’area economica e finanziaria e uno per l’area amministrativa; inoltre, viene destinata una considerevole quota di capacità assunzionale per progressioni verticali degli attuali dipendenti a tempo indeterminato.

    La manovra dovrà superare diversi passaggi prima di diventare operativa, dal parere del Collegio dei revisori contabili all’approvazione in Giunta, dal parere del COSFEL (Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali) all’approvazione dei propedeutici documenti finanziari.

  • Lions Club a Taormina un successo oltre ogni misura, firmati due importanti protocolli

    Un successo oltre ogni misura per i Lions del Distretto 108Yb Sicilia, la due giorni di Taormina dello scorso week end dove sono stati celebrati il Gabinetto e la Conferenza d’Inverno. Molto soddisfatto il Governatore del Distretto, dottor Angelo Collura, che ha progettato insieme al suo staff l’importante evento. Un successo oltre ogni misura per presenza di dirigenti e soci dell’importante club internazionale, per la sottoscrizione di un protocollo d’intesa con la Regione Sicilia, firmato dal Governatore Collura e dall’Assessore Regionale al formazione e alla pubblica istrizuine, on. Roberto Lagalla, su scuola e disabilità e di un accordo di collaborazione con i maggiori club service presenti nella regione su terreni comuni di lavoro al servizio delle comunità sia a livello regionale che locale. Il Gabinetto Distrettuale ha approvato lo statuto e il regolamento della nuova Fondazione del Distretto Sicilia. Ad aprire e chiudere i lavori della Conferenza d’Inverno il sindaco di Taormina, il professor Mario Bolognari, che ha portato il saluto come primo cittadino ed ha concluso intervenendo come antropologo nella quarta sessione dedicata all’identità siciliana, con il sociologo Francesco Pira, Direttore della rivista Lions Sicilia. “Una conferenza storica – ha commentato con orgoglio il Governatore Angelo Collura- dove abbiamo messo insieme città metropolitane, tre università e tutto il mondo del volontariato”. Un anno sociale ricco di successi e anche i numeri parlano chiaro. Oltre 3500 i soci oggi in Sicilia, 85 nuovi dal luglio scorso. I lions siciliani hanno svolto attraverso un pool di professionisti, in una sorta di cittadella sanitaria,  gli screening gratuiti che è stata inaugurata dal Sindaco Bolognari e dal Governatore Collura. Poi la  prima sessione di lavori: una tavola rotonda sul tema “La cultura, precondizione per la crescita sociale e lo sviluppo del territorio siciliano”,  coordinata brillantemente dal  giornalista di Mediaset e  brillante scrittore, Gaetano Savatteri, e che ha visto la partecipazione del Sindaco di Palermo, on. Leoluca Orlando, in collegamento , del professor Paolo La Greca, consulente del sindaco di Catania Pogliese,  e dei Rettori delle Università di Catania, professor Francesco Priolo e di Messina professor Salvatore Cuzzocrea del Delegato del Rettore dell’Università di Palermo, professor Silvio Buscemi e dell’Assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla, Il pomeriggio si è aperto con la consegna del Premio Ciancitto, che come ha spiegato l’architetto Carmelita Ciancitto, figlia dello scienziato Antonino, vuole dare un riconoscimento al merito e all'applicazione nella ricerca scientifica e si inserisce all'interno delle iniziative volte alla valorizzazione di questi studi possibilmente finalizzandole all'interessamento degli enti e/o istituzioni appositamente preposti per arrivare alla sperimentazione/applicazione degli stessi. A ritirare il Premio Ciancitto il dottor Carmelo Vindigni dell’Università Kore di Enna presentato dal suo docente professor Giuseppe Alaimo. Subito dopo la terza sessione dei lavori con una tavola rotonda sull’associazionismo condotta da Carlo Alberto Tregua, Direttore del Quotidiano di Sicilia e scrittore con la partecipazione di Valerio Cimino, Governatore Rotary Sicilia e Malta, Giuseppina Seidita , Past  Presidente Nazionale FIDAPA, Cristina La Grassa Fiorentino, Governatore Inner Wheel Sicilia e Calabria , Rina Florulli, Vice Presidente Nazionale SOROPTIMIST, Alberto Buttafaro, Governatore della Disione I del KIWANIS. “E’ la prima volta – ha detto il Governatore Lions Collura – che il mondo del volontariato firma un accordo per lavorare insieme sui territori. Non era mai successo e siamo felici di essere stati i promotori di questo momento importante”. Poi la chiusura, come scritto, con l’ momento di confronto la quarta sessione di lavoro su: “L’evoluzione antropologica della nostra società”, moderata da Enzo Stroscio, Ha chiuso i lavori il Governatore Collura. Nel corso della due giorni è stato distribuito anche l’ultimo numero della rivista cartacea e on line “Lions Sicilia”, un numero ricchissimo di contenuti di 68 pagine.

     

  • Taormina. Al via da oggi i lavori dei Lions siciliani che parteciperanno al Gabinetto e alla Conferenza d’Inverno

    Per due giorni Taormina sarà invasa dai Lions siciliani che parteciperanno al Gabinetto e alla Conferenza d’Inverno.

    L’evento organizzato dal Distretto 108YB Sicilia del Lions Club International, di cui è Governatore il dottor Angelo Collura. Un altro importantissimo momento di confronto nella Sicilia dove il club service è notevolmente cresciuto e dove quotidianamente nell’ultimo Anno Sociale vengono organizzati service, momenti di interazione con le comunità.

    Anche l’appuntamento del 7 e 8 febbraio 2020 parte per sovvertire la famosa frase di Andre Camilleri: “la sicilitudine è il lamento che il siciliano fa di se…Sicilitudine è una condizione segnata con l’evidenziatore”. Da qui è partito il Governatore Collura  che ha lavorato intensamente con il suo staff per costruire un programma di altissimo livello e che vedrà per due giorni una pacifica invasione di lions nella bellissima Taormina.

    “Il nostro obiettivo – ha dichiarato il Governatore Angelo Collura – dimostrare che la sicilianità, vista come un valore aggiunto, può essere l’arma vincente per sconfiggere la sicilitudine. I Lions del Distretto 108 Yb lo hanno capito e in questi mesi hanno lavorato sodo per far parlare i numeri: solidarietà, presenza nei territori, soci al servizio di chi ha bisogno, iniziative culturali prestigiose, momenti di scambio importanti a livello internazionale. Domani per noi è un’altra data importante: insieme alle università siciliane e le associazioni di volontariato vogliamo scrivere altre pagine importanti per far crescere la Sicilia. Lo sviluppo della nostra terra passa anche dalla formazione – ha detto ancora il Governatore Collura -  e dall’impegno sociale. Continuiamo ad essere e sentirci cittadini responsabili, prima che Lions, pronti a dare tutto noi stessi con passione ed entusiasmo”.

    I lavori si apriranno stamattina alle 9 e proseguiranno per tutta la giornata con la riunione del Gabinetto Distrettuale alla presenza di tutti gli officer distrettuali. Sarà presente anche il Direttore Internazionale dottoressa Elena Appiani.

    Sabato mattina in piazza Municipio l’inaugurazione della cittadella sanitaria per gli screening gratuiti e poi presso l’hotel Diodoro la tavola rotonda sul tema “La cultura, precondizione per la crescita sociale e lo sviluppo del territorio siciliano”, aperta dai saluti del sindaco di Taormina Mario Bolognari e delle autorità e Delegazioni estere Lions,  condotta dal noto giornalista e scrittore, Gaeta Savatteri, e che vedrà la partecipazione dei Sindaci di Palermo, Catania e Messina, Leoluca Orlando, Salvatore Pogliese e Cateno De Luca e dei Rettori delle Università delle tre città Fabrizio Micari, Francesco Priolo e Salvatore Cuzzocrea dell’Assessore regionale ll’Istruzione Roberto Lagalla,. Nel pomeriggio la tavola rotonda sull’associazionismo condotta da Carlo Alberto Tregua, giornalista e scrittore con la partecipazione di Valerio Cimino, Governatore Rotary Sicilia e Malta, Maria Concetta Oliveri, Presidente Nazionale FIDAPA, Cristina La Grassa Fiorentino, Governatore Inner Wheel Sicilia e Calabria e Rina Florulli, Vice Presidente Nazionale SOROPTIMIST. Ultimo momento di confronto la quarta sessione di lavoro su: “L’evoluzione antropologica della nostra società”, moderata da Enzo Stroscio, Delegato alla comunicazione televisiva, con Mario Bolognari, antropologo e Francesco Pira, sociologo entrambi dell’Università di Messina. Chiuderà i lavori il Governatore Collura.

    Nel corso dell’evento sarà distribuito anche l’ultimo numero della rivista cartacea e on line “Lions Sicilia”, un numero ricchissimo di contenuti di 68 pagine.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI