MESSINA. CONOSCERE MESSINA PER AMARLA. L'IMPEGNO DEL SOROPTIMIST PER FAR CONOSCERE LA CITTÀ

MESSINA. CONOSCERE MESSINA PER AMARLA. L'IMPEGNO DEL SOROPTIMIST PER FAR CONOSCERE LA CITTÀ In evidenza

Gli studenti dell’istituto Minutoli, Bisazza ed Elio Vittorni sono stati premiati nell’ambito del concorso promosso dal Soroptimist Club di Messina presieduto dalla prof.ssa Rosa Musolino sul tema “La città che vorrei.”

Il concorso di idee rivolto alle scuole cittadine rientrava nel progetto “Conoscere Messina per amarla. Nell’arte l’identità da ritrovare” nato per diffondere la conoscenza dei luoghi più rappresentativi di Messina e accrescere in tal modo il senso di appartenenza alla città delle giovani generazioni.

“Abbiamo iniziato lo scorso novembre, spiega la presidente del Club Soroptimist Rosa Musolino, con lo scopo di offrire soprattutto ai giovani un’occasione per conoscere le bellezze di Messina e imparare così ad apprezzarle. Abbiamo approfondito, grazie al contributo di illustri relatori, la storia e l’architettura di luoghi simbolo della città. Le fontane di Messina, i forti cinquecenteschi e umbertini, e il gran camposanto.Proseguiremo dopo la pausa estiva, alla ripresa dell’anno scolastico, con gli incontri su l’architettura eclettica post terremoto e zona falcata.”

Parole di apprezzamento nei confronti del Club e del progetto sono state espresse dall’assessore alle politiche sociali Alessandra Calafiore che si è impegnata a valutare attentamente i progetti presentati dagli studenti e premiati al fine di poterne trarre suggerimenti utili da attuare e concretizzare.

Nell’ultimo incontro grazie all’intervento di Teresa Altamore, Mariella Caminiti, Franco Cardullo e Franz Riccobono gli studenti hanno appreso importanti nozioni su uno dei luoghi più simbolici della città “Il Gran Camposanto”.

Un luogo, è stato ricordato, della memoria collettiva, testimonianza di vite vissute. Luogo della sedimentazione della storia della città. Perché il cimitero, questo è emerso dai vari interventi, non è solo sepoltura ma è architettura, scultura, letteratura. Un luogo da conoscere e valorizzare.

 

000
Letto 96 volte

Articoli correlati (da tag)

  • MESSINA. “Novità in tema di Dermatite Atopica” evento il 9 novembre al Policlinico di Messina

    Si svolgerà sabato 9 novembre presso Palazzo dei Congressi del Policlinico un incontro sul tema “Novità in tema di Dermatite Atopica”.

    La responsabile scientifica dell’evento, accreditato presso la Commissione Nazionale per l’Educazione Continua in Medicina da FULLCONGRESS, è la dottoressa Serafinella Patrizia Cannavò.

    L’inizio dei lavori è fissato alle ore 8,30.  Saranno attribuiti (per i primi cinquanta iscritti) n. 8,3 crediti formativi a chi parteciperà ad almeno il 90% della durata dei lavori congressuali e riconsegnerà al termine dell’evento in segreteria la modulistica debitamente compilata e firmata. I crediti verranno rilasciati solo dopo il riscontro di almeno il 75% delle risposte esatte del questionario di apprendimento. L’iscrizione è gratuita e obbligatoria fino ad esaurimento dei posti disponibili e può essere effettuata on-line collegandosi al sito www.fullcongress.it nella sezione iscrizioni on-line entro il 4 novembre 2019. Verrà inviata conferma tramite e-mail solo ai partecipanti ammessi.

  • MESSINA. PASSAGGIO DI CONSEGNE AL SOROPTIMIST CLUB MESSINA. VIVIANA GIRASOLE NUOVA PRESIDENTE

    È Viviana Girasole la nuova Presidente del Soroptimist Club Messina per il biennio 2019-2021. A passarle il testimone Rosa Musolino che da adesso rivestirà il ruolo di Past President.

    Con la simbolica cerimonia del Passaggio della Campana è stato dato il via al nuovo consiglio presentato dalla Presidente Girasole: Mirella Vinci 1^vicepresidente, Alba Crea 2^ vicepresidente, Rosalba Ristagno segretaria, Rossella Mazzarino tesoriera, e le cinque consigliere Maria Luisa Roberto, Corradina Polto, Linda Schipani, Anna Maria Bettaglio, Assunta Penna. Erano presenti tutte le socie del Club Messina, oltre che le rappresentanti dei quattro Club territoriali e autorità invitate.

    La Presidente uscente Rosa Musolino ha tracciato un bilancio delle attività svolte durante il biennio trascorso, ponendo l’attenzione su quei progetti che più di altri hanno avuto un impatto concreto sulla città di Messina.

    Tra questi la realizzazione di un’aula di lettura presso l’istituto Boer-Verona Trento che comprende la scuola dell’infanzia, la scuola primaria e due corsi di scuola secondaria di primo grado; il progetto “Conoscere Messina per amarla. Nell’arte l’identità da ritrovare”, che ha coinvolto gli studenti messinesi delle scuole medie superiori con l’obiettivo di accendere i riflettori su alcuni beni culturali più rappresentativi della città al fine di diffonderne la conoscenza e accrescere in tal modo il senso di appartenenza alla citta delle giovani generazioni. Questi, solo alcuni dei progetti più importanti che il Soroptimist club Messina ha realizzato nel biennio di presidenza di Rosa Musolino.

    L’impegno della neo presidente Viviana Girasole, improntato sulla continuità rispetto al precedente biennio, seguirà le linee guida tracciate dalla Presidente nazionale Mariolina Coppola.

    “In particolare, ha spiegato Viviana Girasole, saranno due i grandi temi fondamentali che verranno affrontati nel corso del biennio: Parità di Genere ed Empowerment, e Sviluppo Sostenibile e Ambiente. Ci occuperemo di Medicina di Genere con la promozione di incontri sui nuovi disturbi alimentari delle giovanissime, l’ortoressia e la drunkoressia. Collaboreremo con gli altri club d’Italia per la realizzazione del Libro Bianco con le nostre proposte di politiche di welfare per combattere la denatalità, da sottoporre ai tavoli istituzionali.  Il Soroptimist club Messina si prefigge l’obiettivo di adottare un asilo sul territorio con libri contro gli stereotipi e giocattoli ecologici. Sarà un biennio intenso, ha evidenziato la Presidente Girasole, che lascerà, com’è ormai consuetudine, un segno concreto del Soriptimist International sul territorio.”

  • MESSINA. “Diabete Mellito: gestione integrata ospedale-territorio. Terapia comportamentale e farmacologica”, convegno studi all'ospedale Papardo

    Giorno 01 Ottobre 2019 alle ore 14,30 presso l’Auditorium, sito al quarto piano dell’Azienda Ospedaliera Papardo di Messina, si terrà il Convegno di Studi: “Diabete Mellito: gestione integrata ospedale-territorio. Terapia comportamentale e farmacologica”. La partecipazione all’evento, accreditato dal Ministero della Salute, è totalmente gratuita e darà diritto ai relativi crediti ECM.

    Presso l’A.O. Papardo di Messina è attivo il progetto “GID”- Gestione Integrata del Diabete, approvato e finanziato dall’Assessorato Regionale alla Salute.

    La principale finalità di tale progetto è quella di migliorare le modalità di assistenza e tutela del crescente numero di pazienti affetti da malattie croniche tra cui l’obesità ed il diabete (gestazionale e non), di contribuire alla promozione di corretti stili di vita e nutrizionali e, nel contempo, di implementare una sempre più stretta collaborazione tra l’ambulatorio di Diabetologia della U.O.C. di Medicina e i Medici di Medicina Generale, i biologi professionisti che si occupano di nutrizione, e gli psicologi chiamati a supportare i pazienti nel percorso di accettazione delle patologie croniche e dei percorsi di cura a loro dedicati.

    Da una breve analisi degli ultimi dati appare chiaro come occorra un approccio multidisciplinare ad un problema complesso che coinvolge oltre 415 milioni di persone affette da diabete, con una stima drammatica prevista entro il 2040 che pronostica 640 milioni di persone affette soprattutto dal diabete di tipo 2. Il diabete mellito comporta costi sociali elevati, specie per le complicanze croniche, i ricoveri evitabili e la mortalità. Inoltre, l’80% dei casi di diabete mellito di tipo 2 è associato a obesità e sindrome metabolica.

    Nonostante la scienza medica e farmacologica abbia compiuto grandi passi in avanti sul campo delle patologie croniche, ad oggi la maggiore difficoltà riguarda ancora la gestione dei diversi bisogni sanitari, assistenziali e sociali del paziente.

    Tale gestione, infatti, richiede non solo la profonda conoscenza dei bisogni del paziente affetto da patologie croniche, e delle fragilità che tale condizione comporta, ma anche e soprattutto la necessaria composizione di un team di professionisti dell’assistenza che prenda in carico la persona, interagendo in modo flessibile e dinamico, attraverso procedure che riescano di volta in volta ad adattarsi alle individuali esigenze di chi è in cura.

    Grazie all’avvio del progetto “GID” è stato possibile implementare le attività dell’ambulatorio di Diabetologia della U.O.C. di Medicina del Papardo che oggi è in grado di offrire un servizio completo al paziente che comprende: screening, diagnosi e piano terapeutico farmacologico, piano alimentare personalizzato, consulti psicologici totalmente gratuiti.

    Un punto di riferimento importante che intende estendere la propria portata sul territorio, attraverso attività che possano integrare la completa presa in carico del paziente, ben oltre le visite ambulatoriali o la fase acuta di ricovero.

    Con tale Convegno di studi si intende, pertanto, portare a conoscenza e promuovere gli obiettivi e i risultati fin’ora raggiunti e quelli da raggiungere grazie al su citato progetto, approfondendo le tematiche inerenti le recenti innovazioni in tema di linee guida sul trattamento dei pazienti affetti da malattie metaboliche croniche, i nuovi farmaci, i limiti prescrittivi e l’integrazione ospedale-territorio nell’ottica di una presa in carico globale del paziente.

    Si intende, inoltre, rendere ancora più stretta e proficua la collaborazione con i Medici di Medicina Generale grazie alla presentazione di un’app su piattaforma informatica che possa consentire un continuo scambio di informazioni ed un’attiva collaborazione tra il diabetologo ed il MMG.

    Alla luce di ciò è stata creata una nuova Cartella Ambulatoriale informatizzata che, interfacciandosi in real time con le suddette figure professionali, permetterà un sensibile miglioramento nello scambio delle informazioni clinico-strumentali e dello stato clinico dei pazienti, nell’assoluto rispetto dei dati sensibili.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Banner bottom

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Per acconsentire all’uso dei cookie clicca su per maggiori informazioni clicca QUI